Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Sie sind nicht angemeldet.


Lieber Besucher, herzlich willkommen bei: Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Falls dies Ihr erster Besuch auf dieser Seite ist, lesen Sie sich bitte die Hilfe durch. Dort wird Ihnen die Bedienung dieser Seite näher erläutert. Darüber hinaus sollten Sie sich registrieren, um alle Funktionen dieser Seite nutzen zu können. Benutzen Sie das Registrierungsformular, um sich zu registrieren oder informieren Sie sich ausführlich über den Registrierungsvorgang. Falls Sie sich bereits zu einem früheren Zeitpunkt registriert haben, können Sie sich hier anmelden.

Anja

Nuovo Utente

  • »Anja« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 3

Aktivitätspunkte: 16

Registrierungsdatum: Donnerstag, 05 Januar 2012

  • Nachricht senden

1

Freitag, 27 April 2018, 14:06

anoressia, amore

Buongiorno, vorrei un vostro aiuto…
Innanzitutto comincio col dire che sono un ex’anoressica ora bulimica… che a casa mio fratello è sotto cura psichiatrica, mia madre è paranoica, prova rancore verso mio padre perché a suo dire non l’ha aspettata facendola laureare prima e mio padre ha crisi di panico e ansia… (a mio avviso è anche un gaslighter, comunque….)
Allora la mia situazione familiare è questa… ora temo di impazzire anch’io.
Mia madre, da quel che mi ricordo, mi ha sempre fatto paura.
Non capisco il perché, non capisco cos’abbia, ma ho visto che è una capacità che hanno alcune persone.
E’ come se mi odiasse. Anche se detta così, sembra assurdo. Ricordo che cominciai a chiudermi a chiave perché una volta si avvicinò a me per rimboccarmi le coperte e ne ebbi paura.
Ricordo che una volta disse a mia nonna (sua madre) “non guardarla perché è grossa”.
Non venni educata da lei a quanto pare ma lasciata in balìa del mio destino con le zie a casa. Ho sempre avuto un rifiuto verso il cibo. Avevo già crisi di pianto con mia madre, volevo ricevere affetto, attenzioni, ma niente. Mio padre diceva “ah…mi pareva”. Mia madre si è sempre comportata più o meno come si comporta una statua: non mi guarda mai con dolcezza, ma oserei dire con invidia. Verso l’età dello sviluppo, poi, cominciai a ballare a casa, nella mia stanza. E ricordo con terrore (oserei dire quasi ridicolo) che lei disse “NO! Tu non devi ballare più!” Se non posso ballare –pensai- comincerò a dimagrire. Non so perché mi venne questo in mente. Poi non volevo neppure fare la Cresima, non credo in Dio o comunque non sopporto le Cerimonie e soprattutto non volevo avere come madrina MIA ZIA…. Che prova dell’astio verso mio padre perché, a suo dire, grazie a lui non si è potuta laureare… Non so come spiegarlo, ma riesco a sentire quando qualcuno mi odia o comunque non mi vuole bene.
Beh, invece di oppormi, mio padre si inventò che mio fratello voleva uccidere mia zia I (non la mia madrina)…. Non so se fosse vero, (mio padre se ne inventa tante…)… quindi ricevetti la Cresima, che io non volevo ricevere per non essere legata in nessun modo alla sorella di mio padre (che pure qualche consiglio giusto me l’ha dato…) ….
Quindi tra la terza media e il primo liceo arrivai a pesare 49 kg. Sono 1.61, quindi non sono neppure pochi, se non fosse per il fatto che mangiavo in pratica solo frutta e verdura. Il parere di mia zia, la mia madrina? Nulla. Mia madre vedeva che dimagrivo ma non mi diceva nulla. Se ne fregava. Mio padre non so dove fosse, una volta voleva mandarmi dal medico ma io mi opposi (furba lei).
Al Liceo una ragazza cominciò a prendermi di mira per via dei voti (voleva essere lei la prima donna), venni pure esclusa, insieme alla mia compagna di banco, dalla prima festa in classe.
Mi innamorai di un mio compagno…. Che ci provò con la ragazza che mi bullizzava. Vabbè, la prima cotta con un nulla di fatto.
C’è da dire che non so perché ma mio padre e mia madre hanno una mentalità “””antica””””, sono non solo molto superstiziosi ma oserei dire anche molto ipocriti.
Mia madre non mi ha mai parlato del ciclo, della masturbazione, della crescita del seno… non so chi doveva farlo, fatto sta che nessuno lo fece. Una volta mi stavo masturbando con un vibratore, mi colse in flagrante mio fratello e glielo venne a dire a mia madre… beh, mi tolsero il vibratore. Che detta così, fa pure ridere.
Mia madre è stata educata dalle monache ma non è una stupida…sua nonna, dalla quale venne mandata a stare (suo padre non voleva figlie femmine a quanto pare) aveva un amante. Quindi non è che non sapesse proprio nulla….
Cominciano i problemi sul lavoro di mia madre, in seguito al quale ha un esaurimento nervoso e resta a letto.
Piccolo retrofront:
In pratica da quando mio fratello si ammala in seguito al bullismo ricevuto a scuola, succede una cosa: mia madre mi dice “Ro… tu non te la devi prendere per quello che succede a Mich…” ed io rispondo con sincerità che non stavo male per questo (io non vivevo la situazione perché stavo da mia zia)… non avessi mai detto nulla. Mia madre, da allora, continua a trattarmi con più astio di prima. Mi dice di nascondermi il pacco di cracker nella tasca per non farmi vedere che mangiavo dagli insegnanti…
