Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

leo86italy

Nuovo Utente

  • "leo86italy" started this thread

Posts: 69

Activitypoints: 33

Date of registration: Mar 26th 2016

  • Send private message

1

Wednesday, February 12th 2020, 11:17pm

Superare un limite... dopo l'altro

Ciao a tutti, volevo proporre questa riflessione per confrontarci un po'.

Avete presente quando in una relazione iniziano a crearsi dei problemi, problemi diciamo non ordinari, al di fuori della gestione normale e concordata della vita di coppia.
Problemi che sembrano non essere risolvibili, per cui uno dei due ad un certo punto inizia a pensare: "Se succede un'altra volta allora è finita".
Però puntualmente succede, si litiga a morte, magari si fa pace, e l'asticella del limite si alza ancora un altro po'. Per poi risuccedere, e si ricomincia da capo.
E dopo decine di volte, guardandosi indietro si possono vedere gli innumerevoli "segni oltrepassati" e non ci si capacita di come si stia ancora continuando a giocare questa partita.

Di cosa si sta parlando secondo voi? Dipendenza affettiva? Masochismo? E' normale? E' trascurabile? E' umiliante?
Sicuramente ogni situazione/dinamica è diversa e ognuno reagisce come si sente. Però mi fa strano.
Ognuno di noi ha punti fermi non negoziabili, ma spesso proprio su di questi si inizia a tirare sulla tolleranza, entrando in situazioni che non ci si sarebbe mai immaginato di vivere. Allora cosa significa? Forse quei punti fermi non erano così importanti per noi? O si rischia di calpestare la propria dignità?

Ovviamente questi pensieri partono dalla mia situazione personale attuale. Sono un tipo a cui piace aggiustare le cose, che spera sempre di poterlo fare, di superare insieme le difficoltà, che investe sempre (troppa?) fiducia nella forza della coppia di ricucire tutto al meglio, di evolversi, di costruire...
Eppure essendo consapevole di questo mi sto rendendo anche conto che se se quello che sto vivendo ora l'avessi visto succedere a un mio caro amico, l'avrei preso a schiaffi pur di farlo rinsavire e fargli interrompere quel genere di relazione, non prima di aver provato profonda pena e dispiacere per lui.

E voi, cosa ne pensate?

Germano

Utente Attivo

  • "Germano" is male

Posts: 55

Activitypoints: 186

Date of registration: Sep 10th 2019

  • Send private message

2

Yesterday, 10:49am

Penso che sia così un po' per tutti. (tutti quelli che hanno una relazione che va male).
Non sai mai qual è il vero limite.
Lo si oltrepassa e via. Ancora.
Poi ci si guarda e ci si chiede "ma era questo, ciò che da ragazzo sognavo di me? Ciò che pensavo che sarei diventato?".

Un po' ci si perde in dignità.
Forse da ragazzi si era più saggi, per certi versi.
E' che le relazioni sono una cosa che ti frega lentamente lentamente lentamente lentamente…..

Di sicuro una cosa: se 20 anni fa avessi conosciuto la mia donna per come è ora, non mi ci sarei nemmeno avvicinato!!!!
Se la conoscessi ora, non la cagherei nemmeno di striscio.
E allora perché continuo a starci?
In nome dei tanti anni passati insieme. In nome dell'abitudine, della confort-zone, di questa vitaccia che in fondo non è altro che andare al lavoro e cazzeggiare un po' a casa.
Se avessi l'entusiasmo, gli amici, i genitori, la mia casa coi genitori, di quando avevo 20 anni… mollerei il colpo immediatamente.

Germano

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests