Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

edera 72

Utente Attivo

  • "edera 72" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 53

Date of registration: Jul 27th 2014

  • Send private message

1

Saturday, August 2nd 2014, 12:45pm

Dopo il silenzio il verdetto

Dopo 22 interminabili giorni di silenzio e dopo il mio terzo messaggio diciamo che l'ho quasi supplicato sono riuscita ad avere un incontro con il mio ormai ex compagno. Non è l'incontro che avrei voluto perchè per parlare e capire questa situazione avrei voluto più tempo e invece mi ha dato appuntamento in un giorno e in un orario in cui non potevo trattenermi più di mezz'ora per alcuni impegni che ho, non so se pensare l'abbia fatto pure apposta per non prolungare il discorso.
Il verdetto dopo questo lungo silenzio mi ha dato la botta finale la sua giustificazione è stata questa: la prima settimana per lui è stata davvero brutta , è stata nera. Poi i giorni successivi pian piano si è reso conto che stava bene da solo e non sa perchè prova questo e che non può farci nulla ormai è passato quasi un mese mi ha detto e allora gli ho risposto ma io ti ho lanciato dei segnali mandandoti dei messaggi e tu non mi hai nemmeno risposto e lui mi ha detto che era troppo arrabbiato per farlo, io allora gli dico una storia non può finire per una litigata così banale vuol dire che tu prima di questo già avevi dei dubbi su di me o comunque il tuo sentimento non era sincero altrimenti non si può decidere dall'oggi al domani di voler stare da solo. Lui prima mi dice che non è per la litigata in se ma per ciò che ha scaturito dentro di lui e che non si sa spiegare anche perchè prima della litigata non aveva nessun dubbio e che stava bene insieme a me ma poi quando gli ho risposto che è assurda questa sua reazione se prima di allora stava bene con me e se c'era ancora un sentimento come si può preferire di stare da soli a quella di stare insieme, e lui risponde che con questo litigio si è sentito mancare di rispetto e di stima io gli rispondo allora scusa è per la litigata? mi dice no no non centra nulla la litigata.
Non so davvero cosa pensare sono più confusa amareggiata e delusa di prima mi sento davvero come se mi avesse pugnalato mi sono anche umiliata chiedendogli di riprovare a stare insieme in modo da poter capire cosa gli sta succedendo e soprattutto se sta ancora bene con me, o di fare una piccola vacanza insieme e vedere come va (anche perchè prima della litigata avremmo dovuto fare 4 o 5 giorni da qualche parte visto che sta in ferie) ma lui è stato categorico e ha detto che in questo momento vuole stare da solo e che forse se ne pentirà ma lui cosi vuole e non è che centra assolutamente un altra donna in tutto questo e solo un suo stato d'animo.
Davvero non so cosa pensare e soprattutto se credergli so solo che non riesco a farmene una ragione non riesco a metabolizzare tutto questo e non so più che altro fare mi sento troppo male!

mattoametà

Utente Avanzato

  • "mattoametà" is male

Posts: 924

Activitypoints: 2,927

Date of registration: Jul 30th 2014

Location: earth

Occupation: abbastanza

  • Send private message

2

Saturday, August 2nd 2014, 5:07pm

edera... prima cosa?
se non ci dici perché avete litigato possiamo carpire poco di tutta questa storia...
poi .,.,. se devo essere sincero... non avendoci detto del perché avete litigato deduco che non era nulla di fondamentale in una coppia o cmq non c'entravano altri lui o lei ...
quindi:
le ipotesi sono due, e solo due: la cosa per cui avete litigato era una sciocchezza--> se per una sciocchezza ti lascia vuol dire che non c'è nulla di grande da parte sua verso di te.. --> dimenticalo che è meglio
altra ipotesi: quello per cui avete litigato era una cosa importante--> allora si che gli ha potuto cambiare qualcosa dentro.... ma a questo punto è finita la fiducia,.,. e una volta persa è persa, questo problema riuscirebbe sempre negli anni procurandoti una vita di sofferenze.... .--> lasci aperdeere, dimenticalo

insomma... in un modo o nell'altro ti consiglio di rifarti una vita, credimi è possibile, basta volerlo...
non pensare che era l'uomo della tua vita, non esiste, è stato solo quello che hai incontrato in quel momento..
ce ne sono altri che possono renderti ancora più felice e SICURA.

e cmq .,,. leggendo semplicemente quello che hai scritto e fidandomi di te ( perché non dovrei ? :)) a me la sua sembra solo una scusa.. ha capito che non è innamorato e ha colto la prima favolata per scappare ,.,.,,

3

Tuesday, August 5th 2014, 7:27pm

Se c'è una cosa che gli uomini odiano fare è dare spiegazioni. Quando un uomo ti molla è inutile andare in cerca di esse, non le avrai mai. Non c'è né la voglia né l'interesse di fornire le motivazioni del gesto perché ormai si tratta di un capitolo chiuso già buttato alle spalle.

