Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

ValarMorghulis

Nuovo Utente

  • "ValarMorghulis" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Mar 31st 2016

  • Send private message

1

Thursday, March 31st 2016, 3:14pm

Situazione insostenibile e a dir poco surreale, con mia madre.

Salve a tutti!
Io ero gia' iscritta a questo forum e due anni fa avevo scritto topic riguardo il mio disturbo di DOC aggressivo che, seppur presente, è gestibile e vivo una vita tranquilla e vengo amata dalle persone che ho vicino. Ma questo topic, vorrei dedicarlo proprio nel parlare di, forse, la persona che mi è stata più vicino in assoluto: mia madre.
La situazione è alquanto grottesca, ma cercherò di descriverla in breve. Per favore, non giudicatemi/ci.I miei genitori sono divorziati da più di 10 anni, un matrimonio felice minato da situazioni infelici e disgrazie (mia madre ha perso una bambina 26 anni fa, giorni dopo il parto, per colpa di medici incompetenti e mala sanità) che hanno portato inevitabilmente alla rottura. Ma, badate, non siamo famiglie conflittuali, tra i miei genitori vige un reciproco rispetto e, non lo dico perché sono la figlia, un po' provano ancora lo 0,01% di sentimento ma, figuratevi, per orgoglio non lo diranno mai. Dopo dieci anni, mio padre ha una compagna fissa, mentre la mia mamma è stata un po' scostante in questo. Ha avuto due relazioni, di cui una a distanza. L'altra relazione invece, con un uomo molto più grande di lei, conosciuto ad un corso che frequentavano entrambi. Lui, classico uomo anziano, un po' d'altri tempi, interessante di certo, ma un po' farfallone e bugiardo. Hanno iniziato a frequentarsi fino a quando mia madre scopre con stupore che lui non era divorziato, ma che aveva - regolarmente - una moglie, dei figli, e tanti nipotini. Mia madre, sentita presa per i fondelli, continua la relazione portando dentro di se un po' di risentimento. Di colpo, sfumano alcune sue speranze ed aspettative (progetti, vita insieme, vita di coppia), arrendendosi alla triste realtà: fare l'amante, sopportando una relazione in cui lei non ha voce in capitolo, in cui deve agire "nell'ombra" e lontano dalla vita quotidiana del suo (fortunatamente ex!) amato.
Insomma, quante donne lo fanno?
Dopo quasi un anno di relazione (in cui lui veniva regolarmente a casa nostra) lui inizia ad avere un atteggiamento a dir poco insolito: gelosie, gelosie verso qualsiasi cosa. Verso chiunque. Faceva dei profili falsi sui social network per spiare mia madre, perché convinto che lei lo stesse tradendo, controllava il telefono, fino a quando la situazione non divenne insostenibile, con accuse che non avevano ne capo e ne coda (era convinto che mia madre invitava altri uomini a casa), chiamate nel cuore della notte e via dicendo. Mia madre, molto risentita, ha superato la sua insicurezza di fondo e l'ha allontanato.
In questo gioco di scontri e litigi, mia madre, di sua iniziativa, ha contattato i figli di lui, smascherando la relazione, dicendo che il padre aveva lei come amante e - non solo - da qualche tempo le rendeva la vita impossibile. Io, adesso, non so cosa ha pensato mia madre, forse sperava in una reazione dei figli che andava a suo favore. Tuttavia, nonostante fossero estranei alla vicenda, i figli hanno coperto il padre, dicendo che, se agiva in quel mondo, forse c'era un perché.
Da lì ho visto un repentino cambiamento nell'umore di mia madre. Cattiva, scontrosa, depressa, e piena, piena, piena di rancore. L'inizio di un dramma. Sono quasi tre anni, in cui mia madre pedina, tormenta, stalkera, quest'uomo e la sua famiglia. Ha scoperto e - smascherato - l'infedeltà del figlio, cercava di mettersi in contatto con la nipotina criticando il suo atteggiamento da ragazza "facile" (quando a 20 anni, facciamo tutti e ripeto, TUTTI, tante esperienze diverse!)... insomma, ficcando il naso negli affari di questa famiglia, ficcando il naso in situazioni che non le riguardano.
