Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Anemone Fiore

Nuovo Utente

  • "Anemone Fiore" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 20

Date of registration: Feb 11th 2020

  • Send private message

1

Tuesday, February 11th 2020, 5:34pm

Ci siamo lasciati perché legato troppo alla famiglia.

Ciao a tutti! Vorrei chiedervi un consiglio.
Ho avuto una relazione meravigliosa durata tantissimi anni con un ragazzo che amavo tantissimo. Avevamo tante cose in comune e ci sentivamo tutti i giorni in ogni momento, lui era la mia roccia anche nei momenti più tristi.
Il problema è che sua madre mi ha sempre visto come un mostro.. non mi salutava, quando andavo a cena da loro non mi offriva da mangiare e non mi invitavano da nessuna parte. Lui voleva sempre fare le vacanze in famiglia. In quasi 10 anni di fidanzamento non abbiamo MAI fatto una vacanza insieme io e lui da soli, all'estero. Perché voleva sempre stare con i suoi che mi trattavano malissimo e mi prendevano in giro, insultandomi molte volte.
Io ormai stufa della situazione ho deciso di darci un taglio, volevo un po' di tempo per me... lui mi ha detto che il problema con i suoi lo abbiamo voluto IO e la sua famiglia e quindi lui se ne sarebbe lavato le mani.
Ci tengo a dire che lui non mi ha mai difesa quando sua madre o suo padre mi insultavano. Nonostante ci fossimo lasciati da parte mia, ho deciso di rimanerci amica. Lui mi aveva detto che mi amava e che aveva capito che la colpa era della sua famiglia ma che non poteva lasciarla perché gli davano i soldi per vivere (cercarsi un lavoro no eh? comunque fa nulla... ho accettato la sua opinione, ciò nonostante non ce la facevano a vivere una relazione dove la sua famiglia era sempre presente e lui chiaramente non voleva abbandonarla). Al cercare di trovare una soluzione mi ha detto "Se vuoi non ti faccio più vedere mia madre, ma io con lei voglio mantenere un rapporto" anche se lei mi ha dato della poco di buono, della approfittatrice e poveraccia ed altre cose che non sarò a dirvi per non entrare troppo nel dettaglio. Il problema è che io ho compreso le sue opinioni nonostante tutto ed ho cercato di mantenerci un amicizia, lui invece è diventato cattivo nei miei riguardi, molte volte freddo.
Ho fatto un incidente qualche giorno fa e non mi aveva neanche chiamato per chiedermi come stavo. Quando gli ho chiesto il perché mi ha detto "Sto soffrendo, voglio essere lasciato in pace" Ok, ma io ho fatto un incidente. E quello stesso pomeriggio mi aveva detto di amarmi e che voleva riconquistarmi.
Ieri sera, sinceramente, gli ho detto che certi uomini sono terribili e che lui in effetti in confronto era un santo sotto certi aspetti. Lui mi ha risposto "Ste battute di merda puoi infilartele dove dico io" con una cattiveria oscena che mi ha ferito nel profondo. Ok, forse io ho esagerato... ma perché lui è così cattivo con me? Se dice di aver capito che è stata la sua famiglia la cattiva con me (così mi ha detto lui) allora perché insulta lui e non insulta lei? Non capisco... cioè la famiglia gli da i soldi per sopravvivere, ma io ho gli ho dato amore, supporto, anche soldi quando gli servivano. (Lui i suoi li ha sempre rivoluti indietro). Alcune mie amiche dicono che è normale che sia arrabbiato... sta soffrendo ecc.
Ok ma della mia sofferenza non importa? Di tutti gli insulti che mi sono presa per permettere a lui di vivere sui soldi dei suoi che a quanto pare lo avrebbero diseredato (cosa che dubito) se avesse risposto a tono quando mi insultavano? Nessuno ci pensa. Io con lui non credo ritornerò, ma volevo sapere se magari sono io che la faccio tragica oppure no... Io stavo pensando addirittura di allontanarmi da lui perché più che incavolature random nei miei confronti non sto ottenendo altro.
PS: una volta mi ha chiamato piangendo a lavoro dicendo che la sua famiglia non lo considerava più e sono stata IO a convincerlo a riparlare con suo padre. Dopo quello... risparito per un po' di nuovo. Non lo so. Non lo capisco vi giuro.
Voi che ne pensate?