Ti consiglio di non andare in cerca di motivazioni o cause, rischi di struggerti per qualcosa che potresti non avere mai e che comunque non cambierà lo stato delle cose.
Il est, paraît-il, des terres brûlées donnant plus de blé qu'un meilleur Avril

paciugo

°.....................°

  • "paciugo" is male

Posts: 7,833

Activitypoints: 23,811

Date of registration: Nov 10th 2008

Location: paciugandia

Occupation: paciugheggio

  • Send private message

4

Wednesday, August 6th 2014, 10:17pm

Purtroppo chi legge tende a rispondere razionalizzando e per quanto stando fuori si può valutare con maggiore lucidità ed obiettività, solo te che hai vissuto e vivi tutto questo sai veramente come stanno le cose, la sola cosa che mi permetto di dirti è che se una persona decide che nn devi più far parte della sua vita, te nn ci puoi fare niente.

mattoametà

Utente Avanzato

  • "mattoametà" is male

Posts: 924

Activitypoints: 2,927

Date of registration: Jul 30th 2014

Location: earth

Occupation: abbastanza

  • Send private message

5

Thursday, August 7th 2014, 10:44am

per paciugo:
un giorno un surfista mi disse: puoi vedere quanto è alta un onda solo stando seduto sulla spiaggia a guardarla...
purtroppo spesso è cosi'... riesci a capire bene una cosa solo standone al di fuori...
certo il comportamento seguente dipende da tante cose ed è normale che per chi la sta vivendo è sempre più difficile fare la cosa giusta..
ma su questo forum, essendo più o meno, tutte persone che hanno avuto problemi 'di cuore' ,.,. cerchiamo di aiutarci facendoci capire qual'è la cosa più giusta ( secondo noi ) e non la più' facile o meno dolorosa da fare...
unica cosa si è che bisogna fare attenzione a non oltrepassare la sensibilità di alcune persone che potrebbero non essere mentalmente pronte a fare la cosa giusta .,,.

6

Thursday, August 7th 2014, 2:43pm

avrei voluto più tempo e invece mi ha dato appuntamento in un giorno e in un orario in cui non potevo trattenermi più di mezz'ora per alcuni impegni che ho, non so se pensare l'abbia fatto pure apposta per non prolungare il discorso.
E che impegni saranno mai?
Dai, qui però c'è qualcosa che non quadra :)
E' una cosa che ti fa star male? E' un problema grave? Allora prenditi il tempo quando serve, unatantum.
Questa è una cosa che proprio non capisco. Non riesco a immaginare un impegno così grave da non poter essere rimandato.


mi dice no no non centra nulla la litigata.
E' molto probabile che sia così.

riprovare a stare insieme in modo da poter capire cosa gli sta succedendo e soprattutto se sta ancora bene con me, o di fare una piccola vacanza insieme e vedere come va (anche perchè prima della litigata avremmo dovuto fare 4 o 5 giorni da qualche parte visto che sta in ferie) ma lui è stato categorico e ha detto che in questo momento vuole stare da solo e che forse se ne pentirà ma lui cosi vuole e non è che centra assolutamente un altra donna in tutto questo e solo un suo stato d'animo.
Forse lui sa che se provate a tornare insieme, non fosse altro che per un fattore di abitudine o di sesso: lui riuscirebbe ancora a stare con te. Ciò però non toglie di mezzo "il problema", qualunque esso sia.

E' davvero probabile che nemmeno lui sappia precisamente di cosa si tratti, perché spesso è una combinazione di fattori (di una miriade di fattori) che rende difficile lo stare con qualcuno, che genera malessere, che fa alzare le difese di entrambi, che fa scadere il rapporto in frustrazione e in litigi troppo frequenti.
Non è detto che lui sia in grado di spiegare a parole una condizione così complessa, ammesso che lo sia, ovviamente.



Se c'è una cosa che gli uomini odiano fare è dare spiegazioni. Quando un uomo ti molla è inutile andare in cerca di esse, non le avrai mai. Non c'è né la voglia né l'interesse di fornire le motivazioni del gesto perché ormai si tratta di un capitolo chiuso già buttato alle spalle.

Come dicevo sopra: non è detto che lui sia in grado di spiegare a parole una condizione così complessa.

E' anche probabile (credo certo) che qualsiasi spiegazione non basterebbe.
Tutti mentono.
Ci sono molte più probabilità di venire uccisi da una persona che si ama che da un estraneo.
La realtà è quasi sempre sbagliata.

Similar threads

Used tags

a capirne qualcosa