Forse posso sembrare cattiva, ma io nei confronti di mio fratello non provo nulla. Sono anaffettiva? Forse. Ma quando ero piccola mi diceva tutte le cattiverie che i suoi compagni dicevano a lui. E piangevo.
“una donna senza seno farà sempre schifo”… non so perché me l’abbia detto, ancora non ero neppure sviluppata....
E’ più grande di me di 10 anni, cerca di influenzarmi con le sue idee cattoliche… quando poi mi cerca un ragazzo, mia madre mi ruba i diari, vengo spiata…. Fatto sta che in preda alla paranoia e all’inesperienza mi impaurisco e non vado a casa sua. Sì, è uno che prende le ragazze e poi le lascia. Ma sempre meglio di diventare pazza. Avevo 18 anni, potevo essere sua e fare esperienza per essere come tutti gli altri. No. Lui alla fine (è un po’ cafone) mi dà della deviata. A quanto pare si era innamorato di me. Non potete sapere come mi sono sentita in colpa alla fine: “maledetta tu! Sei una merda, sei deviata”.
Mi sono sentita in colpa come non mai. Ci siamo baciati , mi stavo innamorando, ma non voleva farsi vedere fuori con me. Ed io ho pensato male di lui… non so cosa ci fosse nel suo carattere, ma nonostante i baci focosi mi creava paranoia. E’ uno di quei ragazzi a cui non è mai stato dato un 2 di picche perché ritenuto “un gran fusto” (pure troppo direi…)
Esco con un altro ragazzo che aveva problemi sentimentali e stufa di sentir parlare male da lui di tutti (è un gran chiacchierone che vuole fare colpo così) e un po’ per stupidaggine mia, comincio a dire cose senza senso, del tipo che vado a messa per farmi vedere…. Non l’avessi mai fatto! Non mi faccio sentire più (in quel periodo mangiavo poco e niente), lui va a dirlo in giro e specialmente al ragazzo gay che conosce… io mi chiedo cosa mi fosse passato per il cervello in quel momento. Me ne sono innamorata subito ma non l’ho baciato perché ancora legato a quell’altro…. Se ci penso, mi do della scema da sola. Forse si è innamorato pure lui di me. Gli ho fatto del male perché non capisco un cavolo, però mi sparlò con tutti (riesco a capirlo dalle frecciatine che dice il ragazzo gay suo amico)
Ma non mangiavo, mi sentivo depresssa perché non riuscivo ad amare quel ragazzo che mi aveva cercato, ogni giorno mia madre mi diceva che facevo senso, che ero senza seno….
Mio padre non mi ha mai lasciato andare con l’autobus all’università perché a suo dire “si facevano incontri”… ma incontri di cosa? Mia madre ogni giorno mi dice “guarda il viso di quella ragazza”…. Sapendo bene che la compagna che mi bullizzava, ora mia vicina di casa, mi dava della lesbica… ma si può far del male così deliberatamente ad una persona??? Mio padre parlava da solo in macchina e quando c’era mio fratello il rosario recitava il rosario ad alta voce, cosa che mi disturbava parecchio…. Più volte mi ha detto che devo impazzire anch’io, perché lei ha sofferto a lavoro e ha fatto troppi sacrifici ed io sono un’ingrata….
Fatto sta che oscillo sempre tra il senso di colpa e l’impossibilità di amare, mi spaventano gli sguardi della gente, non so neppure io cos’ho né cosa cerco o cosa voglio. Forse la mia attività celebrale è stata minata dall’anoressia che non mi sono fatta curare…. Mia madre l’altro giorno ha fatto venire un monaco per benedire la casa e mi ha chiesto con dolcezza cosa ne pensassi di lui…. Beh, in viso assomigliava all’unico sventurato che abbia avuto la sfortuna di cercarmi…. Ho mandato me stessa e gli altri all’inferno, da quel giorno mio padre non fa che dire che ho il demonio in corpo…. Mia madre ogni giorno mi lancia maledizioni, mi dice “SEI AUTISTICA” con una cattiveria infinita… oppure mi dice sempre che sono stupida… sempre con perfidia.
Io mi sono ubriacata più volte, ho una rabbia dentro contro me stessa che non so esprimere.
E odio mia madre, non sopporto sentir parlar sempre male e recriminare, ho anche pensato di richiudermi in un convento .
La pischiatra di mio fratello ha detto a mia madre di non dirgli cose spiacevoli e lei ora le dice a me… sentirsi dare ogni giorno della stupida, della babbea, fare sempre e ripetutamente il confronto con la mia vcina di casa…. “SEI UNA BUONA A NULLA!” sei un demonio”, un’incapace, una stupida Etc….
Recentemente (e non è da me) mi sono messa a inviare richieste di preghiera a tutti i santuari perché mi sento molto male…. E non è da me.
Ora – e non so il perché- anche mio fratello si è messo contro di me, è invidioso che io guidi la macchina e lui non possa farlo per via delle medicine… ogni giorno mi chiede se voglio prendere l’haldol… dice di sognare che io scappo di casa… francamente non ce la sto facendo più… e queste cose me le dice quando non ci sono i miei ovviamente…. Ed io non sapendo rispondere poi esplodo e mi danno della malvagia…
Ps credo di avere qualche problema con gli zuccheri e col lattosio… quando mangio ad esempio gelati entro in uno stato confusionale… non so se sia dovuto all’anoressia o altro…

Io soffro a vedere le crisi di mio fratello, soffro a vedere il non amore che c’è in casa, soffro anche a sentire i tacchi della mia vicina di casa…O sono ipersensibile o c’è in me qualcosa che non va….
Vi prego di darmi qualche consiglio… sono senza amici….
Ps questa è la prima volta che parlo in maniera sincera… e che ammetto di aver avuto l’anoressia… ma tanto ce l’ho da quando ero piccola… buttavo il cibo già da allora, non mi piaceva il modo astioso in cui mia madre me lo metteva nel piatto… e né quello che cucinava… e i ripetuti Mangia… so che di solito chi è anoressico è anche un po’ bugiardo… ecco stavolta sono stata sincera… e ormai so riconoscere un’anoressica/o o un ortoressica da lontano…
E ora mi sono innamorata di un uomo che non posso avere… sto impazzendo…. Come se non avessi già problemi di mio… e sto soffrendo di un’invidia ancestrale… ho raccontato i miei problemi ad una mia amica… e lei non sono non mi ha dato neppure una parola d’aiuto… ma anzi, mi ha detto quanto fosse felice lei… mi ha detto che vuole inviarmi la partecipazione alle nozze…. Non è insensibilità questa… ma cattiveria pura. Non riesco ad avere neppure un’amica-una- veramente amica, che mi supporti davvero o che mi dia una parola di supporto… mi sento così sola…

repcar

Amico Inseparabile

  • »repcar« ist männlich

Beiträge: 1 295

Aktivitätspunkte: 3 621

Registrierungsdatum: Samstag, 10 Dezember 2016

Wohnort: reggio calabria

Beruf: forze di polizia

  • Nachricht senden

2

Freitag, 27 April 2018, 16:56

ciao.....wow lungo discorso letto con calma.....intanto grazie per aver condiviso con noi del forum scrivendo del tuo stato di anoressia, non detto mai a nessuno......nella vita purtroppo i pregiudizi delle persone ignoranti sono montagne invalicabili. Che dire, una situazione familiare che di primo acchito mi lascia pensare che è quasi normale trovarsi nello stato in cui versi. Famiglia distante anni luce dal rappresentare il modello "comune", certamente tutti sbagliato nella vita, io sono genitore e sbagli ne commetto tutti i giorni, il problema però è rendersi conto, fare una "mea culpa" ed addivenire ad una soluzione. Ex anoressica ora bulimica......sono patologie che richiedono un approccio psicoterapeutico da parte di figure professionali competenti o centri che curano dette patologie. Tuo fratello prende l'haldol (antipsicotico), quindi soggetto con conclamata patologia psichiatrica ed i tuoi genitori, sempre da come scrivi, rientrano sicuramente in uno stato di labilità emotiva (esaurimento nervoso di tua madre etc.)....e mi fermo qua perchè non sono medico e non voglio sostituirmi...... Devi trovare una soluzione oppure sarai anche tu travolta dal vortice, quindi prendi in considerazione, se non fratto, di intraprendere una visita specialistica "competente". Ripeto non è facile vivere in una famiglia con tanti problemi, per giunta mai risolti, ma ad estremi mali estremi rimedi, quindi è ora che inizi a pensare al tuo benessere......mi raccomando.....sempre a disposizione........

Anja

Nuovo Utente

  • »Anja« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 3

Aktivitätspunkte: 16

Registrierungsdatum: Donnerstag, 05 Januar 2012

  • Nachricht senden

3

Freitag, 27 April 2018, 18:46

intanto ti ringrazio per la risposta... sono stata molto prolissa nello scrivere... grazie per la pazienza che hai avuto
io questa cosa l'ho nascosta anche allo psichiatra che è venuto casa per mio fratello, l'ultima volta, lui eseguiva una sorta di digiuno eucaristico o roba simile... anzi ho detto una cosa cattivissima a dire il vero... ero ubriaca (tra le mie virtù c'è pure quella di alterarmi con poco) e con la febbre a 38° (ho avuto la varicella) e ho detto allo psichiatra "sì mio fratello ingigantisce ogni cosa... ha la febbre e dice di star per morire...ed io gli dico "e vabbè ora chiamiamo i parenti"..." mio dio quel tizio mi ha fulminato, mi ha lanciato un'occhiata pieno di odio che difficilmente dimenticherò... sinceramente la sua vista mi ha fatto sentire peggio di prima-
ma ho detto questa enorme scemenza perché ho una paura di psichiatri e compagnia bella, ne ho una paura enorme.. per contrastare questo stato di cose mi sono abbuffata di nuovo...
non so che metodo usi lui, ma non riuscivo a star serena, forse per via della coda di paglia che ho...ha uno sguardo strano... forse pratica ipnosi non so... ma mi è preso un attacco di panico alla vista di uno psichiatra per problemi alimentari...

ora è da un po' di tempo che ho la pressione alta, esco di casa e mi sento più male di prima, non faccio niente... almeno ho trovato questo forum e mi sono sfogata un po'...
in pratica l'unico più forte in famiglia è mio padre... che però non riesco a sopportare... come mio nonno disprezza le donne.... una volta mi ha detto "a me tua madre serve... per questo non divorzio"... non ne posso più di stare in questa casa a sentire recrminazioni, non saprei dove stare...
il bello è che ora mio fratello sembra stare meglio ed io invece sono caduta in uno stato di depressione totale... non vorrei che fosse proprio una cosa ereditaria la nostra... anche se secondo me è più

ho scritto prima un post lungo e un po' confusionario, ti ringrazio per averlo letto.

Il problema è che finora ho sempre rifiutato sia lo psicologo (che penso farebbe ben poco per me) che lo psichiatra... perché ho paura possa prescrivermi farmaci...

repcar

Amico Inseparabile

  • »repcar« ist männlich

Beiträge: 1 295

Aktivitätspunkte: 3 621

Registrierungsdatum: Samstag, 10 Dezember 2016

Wohnort: reggio calabria

Beruf: forze di polizia

  • Nachricht senden

4

Freitag, 27 April 2018, 22:29

ciao.....intanto mi fa piacere che tuo fratello stia meglio......purtroppo devi superare la paura dello psicologo o dello psichiatra, in primis perchè non è detto che nel tuo caso sia utile un intervento farmacologico ed in secundis, l'unico a poter affrontare un problema di anoressia o bulimia è proprio lo psicoterapeuta. Non conosco dove vivi, ma in ogni città vi è un centro di sostegno della ASL proprio per tali problemi, quindi non ti costa nulla informarti. In relazione alla pressione alta hai già parlato con il tuo medico di famiglia???? se non fatto, fallo subito.... non è allarmante ma meglio mettere le mani avanti (anche io sono iperteso)......Devi affrontare la tua situazione ed avere quindi un punto fermo di partenza......capisco che è difficile, ma devi iniziare......anche belle passeggiate lunghe sono un toccasana......per iniziare si intende......sempre a disposizione.......

Anja

Nuovo Utente

  • »Anja« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 3

Aktivitätspunkte: 16

Registrierungsdatum: Donnerstag, 05 Januar 2012

  • Nachricht senden

5

Mittwoch, 02 Mai 2018, 20:17

Innanzitutto mi scuso per il ritardo nella risposta...
lo psicoterapeuta dell'asl è quello con cui ho parlato e con cui ho fatto quella battuta infelice.
Purtroppo non so se riuscirei ad essere a mio agio, mi attrae fortemente... e non perché psichiatra ma perché proprio è un gran bell'uomo... oltretutto all'asl mi conoscono grazie a mio fratello.. fossi stata senza febbre e sobria magari avrei potuto mantenere un minimo di dignità e di educazione e magari sarei potuta andare lì a fare terapia.
Ed è uno dei migliori nella mia città (difatti da allora mio fratello ora sta bene dal punto di vista del cibo), gli altri si occupano di altri settori... solo che così non credo riuscirei a fare sedute, anche l'infermiere si è accorto che sono rimasta come una scema. (ecco, l'ho detto)

Faccio già passeggiate con mio fratello, purtroppo il problema è che non riesco a parlare con nessuno... neppure con lui, mi sento male e basta.

La pressione alta me la faccio venire io mangiando in maniera disordinata salumi ed altre porcherie.... col medico di base ho già parlato, ma non so come spiegarmi, mi sento debole dentro... assorbo tutte le emozioni altrui, è una cosa strana e che non so spiegare...

A rileggere il primo post mi sento un po' folle... certo che stavo veramente messa male qualche giorno fa...

Grazie per avermi letto e per l'attenzione dedicatami
R.

Zurzeit ist neben Ihnen 1 Benutzer in diesem Thema unterwegs:

1 Besucher

Verwendete Tags

anoressia, famiglia, religione