marialucialandolfi

Giovane Amico

  • "marialucialandolfi" is female

Posts: 177

Activitypoints: 534

Date of registration: Jan 19th 2009

Location: ROMA

Occupation: COACH PROBLEMI DI COPPIA

  • Send private message

2

Wednesday, February 12th 2020, 3:11pm

problemi di coppia e dignità personale

Credo che lui si sia dimostrato ampiamente per quello che è: un egoista che pensa sempre e solo ai suoi bisogni e alle sue esigenze (materiali ed emotive) e tu fai benissimo ad allontanarti da lui. Solo la distanza ti aiuterà ad essere lucida e a vedere DAVVERO che cosa ha intenzione di fare.
Fino ad ora lui ti ha usata come un distributore ( di emozioni, di supporto e di soldi) e di te "se ne è lavato le mani". Non ti conosco ma credo che tu ti meriti molto di più!
Non lo pensi anche tu?
Forse in quella relazione meravigliosa ci credevi solo tu e amavi tantissimo solo tu: chi ama sta dalla tua parte SEMPRE!!!
Marialucia Landolfi

mpoletti

Amico Inseparabile

  • "mpoletti" is male

Posts: 1,303

Activitypoints: 4,763

Date of registration: Mar 12th 2014

  • Send private message

3

Wednesday, February 12th 2020, 3:45pm

Non sono d'accordo con l'opinione di Maria Lucia, che ha risposto prima di me.
Secondo me, il tuo partner si sente da una parte tirato dal cuore che gli dice di venire da te, dall'altra dal cervello che gli consiglia di stare con i suoi.
Il suo "cambiamento d'opinione nei tuoi confronti" mi fa pensare che qualcuno abbia fatto notare qualche tua caratteristica che è considerata un difetto: inutile dire chi, credo sia comprensibile. Questa presenza emotiva è ingombrante: potrebbe essere la causa del suo trattarti male in alcuni casi.
La domanda è: perché non cerca un lavoro cercando di emanciparsi? Qui la questione non è semplice. Ho il sospetto che - anche se trovasse lavoro - i suoi sarebbero sempre in qualche modo presenti emotivamente (conosco bene la questione: la sto affrontando anche io).
Non credo si tratti di una persona cattiva per indole; credo, piuttosto, che sia una persona buona, di cui molti (non tu, sia chiaro) se ne approfittano. Lui è il classico pezzo di pane che dice sempre si, solo perché vorrebbe un po' di serenità interna. Crede di trovarla essendo accondiscendente, ma è solo un palliativo. Deve rendersi più forte emotivamente.
So bene che ho parlato poco di te, ma in questo caso tu mi sembri quella che vuole capire il soggetto: io non ho fatto altro che descriverlo.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,397

Activitypoints: 22,533

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

4

Wednesday, February 12th 2020, 4:02pm

scappa!!!! stesse co mammà
Y ahora el pueblo Que se alza en la lucha Con voz de gigante Gritando: ¡adelante!

(Subcomandante Fran)

marialucialandolfi

Giovane Amico

  • "marialucialandolfi" is female

Posts: 177

Activitypoints: 534

Date of registration: Jan 19th 2009

Location: ROMA

Occupation: COACH PROBLEMI DI COPPIA

  • Send private message

5

Thursday, February 13th 2020, 2:14pm

Non sono d'accordo con l'opinione di Maria Lucia, che ha risposto prima di me.
Secondo me, il tuo partner si sente da una parte tirato dal cuore che gli dice di venire da te, dall'altra dal cervello che gli consiglia di stare con i suoi.
Il suo "cambiamento d'opinione nei tuoi confronti" mi fa pensare che qualcuno abbia fatto notare qualche tua caratteristica che è considerata un difetto: inutile dire chi, credo sia comprensibile. Questa presenza emotiva è ingombrante: potrebbe essere la causa del suo trattarti male in alcuni casi.
La domanda è: perché non cerca un lavoro cercando di emanciparsi? Qui la questione non è semplice. Ho il sospetto che - anche se trovasse lavoro - i suoi sarebbero sempre in qualche modo presenti emotivamente (conosco bene la questione: la sto affrontando anche io).
Non credo si tratti di una persona cattiva per indole; credo, piuttosto, che sia una persona buona, di cui molti (non tu, sia chiaro) se ne approfittano. Lui è il classico pezzo di pane che dice sempre si, solo perché vorrebbe un po' di serenità interna. Crede di trovarla essendo accondiscendente, ma è solo un palliativo. Deve rendersi più forte emotivamente.
So bene che ho parlato poco di te, ma in questo caso tu mi sembri quella che vuole capire il soggetto: io non ho fatto altro che descriverlo.
Purtroppo credo che tu ti stia identificando troppo nella situazione (lo stai affrontando anche tu). Tu probabilmente sei una persona buona e vivi questo essere "tirato" da una parte o dall'altra come qualcosa di doloroso.
Ma lui gli ha esplicitamente detto che il problema è LEI e che LUI SE NE LAVA LE MANI!
Questo è molto diverso dal tuo atteggiamento e dal tuo modo di esporre la questione, lui non dice di si a tutti, lui dice di si solo ai suoi (come per le vacanze e tutto quello che ci ha raccontato) e LEI è il problema.
Credo che in questa situazione la persona buona sia LEI che avrebbe voluto da lui un pò di sostegno e protezione.
Infine penso che la questione si possa legare tutta alla tua domanda: perchè non cerca un lavoro? La risposta è molto semplice: perchè dovrebbe farlo se ha le spalle coperte?
Marialucia Landolfi

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads