Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

1

Friday, June 12th 2020, 11:30am

È cambiato tutto!

Nell'universo coppia è cambiato tutto! Qualcuno potrebbe dire "Menomale che è cambiato tutto!" E pare che le donne che fanno il primo passo siano MOLTO apprezzate dall'uomo!
La mia parte donna orgogliosa e indipendente continua a strillare "Perché dobbiamo star lì a fare le splendide in attesa che il maschio di turno ci chieda di uscire? Non ho bisogno che un uomo ci provi per sentirmi donna! O addirittura che debba essere l'uomo il primo a mostrare interesse mi sembra esagerato! Se non siamo noi donne a levarci di dosso per prime l'immagine di debolucce che lasciano decidere tutto al proprio compagno... Loro non ci considereranno mai esseri umani pari a loro, ma sempre come agnellini da difendere!"...
Però poi TOC TOC... CHI È?... È arriva l'altra parte di me, quella romantica, fragile e coccolosa...Che riflette e pensa che al giorno d'oggi l'uomo è diventato molto insicuro, colpa forse anche del modello di donna moderna che è molto più libera e indipendente... l'uomo è sempre stato predatore, il problema è che noi donne siam diventate meno prede...ma è bello che l'uomo prenda l' iniziativa...la donna senza fare passi marcati deve solo dare più conforto all'uomo facendo capire qualcosa con qualche piccolo gesto..basta uno sguardo, una parola, un cenno. ..in modo da incoraggiarlo... Che ne pensate?
Anche oggi ho messo nero su bianco il mio vaneggio... Buona rega!!!
Dany
L'imperfezione è bellezza, la pazzia è genialità, ed è meglio essere assolutamente ridicoli che assolutamente noiosi... Alcune persone non impazziscono mai. Che vite davvero orribili devono condurre!!!

ipposam

Amico Inseparabile

Posts: 1,165

Activitypoints: 3,697

Date of registration: Mar 25th 2015

  • Send private message

2

Friday, June 12th 2020, 12:24pm

Non so, non percepisco questi grandi cambiamenti, credo dipenda al periodo di riferimento.
Da che mi ricordi ho sempre visto una certa reciprocità nel corteggiamento, cioè entrambi ci si gira intorno, ci si studia, e ci si mette in gioco.
L'unica evoluzione che vedo io da entrambe le parti però è che l'approccio fisico è molto più easy.

3

Friday, June 12th 2020, 7:58pm

Penso che tutti siamo il frutto di condizionamenti di tipo sociale (vedasi le aspettative sul genere) e poi abbiamo anche parti interne che spesso si trovano in conflitto l'una con l'altra. Parti fragili, romantiche, che aspirano al sentirsi protette con parti in cui ci ritroviamo a dover uscire da un ruolo passivo per vestine un altro attivo e così via.

Sul discorso cambiamento, beh, di certo oggi rispetto a "ieri" sono venuti a mancare dei contenitori sociali, come l'istituzione del matrimonio. Il mercato delle relazioni si è liberato da ruoli fissi e rigidi ma la società è diventata anche più "individualista, nel senso che se prima la realizzazione era sposarsi e sacrificare alcuni desideri personali per avere un posto nella società come moglie o marito in prospettiva di una famiglia oggi c'è la tendenza a cercare la realizzazione nell' "amore" dunque nella prospettiva di una coppia e quindi un partner che è un soggetto singolo e che dovrebbe essere responsabile di questa ricerca di felicità, e qui purtroppo la coperta diventa corta.

Detto cio' a differenza di cio' che si dice sul modo in cui si comporta o dovrebbe comportarsi un genere, penso che esista il soggetto e quindi ognuno è a se, ci si puo' confrontare con una vasta gamma di personalità sia femminili che maschili. La cosa positiva è che, a differenza "dei tempi passati" dove un matrimonio durava per sempre solo perché di fatto non si poteva "sciogliere" per questioni culturali, oggi si puo' fare un percorso di crescita in ambito relazionale. Tutti hanno più di una relazione nell'arco della vita che serve come "banco prova" ed è il vissuto che prepara alle esperienze successive, e questo puo' essere formativo.

