Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Ivli96

Utente Attivo

  • "Ivli96" started this thread

Posts: 15

Activitypoints: 59

Date of registration: Feb 10th 2020

  • Send private message

1

Thursday, February 13th 2020, 5:54pm

Mia madre non mi aiuta

Sono davvero stanca. Non ne posso più. Sono in una fase di crisi universitaria orribile, passo i miei pomeriggi immobile, a dormire e non muovermi. Vorrei tanto che mia mamma mi dicesse che andrà tutto bene, che sono ancora in tempo a cambiare e che non per forza medicina deve essere la mia vita, che se non mi piace posso mettermi il cuore in pace e cercare la mia strada, non importa se è lettere o comunicazione. Non importa se non salverò vite e non avrò il camice bianco. Vorrei che mi dicesse che ho il diritto di fare quello che voglio. Invece mi fa sentire una pazza, mi convince di cose insulse, dice che sto così perché penso troppo (e chi non lo farebbe in questa situazione?) che cambio idea spesso, che dovrei mettermi questa laurea nel cassetto. Che io mi faccio delle mie convinzioni e che sono instabile. Io mi sento persa, so di aver mentito a me stessa per tanto tempo, so che ero assolutamente convinta a fare medicina x i motivi sbagliati (lavoro sicuro, che fa del bene agli altri, ma che non mi piace, non mi è mai piaciuta la chimica, il funzionamento del corpo) Vorrei appoggio e due braccia nelle quali piangere, per aver sbagliato e per essere stata così infantile nel decidere. Invece lei mi spinge a continuare, mi dice di lasciare le mie passioni in lettere li dove sono e coltivarle, perché possiamo essere tante cose, non solo una. Perché questa cosa mi ferisce così tanto? Perché mi sento così a terra? Ho bisogno di qualcuno che mi aiuti a capire..
Grazie a chi risponderà

wavesequence

Colonna del Forum

  • "wavesequence" is male

Posts: 1,737

Activitypoints: 5,510

Date of registration: Oct 29th 2008

Location: Mestre

Occupation: architetto, non so ancora per quanto...

  • Send private message

2

Friday, February 21st 2020, 10:56pm

Darti una risposta non è semplice. Piuttosto che tu diventi un medico con scarsa, se non nulla, attitudine alla professione, con il rischio di fare seri danni al prossimo, meglio tu cambi strada. Oggi, l'ho sperimentato anche sulla mia pelle, ci sono troppi medici "ignoranti", nel senso che hanno basi di studio non molto solide, relativa poca esperienza e, sono bravi quando indovinano (posto che la scienza medica non è per definizione esatta e dedurre le problematiche di un paziente, magari incapace di spiegarsi, non facilita il compito). C'è un però, continua a leggere...
A titolo di aneddoto, ti racconto un'esperienza capitatami qualche anno fa, quando stavo lavorando come insegnante di sostegno (ovviamente precario) presso un plesso scolastico. Essendo libero professionista, non ho la "mentalità" da statale che quando si ammala ha il culo al coperto. Di conseguenza, ho inavvertitamente dimenticato di comunicare alla segreteria della scuola che mi trovavo a casa con 40 di febbre. In realtà, ero talmente febbricitante e debole che l'ultima cosa che mi sarebbe venuta in mente era proprio notificare il mio stato di salute al datore di lavoro.
Il giorno dopo, ancora a letto con 38 di febbre nonostante la massiccia dose di tachipirina assunta, sento suonare il campanello... Vado a rispondere e vedo un uomo dalle tipiche fattezze nordafricane. Chiedo di qualificarsi e dice di essere il medico dell'INPS per la visita fiscale.
Per farla breve, costui era un medico di origine marocchina che, dopo aver diligentemente redatto il verbale che attestava il mio stato di indisposizione, mi ha candidamente confessato che con la laurea in medicina conseguita, l'unico lavoro sicuro ed esente da rischi, era proprio quello del medico accertatore.
Quindi, per assurdo, la laurea in medicina potresti pure conseguirla e poi dedicarti ad una professione affine. Tutto sommato, rispetto ad una laurea in lettere o comunicazione, ragionando in modo cinico, le possibilità di impiego sono superiori.
Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum.
"Senza la musica, la vita sarebbe un errore"
-- F. Nietzsche


amoreperduto

Piu' duro della vita

Posts: 1,100

Activitypoints: 2,960

Date of registration: Jan 24th 2015

  • Send private message

3

Saturday, February 22nd 2020, 5:52am

Allora,
innanzitutto PRENDITI UNA VACANZA DI 3 MESI lontano da tua madre, anche nel paese vicino, ma LONTANO da tua madre.
Poi pensa a cosa ti piace fare e FATTI IL MAZZO per raggiungerlo. La vita e' la tua. Se farai una cosa che non ti piace avrai un infero e depressioni e poi tumore e poi morte terribile. E'uno scenario che ho visto. Invece se segui i tuoi sogni sarai sempre a posto con te stessa, anche se NON li raggiungi: ci avrai provato!

Io avevo tutta la famiglia contro quando decisi di studiare. A parte mia madre, che mi salvo', vedendo e riconsocendo il mio talento