Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

silvietta93

Nuovo Utente

  • "silvietta93" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Aug 25th 2013

  • Send private message

1

Sunday, August 25th 2013, 3:50pm

Manipolazione affettiva

Salve, sono una ragazza di 20 anni, sto da due anni con un ragazzo di 21 anni.
il primo anno la nostra relazione era perfetta, era il tipico principe azzurro, ed ero convinta di aver trovato una persona sincera, che mi amava veramente, e che era disposta a tutto per il nostro amore.
dopo una vacanza con i miei, loro mi fanno notare alcune cose del rapporto con il mio ragazzo.
ovvero la sua gelosia ossessiva, le sue mancanze di rispetto con parole come : fai schifo!
e il fatto che lui non essendo una persona realizzata cerca di limitare anche le mie ambizioni e sogni.
inizialmente ero una ragazza solare, brillante, con mille idee e progetti che pensavo di condividere con lui per tutta la vita, ma poi ho sempre di più lasciato andare tutto questo, concentrandomi esclusivamente su di lui e annulandomi per lui.
il senso di colpa per ogni mio comportamento, è divenuto il mio migliore amico.
in questo momento abbiamo preso una pausa, perchè sono molto confusa, in quanto mi sembra di essere vittima di un narcisista e quindi ben consapevole di quello a cui vado incontro.
ma dall'altra parte ho il mio cuore, che lo ama e che è speranzoso che lui migliori..
in quanto come lui stesso dice ( mentre piange disperatamente ) è che si è accorto dei suoi limiti e che per amore è disposto a migliorare perchè si era adagiato sulla mia bontà e non aveva fino ad ora capito la gravità della situazione.

vorrei avere un vostro parere, se secondo voi potrei continuare una storia del genere, avendo la consapevolezza del suo essere e quindi non ricadere nella sua spirale ?

secondo voi devo parlargli del fatto che, sospetto che lui sia un narcisista, in modo da proporgli un percorso psicologico ( visto che ci ha provato due volte ad andarci, pensando che le cause del suo malessere fossero altre? e quindi neanche tanto scettico nei confronti di un eventuale analisi con specialisti ? )

2

Sunday, August 25th 2013, 5:35pm

secondo voi devo parlargli del fatto che, sospetto che lui sia un narcisista, in modo da proporgli un percorso psicologico ( visto che ci ha provato due volte ad andarci, pensando che le cause del suo malessere fossero altre? e quindi neanche tanto scettico nei confronti di un eventuale analisi con specialisti ? )
Nel caso accetterebbe solo se non lo fosse (narcisista). Non credo sia (o possa essere) compito tuo quello di "curarlo" (ammesso che ne abbia bisogno).


Se ci stai male: lascialo.
Tutti mentono.
Ci sono molte più probabilità di venire uccisi da una persona che si ama che da un estraneo.
La realtà è quasi sempre sbagliata.

Velo di Maya

Utente Attivo

Posts: 39

Activitypoints: 131

Date of registration: Mar 27th 2013

  • Send private message

3

Monday, August 26th 2013, 5:48pm

Corri!
E più veloce che puoi!!

Se giovane, vai incontro alla tua crescita e di conseguenza apri le braccia agli Uomini.
Di mamma ce n'è una sola.

Un abbraccio
life is not having or getting, but being and becoming

Similar threads