Se in nostri nonni imparavano a stare, spesso con enormi sofferenze e sacrifici (specie da parte delle donne) con la stessa persona a vita, oggi, bisogna intraprendere un proprio percorso imparando il giusto equilibrio fra quello che sarà il nostro cammino da singoli e chi questo cammino potrà solo affiancarlo.

Ormai ho abbracciato l'idea che veniamo a questo mondo per imparare delle lezioni e se riusciamo a trarre insegnamento la vita ci offre un "dono/riscatto" per le sofferenze e le delusioni, se rifiutiamo l'insegnamento la vita invece ci pone sempre quel problema di fronte.

Le relazioni per me sono parte di questo processo. Una volta lessi una frase forse poco romantica ma a mio avviso vera, l'amore non arriva per renderci "felici" ma consapevoli. Che non significa l'amore non possa dare felicità, anzi, ma comprendere che quella felicità passa dalla consapevolezza altrimenti tendiamo a farci sopraffare tutti quei comportamenti e atteggiamenti (anche inconsci) che sono responsabili delle relazioni infelici.

A giudicare di come amore e relazioni siano argomenti sempre caldi, purtroppo moltissime persone (io azzarderei tutti) avvertono in questo tempo una difficoltà, una forma di incertezza. C'è sfiducia nell'aria. Alcuni psicologi affermano che l'80% delle persone si rivolge a loro per problematiche sentimentali o indirettamente connesse alle relazioni sentimentali.

gloriasinegloria

Pilastro del Forum

Posts: 2,659

Activitypoints: 8,208

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

4

Saturday, June 13th 2020, 11:20am

ma è bello che l'uomo prenda l' iniziativa...la donna senza fare passi marcati deve solo dare più conforto all'uomo facendo capire qualcosa con qualche piccolo gesto..basta uno sguardo, una parola, un cenno. ..in modo da incoraggiarlo... Che ne pensate?


Secondo me hai centrato un punto importante e vero.

Rifletto su questo ; si è sempre detto che "sono le donne che scelgono gli uomini" e pare proprio che sia sempre stato vero (non solo da qualche decennio).
Anche se penso alla generazione di mio padre (che aveva 35-40 anni mezzo secolo fa)...so benissimo che valeva per lui e per parecchi suoi colleghi ed amici il fatto che (pur non essendo affatto castigati o baccchettoni) hanno colto molti meno "fiori" di quelli che sapevano di poter cogliere, in base ai messaggi lanciati dal mondo donna.

Questo per dire che il gioco del reciproco avvicinamento c'è sempre stato.
Ma secondo me cogli il cuore del "problema" quando registri che a venir meno , in modo impietoso e talvolta imbarazzante, è stata l'Arte della Seduzione.

E da questo, sempre secondo me, ci hanno rimesso e ci stanno sempre più rimettendo tutti, uomini e donne.
Sai dove percepisco ancora una grande Capacità Seduttiva e il suo culto? ...Tra gli amici omosessuali maschi (tra loro, ovvio!) . :assi:
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

5

Saturday, June 13th 2020, 11:56am

secondo me, a prescindere dai costumi sociali nei diversi periodi storici, più o meno recente, in quest'ambito prevale la componente sessuale. essendo la sessualità femminile sostanzialmente accogliente, mentre quella maschili più predatoria, il gioco della seduzione e quindi i meccanismi per costruire un legame di coppia passano proprio per questa sostanziale differenza
namasté

gloriasinegloria

Pilastro del Forum

Posts: 2,659

Activitypoints: 8,208

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

6

Saturday, June 13th 2020, 12:07pm

in quest'ambito prevale la componente sessuale

S' certo, da sempre, non da oggi.

essendo la sessualità femminile sostanzialmente accogliente, mentre quella maschili più predatoria, il gioco della seduzione e quindi i meccanismi per costruire un legame di coppia passano proprio per questa sostanziale differenza


