Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

dddanilo

Utente Attivo

  • "dddanilo" started this thread

Posts: 6

Activitypoints: 46

Date of registration: Jan 20th 2012

  • Send private message

1

Friday, January 30th 2015, 12:05pm

mamma "nienteansia" stanca di figlio , 22 anni , disamorata

Ciao a tutti ho sempre frequentato questo forum anche se non attivamente.


sono una mamma di 2 ragazzi 20 e 22 .
il piu' grande e' stato un figlio difficile, sicuramente anche per colpa di noi genitori , nonni , forse l' inesperienza etc. fatto sta che e' stato da sempre "viziato" , oggi e' un ragazzo che non ha nessun particolare problema, ma indisponente, non responsabile, che pretnde, maleducato, irrispettoso e non accetta alcuna limitazione, non accetta alcun NO.
a fatica accetta le difficolta' quotidiane , ad esempio dover fare una fila etc..

vero di me, la mamma, e' irrispettoso, reagisce verbalmente alquanto violentemente, malparole e urla, nonostante a parte moltissimo tempo fa , in famiglia non si urla e mai, dico mai, si usano malparole.
Comunque ora il problema e' che da innamoratissima che ero , mi sento disamorata, vorrei che andasse via da casa.
Sono ovviamente preoccupata perche' tale stato d' animo non e' assolutamente da me, che sono stata se non una perfetta mamma, direi alquanto normale, cercando di crescere dei ragazzi "liberi". Diciamo "nenteansia" appunto.

Mio marito lavora fuori, nessun problema con lui, riguardo l' educazione era sicuramente piu' rigido di me, anche se poi mi ha un po' seguitp in una educazione piu' "libertina"

ciao a tutti e grazie

Laura

grazie a tutti per eventuali suggerimenti e opinioni.

belial

Pigro irritante

  • "belial" is male

Posts: 137

Activitypoints: 509

Date of registration: Nov 14th 2014

Location: Milano

  • Send private message

2

Saturday, January 31st 2015, 6:42pm

Da figlio quasi coetaneo del tuo dico che sarebbe un colpo vedersi cacciato di casa dalla propria madre.

Da persona razionale, dico che non sopporto la gente poco sveglia, arrogante, che non capisce o che, peggio ancora, si rifiuta di capire, di ascoltare, di dialogare.

Parlane con lui. E con parlane non intendo discorsi dolci o suppliche. Sei una madre, meriti amore ma anche rispetto. Digli che se non vuole cambiare deve essere pronto a fare i bagagli.
"Non c'è punizione peggiore che essere spinti a fingere chi non si è"

"So... what's the point of getting' outta bed in the morning? "
"I tell myself I bear witness. But the real answer is that it's obviously my programming. And I lack the constitution for suicide"

lisa83

Utente Fedele

Posts: 365

Activitypoints: 1,126

Date of registration: Oct 30th 2013

  • Send private message

3

Sunday, February 1st 2015, 1:19pm

lisa83

Credi, mi dispiace veramente tanto x la tua situazione...se io avessi anche solo qualcuno degli atteggiamenti che ha tuo figlio con te mia madre ne morirebbe...Da adolescente è capitato che la trattassi male, il classico periodo in cui si odia tutto il mondo, dio quanto ha pianto...Ora che sono adulta le sue lacrime fanno male a me...
Io sono andata via da casa a 21 anni, non xchè ci stessi male, anzi, l' ambiente in cui vivevo era piacevole davvero, erano anni pacifici, ormai il tempo delle arrabbiature e degli strilli era finito, qualche anno prima. Tuttora, quando ci ripenso, piango x il male che ho fatto, ad entrambi i miei genitori. Non è che abbia fatto chissà che, litigate e discussioni 'normali', ma mia madre è una persona molto sensibile, mi fa male pensare a quello che deve aver sentito dentro...
Sii chiara, prendi la situazione in mano, non si può convivere con un individuo così...colpo o non colpo deve capire che ormai è abbastanza grande da essere responsabile delle sue azioni, ed essere responsabile vuol dire anche prendere atto dei propri comportamenti. Secondo me gli serve eccome essere messo alle strette, altrochè...deve svegliarsi da questa staticità che x amore gli stai offrendo, ripeto, non è più un bambino...
Da estranea comprendo il tuo dolore, x una madre deve essere come una pugnalata al cuore, un abbraccio...

4

Sunday, February 1st 2015, 2:42pm

Sono quasi coetaneo di tuo figlio...un po' più grande di lui... anche io ammetto di avere ancora delle volte degli atteggiamenti immaturi che scontentano i miei genitori, ho molte lacune e molti limiti...non che loro siano stati particolarmente attenti alla mia educazione, sicuramente mi è mancato molto, e questo l'ho appurato definitivamente quando ho fatto psicoterapia: sono stati definitivamente indifferenti e inconsistenti nel mio processo di crescita...ed ecco perché sono cresciuto come un albero un po' storto.....ci sono ragazzi che riescono a costruirsi un'identità forte autonomamente, anche avendo genitori disgraziati, altri invece che hanno la necessità di avere figure forti di riferimento in cui identificarsi....tutto dipende da una serie di fattori non prevedibili.....probabilmente anche tuo figlio, come me, ha avuto e ha tuttora questa necessità.......non voglio dire che esistano persone che semplicemente non dovrebbero fare i genitori, perché tutti si può sbagliare e si può, con la volontà, migliorare, l'importante è prenderne coscienza, porsi delle domande e non dirsi esclusivamente: "quel ragazzo è viziato" per sottrarsi dea ogni responsabilità...ricorda che tuo figlio è pur sempre, in buona parte, il risultato delle forze e delle risorse che voi genitori avete investito nel farlo crescere.

IoValentina72

Nuovo Utente

  • "IoValentina72" is female

Posts: 6

Activitypoints: 25

Date of registration: Feb 1st 2015

  • Send private message

5

Wednesday, February 4th 2015, 12:19am

Provare a parlargli? recuperare un dialogo per quanto difficile possa essere deve essere il primo tentativo... non conosco la situazione e da mamma a mamma, l'idea di mandare via Mio figlio di casa mi crea dolore fisico! non lo so, prova a dialogare, ad intavolare una discussione. Però sii chiara, ci sono delle regole e vanno rispettate! e da lui esigi rispetto.

Similar threads