Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Moonandsky

Utente Attivo

  • "Moonandsky" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 67

Date of registration: Aug 5th 2013

  • Send private message

1

Thursday, August 29th 2013, 1:44pm

Non c'è la faccio più, desidero scomparire...

Non so da dove iniziare … come prima cosa auguro un buongiorno a tutti, anche se per me non è lo stesso.
È da un paio di giorni che sono disperata e sono tornata di nuovo ad essere depressa.
Vorrei cominciare con ordine raccontando la mia storia (spero che siate disponibili ad ascoltare; per quanto possa sembrare insignificante, ha scatenato uno dei problemi più grossi della mia vita).
Sono sempre stata timida e per questo ho avuto sempre pochi amici. In più ero anche ingenua ; ad essere sincera ero proprio come quelle bambine che si vedono nei film, ovvero quelle che hanno dei valori, sono buone, gentili e nonostante le avversità della vita superano tutto con un sorriso. Ero così fino a pochi anni fa, poi tutto è cambiato è sono precipitata in un -quasi- inferno.
Durante il periodo scolastico capitai in una classe con compagne dal carattere a dir poco orrendo, le quali approfittando della mia ingenuità si presero gioco di me, mi deridevano, mi giudicavano e sono arrivate perfino ad offendermi e a diffamarmi pubblicamente. Durante quel periodo mi sentivo sola; avrei voluto dire tutto ai miei genitori ma provavo tanta vergogna per quello che stavo passando.
Pochi anni dopo capitai in un’altra classe e la situazione peggiorò; offese più di prima e questa volta mi deridevano anche per il mio aspetto fisico, dicendomene di tutti i colori, anche alcune parole “Pesanti” . “Grazie” a questi tipi ho finito sempre di più per odiare me stessa. Sia fisicamente (perché all’epoca non mi curavo come le mie coetanee) sia la me stessa insicura, spaventata e ingenua.
Inoltre durante il periodo estivo di quell’anno mi successe di stare per tre mesi a casa (uscivo rare volte) e in quel momento capii il mio problema. Ero disperata e non sapevo con chi parlarne. Così per non passare la stessa Odissea dell’anno precedente, decisi di comportarmi come le altre ragazze della mia età, ovvero truccarmi, avere una cura smaniosa per gli abiti e gli accessori, seguire i cantanti in voga del momento ecc.
Questo modo di fare è funzionato, ma solo in parte; infatti al rientro dalle vacanze, sono riuscita a legare un po’ con i compagni di classe nuovi (quelli vecchi mi trattavano allo stesso modo dell’altro anno), anche con alcuni ragazzi.
Fine della storia direte voi? No, perché è proprio durante quel periodo che sono iniziati i veri problemi. Ovvero per non prendere questi pochi amici che mi ero fatta, sono arrivata ad avere un’ossessione maniacale per il mio aspetto. Inoltre avevo sviluppato anche una nuova fobia (che ho tuttora): avevo paura di stare da sola; cioè se in una situazione non c’erano con me delle persone che conoscevo iniziavo a tremare fino ad arrivare a piangere in pubblico. Così ne decisi di parlare con i miei, ma loro non essendo informati su queste cose non capivano (credevano solamente che mi fossi scocciata di andare a scuola) e mi sgridavano solo; poi però la mia fobia mi ostacolò al punto che non potevo andare a scuola, così capirono e provammo a trovare una soluzione.
Abbiamo provato diversi specialisti, prima di trovare una psicologa che ha saputo aiutarmi a stare meglio (purtroppo le mie fobie non sono scomparse e l’ansia si è solo attenuata). Inoltra anche una mia amica veniva da questa psicologa (ovviamente per altri motivi), e quest’ultima ha utilizzato questo espediente per aiutarci a legare. Tutto sembrava andare liscio, sentivo che la mia vita era cambiata, però poi è arrivata quest’estate dove ho passato altri mesi sempre chiusa dentro casa. In questa situazione ho visto che nessuno dei nuovi amici che ho conosciuto ne tantomeno i vecchi si sono fatti sentire durante questo periodo, a dimostrazione che a nessuno importa niente di me. Per questo, ma anche per altri motivi sto male, mi sento come se fossi l’ultima ruota del carro, e sono tornate di nuovo le mie ansie e le mie fobie. Però non ne ho parlato con i miei; primo perché in questo periodo di crisi non hanno disponibilità economiche per permettersi di cercare uno psicologo, e secondo ho avuto l’impressione (che però si è confermata da delle parole di mia madre) che per loro sono un peso quando mi comporto così (anche loro sono stati provati da questa storia).
Per questo non so cosa fare e con chi parlarne. Mi sento sola, ho paura, e odio anche me stessa. Perché penso che se sarei stata più forte da rispondere a quegli atti di bullismo a quest’ora non avrei questi disturbi, se da piccola fossi stata più socievole avrei tanti amici e non soffrirei di solitudine. Penso che se non fossi mai nata i miei cari non soffrirebbero anche loro. Scusate per il lunghissimo sfogo, ma sento che se non avessi detto a qualcuno ciò che sentivo sarei esplosa. In questo momento desidererei ricominciare la vita da zero per renderla migliore, o almeno scomparire dalla faccia della terra per non soffrire più.
;(

