Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Santacruz

Zitella con gattino

  • "Santacruz" is female
  • "Santacruz" started this thread

Posts: 623

Activitypoints: 1,154

Date of registration: Oct 18th 2017

  • Send private message

1

Wednesday, June 17th 2020, 8:10pm

Fallimento periodico

Buongiorno,

ritorno qui dopo 1 anno e mezzo circa perché sono di nuovo in crisi.
Sono bloccata in casa da quasi 2 settimane con un problema di salute che non passa e ho diverso tempo per prendere atto del fallimento della mia ennesima relazione. Relazione alla quale mi sono dedicata con tutto l'impegno, che mi ha dato tanto, ma che ora si risolve con un: non posso darti più di questo mi dispiace.
Il mio problema è sempre quello, vorrei avviare un progetto di coppia serio ma finisco per scegliere situazioni problematiche.
So che è lui il problema, ma mi metto io sotto accusa, recitando la parte della persona debole che viene allontanata. Alcune sue uscite: vengo a trovarti ma non ti prometto. Non voglio limitarti prenditi i tuoi spazi, rimandiamo la vacanza perché non so se ce la faccio ecc...
Sento che ormai sono l'ultimo dei suoi pensieri e forse sono solo un peso con le mie esigenze, per quanto sacrosante esigenze di vivere una relazione in modo pieno. Invece più di 1 volta alla settimana de va bene non ci si può vedere.
Non sono la persona priva di attività e interessi. Forse mi mancano amicizie che siano anche affetti stretti e che mi facciano sentire meno sola a parte la relazione amorosa.
Sono stufa di pagare l'affitto, vorrei comprarmi la casa ma mi viene male al pensiero di doverlo fare da sola. Non per i soldi, perché sarebbe come pagare l'affitto, ma l'idea di essere da sola.
Quando lui mi ha conosciuto uscivo da un periodo difficile, sapeva i miei desideri, e mi ha rubato un anno e mezzo di vita, per poi cedere alle difficoltà e tirare i remi in barca.
E quindi adesso me ne sto col mio dolore fisico chiusa in casa,
a ricevere le sue telefonate che ogni volta sono la dimostrazione del suo disinteresse. Mi ha detto di non prendere antidolorifici e che sono esagerata. Ormai non mi ascolta e non mi capisce più.
Mi sento come se la mia vita stesse finendo e la cosa triste è che mi capita troppo spesso.
Ho passato da anni la fase degli psicologi e dei farmaci. Adesso non ne ho bisogno. Rimane solo il mio vuoto affettivo incolmabile e l'incapacità di essere una persona adulta in grado di creare delle relazioni con gli altri e di coppia. Prendere atto che sono una di quelle persone che alla soglia dei 40 non sono riuscite a trovare un compagno. Forse se accettassi questa cosa e smettessi di cercarlo ma cercassi solo di godermi la vita sarebbe meglio. Ma è assolutamente contro i miei desideri. Io non capisco quelli che ti dicono che devi pensare a te stessa e a realizzarti essere super felice e poi l'amore arriva. Forse quelli che sono sposati erano tutti realizzati e felici prima di incontrare la persona giusta? Io non posso dire di fare chissà quale cosa esaltante nella vita, ma non penso assolutamente il problema stia nella mia professione e nei miei interessi, che vanno benissimo. Il problema è che in me c'è un grande bisogno affettivo che mi rende estremamente necessaria e preziosa la presenza di un affetto fisso. In passato ho scelto le mie storie senza obiettivi particolari, facendomi trascinare dalle situazioni e poi alimentandole anche se non erano promettenti, proprio perché io nella dimensione di coppia sto bene a prescindere. Eppure non è servito, perché poi dall'altra parte per un motivo o per l'altro non c'era volontà di andare oltre. Però tenersi la donna affettuosa fa comodo. Peccato poi darla per scontata.
Non so che fare, sento che a giorni ci lasciamo.
E poi non lo so che farò.

2

Thursday, June 18th 2020, 4:57pm

Ciao mi ricordo di te, ben tornata anche se mi dispiace perché non ci sono aggioramenti positivi.