Una volta le ho detto: "Mamma, potevi avere tutta la ragione di questo mondo ad incazzarti, io stessa ricordo le chiamate alle 3 di notte per controllare se fossi in casa, ma così facendo, non hai fatto altro che passare dalla parte del torto. Dello stra-torto", le ho detto.
Lui ha - ovviamente - dato ai familiari una visione distorta della nostra famiglia, dicendo che mia madre era pazza, che io e mia sorella ce ne freghiamo altamente di lei quando, ahimé, ce ne freghiamo fin troppo. Io stessa, nel mio piccolo, nonostante i miei problemi, non riesco a gestire mia madre, che ha creato un qualcosa di molto più grande di lei. Spesso piango, mi dispero. Questa gente l'ha messa alla berlina ormai, ruba le sue/nostre foto e le mette in pubblica piazza, esaltando la sua stupidità, i difetti fisici, il suo stalking nauseante. Io non conosco queste persone, non le ho neanche mai viste, se dovessi vederle per strada non le riconoscerei. Non so come possono reagire, se tramite una denuncia, se "con le mani" o con dei dispetti. Io non conosco sta' gente, vorrei non averci mai avuto a che fare con loro. Sono spaventata, irrequieta. Vivono nel paese della mia ragazza e ogni volta che sono li mi guardo intorno, appena faccio amicizia con gente del posto sono inquieta. Quando ho scoperto che ho "amicizie in comune" con membri della famiglia dell'ex compagno, le ho prontamente eliminate. Perché mi vergogno, mi vergogno davvero.
Le abbiamo parlato ma continua a dire che sono "fatti suoi", stavo pensando di togliere telefono, tablet, linea ADSL, segnalare, cancellare, i suoi numerosi profili falsi su Facebook, Instagram e numeri di telefono che usa tramite cellulari e Whatsapp. Sono distrutta. A costo di rinunciare anche io a computer che utilizzo come passatempo e - soprattutto - per l'università. Mia madre continua, imperterrita, ad andare avanti in questa rabbia cieca ed insensata, stuzzicando, infastidendo questo uomo e la sua famiglia, estendendosi anche a i nipoti di quest'ultimo e sono poco più che adolescenti. Questa gente non agisce per vie legali. Non so perché. Ma sono arrivata a pensare che, anche se lo facesse, mia madre non si fermerebbe qui.
La cosa che mi fa rabbia è che, un atteggiamento del genere, l'avrei addirittura "accettato" se mia madre fosse stata una persona ignorante e stupida. Mi dispiace dirlo. Ma così non lo è, mia madre è una persona intelligente e capace, piena di interessi, magari soffre un po' di solitudine, ama molto mia nonna, ormai anziana e bisognosa di cure, e come madre non ci ha mai fatto mancare niente, è stata affettuosa e - a volte - un po' opprimente. A me, ad esempio, non piaceva andare a scuola, mi ha iscritto ad un istituto privato e ho conseguito il diploma privatamente, dandomi una chance e credendo in me, ed io ho ripagato questa sua fiducia anni dopo laureandomi in tempo. Ha addirittura accettato la mia bisessualità che per lei era ancora più grave e ambigua dell'omosessualità!!
15 anni fa ha sofferto di una grave depressione e di attacchi di panico che, tuttavia, ha superato con successo. Ultimamente, soffre un po' di acciacchi e complicazioni tipiche della sua età non piu' giovane. Ha scoperto nuove amiche con cui esce, ma fatica a trovare un compagno, ma non è indispensabile. Pensavo che questo l'avrebbe allontanata dalla sua assurda ed insensata vita da stalker su Facebook, ma a quanto pare no, visto che scopro puntualmente profili che infangano il nome del suo ex compagno e della sua famiglia. Sono terrorizzata, e ho bisogno d'aiuto. Come figlia mi sento impotente.
Scusate la lunghezza del thread, spero possiate capirmi.