Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


psycoton

Nuovo Utente

  • "psycoton" is male
  • "psycoton" started this thread

Posts: 3

Activitypoints: 16

Date of registration: Apr 6th 2014

  • Send private message

1

Sunday, April 6th 2014, 4:06am

Relazione a distanza: a queste condizioni non riesco a capirne il senso.

Buona sera a tutti
Sono circa 5 mesi che sono fidanzato con una ragazza tedesca.
Io ero in Germania per un progetto, ci siamo conosciuti in chat e, dopo un pò, ci siamo incontrati.
E' stata passione dal primo momento.
Dopo poco lei mi ha invitato a trasferirmi a vivere a casa sua, ed io, con molto piacere, ho accettato.
Lei lavora molto; anche se lavoro d'ufficio in un ente pubblico, spesso arriva a fare anche 10 ore al giorno. A volte mi ha anche invitato a raggiungerla in ufficio, per tornare insieme (ed io ben lieto di farlo dato che, a volte finiva tardi e non mi andava tornasse a casa da sola).
Abbiamo due caratteri forti. Io soffro di ansia (per motivi di stress) e sono in cura per ciò. Lei è stressata all'ennesima potenza, e credo che anche lei qualche volta abbia avuto qualche piccola avvisaglia della cosa.
In questi 5 mesi abbiamo litigato spesso. Lei, soprattutto quando sotto stress, è molto concentrata su se stessa, e non riesce a controllare la rabbia... a volte arriva a livelli per me impensabili, tipo che non riesce a dormire di fianco a me per via del mio respiro (per quanto concerne lo stress)... durante le litigate, è arrivata ad offendermi pesantemente, e addirittura a cacciarmi fuori di casa...
Io per quello che faccio, ho una buona capacità di comunicazione, sono un abile oratore, e sono portato alla mediazione, al compromesso... ma, nonostante ciò, mi rendo conto che a volte è davvero difficile gestire il suo carattere...
Da una ventina di giorni sono tornato in Italia, rendendo (almeno per il momento, dato che le prospettive sono che io non possa tornare stabilmente in Germania se non passi almeno un anno) di fatto la nostra relazione una relazione a distanza.
Ovviamente lei era pienamente a conoscenza della situazione (che accettava, anche se a malincuore).
Non è la prima relazione a distanza che lei ha avuto nella sua vita. Ma questo è un dato che non m'interessa...
Ora giungo al problema attuale; da quando sono tornato, l'ho sentita poco e niente.
A parte i primi giorni, in cui conversavamo su skype (ero io di solito a cercarla), lei piano piano ha cominciato a nascondersi sempre di più (su internet intendo): sempre offline, sia su fb che su skype.
Le nostre chiamate col tempo sono durate sempre meno; lei si giustificava dicendo che dopo una giornata di lavoro stressante, aveva voglia di stendersi e riposare, magari guardando un film. A ciò, io ho sempre replicato che non avevo alcun tipo di problema, comprendevo, e che avremmo potuto parlare un'altro giorno.
Ma, coi giorni, anche i momenti diventavano sempre meno, fino ad iniziare a sparire...
Il giorno del suo compleanno io (dopo averle inviato un pacco che sarebbe arrivato dopo quache giorno, e dopo averle fatto gli auguri sia su fb che via e-mail) la telefono "soltanto" alle 13 per farle gli auguri; avevo dormito fino ad un'ora prima, dato che quella sera ero rimasto sveglio (non per ragioni futili) fino alle 4 del mattino... ma lei, incollerita, decide che non vuole litigare, e che mi avrebbe richiamato la sera, facendomi pesare la cosa.
