Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Shadow84

Utente Attivo

  • "Shadow84" is male
  • "Shadow84" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 69

Date of registration: Jun 7th 2013

  • Send private message

1

Tuesday, June 11th 2013, 2:17am

Sfigati si nasce?

Faccio questa domanda in primo luogo perchè mi riconosco nella categoria.

Nella vita sociale sono messo abbastanza male: avete presente la classica persona che, in compagnia di altri, parla pochissimo e si limita ad ascoltare in disparte? Ecco sono io. I pochi amici che ho hanno orari diversi dal mio e abbiamo difficoltà ad incontrarci. In più, anche se con loro mi sento abbastanza tranquilo e spigliato, ho la sensazione che non siano poi così entusiasti di uscire con me. Forse perchè sono il tipo da bibita al bar e due chiacchiere piuttosto che da discoteca...

Del lavoro non parliamone: quasi tutte le mattine mi alzo col pensiero di andare a fare un lavoro che mi causa più grattacapi che altro. Per il 90% del tempo svolgo incarichi frustranti, mentre il restante 10% del tempo, quando si azzardano a passarmi incarichi di maggior responsabilità, mi sento sperduto e non combino niente di buono.

Dal punto di vista sentimentale, esco da poco da una relazione (l'unica!) durata pochi anni, i migliori della mia vita. Relazione che ho dovuto concludere perchè lei aveva problemi psicologici più grossi dei miei...

Dopo questa relazione sono ritornato quello di prima, ovvero un ragazzo insicuro, imbranato e incapace di prendere una decisione autonoma. Senza contare i genitori oppressivi che non mi aiutano certo a sviluppare un carattere maturo.

Ritornando al titolo del thread: una persona come me è destinata a vivere da sfigato o ha possibilità di salvezza? Come mai tutti gli sorzi che faccio per ripartire vengono sistematicamente distrutti dalle avversità?

Chiedo scusa per lo sfogo inteminabile ma ne sntivo il bisogno...

gigliodorato

Utente Avanzato

  • "gigliodorato" is male
  • "gigliodorato" has been banned

Posts: 587

Activitypoints: 2,159

Date of registration: Dec 5th 2011

Location: Con la mente nell'infinito

  • Send private message

2

Tuesday, June 11th 2013, 8:52am

Guarda che qui lo sfogo è di casa per tutti, non sentirti in colpa per questo. La sfortuna è una cosa senza definizione e pertanto non deve essere una certezza nella vita. Gli ostacoli non hanno metro, forse siamo noi che li ingrandiamo a dismisura e volontariamente.
Se affettivamente "Dopo questa relazione sono ritornato quello di prima, ovvero un ragazzo insicuro, imbranato e incapace di prendere una decisione autonoma. Senza contare i genitori oppressivi che non mi aiutano certo a sviluppare un carattere maturo.", io non farei altro che cercare nuove opportunità, ragazze e donne non mancano a questo mondo, anzi sono anche in sovrannumero... :D . Per i genitori, non per forza sono vincoli su cui far girare la propria vita, qualche errore è necessario, per partire in autonomia e per ripartire una volta capito il meccanismo della vita... Scusami se ti rispondo in maniera ioronica, ma mi son rivisto di tanti anni fa...
Solo me stesso mi ascolta oramai, commenta in silenzio.

Carlheinz

Utente Attivo

Posts: 21

Activitypoints: 70

Date of registration: May 22nd 2013

  • Send private message

3

Tuesday, June 11th 2013, 3:39pm

comincerei dal rivedere il termine "sfigato".
Poi dovresti vedere le cose da un altro punto di vista, scoprirai che gli altri sono più sfigati di te... ma è una lunga storia

kolo

Giovane Amico

  • "kolo" is male
  • "kolo" has been banned

Posts: 225

Activitypoints: 717

Date of registration: Sep 2nd 2012

  • Send private message

4

Tuesday, June 11th 2013, 3:51pm

Shadow, tranquillo, la tua è una situazione genetica, non puoi migliorare. Quindi puoi metterti il cuore in pace e rasserenarti l'animo.

La condizione di sfigato è di natura antropologica e deriva dall'esistenza di una razza di scimmie del tutto simile alle altre, tranne per il fatto di essere sfigate. Da allora lo sviluppo di questa specie è stata parallela al resto della popolazione, ma il carattere sfigato non si è mai estinto del tutto.

Quindi la tua appartenenza al ceppo "sfigatus" è immodificabile, al pari dell'appartenenza ad una casta indiana.

Volevi sentirti dire questo ? :assi:
BUH !

michael88

Utente Avanzato

  • "michael88" is male
  • "michael88" has been banned

Posts: 809

Activitypoints: 2,616

Date of registration: Sep 17th 2011

  • Send private message

5

Tuesday, June 11th 2013, 4:04pm

comincerei dal rivedere il termine "sfigato".
Poi dovresti vedere le cose da un altro punto di vista, scoprirai che gli altri sono più sfigati di te... ma è una lunga storia


Quale sarebbe questo altro punto di vista dove gli altri sono più sfigati? Raccontala questa lunga storia.
La cosa più importante, la base per risolvere i tuoi problemi è che ''NON TI DEVI SENTIRE SFIGATO'', scommetto che sono le ragazze che ti hanno messo in testa di essere sfigato, perchè sono loro che usano sempre questo termine a sproposito per offendere.

Carlheinz

Utente Attivo

Posts: 21

Activitypoints: 70

Date of registration: May 22nd 2013

  • Send private message

6

Tuesday, June 11th 2013, 4:21pm

Quale sarebbe questo altro punto di vista dove gli altri sono più sfigati? Raccontala questa lunga storia.




Quale sarebbe questo altro punto di vista dove gli altri sono più sfigati? Raccontala questa lunga storia.
La cosa più importante, la base per risolvere i tuoi problemi è che ''NON TI DEVI SENTIRE SFIGATO'', scommetto che sono le ragazze che ti hanno messo in testa di essere sfigato, perchè sono loro che usano sempre questo termine a sproposito per offendere.
direi che l'usare il termine "sfigato" è proprio degli sfigati...

michael88

Utente Avanzato

  • "michael88" is male
  • "michael88" has been banned

Posts: 809

Activitypoints: 2,616

Date of registration: Sep 17th 2011

  • Send private message

7

Tuesday, June 11th 2013, 4:24pm

Quale sarebbe questo altro punto di vista dove gli altri sono più sfigati? Raccontala questa lunga storia.




Quale sarebbe questo altro punto di vista dove gli altri sono più sfigati? Raccontala questa lunga storia.
La cosa più importante, la base per risolvere i tuoi problemi è che ''NON TI DEVI SENTIRE SFIGATO'', scommetto che sono le ragazze che ti hanno messo in testa di essere sfigato, perchè sono loro che usano sempre questo termine a sproposito per offendere.
direi che l'usare il termine "sfigato" è proprio degli sfigati...


Bravo esatto, il fatto è che è un termine che utilizzano solo ed esclusivamente le ragazze, quindi secondo te si autodefiniscono?

Carlheinz

Utente Attivo

Posts: 21

Activitypoints: 70

Date of registration: May 22nd 2013

  • Send private message

8

Tuesday, June 11th 2013, 4:46pm

si certamente. In un certo senso è un problema loro...

michael88

Utente Avanzato

  • "michael88" is male
  • "michael88" has been banned

Posts: 809

Activitypoints: 2,616

Date of registration: Sep 17th 2011

  • Send private message

9

Tuesday, June 11th 2013, 4:57pm

si certamente. In un certo senso è un problema loro...


Si concordo. Bene abbiamo trovato di chi è la colpa e abbiamo risolto i problemi di Shadow84, mi sento soddisfatto

Carlheinz

Utente Attivo

Posts: 21

Activitypoints: 70

Date of registration: May 22nd 2013

  • Send private message

10

Tuesday, June 11th 2013, 5:30pm

credo piuttosto che i "problemi" di shadow e analoghi andrebbero analizzati più in profondità, tutto qui non emetto sentenze né ho la presunzione di dire la verità

_Sehnsucht_

Io sono destinata ad avere l'anima perpetuamente in tempesta

  • "_Sehnsucht_" is female

Posts: 712

Activitypoints: 2,235

Date of registration: Mar 6th 2013

Location: Nowhere

  • Send private message

11

Tuesday, June 11th 2013, 10:03pm

Appunto Carl, liquidare il problema di Shadow con sta giustificazione da quattro soldi non serve assolutamente a nulla ed è priva di ogni fondamento, la parola sfigato la usano indistintamente uomini e donne, spesso in realtà la sento usare in senso ironico, chi ci crede veramente solitamente è un superficialotto da prendere con le pinze.

Se si è dei tristi misogeni (non è rivolto tutti ma a chi si è espresso come al solito in tal senso) e ogni vostra paranoia la riconducete alle donne perché siete dei frustrati che non sanno riconoscere i propri difetti e guardate solo quelli altrui perché fa comodo ed è la via più facile, tenetevi questo scaricabarile per la vostra mente ottusa e non infettate quella di chi cerca solo un aiuto utile e costruttivo, con ste cazzate non si fanno discussioni costruttive ma si alimentano solo polemiche STERILI ed INUTILI A TUTTI.
Invece di sfogare la vostra frustrazione su un forum dove son bravi tutti a sputare sentenze protetti dietro a uno schermo, vi consiglierei di andare a fare i predicatori in giro per l'Italia visto che vi credete così illuminati, così magari qualcuno vi dà una svegliata come si deve su come veramente girano le cose.

Ritornando in topic che è una cosa ben più seria di ste bambinate con cui sarebbe l'ora di darci un taglio, almeno a mio avviso la sfiga è una cosa che si è creata più o meno come le religioni, cioè fa comodo per giustificare qualcosa di astratto che non è comprensibile e tangibile nel concreto per manipolare le menti della gente volubile che non riesce per un motivo o per un altro a farsi una sua opinione stabile e obiettiva.

Dalla tua descrizione non ti definirei sfigato ma piuttosto insicuro ed impacciato che non sono caratteristiche da vedere solo in negativo, la personalità di ognuno non va giudicata così alla buona ma nel suo bene e nel suo male (poi per certi versi è modificabile almeno in parte), se iniziassi a lavorare sulla tua autostima magari tramite una psicoterapia, potresti migliorare molto con il giusto impegno e costanza e riuscire quindi a piccoli passi ad avere quella vita e quelle relazioni che vorresti costruire come tutti meritano.
Inizia un percorso e vedrai che tutta quella sfiga che pensi è una cosa che prima o poi affrontiamo tutti chi più chi meno, genetica o destino non c'entrano niente ;)

Sai quante volte mi sono scoraggiata e ho iniziato a pensare che capitassero tutte a me, ma poi parlando con la gente mi rendo conto che non sono certo l'unica e c'è pure chi sta messo molto peggio e ha meno mezzi per recuperare, anche se tutto sta nel tentare almeno.
"Il problema era che doveva continuare a scegliere tra un male o un altro." C. Bukowski

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

12

Tuesday, June 11th 2013, 10:50pm

Assolutamente no.
Sono idee che abbiamo noi e che hanno gli altri di noi o di situazioni in particolare, per esempio un disabile motorio può essere considerato sfigato perchè non può camminare o correre ma se quel disabile vive bene la sua condizione, la sfiga non esiste, nonostante sia svantaggiato nella vita.
Poi qui si parla di svantaggi psicologici e so benissimo che anche l'ansia e la depressione sono svantaggi, ma sono svantaggi se permettiamo che lo diventino.
Cioè se io so di essere soggetta a mesi di depressione periodici non è che i mesi in cui sto bene devo stare in ansia pensando a quando starò male, se no non vivo più.

Shadow84

Utente Attivo

  • "Shadow84" is male
  • "Shadow84" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 69

Date of registration: Jun 7th 2013

  • Send private message

13

Wednesday, June 12th 2013, 1:37am

Grazie a tutti per le risposte!

Per prima cosa vorrei smentire i post di chi dà la colpa del mio sentirmi sfigato al genere femminile. Anzi semmai penso il contrario: è proprio il mio carattere insicuro che mi porta ad avere insuccessi sentimentali.

Sono d'accordo con Sehnsucht sul fatto che alla base del mio problema c'è un basso livello di autostima, ma come si può sostenere la propria autostima quando si commettono errori evitabili? Mi capita spesso di commettere errori e di dire: "no, questa cosa non la devo fare così". E poi, quando mi ritrovo in una situazione analoga, vado a commettere lo stesso errore, senza riuscire a mettere in atto contromosse adeguate!

Qual'è allora il limite tra il sostenere la propria autostima e il rimanere ciechi di fronte alle proprie mancanze?

Dolphin84

Utente Avanzato

  • "Dolphin84" is male
  • "Dolphin84" has been banned

Posts: 911

Activitypoints: 2,853

Date of registration: Apr 15th 2013

  • Send private message

14

Wednesday, June 12th 2013, 3:00am

Nella vita c'è un razzismo sociale imperante. Nessuno vuole stare dalla parte dei perdenti, tutti vorrebbero essere in quella dei vincenti.

Sei timido? La maggior parte delle persone - ragazze in primis - ti reputerà sfigato.
Sei brutto? La maggior parte delle persone - ragazze in primis - ti reputerà sfigato.
Sei strano, ti vesti male? Hai passatempi insoliti tipo collezionare francobolli? Stessa cosa.

Mi spiace, ma o trovi un tuo microcosmo in cui le tue qualità sono apprezzate, oppure bisogna prima di tutto cambiare esteriormente per essere socialmente accettati.
Questa è la dura realtà, fattene una ragione.

Eh si, ha ragione Michael, le prime fautrici del razzismo sociale sono proprio le donne. Chi ha successo con le donne generalmente possiede i tratti dominanti del maschio alpha.
"I’m not apologizing for crap that isn’t my fault."

_Sehnsucht_

Io sono destinata ad avere l'anima perpetuamente in tempesta

  • "_Sehnsucht_" is female

Posts: 712

Activitypoints: 2,235

Date of registration: Mar 6th 2013

Location: Nowhere

  • Send private message

15

Wednesday, June 12th 2013, 9:37am

I primi a fare del razzismo sociale sono le persone sia UOMINI che DONNE che ragionano per schemi chiusi e classificano certi comportamenti definendoli maschili o femminili come se una categoria fosse meglio dell'altra invece di saper valutare equamente le cose senza fare di tutta l'erba un fascio e scadere come al solito in cliché, ma si vedere che il cervello è troppo limitato per arrivare a fare questo ragionamento da persona avveduta.
Il fatto che alcune persone si comportino in tot modo non autorizza NESSUNO a dire che lo fanno tutti, ma a quanto pare è un ragionamento troppo difficile da fare qua dentro.
Chi ha successo con le donne semmai non è un arrogante presuntuoso ottuso superficiale, e le donne a cui piacciono quei tipi lì di certo non sono da rincorrere esattamente come non lo sono quei tipi lì visto che non si può certo dire che siano dei pregi.
Le persone si apprezzano per come sono altrimenti se ne sta alla larga, non esiste che una persona debba cambiare esteriormente per compiacere una massa di superficialotti ottusi che credono ancora che l'abito faccia il monaco quando questa cosa vale ancora solo in certi frangenti.
Tra curarsi e plasmarsi sugli altri c'è un abisso.

Già il fatto Shadow che ti rendi conto di commettere errori comunque è un buon passo avanti, perché alla fine sei cosciente del fatto che hai bisogno di modificare dei tuoi meccanismi mentali per poter ottenere ciò che vorresti.
Quando la prima volta in una determinata situazione ti sei reso conto che non dovevi fare tot cosa, la volta dopo, se sei vicino a ricommettere lo stesso errore e te ne rendi conto per tempo, costringiti a ripercorrere con la mente il momento precedente in cui hai capito che non la dovevi fare, questo dovrebbe frenarti e quindi continuare come prima a non fare ciò che sai può lederti.
A volte però certi automatismi mentali richiedono appunto un intervento più incisivo come dicevo prima tramite la psicoterapia, perché non è che l'autostima si costruisce in un giorno, ci vuole un percorso costante in cui ti impegni a migliorare il migliorabile, poi alcuni tratti caratteriali rimarranno ugualmente ma ciò non significa che non esistono persone che possono apprezzarli, di gente a giro ce n'è tanta e tutta diversa una dall'altra, basta solo scovarla, anche se ci vuole tempo.
"Il problema era che doveva continuare a scegliere tra un male o un altro." C. Bukowski

This post has been edited 3 times, last edit by "_Sehnsucht_" (Jun 12th 2013, 9:53am)