Non mi sbilancio, ricordo qualcosina della tua storia, molto vagamente, e su questo post non si capisce benissimo quale sia la situazione fra voi.

Ho capito che vi vedete una sola volta a settimana, che tu vorresti di più, che senti il rapporto agli sgoccioli (pare non ci sia comprensione ecc) e che tu hai bisogno di una vita affettiva "fissa" ...

Secondo me bisogna separare le cose su piani diversi, uno è il piano di coppia, del ruoli, della matassa che nel tempo si è ingarbugliata: Se il rapporto è in "crisi", puo' essere che questo vedersi poco sia un po' la conseguenza di qualcos'altro. A volte uno dei due, e capisco benissimo questo ruolo perché ci sono passata "chiede di più" e l'altro per tutta risposta inizia a dare meno. E più ci si avvinghia su queste posizioni più l'opposizione fra i poli aumenta. Questo è indice che il rapporto è diventato un luogo dove si lotta per i propri bisogni ma non c'è reale scambio o comprensione, forse tutto è cominciato con un po' di idealizzazzione che poi ha lasciato spazio a una "verità" sull'altro molto diversa da quel che si pensava, insomma c'è tutto un "percorso" per cui si è giunti a questo stadio e bisogna riavvolgere il nastro per capire quali sono stati gli "errori" e di conseguenza intravedere le soluzioni.

Poi c'è il piano che prescinde la coppia ma è lui: A prescindere a tutto e da tutti quest'uomo puo' vederti una sola volta a settimana e così sarebbe anche con un'altra potenziale partner. Beh a questo punto devi semplicemente prendere atto che lui non puo' soddisfare il tuo bisogno di affetto e condivisione e che l'amore sta lasciando spazio a una forma di attaccamento. E se lo lasci andare è forse meglio per tutti, ho l'impressione che lui non è nella posizione di scegliere, nel senso che la scelta di chiudere è una cosa che verrà probabilmente da te perché lui riesce a starci dentro mentre tu invece soffri e pensi di aver buttato via del tempo con lui.

Secondo me non devi pensare che hai gettato via il tuo tempo, da queste situazioni si puo' imparare molto e si possono sfruttare come occasioni evolutive, magari non "salvi" la relazione, anche se con il senno di poi (nel caso questa venga chiusa) diventa palese che non c'erano le condizioni per salvarla.

This post has been edited 1 times, last edit by "Juniz" (Jun 18th 2020, 5:19pm)


ipposam

Amico Inseparabile

Posts: 1,165

Activitypoints: 3,697

Date of registration: Mar 25th 2015

  • Send private message

3

Thursday, June 18th 2020, 5:25pm

Io mi ritrovo in parte in quello che dici, nel senso che anche io amo vivere in coppia, e mi sento molto più appagata nella vita a due che da sola.
Però chiaramente questo non può prescindere dalla persona che abbiamo accanto, bisogna essere molto sensibili per capire chi può darci ciò che cerchiamo e chi no.
Sicuramente essere persone realizzate e serene a prescindere dalla coppia aiuta molto, perché sicuramente non è possibile delegare ad altri la nostra felicità, o la soddisfazione dei nostri bisogni.
Se non raggiungi questo stato di persona completa e realizzata a prescindere, rischierai sempre di ricercare dei complementi o delle stampelle, per così dire, e la relazione rimarrà ad alto rischio fallimento, perché nessuno vuole essere la stampella di un altro. Un conto è aiutarsi in caso di necessità, un altro prendersi addosso la responsabilità della felicità di un altro.
Quello che dovresti cercare è qualcuno che guarda nella tua stessa direzione; qualcuno che abbia obiettivi simili ai tuoi, qualcuno che senza sforzarsi faccia precisamente la cosa giusta al momento giusto, ma non perché tu lo chiedi, ma perché non riesce a fare altrimenti, perché ciò che fa risponde semplicemente alla sua natura.

4

Friday, June 19th 2020, 5:41pm

bentornata santacruz
mi ricordo che nell'ultima discussione percepivo questa punta di rabbia che mi ha frenato nel partecipare alla discussione
mi dispiace che non stia andando bene o comunque non come desideravi
ed è difficile dirti qualcosa perché non ho capito bene la situazione...tra di voi e soprattutto le sue reazioni/posizioni
namasté

gloriasinegloria

Pilastro del Forum

Posts: 2,659

Activitypoints: 8,208

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

5

Saturday, June 20th 2020, 11:23am

Forse quelli che sono sposati erano tutti realizzati e felici prima di incontrare la persona giusta?

Ovviamente no! Ma non serve che lo dica io : basta che ti guardi intorno! :)

Io non posso dire di fare chissà quale cosa esaltante nella vita, ma non penso assolutamente il problema stia nella mia professione e nei miei interessi, che vanno benissimo. Il problema è che in me c'è un grande bisogno affettivo che mi rende estremamente necessaria e preziosa la presenza di un affetto fisso.


Solo il mio pensiero: a me sembra del tutto umanissimo quel bisogno (non solo tuo) di un affetto fisso.

Il "problema" - secondo me, sempre - è confrontare la personale accezione di "affetto fisso" all'accezione media. E di conseguenza non farsene un problema, o almeno un "problema comparativo A PREMESSE IMPARI" , soprattutto considerando che, a seconda delle rispettive aspettative e sensibilità, ci sono senza dubbio coppie (tante) che si autonarrano come "felici"...mentre vivono situazioni che per te, per me e per chissà quanti altri ...sarebbero la morte e sepoltura da vivi... ;)

Ma non sono persone che che dicono balle.
Sono spesso, però, persone (uomini e donne) a cui basta avere il convivente che collabora alla gestione della casa e dei piccoli guai domestici, o che "fa compagnia" già solo perchè c'è.

C'è chi è appagato di questo, e c'è chi non potrà esserlo mai, e che nella consapevolezza che "affetto fisso" sarebbe solo questo...mediterebbe il suicidio da perfettamente SANO di mente! :D
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,853

Activitypoints: 23,915

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

6

Saturday, June 20th 2020, 1:18pm

Ciao Santa! Mi spiace leggerti così giù. Mi ricordo i tuoi post tu avevi investito molto in questa relazione . Ci sta che ora sei a terra, ma ti prego non parlare di fallimento.
Un abbraccio
La prima volta fa sempre male
La prima volta ti fa tremare
Sei tu sei tu sei tu chi può darti di più

(Subcomandante Fran)

Santacruz

Zitella con gattino

  • "Santacruz" is female
  • "Santacruz" started this thread

Posts: 623

Activitypoints: 1,154

Date of registration: Oct 18th 2017

  • Send private message

7

Saturday, June 20th 2020, 5:18pm

Se il rapporto è in "crisi", puo' essere che questo vedersi poco sia un po' la conseguenza di qualcos'altro


Il rapporto è in crisi non per fattori interni, ma per fattori endogeni, causati dal fatto che abitiamo a 1 ora di strada, lui è impegnatissimo con lavoro e la sua ex famiglia gli crea problemi. All'inizio siamo stati ingenui e incoscienti. Ora io vorrei lottare, invece lui si è arreso, in fondo ha diversi più anni e meno rimpianti di me.
Quello che ci tiene uniti è il fatto che stiamo bene insieme, anche dal punto di vista fisico.
Questa settimana ho riflettuto e ho trovato la forza di immaginare una soluzione. Gli ho proposto una relazione libera. Di lasciarci no, perché abbiamo provato, ma la voglia di vedersi c'è comunque. Senza impegno per nessuno dei due. La relazione che in cuor mio so sarebbe stata la scelta giusta per due adulti nella nostra situazione, soprattutto all'inizio. Ci si vede quando lui riesce e si ha voglia. E nel frattempo io mi sento libera, non costretta dentro a una relazione che mi va stretta. Se nonostante questo rimaniamo uniti vuol dire che il legame è veramente forte e chissà che un domani non possiamo ritornare a fare le cose seriamente.
Pensavo mi avrebbe detto di sì. Invece gli dispiace e ci vuole pensare.
In effetti quando Juniz dice:

Quoted

Questo è indice che il rapporto è diventato un luogo dove si lotta


ha pienamente ragione. Solo immaginare in me e proporgli questa cosa ci ha fatto bene, soprattutto a me.