Non mi è particolarmente chiaro cosa tu voglia dire, ma mi sembra abbastanza intuitivo che una donna che si mette su Tinder (tanto per dire) o che recita la Lante della Rovere di 50 anni fa in pose da mistress ...un grande effetto seduttivo non lo ottiene OGGI, ancor più perchè è ormai il caso di dire che "così fan tutte" ....
Poi per fortuna non lo fanno "tutte", ma quanto possano distruggere PER TUTTI E IN TUTTI quelle che lo fanno...secondo me non è neanche immaginabile.
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

7

Saturday, June 13th 2020, 12:12pm

mi riferivo alla frase di mammadany in cui dice che nonostante siano cambiati i costumi è piacevole che l'uomo prenda l'iniziativa.
per me è questione strettamente sessuale che ci definisce sotto questo profilo.
namasté

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo tuttora, perché penso di avere ancora tante destinazioni da raggiungere. Mentre il mondo appare pieno di indecisi sulle mete da raggiungere e di angosciati per aver scoperto che Babbo Natale non esiste

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,896

Activitypoints: 5,941

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

8

Saturday, June 13th 2020, 12:39pm

Nell'universo coppia è cambiato tutto! Qualcuno potrebbe dire "Menomale che è cambiato tutto!" E pare che le donne che fanno il primo passo siano MOLTO apprezzate dall'uomo!

La mia parte donna orgogliosa e indipendente continua a strillare "Perché dobbiamo star lì a fare le splendide in attesa che il maschio di turno ci chieda di uscire? Non ho bisogno che un uomo ci provi per sentirmi donna! O addirittura che debba essere l'uomo il primo a mostrare interesse mi sembra esagerato! Se non siamo noi donne a levarci di dosso per prime l'immagine di debolucce che lasciano decidere tutto al proprio compagno... Loro non ci considereranno mai esseri umani pari a loro, ma sempre come agnellini da difendere!"...


Provo ad offrire un contributo maschile sull'argomento.

Sono cosciente, da maschio, che il cambiamento c'è stato, e non è una sorpresa di oggi, anche in Italia.
Direi che sono almeno 30 anni che si è percepito nel nostro paese come un fenomeno abbastanza graduale, ma all'estero si era già consolidato.

Sul grado di apprezzamento da parte maschile, non direi che c'è stato "MOLTO" apprezzamento: si è oscillato e si oscilla tra un certo sollievo (i rapporti sono più chiari e si è ridotta la consistente parte di equivoco che ha caratterizzato tradizionalmente i rapporti uomo/donna) ed un certo disappunto di fondo.
Provo a spiegare cosa intendo per disappunto: si è ingenerato, con il cambiamento (forse la storia lo giudicherà un epocale riequilibrio tra il ruolo maschile e quello femminile) dei costumi il timore che alla facilità di scelta femminile e dell'approccio verso una libera sessualità corrisponda una probabile facilità di costumi e questo ha fatto pensare ad una certa inaffidabilità del medesimo genere femminile. Un atteggiamento di sfiducia … o se volete un malcelato rifiuto della possibilità femminile di fare confronti, talvolta impietosi, con altri uomini.

Perché mai ti dovresti sposare, mettere al mondo dei figli, impegnare tutte le tue energie se il rapporto con la tua compagna può liquidarsi rapidamente, o quantomeno con molte meno remore di una volta ?

Però, dal lato femminile, mi sento di dire, c'è pure stata una sostanziale incertezza, dopo il raggiungimento della consapevolezza del cambiamento dei costumi, perché se le modalità di formazione della coppia sono cambiate, ed è più facile fare esperienze (anche sessualmente), molte donne, in fondo sono combattute dalla voglia di ottenere dal loro uomo un trattamento "tradizionale" di maggior rispetto e considerazione.
Insomma, oggi la parte femminile è - ovviamente è una generalizzazione concernente la tendenza - orgogliosa della propria indipendenza ma scontenta del risultato ottenuto perché la parte maschile ha apprezzato la disponibilità sessuale (e approfitta delle maggiori opportunità) ma tende a manifestare una certa volatilità nella realizzazione di un comune progetto di vita (atteso un frequente rifiuto/timore di rapporti stabili più impegnativi).

Questa è la mia impressione, da osservatore dei fenomeni sociali attorno a me.
Posso sbagliare ma le indicazioni raccolte mi hanno fatto sviluppare le considerazioni sopra esposte.




Però poi TOC TOC... CHI È?... È arriva l'altra parte di me, quella romantica, fragile e coccolosa...Che riflette e pensa che al giorno d'oggi l'uomo è diventato molto insicuro, colpa forse anche del modello di donna moderna che è molto più libera e indipendente... l'uomo è sempre stato predatore, il problema è che noi donne siam diventate meno prede...ma è bello che l'uomo prenda l' iniziativa...la donna senza fare passi marcati deve solo dare più conforto all'uomo facendo capire qualcosa con qualche piccolo gesto..basta uno sguardo, una parola, un cenno. ..in modo da incoraggiarlo... Che ne pensate?


Penso che sia la tentazione del passo del gambero: si va avanti ma anche di lato ed indietro.
Al timore maschile per l'evoluzione forse c'è una simmetrica paura di essere andate troppo avanti.

La storia dirà se si raggiungeranno punti di equilibrio più rassicuranti.

P.
(---------------;)-----------------)
Hold fast to dreams / For if dreams die /Life is a broken-winged bird / That cannot fly.
Hold fast to dreams / For when dreams go / Life is a barren field / Frozen with snow
(Dreams, Langston Hughes)

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,853

Activitypoints: 23,915

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

9

Saturday, June 13th 2020, 12:48pm

Io non credo a modelli che esistano per legge di natura. Deve prendere l'iniziativa l'uomo o la donna?...francamente non mi interessa molto...l'importante è che qualcuno lo faccia
La prima volta fa sempre male
La prima volta ti fa tremare
Sei tu sei tu sei tu chi può darti di più

(Subcomandante Fran)

gloriasinegloria

Pilastro del Forum

Posts: 2,659

Activitypoints: 8,208

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

10

Saturday, June 13th 2020, 12:59pm

mi riferivo alla frase di mammadany in cui dice che nonostante siano cambiati i costumi è piacevole che l'uomo prenda l'iniziativa.
per me è questione strettamente sessuale che ci definisce sotto questo profilo.


Ah ok, grazie della spiegazione.
Ma anche a non voler essere così drastici nei "ruoli" sessuali della seduzione (poi io personalmente lo sarei, ma questo non conta niente) a me sembra che la condotta femminile degli ultimi decenni abbia disintengrato il senso stesso della "seduzione" .
E non lo ha distrutto solo per chi non sa cosa sia la Seduzione, ma lo ha distrutto per tutto il mondo donna e poi per tutto il mondo uomo!

E hai detto proprio benissimo prima : il movente è sempre sessuale! Ma quando questo lo appaghi velocemente e anche annoiatamente (o meglio lo svilisci ai tuoi stessi occhi ) scegliendo un incortro tra mille offerte su Tinder o trombandoti l'ennesima pantera che ti apre le gambe mostrandotela (esattamente come altre mille) ...e dimmi tu cosa resta della Seduzione!
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

11

Saturday, June 13th 2020, 4:22pm

no, non volevo dire questo
quando consumiamo sesso per sport non siamo nella nostra natura, esercitiamo solo potere
cmq, lasciamo perdere, sennò andiamo OT
quando ci sarà l'occasione cercherò di spiegarmi meglio. sono stata troppo sintetica
namasté

This post has been edited 1 times, last edit by "la huesera" (Jun 13th 2020, 5:42pm)


gloriasinegloria

Pilastro del Forum

Posts: 2,659

Activitypoints: 8,208

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

12

Saturday, June 13th 2020, 6:20pm

oggi la parte femminile è - ovviamente è una generalizzazione concernente la tendenza - orgogliosa della propria indipendenza ma scontenta del risultato ottenuto perché la parte maschile ha apprezzato la disponibilità sessuale (e approfitta delle maggiori opportunità) ma tende a manifestare una certa volatilità nella realizzazione di un comune progetto di vita (atteso un frequente rifiuto/timore di rapporti stabili più impegnativi).

Questa è la mia impressione, da osservatore dei fenomeni sociali attorno a me.


Condivido appieno l'intero post e ho le stesse tue impressioni.
Ma mi piacerebbe riflettere su un punto particolare : vera e costatabilissima da chiunque ogni tua parola, però almeno secondo me la volatilità di relazioni non deriva tanto da un'idea di inaffidabilità femminile (anche perchè...avessimo dovuto basarci nei secoli su quella maschile...ci saremmo estinti! :assi: ) , quanto piuttosto dal fatto che si è radicata (grazie al contegno femminile) una così convinta idea di FUNGIBILITA' (che è verissima e infatti si realizza ogni giorno e dovunque) che non solo toglie ogni fascino alla "conquista" , ma ne mina proprio le fondamenta motivazionali !
Come dire che al maschile si finisce persino per ignorare (per non aver mai avuto la necessità di esperirlo) il piacere stesso della conquista

Chiedo anticipatamente scusa dell'orrido paragone in cui fa comodo la metafora del "cacciatore" : ma anche il miglior cacciatore...diventa poi difficile che si alzi alle tre di notte e vada per boschi, se lo fornisci di un congelatore pieno di carni già sezionate e spellate o spennate, e pronte per la pentola. E ok saranno d'allevamento, ma al pasto quotidiano sono così funzionali ! :D
Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. (L. Tolstoj)

amoreperduto

Piu' duro della vita

Posts: 1,175

Activitypoints: 3,185

Date of registration: Jan 24th 2015

  • Send private message

13

Saturday, June 13th 2020, 7:47pm

Non sono un esperto che ha i grandi numeri per poter dare una opinione oggettiva. Ma posso dare la mia esperienza e osservazione diretta.

1) La natura ha creato l'uomo e la donna molto diversi e per preservare la specie. L'uomoe' fisicamente molto piu' forte della donna, e' molto piu' aggressivo (testosterone...). Il suo compito "naturale" e' quello di difendere la donna e la famiglia dagli attacchi esterni, siano essi di altri atti naturali (climatici, altri uomoni, anmali etc.). L'aggressivita' serve a procacciare il cibo, anche rubando e facendo cose terribili ai propri simili...

2) Come risultato di 1, l'uomo potente, aggressivo, che sa "importsi" a qualunque mezzo, risulta molto attraente per il genere femminile. Ad esempio, i mafiosi sono circondati da maree di donne bellissime (e senza scrupoli pure loro).

3) Al contrario, la donna remissiva, accodiscendente, disponibile, e' quella che in media l'uomo cerca, in questa naturale propensione a preservare la specie

4) Il sesso e' molto sbilanciato fra uomo e donna: l'uomo ha bisogno fisico impellente, costante, urgente, di eiuaculare: nuovo liquido seminale deve essere formato per assicurare solo i migliori spermatozoi un successo riproduttivo. Questo crea una forte domanda di sesso da parte dell'uomo. molto piu' forte di quella della donna verso l'uomo. Questo da' in natura un fortissimo potere sessuale alle donne, che dunque SCELGONO SEMPRE loro il partner (poi l'uomo fa il classico rituale di corteggiamento etc., ma solo dopo che la donna ha deciso e gli da' corda e fa la difficile etc., in un gioco consolidato nei millenni) Questo spiega anche l'esistenza dei bordelli "solo per uomini" mentre i bordelli "solo per donne" difatto non esistono. E non ci sono solo ragionidi cultura, ma la ragione e' biologica: il mestiere piu' antico del mondo e' quasi totalmente rivolto a uomini. La donna non deve pagare, basta che avvicina un qualunque uomo in strada. Se non sara' il primo sara' il quarto; se lo facesse l'uomo, questo finirebbe in alcune ore dietro le sbarre con vari reati sul proprio carico

