Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

JayGatsby

Utente Attivo

  • "JayGatsby" started this thread

Posts: 8

Activitypoints: 59

Date of registration: Sep 20th 2014

  • Send private message

1

Friday, October 24th 2014, 10:03pm

papà e mamma tra rabbia e rimpianti

Ciao a tutti, sono nuova, ho deciso di aprire questo thread perchè ho bisogno di parlare con qualcuno..
Ho 24 anni, vivo in mezzo al nulla.. in un piccolo paesino di montagna.
Non ho amici, non ho un vero fidanzato, ho una relazione malata da ormai quasi 5 anni con un uomo da cui non riesco a staccarmi, che ho incredibilmente idealizzato e che, nonostante tutte le cattiverie che mi dice giorno per giorno a cui ho lentamente iniziato a credere (sei brutta, sei stupida, sei poco intelligente, poco furba, grassa ..ecc..), ho il terrore di perdere.
Studio all'università con poco successo, non riesco a concentrarmi, ultimamente devo rileggere almeno 10 volte le frasi prima di comprenderle.
ma il motivo per cui scrivo in questa sezione sono ovviamente i miei genitori.

la mia vita non è sempre stata così "triste" una decina di anni fa abitavo in una grande città, ed avevo dei genitori FELICI!
ma sin dai primi anni '90 mio padre ha fatto di tutto per convincere mia mamma che vivere in città non era la scelta migliore per noi, così dopo qualche anno ci siamo trasferiti in questo piccolo paesino dove abbiamo una grande casa della famiglia di mia mamma.
Mia mamma ha lasciato il suo OTTIMO lavoro ed i suoi amici per seguire mio padre.

Poi però, dopo pochissimo, l'irrequietezza di mio padre si è fatta sentire, non stava più bene nella piccola azienda dove aveva trovato lavoro e la grande azienda in cui lavorava prima gli aveva fatto un'ottima offerta di lavoro così lui ha deciso di ritornare nella grande città dove abitavamo prima, andare a vivere con sua mamma (con cui ha un terribile rapporto sin dalla prima infanzia), e venire da noi nel weekend.
A questo punto sono nati i problemi, eravamo la tipica famiglia del mulino bianco e ci siamo trasformati..

Mia mamma si è pentita di aver lasciato il lavoro che aveva, è stata assunta come segretaria per 300€ al mese, con un contratto a termine rinnovato per tantissime volte (tramite altre aziende). Aveva un ottimo lavoro prima, ed era stimata da tutti, qua invece la trattavano a pesci in faccia per soli 300€ al mese ed un bel giorno non le hanno più rinnovato il contratto.
Ho notato che ha iniziato a sentirsi sempre più triste, senza amici, in questo posto buio e freddo.
La sua insicurezza di fondo ha iniziato a farsi sentire ed è diventata una persona criticona, critica tutti e tratta le persone che ama esattamente come NON vorrebbe essere trattata lei, dice a noi le cose che lei non vorrebbe mai sentirsi dire.

Mio padre è diventato un uomo pieno di rabbia, una volta hanno litigato e lui ha iniziato a prendere a testate un mobile lasciandogli un'enorme ammaccatura che ho tentato di coprire in qualche modo.
Quando viene, nel weekend non fa altro che parlare del lavoro, vuole cambiare azienda (da notare che ha cambiato azienda altre 3 volte da quando si è ritrasferito in città), ci dice che la vita con sua madre è terribile, non gli si può dire nulla perchè lui si arrabbia, diventa tutto rosso, serra i denti e batte i pugni sul tavolo.

Lo vedo arrabbiarsi per tutto, una volta un ragazzo lo stava fissando (chissà poi perchè, secondo me si era incantato e pensava a qualcos'altro) mio padre ha iniziato ad urlargli contro, a dirgliene di tutti i colori, credo che se non avesse quel briciolo di autocontrollo che gli è rimasto gli avrebbe messo le mani addosso.
Inoltre sembra in piena crisi di mezza età vuole circondarsi di gente giovane, i miei "amici" sono diventati i suoi amici, il ragazzo per cui mi ero presa una grande cotta mi disse che non voleva stare con me anche perchè non voleva rovinare il bel rapporto con mio padre se qualcosa fosse andato male.
Quest'estate ho conosciuto un ragazzo ad una festa di paese e mio padre ha passato tutta la serata tra me e lui raccontandogli tanti aneddoti sulla sua vita, mostrandosi sgargiante.. inutile dirvi che questo ragazzo non si è più fatto sentire con me.
Non credo di essere una persona con grandi talenti però sono una brava fotografa così mio padre si è comprato la mia stessa macchina fotografica, ha iniziato a fare foto uguali alle mie e a farsi pubblicità tra la gente..
Evidentemente è più bravo di me a pubblicizzarsi.. perchè ora la gente mi dice: "che grande fotografo tuo padre, perchè non inizi a fare foto anche tu?"


ma in tutto questo.. io AMO i miei genitori.. li AMO follemente!
Penso sempre a loro, spesso torno a casa con qualche pensierino per loro, è bello ricevere qualche sorpesa fatta con il cuore ogni tanto :) senza alcun fine.
cucino i piatti che preferiscono, quando mio padre torna gli faccio dei dolcetti.
Ho vinto un viaggio per due persone e non ho esitato a regalarlo a loro :) vorrei vederli felici, vorrei fargli fare un viaggio a parigi.
Aiuto in casa e faccio il possibile per essere una brava figlia.

Forse però li amo troppo, non vedo tutti questi accorgimenti da parte loro.
Non vorrei essere fraintesa, mi hanno dato TUTTO, mi pagano l'università e non mi hanno mai fatto mancare nulla.
Però non sono i soldi o i beni materiali ad interessarmi!! vorrei una mamma che mi incoraggi, invece di dirmi che non sono capace, che non sono abbastanza bella, che non sono abbastanza coraggiosa.. Noto che dice a me tutti gli aspetti di se stessa che la fanno soffrire.
avrei tanti episodi da raccontare.

e vorrei un papà che mi dia un abbraccio ogni tanto, che mi dia un bacino e mi dica che mi vuole bene, che non vuole vedermi soffrire! invece ci rinfaccia che lui è stanco e che è l'unico che porta lo stipendio a casa (e per questo è intoccabile, può buttar fuori tutta la rabbia che vuole).
insomma sto malissimo, sto male per tanti motivi in questo periodo.. e loro di certo non aiutano..

Non so che risposte aspettarmi, rileggendolo credo di aver dato l'idea della figlia egoista che ce l'ha con mamma e papà.. però giuro che non è così, voi avete mai vissuto situazioni simili?

vi chiedo scusa se mi sono dilungata troppo! un abbraccio a tutti!

Used tags

amore, famiglia, mamma, papa, rabbia