Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Draconicutrinum

Giovane Amico

  • "Draconicutrinum" has been banned
  • "Draconicutrinum" started this thread

Posts: 218

Activitypoints: 815

Date of registration: Nov 18th 2016

  • Send private message

1

Friday, November 18th 2016, 11:30pm

La famiglia che ti salva e ti rovina

La situazione è questa: non ho più i genitori per vari motivi e vivo insieme ai nonni paterni, mi salvano la vita dandomi cibo, elettricità per internet e l'automobile seppur vecchia però me la danno. Io lavoro, sono un tipo che piace risparmiare sulle cose che si deve risparmiare, es sulla bolletta dell'acqua perché fare 1/2 lavatrici al giorno per pochi vestiti per me è assurdo, ma mia nonna non lo vuole capire.
Così vivo con la mia fidanzata con loro da 2 anni e ho un figlio nato da poco. Ebbene, i problemi sono che ogni cosa che facciamo mettono becco, guardano eogni cosa che facciamo e organizzano e amministrano la casa malissimo. Prendono quasi 3000 € al mese da affitto, pensioni e non gli rimangono niente e dicono che non gli bastano abbastanza. Io vivevo con la mia ragazza e spendevamo massimo 300/350 € al mese più l'affitto di 70€ di una casa popolare.
Inoltre, dopo ripetuti richiami a finire i lavori di casa, come rifare il magazzino a casetta in cui viverci visto che ha già tutto l'impianto di riscaldamento e gas, non comprendono nulla di ciò che gli dico, ma nulla è nulla, fate conto che ogni minima cosa non la capiscono e nascono discussioni e incazzature, si sentono inferiori, ma non sanno che sono stupidi fino al midollo.
Insieme a noi vive mia zia, lei è demente, nel senso che ha seri problemi mentali in quanto non sa usare un telecomando, amministrare la casa, tenere pulito, ragionare, è religiosa stupidamente, pensate che quando ha saputo che non battezzavamo mio figlio ha urlato nell'aia piangendo, ecco capite.
Io non ce la faccio più, non so come uscirne da loro, non posso aspettare 10 anni che muoiono, sarebbero 10 anni di vita persi, non ho case ove andare. Vorrei uccidere, lo sento dentro di me, perché è la rabbia che sopra tutto riporta la ragione della condizione in cui si vive.
La mia fidanzata è stufa pure lei, non può fare nulla che mia nonna dice qualcosa e fa le cose stupidamente.
Io con quasi 3000 € al mese farei mille cose, 1 rimettere a posto la casa, quindi risistemare i mobili, ristrutturare e rifare la mansarda ripulendola, poi amminsitrare bene togliendo le spese inutili e investire i soldi in una attività o in qualcosa di bello, come teatro, cinema, corsi, università, etc.

Ma no certo, mi tocca lo schifo del capitalismo che mi tiene in casa a soffrire, a me e alla mia famiglia.

Tiresia

Nuovo Utente

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Nov 25th 2016

  • Send private message

2

Friday, November 25th 2016, 6:52am

Interdizione di tutti.. arriva il momento in cui ci si deve fare da parte, e se non lo fanno autonomamente, glielo fai fare.

Hai ragione tu.

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo ancora. Ma ho scoperto che non sopporto i cretini, vecchi o giovani che siano.

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,626

Activitypoints: 5,047

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

3

Friday, November 25th 2016, 9:02am

E' evidente che c'è un problema di comunicazione e di comprensione tra te ed i tuoi nonni.
Il salto di una generazione esaspera le differenze di opinione, direi che è normale.

Tu non approvi il loro modo di vivere e forse loro non approvano il tuo modo di vivere.
Vorresti sostituirti a loro per vivere come vorresti tu (quando parli di quasi un desiderio di ucciderli).
Devi imparare anche a rispettare i loro punti di vista ed il loro modo di pensare.
Se loro percepiscono la tua ostilità e diffidenza è praticamente impossibile che cambino modo di fare. Alzeranno le loro barriere per autoproteggersi da te.