auderesemper

Nuovo Utente

Posts: 7

Activitypoints: 42

Date of registration: Aug 27th 2013

  • Send private message

2

Friday, August 30th 2013, 12:48am

Ti capisco, so quanto possano bruciare le offese, le prese in giro e la discriminazione. Tuttavia io credo che l'importante, anche se ci senta soli, è credere fortemente in se stessi, ripetere a gran voce la propria forza e ciò che di migliore abbiamo. Ora tu, come tantissime persone, ti ritrovi a convivere con quest'ansia sociale, questo male subdolo che ti trattiene. Ma, mia cara, le persone sono tutte misere, comprese coloro che ti hanno scatenato tutto ciò. Tutti siamo insicuri, ma se combatti il sentimento d'inferioritá svanisce. Non avere paura, vivi nuove esperienze, conosci nuova gente che la fortuna gira. :-MSTR
Non desiderare di scomparire, eccelli nella vita e dimostra quanto vali. SI È SEMPRE IN TEMPO. Ciao!

Il Ramingo

Utente Attivo

Posts: 44

Activitypoints: 195

Date of registration: Jul 7th 2013

  • Send private message

3

Friday, August 30th 2013, 1:40am

Trovati delle passioni, magari con gruippi extrascolastici, che ti riempiano la vita AL DI FUORI della scuola. Per quest'ultima tieni duro, è tutta na farsa, io i veri amici li ho trovati tutti al di fuori di essa. Coraggio e in bocca al lupo, facci sapere come va.
"Quando lavorerai il suolo, esso non ti darà più i suoi prodotti: ramingo e fuggiasco sarai sulla terra."

_Sehnsucht_

Io sono destinata ad avere l'anima perpetuamente in tempesta

  • "_Sehnsucht_" is female

Posts: 712

Activitypoints: 2,235

Date of registration: Mar 6th 2013

Location: Nowhere

  • Send private message

4

Friday, August 30th 2013, 2:01pm

Mi dispiace sempre quando leggo storie del genere, ci sono passata anch'io e so cosa vuol dire, non ho mai perdonato nessuno di quelli che mi umiliarono da piccola in quel modo, loro credono di sì ma nonostante il loro essere ben disposti verso di me ora che siamo adulti, io continuo a considerarli poco e per fortuna loro fanno altrettanto visto che usciamo con gente diversa, escluse quelle volte che li incontro e allora parliamo come se niente fosse, io non mi fiderò mai più di persone del genere.

