Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


gloriasinegloria

Pilastro del Forum

  • "gloriasinegloria" started this thread

Posts: 2,816

Activitypoints: 8,700

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

1

Sunday, August 2nd 2020, 11:29am

E se, sull'amore di coppia, avesse ragione lui ?

Ascoltavo molto distrattamente la presentazione di un libro di "noir metropolitano" , e siccome il genere non mi interessa ero proprio distratta.
All'autore viene fatta una domanda apparentemente banale, e cioè "perchè l'amore è sempre presente nei suoi romanzi noir? ".

La risposta dell'autore mi ha colpita, invece.
Il succo era questo : "l'amore di coppia è un tale generatore di sofferenze, patemi, non-detti e non-agiti e taciuti e occultati all'altro per una PROPRIA strategia, che lievitano in rancori sordissimi e folli in qualunque umano, e poi in revanchismi e vendette non di rado agiti (male ma agiti)........da essere necessariamente l'attore protagonista di un noir!" .

Che ne pensate?
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo tuttora, perché penso di avere ancora tante destinazioni da raggiungere. Mentre il mondo appare pieno di indecisi sulle mete da raggiungere e di angosciati per aver scoperto che Babbo Natale non esiste

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,976

Activitypoints: 6,216

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

2

Sunday, August 2nd 2020, 11:53am

...
All'autore viene fatta una domanda apparentemente banale, e cioè "perchè l'amore è sempre presente nei suoi romanzi noir? ".

La risposta dell'autore mi ha colpita, invece.
Il succo era questo : "l'amore di coppia è un tale generatore di sofferenze, patemi, non-detti e non-agiti e taciuti e occultati all'altro per una PROPRIA strategia, che lievitano in rancori sordissimi e folli in qualunque umano, e poi in revanchismi e vendette non di rado agiti (male ma agiti)........da essere necessariamente l'attore protagonista di un noir!" .

Che ne pensate?


Che l'amore di coppia è un contenitore molto vario, dove si trova di tutto, molti non-detti e molti non-agiti, nonché strani rancori e desideri di vendetta e di rivincita, che si agitano nella psiche ed influiscono anche nell'espressione della sessualità.

Mi sono sempre domandato, mentre una coppia fa all'amore, cosa passi nella testa dei protagonisti, specie nelle coppie moderne (dove l'ego dei singoli rischia di prevalere).
Se ci fosse un meccanismo per leggere i pensieri in quei momenti, temo che vi sarebbe molto imbarazzo.

P.
(------------;)'''''''''''''''''''''''''''''''''(
Il più bello dei mari / è quello che non navigammo. / Il più bello dei nostri figli / non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni /non li abbiamo ancora vissuti. / E quello / che vorrei dirti di più bello / non te l’ho ancora detto.

Nazim Hikmet

gloriasinegloria

Pilastro del Forum

  • "gloriasinegloria" started this thread

Posts: 2,816

Activitypoints: 8,700

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

3

Sunday, August 2nd 2020, 12:09pm

Mi sono sempre domandato, mentre una coppia fa all'amore, cosa passi nella testa dei protagonisti, specie nelle coppie moderne (dove l'ego dei singoli rischia di prevalere).
Se ci fosse un meccanismo per leggere i pensieri in quei momenti, temo che vi sarebbe molto imbarazzo.


E questa, se ci fosse un Nobel del Forum, la voterei per farle conquistare quel Nobel! :hail:

------------------------------

A me quella frase dell'autore è risuonata come acqua purissima di alta quota.
Peccato soltanto non averla avuta prima nel mio bagaglio di riflessioni. :roftl:
Infarcita di romantiche sed etiam intellettuali spiritualizzioni enfatiche dell'amore di coppia (altrimenti detto passionale) , in UN solo attimo ho misurato quanta verità ci sia, se solo si riesce a squarciare il velo di condizionamenti atavici che ci rendono.... dei poveri pappagallini del nulla. :) :rolleyes:
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

avantitutta

Giovane Amico

  • "avantitutta" is female

Posts: 159

Activitypoints: 491

Date of registration: Apr 3rd 2012

  • Send private message

4

Sunday, August 2nd 2020, 1:15pm

Il regista Dario Argento, che di noir se ne intende, ha sempre affermato che coppia e famiglia sono i più grandi centri di violenza. Ti dirò che io, da sempre orientata alla psicoanalisi, amo molto il genere horror proprio per questo motivo: la sublimazione più o meno palese di istinti (distruttivi, risanatori, misconosciuti) nati in seno ai legami più stretti che sperimentiamo nella vita. Un buon horror funziona, a mio avviso, proprio se soddisfa tale esigenza :-W
Pensiamo soltanto ai nutriti filoni del vampirismo, delle donne possedute, dei serial killer ecc.

gloriasinegloria

Pilastro del Forum

  • "gloriasinegloria" started this thread

Posts: 2,816

Activitypoints: 8,700

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

5

Sunday, August 2nd 2020, 8:45pm

Il regista Dario Argento, che di noir se ne intende, ha sempre affermato che coppia e famiglia sono i più grandi centri di violenza.


Sì, come non concordare?
Ma l'aspetto che mi ha "svegliata" è stato proprio nel fatto che quell'autore considerasse il sentimento in sè, e non partendo dai vari applicativi e protagonisti di singole vicende.