La sera mi chiama, si arrabbia, e mi chiude la videochiamata su skype in faccia.
Inutile dire che da quel giorno non ci siamo più sentiti via skype. Ma 2 giorni dopo, nonostante io riceva l'avviso di ricevuta consegna del pacco (non a firma sua, nonostante quel giorno lei stesse lavorando da casa con la sorella), non ricevo alcuna notizia da lei. Insospettito, cerco di comunicare via sms, solo per sapere se ha ricevuto il pacco... ma ricevo un freddo: "sono sotto stress. no, non 'ho ricevuto". Replico con un sms, chiedendole se era a casa o in ufficio, ma non ottengo risposta. Questo alle 13.
Alle 21, preoccupato, la chiamo; lei mi risponde con una voce strana... le chiedo se ha ricevuto il pacco, dato che a me risulta così, ma lei mi risponde infastidita che nessuno l'ha conttatata per la consegna, e chiedendolo alla sorella, mi risponde che neanche lei ne sa nulla... ma con tutta la calma e normalità di questo mondo, come se no fosse successo nulla... ed iniziando ad attaccarmi dicendo che la spio.
Ora, io mi altero, perchè sembra quasi fregarsene della cosa... eppoi è impossibile che il corriere non le abbia contattate! Ma, soprattutto, è stata a casa tutto il giorno,e non ha trovato un minuto per sentirmi?!?!? Le faccio notare la cosa, ma mi dice che non è stata online, e che posso vederlo, dato che era troppo indaffarata!!! peccarto che la sorella lo era, e per tutto il giorno... le faccio notare la cosa, e lei mi da del sospettoso; mi accusa di spiarla, si arrabbia... cmq alla fine, la saluto arrabbiato, e chiudo la conversazione (ma non attaccando in faccia).
Da allora, il giorno dopo mi ha inviato solo un sms su fb, solo per provocarmi... al quale non ho replicato...e da li l'escalation di insulti...in tutto ciò, cambiando il settaggio della privacy, mi nasconde le amicizie... io faccio lo stesso, e lei mi da del sospettoso/geloso che la spia. Dice che quella era una prova, ed ora ne ha la conferma (il fatto che io abbia cambiato la privacy a seguito di lei sarebbe la prova), e che lei non ha la forza di replicare, e che è stufa di ciò.
Lei è ossessionata dal fatto che io la spii... ma, come si dice: "solo il ladro pensa che qualcuno possa derubarlo"; ovvero lei ha fatto così (per sua stessa ammissione anche) ogniqualvolta abbiamo litigato ed io sono andato via (o mi ha sbattuto fuori lei).
Ora mi ha eliminato da fb, e non so cosa abbia in mente...
Ovvio che io sono innamorato di questa persona, ma se lei si comporta così, che senso ha una relazione a distanza???
Che senso ha stare con una persona che vive a 1000 km da me, se poi lei non sente il bisogno di sentirmi? non sente il bisogno di parlare con me, condividere con me ciò che fa, o prova?
A questo punto, per me, non ha senso neanche sapere se ha un'altro o meno, perchè se non mi ama, non m'interessa sapere altro...
Il mio è sempre stato un tentativo di contatto con lei, non un tentativo di spiare la sua vita (che senso ha spiare una persona su fb, quando vive a 1000 km da me?!?!?!). Se non mi fidassi, non avrei intrapreso questa storia... ma tra i 2, chi ha sempre avuto difficoltà a fidarsi, è stata lei.
Grazie a chiunque leggerà questo post e lascerà un commento.

2

Sunday, April 6th 2014, 5:32pm

Secondo me la distanza non c'entra molto...

perché a quanto pare lei era nervosa anche prima...quando vivevate insieme


Sembra quasi il classico atteggiamento di chi è incavolato per i fatti suoi e sfoga tutto sugli altri.
Magari tu non hai fatto niente di male...ma la urti perché lei è nervosa di suo. Magari nessuno le ha fatto niente.


Comunque può darsi che questi livelli alti di nervosismo possano coincidere con l'avvicinarsi del ciclo mestruale... ad alcune donne fa questo effetto.

psycoton

Nuovo Utente

  • "psycoton" is male
  • "psycoton" started this thread

Posts: 3

Activitypoints: 16

Date of registration: Apr 6th 2014

  • Send private message

3

Sunday, April 6th 2014, 5:40pm

Secondo me la distanza non c'entra molto...

perché a quanto pare lei era nervosa anche prima...quando vivevate insieme


Sembra quasi il classico atteggiamento di chi è incavolato per i fatti suoi e sfoga tutto sugli altri.
Magari tu non hai fatto niente di male...ma la urti perché lei è nervosa di suo. Magari nessuno le ha fatto niente.


Comunque può darsi che questi livelli alti di nervosismo possano coincidere con l'avvicinarsi del ciclo mestruale... ad alcune donne fa questo effetto.
Era appena passato quindi...
Sia chiaro io non parto dal presupposto che il mio comportamento sia stato esemplare... ma vedendo che lei non faceva nulla per cercarmi, ho provato a reagire, cercandola di più...e sbroccando alla fine.

4

Monday, April 7th 2014, 5:13pm

Se una persona non ti cerca....per me vuole semplicemente dire che non ti vuole. Almeno non come tu sembri volerla.

A parte il carattere poco gentile ed equilibrato della ragazza..

ed a prescindere da chi può avere ragione o torto
namasté

5

Monday, April 7th 2014, 11:25pm

Se una persona non ti cerca....per me vuole semplicemente dire che non ti vuole.
Non sottovalutiamo MAI lo stress.
Tutti mentono.
Ci sono molte più probabilità di venire uccisi da una persona che si ama che da un estraneo.
La realtà è quasi sempre sbagliata.

cardos

Utente Attivo

  • "cardos" is male

Posts: 87

Activitypoints: 373

Date of registration: Apr 24th 2009

  • Send private message

6

Tuesday, April 8th 2014, 12:34am

Ciao,
la tua storia mi ricorda molto la mia.
Ho avuto (o ho tuttora? Non riesco a capirlo) una relazione con una donna distante 1000km. Lei del sud io del nord, entrambi abbondantemente sopra i 30 anni, con la nostra vita, il nostro lavoro, la nostra rete sociale ecc.
Ci siamo contattati quasi per scherzo tramite FB, pian piano ci siamo conosciuti e abbiamo preso a frequentarci nella vita reale organizzando spostamenti, trasferte ecc.; è vero comunque che non abbiamo mai convissuto in senso proprio. Quando siamo assieme stiamo molto bene, ma a distanza la comunicazione è tremendamente difficile, con tutta la buona volontà che uno ci può mettere. E' facile travisare un tono di voce, una frase equivoca, anche quando entrambi dicono la stessa cosa e hanno una visione comune. Aggiungiamo poi la tendenza femminile a usare giri di parole piuttosto che parlare in modo esplicito. :-WD
Ho vissuto anche le fasi del ban su Facebook, del blocco su Whatsapp, delle litigate, dei lunghi silenzi ecc.
Ora, dopo una crisi apparentemente inconciliabile, ci siamo chiariti e abbiamo capito che non c'era un motivo oggettivo di screzio ma semplicemente un fraintendimento di fondo, quindi stiamo andando avanti.
Non penso che la distanza in se sia un problema, ma la distanza non fa che esacerbare delle "criticità" già presenti.

Insomma, il concetto è che se siete due "teste quadrate" probabilmente - oltre all'incapacità di capire e farvi capire! - avete difficoltà a scendere a compromessi, a mettere da parte l'orgoglio e provare a mettervi nella testa dell'altro... e questo non fa che esacerbare il conflitto (anche forse a causa delle differenze linguistiche, che non sottovaluterei).
Io ovviamente parlo in senso generale: sei tu a conoscere la tua ragazza e quindi sai tu come valutare il suo comportamento; il mio consiglio però è quello di non giungere a conclusioni affrettate.
Soprattutto non sottovalutare lo stress, come altri ti hanno fatto notare.
In bocca al lupo :)


psycoton

Nuovo Utente

  • "psycoton" is male
  • "psycoton" started this thread

Posts: 3

Activitypoints: 16

Date of registration: Apr 6th 2014

  • Send private message

7

Tuesday, April 8th 2014, 4:55am

Ciao,
la tua storia mi ricorda molto la mia.
Ho avuto (o ho tuttora? Non riesco a capirlo) una relazione con una donna distante 1000km. Lei del sud io del nord, entrambi abbondantemente sopra i 30 anni, con la nostra vita, il nostro lavoro, la nostra rete sociale ecc.
Ci siamo contattati quasi per scherzo tramite FB, pian piano ci siamo conosciuti e abbiamo preso a frequentarci nella vita reale organizzando spostamenti, trasferte ecc.; è vero comunque che non abbiamo mai convissuto in senso proprio. Quando siamo assieme stiamo molto bene, ma a distanza la comunicazione è tremendamente difficile, con tutta la buona volontà che uno ci può mettere. E' facile travisare un tono di voce, una frase equivoca, anche quando entrambi dicono la stessa cosa e hanno una visione comune. Aggiungiamo poi la tendenza femminile a usare giri di parole piuttosto che parlare in modo esplicito. :-WD
Ho vissuto anche le fasi del ban su Facebook, del blocco su Whatsapp, delle litigate, dei lunghi silenzi ecc.
Ora, dopo una crisi apparentemente inconciliabile, ci siamo chiariti e abbiamo capito che non c'era un motivo oggettivo di screzio ma semplicemente un fraintendimento di fondo, quindi stiamo andando avanti.
Non penso che la distanza in se sia un problema, ma la distanza non fa che esacerbare delle "criticità" già presenti.

Insomma, il concetto è che se siete due "teste quadrate" probabilmente - oltre all'incapacità di capire e farvi capire! - avete difficoltà a scendere a compromessi, a mettere da parte l'orgoglio e provare a mettervi nella testa dell'altro... e questo non fa che esacerbare il conflitto (anche forse a causa delle differenze linguistiche, che non sottovaluterei).
Io ovviamente parlo in senso generale: sei tu a conoscere la tua ragazza e quindi sai tu come valutare il suo comportamento; il mio consiglio però è quello di non giungere a conclusioni affrettate.
Soprattutto non sottovalutare lo stress, come altri ti hanno fatto notare.
In bocca al lupo :)

Cardos, Mi ritrovo molto in te... anche se, ora come ora, credo sia finita... lei non risponde più, quindi, come le ho detto nell'ultima mail, tanto vale lasciarsi... non credo si farà più sentire...

8

Tuesday, April 8th 2014, 4:08pm

Se una persona non ti cerca....per me vuole semplicemente dire che non ti vuole.
Non sottovalutiamo MAI lo stress.

non lo sottovalutiamo mai
potrei raccontare molto

Quoted

lei non risponde più, quindi, come le ho detto nell'ultima mail, tanto vale lasciarsi... non credo si farà più sentire...

in bocca al lupo psycoton
namasté

cardos

Utente Attivo

  • "cardos" is male

Posts: 87

Activitypoints: 373

Date of registration: Apr 24th 2009

  • Send private message

9

Tuesday, April 8th 2014, 4:13pm

Cardos, Mi ritrovo molto in te... anche se, ora come ora, credo sia finita... lei non risponde più, quindi, come le ho detto nell'ultima mail, tanto vale lasciarsi... non credo si farà più sentire...
Capisco... la cosa che fa stare peggio è non capire il motivo di questo comportamento. Conosco bene la sensazione.
Ti suggerisco, ma mi sembra tu l'abbia già fatto, di mandarle una mail parlandole a cuore aperto, senza orgoglio o risentimento (anche se è difficile!), per non darle pretesti per montare rogna.
A quel punto spetterà a lei decidere cosa fare.