Non farti una colpa di non essere riuscita a difenderti dal bullismo, quando si è piccoli non si hanno scudi per certi tipi di attacchi, se si è poi persone sensibili si è più vulnerabili di altri, era chiaro che non potevi essere socievole in una situazione del genere, io ero scarsamente socievole e diffidavo di tutti finché non ho iniziato a conoscere gente nuova, da lì mi sono poi sbloccata e adesso sono molto espansiva e una parola non la nego a nessuno.

Chiaramente ricostruirsi un'autostima dopo anni di derisioni non è facile, sicuramente fare della psicoterapia costante ti farebbe bene, se non puoi farlo privatamente visto il costo potresti provare ad andare a sentire all'asl così da non pagare quasi niente.

Sono stata isolata per tanti anni anch'io, passavo praticamente le mie giornate su internet e quindi tutti i miei contatti erano virtuali, crescendo poi ho avuto la fortuna di conoscere tramite una ragazza un gruppetto di amici con cui di tanto in tanto uscivo, poi però esclusa una di loro me ne allontanai perché mi sentivo diversa in gusti e concetto di uscita.
Cmq una delle mie amiche più strette l'ho conosciuta su un forum, quindi io fossi in te prenderei in considerazione l'idea di conoscere persone tramite internet, magari su siti di cose che ti interessano come che so, la musica o altre passioni che tu hai, come ti è già stato detto dovresti dedicarti a qualche hobby, ti aiuta a sentirti meno sola e distrarre la mente dai pensieri negativi.

Se vuoi uscire da questa bolla, l'unica cosa che puoi fare è cercare di sbloccarti a piccoli passi, tipo che so inscrivendoti ad un corso di qualcosa che ti appassiona e magari lì potresti conoscere persone interessanti. Se pian piano ricomincerai a credere in te e negli altri, smetterai di odiare te stessa.
Inoltre tieni presente che la tua paura di stare sola deriva maggiormente dal fatto che tu non sopporti te stessa, se tu avessi un minimo di equilibrio e amor proprio, non ti peserebbe così tanto e accetteresti più facilmente il fatto che bisogna imparare a convivere in primis con se stessi per poter poi convivere con gli altri, cosa che riesce sempre molto difficile in questi casi.

Anch'io come Ramingo ho trovato amicizie tutte extra scuola, per via di quelle vicende ho sempre odiato e diffidato di qualsiasi persona venisse a scuola con me, mi sembravano tutti na massa di ipocriti compiacenti.
"Il problema era che doveva continuare a scegliere tra un male o un altro." C. Bukowski

Il Ramingo

Utente Attivo

Posts: 44

Activitypoints: 195

Date of registration: Jul 7th 2013

  • Send private message

5

Friday, August 30th 2013, 8:14pm

Approvo Sehnsucht. Il bello delle passioni è che ti riempiono a prescindere dagli altri.
"Quando lavorerai il suolo, esso non ti darà più i suoi prodotti: ramingo e fuggiasco sarai sulla terra."

Pesciesp

Nuovo Utente

Posts: 5

Activitypoints: 15

Date of registration: Aug 19th 2013

  • Send private message

6

Saturday, August 31st 2013, 6:39pm

Fine della storia direte voi? No, perché è proprio durante quel periodo che sono iniziati i veri problemi. Ovvero per non prendere questi pochi amici che mi ero fatta, sono arrivata ad avere un’ossessione maniacale per il mio aspetto. Inoltre avevo sviluppato anche una nuova fobia (che ho tuttora): avevo paura di stare da sola; cioè se in una situazione non c’erano con me delle persone che conoscevo iniziavo a tremare fino ad arrivare a piangere in pubblico. Così ne decisi di parlare con i miei, ma loro non essendo informati su queste cose non capivano (credevano solamente che mi fossi scocciata di andare a scuola) e mi sgridavano solo; poi però la mia fobia mi ostacolò al punto che non potevo andare a scuola, così capirono e provammo a trovare una soluzione.