Vorrei riuscire a spiegarmi : a tutti capita di ascoltare persone che soffrono per la mancanza di un amore vero; e credo sia capitato un po' a tutti di soffrire per una relazione importante, che c'è ma non è come la si era sognata/agognata, e in tutti questi casi viene spontaneo pensare d essere molto sfortunati o anche molto incapaci, PERCHE' si dà per ovvio ed implicito che quel "sentimento perfetto" esista e sia possibile in astratto, e magari non riesca a noi di realizzarlo/viverlo.

E se questo "ideale", dato per ovvio, fosse proprio in radice tutt'altro che ovvio e possibile ?
E se fosse la più solenne delle pie illusioni, votata allla disfatta per principio ?

A volte sorrido amaramente (e sorrido anche di me stessa, perchè ho fatto parte della schiera) quando ascolto donne (soprattutto donne) che decantano o rincorrono mitiche "fusioni" , impegnandosi indefessamnte tra dialogo e sesso.
Poi...dice bene Pivaldo : meno male che non esista nessun marchingegno che permetta di visualizzare i pensieri di ognuno, financhè durante un orgasmo! :D Perchè mi ci gioco tutto che sarebbe quanto di più imbarazzante...

In altre parole : ma siamo proprio sicuri di non aver abboccato, soprattutto dopo la "rivoluzione sessuale", all'idea indimostrata che sia anche ASTRATTAMENTE possibile quella "fusione" che soprattutto molte donne sembrano dare per certa e possibile...senza averne alcuna prova, e semplicemente continuando a rincorrerla?
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo tuttora, perché penso di avere ancora tante destinazioni da raggiungere. Mentre il mondo appare pieno di indecisi sulle mete da raggiungere e di angosciati per aver scoperto che Babbo Natale non esiste

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,976

Activitypoints: 6,216

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

6

Sunday, August 2nd 2020, 8:57pm

In altre parole : ma siamo proprio sicuri di non aver abboccato, soprattutto dopo la "rivoluzione sessuale", all'idea indimostrata che sia anche ASTRATTAMENTE possibile quella "fusione" che soprattutto molte donne sembrano dare per certa e possibile...senza averne alcuna prova, e semplicemente continuando a rincorrerla?


Grazie di aver toccato la mitica questione della "fusione" perfetta dei corpi e delle menti.

L'ho sentita da adolescente (forse l'unico concetto espressomi in tema di sessualità da mio padre ) e non appena entrato nel gioco mi è sembrata la ricerca del Sacro Graal.

L'unico evento che si avvicina alla fusione "perfetta", per quanto ho avuto esperienza, è la concomitanza degli orgasmi che - forse per casualità - avvenga spontaneamente, cioé non cercata. Ma è accaduta due, tre volte al massimo nella vita ...

P.
(-----------;)-----------)
Il più bello dei mari / è quello che non navigammo. / Il più bello dei nostri figli / non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni /non li abbiamo ancora vissuti. / E quello / che vorrei dirti di più bello / non te l’ho ancora detto.

Nazim Hikmet

gloriasinegloria

Pilastro del Forum

  • "gloriasinegloria" started this thread

Posts: 2,816

Activitypoints: 8,700

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

7

Sunday, August 2nd 2020, 9:15pm

la mitica questione della "fusione" perfetta dei corpi e delle ment

E quello è il principio indiscusso e "sfasciasemplici" !

Che tra l'altro non ha eguali in nessun altro rapprto affettivo importante.
Nella coppia dovrebbero teroricamente fondersi due esseri che hanno vita, esperienze, teste, storie, dinamiche, ecc. del tutto differenti l'una dall'altra.
Ossia : il legame fondente è tutto da creare, e ....magari bastasse una bella serie di chiacchierate e un po' di orgasmi simultanei !!!! (altra araba fenice anche nella mia esperienza, comunque).

Laddove in tutti gli altri legami affettivi fondamentali, e prendo quello tra genitori e figli come quello tra fratelli, il legame è in natura, rafforzato da storie e vissuti in comune, e se c'è un problema serio è quello di "slegarlo" (non di crearlo!) quanto basta per dirsi adulti e autonomi!
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

8

Wednesday, August 5th 2020, 7:17pm

Il succo era questo : "l'amore di coppia è un tale generatore di sofferenze, patemi, non-detti e non-agiti e taciuti e occultati all'altro per una PROPRIA strategia, che lievitano in rancori sordissimi e folli in qualunque umano, e poi in revanchismi e vendette non di rado agiti (male ma agiti)........da essere necessariamente l'attore protagonista di un noir!" .

Che ne pensate?
Penso di essere d'accordo come descrizione.

Pero' penso anche che non è "l'amore di coppia il generatore" di sofferenza, ma semplicemente l'amore di coppia in qualità di rapporto affettivo dove risuoneranno copioni, imprinting, karma famigliari con vari condizionamenti tira fuori una sofferenza che l'umano ha semplicemente dentro la sua personalità.

E credo che la scelta del partner SPESSO sia fatta in modo inconsciamente APPOSITO per permettere a questa "sofferenza" di uscire fuori, di manifestarsi tornare alla luce.

Di recente pensavo (anche sulla base della mia storia relazionale, di quello che leggo sul forum) le persone che hanno in qualche modo sofferto nella vita o in famiglia (a prescindere dalla gravità del problema, diciamo sofferenza "percepita") tendono a creare relazioni di sofferenza.

Similar threads