Se non raggiungi questo stato di persona completa e realizzata a prescindere, rischierai sempre di ricercare dei complementi o delle stampelle, per così dire, e la relazione rimarrà ad alto rischio fallimento, perché nessuno vuole essere la stampella di un altro


La vita è una sola e sinceramente non credo di farcela a mettere in panchina il mio sogno di fare una famiglia, in attesa di raggiungere uno stato di persona completa e realizzata. Forse avrei dovuto farlo prima. Adesso credo che la mia crescita personale andrà di pari passo con quella di una eventuale relazione.

mi ricordo che nell'ultima discussione percepivo questa punta di rabbia che mi ha frenato nel partecipare alla discussione


Mi dispiace di averti trasmesso sensazioni negative. La rabbia è comunque un sentimento come gli altri e nei giusti limiti mi sento libera di esprimerla, anche se ovviamente mi spiace questo possa averti dato brutte sensazioni.

Solo il mio pensiero: a me sembra del tutto umanissimo quel bisogno (non solo tuo) di un affetto fisso.


Il problema è che a volta credo di essere a livello affettivo un animale a sangue freddo. In certi momenti sento che niente mi scalda dentro e arrivo a provare un vero odio verso me stessa, a sentire un vuoto totale. Sono anni che cerco di volermi bene, ma ci sono ancora distantissima.
Sicuramente in questo è la chiave delle mie relazioni fallimentari, ma non credo che dire: ok, risolverò tutto e poi cercherò una relazione...possa essere la giusta prospettiva.

non parlare di fallimento


E' difficile cacciare questa convinzione dalla mia testa. Sento di non aver costruito nulla e di non aver nessuna voglia di farlo da sola.

8

Saturday, June 20th 2020, 6:01pm

Quoted


Questa settimana ho riflettuto e ho trovato la forza di immaginare una soluzione. Gli ho proposto una relazione libera. Di lasciarci no, perché abbiamo provato, ma la voglia di vedersi c'è comunque. Senza impegno per nessuno dei due. La relazione che in cuor mio so sarebbe stata la scelta giusta per due adulti nella nostra situazione, soprattutto all'inizio. Ci si vede quando lui riesce e si ha voglia. E nel frattempo io mi sento libera, non costretta dentro a una relazione che mi va stretta. Se nonostante questo rimaniamo uniti vuol dire che il legame è veramente forte e chissà che un domani non possiamo ritornare a fare le cose seriamente.

lui che ne pensa di quest'opzione?

Quoted


Mi dispiace di averti trasmesso sensazioni negative. La rabbia è comunque un sentimento come gli altri e nei giusti limiti mi sento libera di esprimerla, anche se ovviamente mi spiace questo possa averti dato brutte sensazioni.

tranquilla, non mi hai trasmesso sensazioni negative, mi sono solo frenata nell'intervenire nella discussione e da lì il "non comprendere" molti dettagli.
namasté

Santacruz

Zitella con gattino

  • "Santacruz" is female
  • "Santacruz" started this thread

Posts: 623

Activitypoints: 1,154

Date of registration: Oct 18th 2017

  • Send private message

9

Sunday, June 21st 2020, 7:58pm

dell'opzione relazione libera e senza vincoli ha detto che ci vuole pensare, in fondo non è ciò che desideriamo come prima opzione nessuno dei due.
Immagino rifletterà sul fatto di doversi dare una smossa.
Io penso che in realtà dovrò tornare io sull'argomento e con la decisione.

Io a lui me lo vedo bene con una donna mafura e strutturata. Magari con figli, molto impegnata. Una che non abbia problemi, anzi abbia necessità di farsi i we per i fatti suoi.

Io sinceramente non mi vergogno di una cippa a voler passare il mio tempo libero con il mio eventuale partner. In fondo sono di diversi anni più giovane, mai stata sposata... insomma, devo far finta di voler fare nella vita cose che non ho voglia di fare?
Faccio già volontariato in due posti, faccio parte di un'associazione culturale, che altro devo inventarmi per far finta di essere impegnata quando non ho voglia di esserlo?

This post has been edited 1 times, last edit by "Santacruz" (Jun 21st 2020, 8:08pm)


1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads