Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

1

Wednesday, October 31st 2018, 1:02pm

L'amore per chi soffre di psiche esiste davvero?

Oggi camminando sul lungomare ho ripensato a tutte le storie d'amore della mia vita, a quando sono (siamo) stati davvero innamorati ed abbiamo condiviso momenti unici e stupendi delle nostre vite. Vite spensierate di parecchi anni fa quando l'ansia non aveva ancora bussato alla mia porta e mai avrei pensato che lo facesse anzi, non sapevo nemmeno cosa fosse un attacco di panico.

Oggi a distanza di molti anni che l'ansia accompagna la mia vita, dopo aver visto il nascere e il finire di altre storie d'amore di cui l'ultima finita anche a causa dell'ansia mi son reso conto che chi soffre di queste patologie è un mondo a parte tanto che a volte ho desiderato di innamorarmi di una donna problematica, magari ansiosa anche lei oppure depressa, non importa. Desidero una persona che possa compenetrarsi nel mio dolore e nei miei stati d'animo perché a volte penso che non verrei capito.

Pertanto: l'amore può coesistere con le problematiche psichiche di una persona? Raccontate le vostre esperienze, ponete i vostri dubi.

Nb: non ditemi cose tipo "se lei ti ama veramente ti accetta così come sei". No, non è vero perché amare chi ha un disagio psichico non è facile caratterialmente al di la dell'amore che si prova perché significa adattarsi alle abitudini e alle fobie di quella persona, può riguardare un viaggio o qualsiasi altra cosa condizionante della sfera quotidiana e sociale, può significare condividere agitazioni o depressioni, stati d'animo particolari, situazioni che alla lunga stancano chiunque comune mortale che come tutti abbia già i propri problemi.

Grazie a chi vorrà argomentare.

Bwndy

Amico Inseparabile

  • "Bwndy" is male

Posts: 1,460

Activitypoints: 4,640

Date of registration: Mar 16th 2016

  • Send private message

2

Wednesday, October 31st 2018, 3:07pm

Sono certo che sia possibile. Credo che le cose si debbano incastrare, per cui se uno dei due soffre di alcune patologie l'altro ovviamente dovrebbe essere in grado di capire per qualsivoglia motivo. Ci sono esempi concreti di persone attorno a me che dicono che sia possibile. Un mio amico ha avuto delle crisi di ansia ed è ancora fidanzato con la stessa ragazza, un altro ha delle crisi depressive da 1 anno a periodi alterni ed è ancora fidanzato con la stessa ragazza.

3

Wednesday, October 31st 2018, 3:27pm

anch'io sono convinta che possa funzionare. non sempre e non necessariamente ma con il dovuto aiuto, con l'esperienza e la volontà di entrambi, molte difficoltà si superano.
per la verità, con alcune problematiche, soprattutto quelle molto severe lo vedo parecchio difficile. però mi sembra che non fossero quelli i casi a cui ti riferivi.

viceversa non credo che sia indispensabile avere esperienza personale. il mio compagno soffre d'ansia e a me è capitato di soffrirne per un certo periodo di tempo con attacchi di panico. ti posso dire che quell'esperienza non mi è stata utile ovvero se per cercare di comprendere lui mi fosse basata solo sulla mia esperienza, avrei rischiato di banalizzare il problema.
namasté

4

Wednesday, October 31st 2018, 3:50pm

Non credo all'amore, inteso come sentimento più o meno elevato.
Credo alla possibilità per due o più persone(se poligami) di poter condividere un percorso di vita assieme.
Il problema si innesca quando poi si crea un rapporto di dipendenza, sicuramente molto problabile in certe situazioni psichiche.
Per farla breve credo una persona dovrebbe essere abbastanza autosufficete anche in maniera emotiva prima di imbarcarsi in relazioni con altri.
Apatico,da smuovere con le granate.

Non ci sono femministe in una nave che sta affondando.
"Togliete dalla chiesa i miracoli, il soprannaturale, l’incomprensibile,
l’irragionevole, l’impossibile, l’inconoscibile, l’assurdo e non rimane
niente altro che il vuoto." Robert G. Ingersoll

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,164

Activitypoints: 21,834

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

5

Wednesday, October 31st 2018, 4:20pm

impossibile no...difficile si. Soprattutto, come giustamente detto, non si può pretendere che lei/lui capisca/accetti. Vivere accanto a una persona con certi problemi può diventare emotivamente insostenibile.
Impossibile in assoluto no però. Gli incastri possibili sono molteplici
Allontana da me questo calice.....

6

Wednesday, October 31st 2018, 4:27pm

Grazie per le repliche.....

@Bwndy: sono d'accordo tuttavia la mia idea è che alla fine uno dei due rischi di divenire alla lunga il badante dell'altro/altra. Credo che la difficoltà, a prescindere dalla serietà o meno del problema, sia nella eventualità di adagiarsi sull'altro/altra cosa che tuttavia rimane certamente molto utile nel momento del bisogno. Del resto noi discutiamo spesso di problematiche psichiche ma una coppia di cui uno disabile non sono alla fine legati da una dipendenza o se preferiamo anche da una necessità di aiuto?

Io ritengo che davanti a talune situazioni occorra qualcosa di più dell'amore stesso, direi quasi una sorta di vocazione.

@La Huesera: parlavo in generale senza riferirmi a casistiche particolari ma lasciando aperta l'ipotesi che peggioramento e miglioramenti (o ricadute), fanno parte di un percorso non definito qual è quello delle problematiche psichiche, ergo alla fine accetti una relazione ma non sai come evolverà. Di fatto ciò riguarderebbe comunque qualsiasi relazione a prescindere dai problemi del partner ma certamente per condividere la propria vita con una persona affetta da certi problemi significa accettare di dover anche modificare le proprie abitudini. Concordo sulla non necessità di avere un'esperienza personale.

@Svogliato: credo che la dipendenza sia alla base di ogni relazione di una certa intensità perché se ti leghi ad una persona è assai difficile non diventarne dipendente, non in modo specifico per un disagio psichico ma in generale se ci si lega a qualcuno poi è davvero difficile farne a meno, prova ne sono le sofferenze amorose quando finisce una relazione intensa. Certamente per chi ha un disagio appoggiarsi a qualcuno può diventare una forte necessità ma ritengo che allo stesso tempo essere di sostegno al proprio/propria partner nel momento del bisogno sia il gesto più amorevole del mondo.

7

Wednesday, October 31st 2018, 4:32pm

Vivere accanto a una persona con certi problemi può diventare emotivamente insostenibile.

Credo che questo sia un po il fulcro della situazione però ritengo anche che sono fin troppe le persone che parlano di amore con la A maiuscola ma poi fuggono alle prime difficoltà e ne vedo spesso.

8

Wednesday, October 31st 2018, 4:38pm


Credo che questo sia un po il fulcro della situazione però ritengo anche che sono fin troppe le persone che parlano di amore con la A maiuscola ma poi fuggono alle prime difficoltà e ne vedo spesso.


...hai voglia...
ma questo riguarda non i problemi psicologici bensì qualsiasi tipo di problema
un conto è provare il sentimento, altra cosa è tenere in vita una relazione

sulla prima siamo tutti capaci da quando apriamo gli occhi
sulla seconda....siamo un branco di incompetenti e svogliati
namasté

Bwndy

Amico Inseparabile

  • "Bwndy" is male

Posts: 1,460

Activitypoints: 4,640

Date of registration: Mar 16th 2016

  • Send private message

9

Wednesday, October 31st 2018, 5:03pm

Quoted

sono d'accordo tuttavia la mia idea è che alla fine uno dei due rischi di divenire alla lunga il badante dell'altro/altra. Credo che la difficoltà, a prescindere dalla serietà o meno del problema, sia nella eventualità di adagiarsi sull'altro/altra cosa che tuttavia rimane certamente molto utile nel momento del bisogno. Del resto noi discutiamo spesso di problematiche psichiche ma una coppia di cui uno disabile non sono alla fine legati da una dipendenza o se preferiamo anche da una necessità di aiuto?


Non so che tipi di dinamiche si instaurino in coppie di questo tipo. Può essere che nella fragilità uno dei due finisca a dipendere troppo dal supporto dell'altro. Però non si sa, questi problemi possono anche essere superati per poi tornare fuori tempo dopo, oppure no. Non si sa, anche per questo è difficile.

10

Wednesday, October 31st 2018, 5:39pm


...hai voglia...
ma questo riguarda non i problemi psicologici bensì qualsiasi tipo di problema
un conto è provare il sentimento, altra cosa è tenere in vita una relazione

sulla prima siamo tutti capaci da quando apriamo gli occhi
sulla seconda....siamo un branco di incompetenti e svogliati

Sono totalmente d'accordo e spero converrai sul fatto che in fin dei conti sono le difficoltà a mettere alla prova una coppia (vale un po in generale per ogni genere di relazione sociale). Anzi forse a volte una difficoltà da affrontare ci fa davvero capire chi abbiamo di fronte! Forse questo è anche uno dei motivi per cui coppie che stanno insieme da adolescenti spesso vanno in crisi da adulti magari dopo sposati (non in riferimento specifico alle nostre problematiche), proprio perché hanno basato la loro storia su un amore giovane e per lo più privo dei problemi della vita adulta.

11

Wednesday, October 31st 2018, 5:41pm


Non so che tipi di dinamiche si instaurino in coppie di questo tipo. Può essere che nella fragilità uno dei due finisca a dipendere troppo dal supporto dell'altro. Però non si sa, questi problemi possono anche essere superati per poi tornare fuori tempo dopo, oppure no. Non si sa, anche per questo è difficile.

Credo che dipenda molto dall'età delle persone coinvolte. Negli anziani vedo spesso il sostenersi e l'aiutarsi a vicenda, chi è più giovane rincorre spesso un ideale di vita più sbarazzino e non desidera appesantirsi quando magari può avere una relazione più spensierata. Del resto quanta gente è stata lasciata perché aveva dei problemi? Credo che la lista sia lunghissima.

12

Wednesday, October 31st 2018, 5:51pm

si si, certo, i problemi mettono sempre a dura prova, l'individuo prima e la coppia poi. però quello che uno concepisce come problema può essere un concetto molto relativo.
attingendo al mio bacino di osservazione direi che le coppie "scoppiano" più per effetto del tempo che non per problemi.
anche se poi, guardando più da vicino le coppie le "crepe" che hanno portato alla rottura sono generalmente diverse e di differente natura.
namasté

cristyna

Amico Inseparabile

  • "cristyna" is female

Posts: 1,362

Activitypoints: 4,035

Date of registration: Oct 5th 2010

  • Send private message

13

Wednesday, October 31st 2018, 6:57pm

qualsiasi problema, specie se duraturo, può essere sostenuto solo se chi in particolar modo è direttamente coinvolto ha volontà cmq di superarlo.
se pensiamo di nasconderci dietro il problema per testare fino a che punto può essere vero l'amore, siamo sconfitti in partenza.
la volontà è la prima arma per vincere ed alimentare chi sostiene.
senza......anche l'amore più grande si arrende.

14

Wednesday, October 31st 2018, 7:03pm

qualsiasi problema, specie se duraturo, può essere sostenuto solo se chi in particolar modo è direttamente coinvolto ha volontà cmq di superarlo.
se pensiamo di nasconderci dietro il problema per testare fino a che punto può essere vero l'amore, siamo sconfitti in partenza.
la volontà è la prima arma per vincere ed alimentare chi sostiene.
senza......anche l'amore più grande si arrende.

Parole sante! come non darti ragione! però consentimi di dire che se ciò che scrivi corrisponde a verità c'è anche la verità amara di quei partner che all'insorgere di un problema se la filano perché vorrebbero una relazione di sola felicità.

15

Wednesday, October 31st 2018, 7:07pm


attingendo al mio bacino di osservazione direi che le coppie "scoppiano" più per effetto del tempo che non per problemi.
anche se poi, guardando più da vicino le coppie le "crepe" che hanno portato alla rottura sono generalmente diverse e di differente natura.

Oserei dire che la maggior parte delle rotture di coppia nasce dal logorio di un equilibrio che è direttamente proporzionale all'età, ergo le coppie più avanti con gli anni sanno gestire meglio le difficoltà rispetto a quelle più giovani che vedono nella vita di coppia un amore da romanzo, logicamente con le dovute eccezioni.

Similar threads