Ciao, mi chiamo Mauro, non ti arrendere nel cercare amici e amiche, se ne trovano pochi nella vita, ma ti assicuro che ci sono. Secondo me qui in questo forum tu troverai amicizie, perché più o meno abbiamo tutti dei problemi e la cosa bella sarebbe aiutarsi a vicenda. Non pensare troppo a te stessa. Ci sono persone che hanno bisogno del tuo aiuto. Sai non esco quasi mai di casa, me ne sto a giornate al computer. Tutti abbiamo dei problemi e sarebbe (uso il condizionale perché a volte non è così, però penso che questo forum non fa parte di quella categoria) bello aiutarsi a vicenda. Sulla fobia dello stare da sola non ti posso aiutare molto, io sto bene ancor di più quando sono solo, però ti capisco. Il fatto del fisico è stata anche per me un'ossessione. Però ho risolto tutto da quando mi sono sentito e mi sono imposto di essere speciale. Non seguo il calcio ma un personaggio Mourinho (lo Special One) mi è piaciuto come persona per la sua sicurezza. Lui dice che "non sono l'allenatore più bravo del mondo, ma nessuno è migliore di me" Cioè ti spiego: gli altri possono pensare che tu non sei la ragazza più bella del mondo, ma per te, non c'è nessuna migliore di te. Ti devi imporre che sei speciale e l'importante è che di questo ne sei convinta tu. Non stare a pensare agli altri cosa pensano. Devi pensare: Io sono speciale, non ho nessuna migliore di me e te ne devi autoconvincere perché è così. Spero di averti aiutata un po'. Buon fine settimana!!!!
Mauro

Moonandsky

Utente Attivo

  • "Moonandsky" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 67

Date of registration: Aug 5th 2013

  • Send private message

7

Tuesday, September 3rd 2013, 8:16pm

Ragazzi, voi siete fantastici, dico davvero... in questo momento sono commossa ;( . Non avrei pensato che qualcuno avrebbe letto il mio thread, invece lo avete fatto e mi avete anche risposto, grazie! :)
Ritornando alla mia storia posso dirvi che ho provato ad accettare me stessa per quello che sono, questo l'ho provato a farlo con l'aiuto della psicologa. Purtroppo ha funzionato fino ad alcuni mesi fa, quando pensavo di essere guarita e dissi ai miei che era tutto passato. Poi non ho più rivisto la psicologa e allora sono scivolata di nuovo nel baratro. è difficile per me accettarmi non tanto fisicamente (oramai sono molto più bella rispetto agli anni precedenti) ma per il mio carattere, perché da quando sono in questa situazione sono diventata invidiosa, geloosa e possessiva e mi odio per questo.
Comunque riguardo agli amici, non è che non ne abbia, ma è proprio la loro indifferenza che mi uccide (quando si dice che i modi di dire ci azzeccano...) ; Ovvero preferiscono sempre gli altri a me e solo quando non hanno qualcuno con cui parlare o hanno bisogno di compagnia mi cercano. è proprio questa una delle cose che mi fa stare più male e che mi crea angoscia.
Inoltre stando chiusa sempre dentro, quando esco e sto a contatto con la gente è proprio il mio corpo che inizia a tremare proprio come se volesse dirmi "vattene da qui loro sono tuoi nemici".
Vorrei parlarne con i miei, ma l'anno scorso ne uscirono provati da questa storia. Mia madre stessa mi disse "vedi di farti passare quest'ansia perché non possiamo più stare dietro ai tuoi problemi".
Comunque vi ringrazio ancora per il vostro aiuto, probabilmente avrete problemi peggiori dei miei ma vi siete interessati lo stesso a rispondermi! :)

This post has been edited 2 times, last edit by "Moonandsky" (Sep 3rd 2013, 8:31pm)


Similar threads

Used tags

ansia, bullismo, depressione