Rivolgersi ad uno psicologo ti potrebbe aiutare perché la tua versone ed interpretazione della situazione va verificata con qualcuno che possa darti un parere obiettivo e farti capire che il dialogo - per quanto difficile - è l'unica via percorribile.

(---------------;)-------------------)
Hold fast to dreams / For if dreams die /Life is a broken-winged bird / That cannot fly.
Hold fast to dreams / For when dreams go / Life is a barren field / Frozen with snow
(Dreams, Langston Hughes)

ipposam

Amico Inseparabile

Posts: 994

Activitypoints: 3,114

Date of registration: Mar 25th 2015

  • Send private message

4

Friday, November 25th 2016, 11:21am

La situazione è questa: non ho più i genitori per vari motivi e vivo insieme ai nonni paterni, mi salvano la vita dandomi cibo, elettricità per internet e l'automobile seppur vecchia però me la danno. Io lavoro, sono un tipo che piace risparmiare sulle cose che si deve risparmiare, es sulla bolletta dell'acqua perché fare 1/2 lavatrici al giorno per pochi vestiti per me è assurdo, ma mia nonna non lo vuole capire.
Così vivo con la mia fidanzata con loro da 2 anni e ho un figlio nato da poco. Ebbene, i problemi sono che ogni cosa che facciamo mettono becco, guardano eogni cosa che facciamo e organizzano e amministrano la casa malissimo. Prendono quasi 3000 € al mese da affitto, pensioni e non gli rimangono niente e dicono che non gli bastano abbastanza. Io vivevo con la mia ragazza e spendevamo massimo 300/350 € al mese più l'affitto di 70€ di una casa popolare.
Inoltre, dopo ripetuti richiami a finire i lavori di casa, come rifare il magazzino a casetta in cui viverci visto che ha già tutto l'impianto di riscaldamento e gas, non comprendono nulla di ciò che gli dico, ma nulla è nulla, fate conto che ogni minima cosa non la capiscono e nascono discussioni e incazzature, si sentono inferiori, ma non sanno che sono stupidi fino al midollo.
Insieme a noi vive mia zia, lei è demente, nel senso che ha seri problemi mentali in quanto non sa usare un telecomando, amministrare la casa, tenere pulito, ragionare, è religiosa stupidamente, pensate che quando ha saputo che non battezzavamo mio figlio ha urlato nell'aia piangendo, ecco capite.
Io non ce la faccio più, non so come uscirne da loro, non posso aspettare 10 anni che muoiono, sarebbero 10 anni di vita persi, non ho case ove andare. Vorrei uccidere, lo sento dentro di me, perché è la rabbia che sopra tutto riporta la ragione della condizione in cui si vive.
La mia fidanzata è stufa pure lei, non può fare nulla che mia nonna dice qualcosa e fa le cose stupidamente.
Io con quasi 3000 € al mese farei mille cose, 1 rimettere a posto la casa, quindi risistemare i mobili, ristrutturare e rifare la mansarda ripulendola, poi amminsitrare bene togliendo le spese inutili e investire i soldi in una attività o in qualcosa di bello, come teatro, cinema, corsi, università, etc.
.


Scusa ma tu ti rendi conto di quello che scrivi?
Parli dei soldi dei tuoi nonni e della loro abitazione come fossero i tuoi.
Ma vedi non funziona così; tu e la tua ragazza dovete andarvene ad abitare per conto vostro, anche in affitto in un monolocale, e lì con i vostri soldi potrete fare come vi pare.
Non è assolutamente corretto sindacare sullo stile di vita dei nonni, o dei genitori, o di chiunque altro. Ognuno può decidere in base al proprio reddito, quello dei nonni se lo sono guadagnato e sono liberi di fare come vogliono.
La tua rabbia non ha motivo di esistere a mio parere e ti consiglio di crescere e cercare di capire questa cosa fondamentale nella vita: il tuo limite di azione è su ciò che guadagni tu, e non su quello che appartiene a parenti genitori nonni fratelli zii.
Se non potete permettervi di stare per conto vostro, dovete fare buon viso a cattivo gioco e seguire le regole della casa dei nonni, e anzi dovete essergli grati per quello che vi danno, visto che non vi è per niente dovuto.