5) Le disparita' di appetiti sessuali determinano negli uomini "una lotta" ferocissima per contendersi le donne, che sono attratte proprio "dal vincitore". E gli uomini si ricoprono di nefandezze varie per essere vincenti...e le donne fanno finta di non sapere queste cose (pensate alle moglie dei mafiosi piu' spaventosi). Questo comporta una selezione naturale e pochissimi uomini hanno molte donne a disposizione,che "controllano"con la forza fisica. Ma le donne a loro vola "reagiscono" con le arti seduttive (le donne che manipolano i sovrani sono molto comuni nella storia)

6) Nell'orine "naturale" un uomo ingravida dunque molte donne: i suoi appetiti sessuali sono una pulsione troppoforte. Le donne, simmetriamente, essendo deboli fisicamente, devono assoggettarsi e farsi proeggere. Questo le rende "preziose" agli occhi degli uomini, una proprieta' "loro". E, in generale, la societa' da' un grandissimo rilievo alle donne anche perche' possono fare i figli, che sono la vera ricchezza. Dunque il detto: "prima donne e bambini" nasconde questovalore intrineco enorme dato alle donne che possono generare la vita

7) Questo generare la vita e' anche un "problema" per la donna: la donna adulterina ha presto figli "altrui" da crescere, e non potendolo fare autonomamente nella grandissima maggioranza dei casi, sihanno problemi immensi. Ecco perche' la societa' ha inventato tutta una serie di regole e costrizioni per impedire sesso fra donne con uomini in maniera "incontrollata": sesso vuol dire figli e questi rappresentano un problema se fuori dalle coppie "ufficiali"

8) L'avvento della parita' fra i sessi (che io moralmente sacrosanta, trovo odioso i padri ad esempio che danno in sposa le loro foglie per logiche di scambio), la contraccezione ha eliminato i "bilanciamenti" che la natura aveva creato. Ora la donna puo' tranquillamente cambiare partner senza avere i problemi del passato. E puo' anche crescere la prole autonomamente. L'uomo e' spiazzato: la sua forza fisica e' quasi inutile in un mondo di servizi terziari. LA donna oa si prende quel che vuole: delle donne che conosco, esse hanno centinaia di partner diversi nella loro vita (anche se ufficialmente essi sono molti di meno). Gli uomini, quando va bene, si fermanoalle dita di una mano

9) La soluzione potrebbe essere quella di insegnare regole che non possono piu' valere oggi (l'uomo cacciatore, forte, la donna preda e remissiva). Bisogna prendere coscienza della parita' dei sessi e difendere il sesso debole (la dona guadagna di meno, ma anche questo e' sempre meno vero nelle societa' avanzate), che e' l'uomo. L'uomo ha ancora i bisogni sessuali che la natura ha creato. Ma le donne "disponibili" sono molto diminuite per via del cambio di regole sociali. Igoverni dovrebbero:
A) diminuire le ore lavorative: la gente non puo' neanche pensare ad una vita sociale e spesso deve fare 2 lavori solo per sopravvivere mentre altri guadagnano migliaia di volte un operaio. Bisognerebbe ,mettere una regola tipo che in una azineda il piu' pagato (CEO) non puo' avere piu' di 100 volte lo stipendio dell'operaio. Non 'e possibile avere un operaio che guadagna 1000 euro al mese e un datore di lavoro che guadagna dieci milionidi euro al mese. Quelle risorse andrebbero redistribuite per permettere una vita piu' armoniosa, anche sociale
B) Tassare immobili molto di piu' e detassare il lavoro per dare piu' risorse anche alle donne
C) Aumentare i servizi sociali asili etc.
D) Creare una societa' piu' aperta: un tempo esistevano le chiese che erano i matrimonifici. Ora con internet si e' molto piu' soli. Bisognerebbe crare occasioni di incontro...

Mi fermo qui.

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads