Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


DYER

Utente Attivo

  • "DYER" is female

Posts: 32

Activitypoints: 131

Date of registration: Feb 17th 2010

  • Send private message

31

Thursday, May 26th 2011, 8:17pm

Ciao Jan, la mia era una domanda diretta. Nel momento della prova si è rivelato per quello che è. Mi dispiace che tu possa aver interpretato una realtà accostandola ad un tuo astio personale (quello contro le femministe) io non sono ne femminista, ne una dal giudizio facile.... e si, mi sono accorta adesso che è un uomo debole ed egoista... quando non mi ha detto in faccia che è finita, ma per telefono.... quando fino a tre giorni fa mi distillava ogni giorno l'odio per la situazione con sua madre e suo padre e tutto d'un tratto cambia totalmente. Significa essere succubi ad altre persone, non significa essere adulti e maturi.
Io non l'ho mai abbandonato e gli sono sempre stata vicina. Tant'è vero che mi prendevo tutti gli sfoghi e qualche volta anche gli appellativi che voleva dare ai suoi.... La stessa specialista da cui era andato gli ha detto di tenersi stretta me e di andare via di casa,ma lui non l'ha fatto. Forse quel termine pesante"mezzo uomo senza palle" è frutto del dolore a questa ferita.... ma qui, credimi sulla parola e dalla mia esperienza, la volontà di "staccarsi" c'era tutta... ma poi papi e mami si deludono del pupo e non va più bene.
Di certo non era mia intenzione mettere nessun tipo di polemica, non ho trovato giusto però che tu dicessi "te ne sei accorta adesso?" o "è amore questo?"
Io ero innamorata e lo sostenevo nelle sue scelte, anche lui da quello che mi diceva e che faceva... ma mettere in primo piano non la propria soddisfazione, ma quella del padre e della madre, mi ha fatto protestare, per fargli capire che deve pensare a se stesso e alla sua vita! Questo non gli è andato bene, si è visto davanti la realtà nuda e cruda, gli ha fatto paura e mi ha lasciata.
Ora la ferita è aperta e il dolore è tanto, tra qualche tempo capirò anche io che non è un problema mio, ma suo. E che amare qualcuno significa anche permettergli di fare le sue scelte, ma per ora ho bisogno di far passare il tempo.
Niente è come sembra niente è come appare
perché niente è reale

(Battiato)

32

Thursday, May 26th 2011, 10:05pm

Ciao DYER! Scusami per averti frainteso ... No, non ero dell'idea che tu sia femminista, no assoluatamente. Ti ha fatto pensare il link che ho sotto o i miei post contro il femminismo? :S Tranquilla ... Poi, quello che ho messo del mio, sì ... vero ...
Mi dispiace ... hai ragione, bisogna lasciare le persone fare le loro scelte, spesso nonostante i nostri affetti e i nostri dolori. E questa la considero una scelta forte, cioè quella che hai fatto tu.
Spesso noto che le altre persone mi sputano nell'anima facendo finta che mi vogliono aiutare, ma non ho pensato che potrei fare la stessa cosa anch'io ... e forse involontariamente.
Buona notte!
Non mi importa tanto sentire le idee di una persona, quanto il sentimento accompagnato da quelle idee.
Luciano Ligabue


33

Friday, May 27th 2011, 2:19pm

Anche io ho avuto una madre iperprotettiva

è curioso ma sia la "madre forte, svalutante" che "madre protettiva", mostrano una forma squilibrata di amore... un amore che toglie fiducia in se stessi se le si asseconda.

Di fatto sono possibili due tipi di "reazione":
o quella "assecondante: è comoda... ma non c'è spazio all'autodeteminazione
o quella "ribelle": occorre lottare... ma permette di strutturarsi la propria personalità

in entrambi casi si hanno dei pro e dei contro

io al tempo "scelsi" in modo inconsapevole di assecondare mia madre, e stare in gabbia dorata per parecchio tempo, a posteriori mi pento amaramente di quella scelta... perchè i danni hanno superato di gran lunga i benefici.

Quindi Jan applaudo alla tua voglia di "libertà" - certo senza una indipendenza economica non è possibile andarsene di casa...

però potresti sfruttare i vari corsi di "interscambio" per imparare lingue / oppure ci sono associazioni di volontariato a cui aggregarsi per lavoro/studio all'estero / quando poi sarai universitario c'è il progetto erasmus...

quindi puoi cominciare a fare dei passi preliminari
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson

34

Saturday, May 28th 2011, 11:42pm

Anche io ho avuto una madre iperprotettiva

è curioso ma sia la "madre forte, svalutante" che "madre protettiva", mostrano una forma squilibrata di amore... un amore che toglie fiducia in se stessi se le si asseconda.

Di fatto sono possibili due tipi di "reazione":
o quella "assecondante: è comoda... ma non c'è spazio all'autodeteminazione
o quella "ribelle": occorre lottare... ma permette di strutturarsi la propria personalità

in entrambi casi si hanno dei pro e dei contro

io al tempo "scelsi" in modo inconsapevole di assecondare mia madre, e stare in gabbia dorata per parecchio tempo, a posteriori mi pento amaramente di quella scelta... perchè i danni hanno superato di gran lunga i benefici.

Quindi Jan applaudo alla tua voglia di "libertà" - certo senza una indipendenza economica non è possibile andarsene di casa...

però potresti sfruttare i vari corsi di "interscambio" per imparare lingue / oppure ci sono associazioni di volontariato a cui aggregarsi per lavoro/studio all'estero / quando poi sarai universitario c'è il progetto erasmus...

quindi puoi cominciare a fare dei passi preliminari


Grazie!
La ricerca del lavoro l'ho già iniziata, quindi non penso che sia un problema. Comunque ciò che mi preoccupa è il continuo senso di colpa che provo, anche se non ho fatto niente di brutto. Il continuo senso che mi fa star male e cerca di farmi capire che devo rimanere con la mia famiglia, cosa che non mi piace, cioè per tutta la vita ... quindi, aspetto il momento giusto per mollare gli affetti e le preoccupazioni che hanno quasi quasi creato una simbiosi.
Non mi importa tanto sentire le idee di una persona, quanto il sentimento accompagnato da quelle idee.
Luciano Ligabue


Lupotta

asociale

  • "Lupotta" is female

Posts: 1,716

Activitypoints: 5,418

Date of registration: Jan 26th 2010

Location: Lombardia

Occupation: schifoso..

  • Send private message

35

Monday, June 13th 2011, 12:25pm

Eh ragazzi..è dura.
Dura veramente.
Ho dovuto rinunciare ad un amore,una persona speciale..perchè non riusciva a staccarsi dalla mamma.. dalla famiglia in genere.
Certe volte i genitori, pur con tutto l'amore del mondo, rovinano davvero la vita dei figli.
Un padre che ti dice implicitamente "O vivi così o sei la vergogna della famiglia" e la madre che rafforza la cosa, creandoti una vita.. " se non vivi così mi spezzi il cuore e sei un ingrato."
Cosa fare?
Non si vuole ferirli, ma agire con coscienza e responsabilità secondo me è un diritto-dovere.
Non permettergli di ferirti..prendere le tue decisioni coscientemente, lasciando a lei le sue paranoie ed il suo controllo maniacale.
E' difficile..ma bisogna farlo.
Se no davvero.. ci si ritrova schiavi di una bottiglia.. a trattar male la persona che ti ama..perchè non si vuole ferire la mamma ed il papà..ma dentro si ha un dolore così grande, perchè non si vive la vita che si desidera ma una vita creata ad arte dagli altri...e l'unica decisione che sembra "autonoma" è bere..

Questo è solo un esempio ovviamente.. non dico che sia così per tutti..bisogna che alla fonte comunque ci sia un carattere debole.
Ma è un appello che faccio a tutti quelli che hanno una madre, un padre..che pretendono di tenervi legati a vita.. pian piano prendetela nelle vostre mani e fatene quel che volete.

Un abbraccio
L'uomo si differenzia dal resto della natura soprattutto per una viscida gelatina di menzogne che lo avvolge e lo protegge.

36

Wednesday, June 15th 2011, 6:08pm

Grazie per la risposta, Lupotta! ;)
... un abbraccio pure a te!
Non mi importa tanto sentire le idee di una persona, quanto il sentimento accompagnato da quelle idee.
Luciano Ligabue


  • "fede87" is male

Posts: 2,150

Activitypoints: 6,532

Date of registration: Jan 12th 2011

Location: roma

  • Send private message

37

Wednesday, June 15th 2011, 11:18pm

bellissimo post,vale molto anche per me, meglio accorgersene tardi che mai
"La lontananza dal nulla,spegne l'infinito"

darknight

Utente Attivo

Posts: 78

Activitypoints: 262

Date of registration: May 20th 2011

  • Send private message

38

Friday, June 24th 2011, 11:37am

"(ci si ritrova) a trattar male la persona che ti ama..perchè non si vuole ferire la mamma ed il papà..ma dentro si ha un dolore così grande, perchè non si vive la vita che si desidera ma una vita creata ad arte dagli altri"

quanto mi ritrovo in questa frase... e ogni volta che i miei ritornano alla carica dicendo "se fa così mi fai soffrire e mi rovini la vita" mi basta solo ripensare a quanto male ho fatto al mio Lui in passato a causa loro, per il mio non riuscire a impormi e a affrontare quello che loro stavano sbagliando, per non farmi più convincere....
la cosa più triste da accettare è: loro non cambieranno. e la cosa più difficile, per chi come me per tanti anni è stato una figlia assecondante, è resistere a quella spinta irrazionale a farli contenti perché se fai come dicono, allora sì, saranno dalla mia parte...ma non è così.... quante delusioni.
ma la vita è anche questo...testa alta e sguardo all'orizzonte, sempre!

Lupotta

asociale

  • "Lupotta" is female

Posts: 1,716

Activitypoints: 5,418

Date of registration: Jan 26th 2010

Location: Lombardia

Occupation: schifoso..

  • Send private message

39

Friday, June 24th 2011, 12:20pm

Bravissima!
Hai capito l'aspetto secondo me fondamentale, quello a cui dovrebbero pensare tutti coloro hanno dei genitori del genere: non cambiano.
Anche se li accontenti, oltre a rovinarti la vita e non viverla in genere, non la finiranno mai di farti sentire in colpa e gettare su di te le loro angosce.
Quindi tanto vale staccarsi, lasciarli alle loro paranoie, e prendere in mano attivamente la propria esistenza.

Forza!!
L'uomo si differenzia dal resto della natura soprattutto per una viscida gelatina di menzogne che lo avvolge e lo protegge.