Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Geppo

Utente Attivo

Posts: 114

Activitypoints: 321

Date of registration: Aug 2nd 2016

  • Send private message

316

Thursday, January 14th 2021, 11:42pm

Non ce la faccio più,sono dominato dal mio disturbo,mi è impossibile studiare a causa della mia fobia.Anche oggi dei traumi devastanti,lascio la vita a chi è in grado di vivere.


Oggi va un pò meglio ?

Mezzouomo

Utente Fedele

Posts: 306

Activitypoints: 1,002

Date of registration: Feb 23rd 2020

  • Send private message

317

Friday, January 15th 2021, 7:01pm

No,sempre peggio.

Rabber98

Shameless

  • "Rabber98" is male

Posts: 542

Activitypoints: 1,941

Date of registration: Jan 4th 2017

  • Send private message

318

Friday, January 15th 2021, 7:16pm

Sempre i soliti pensieri? però vedo che non ti stai arrendendo , se non te lo dicono in molti , te lo dico io , son fiero di te
Alice Andiamo via, sono tutti normali

La mente mente

Giovane Amico

  • "La mente mente" started this thread

Posts: 163

Activitypoints: 510

Date of registration: Jun 4th 2020

  • Send private message

319

Today, 12:55am

Con mia grossa sorpresa la nebbia inizia pian piano a schiarirsi attorno a me: mi accorgo che, fuori dalla mia bolla di dolore, è ancora buio all'orizzonte. Ma posso comunque scorgere, con i miei occhi ormai abituati all'oscurità, un sentiero ben delineato, già battuto. Sono ancora in grado di intuire che è arrivata l'ora di muoversi, finalmente, di procedere con il cammino interrotto da non so più quanto tempo: giorni, mesi, anni si susseguono e si scavalcano nei miei ricordi, con tutta probabilità la confusione si spiega con l'atemporalità dell'ansia, dello sconforto che davvero non se n'è mai andato, talvolta acuto, talvolta latente ma sempre in agguato. Insomma, questo mio umore si misura in epoche, in lustri, che si perpetuano e rinnovano, è fisiologico che qualche data, qualche lasso di tempo spesso mi sfugga. Con questa confusione tento di muovermi, ma i miei arti sono ancora intorpiditi, immobili: devono riabituarsi a funzionare, ormai avvezzi all'immobilità, ci vorrà del tempo. Ma intanto rifletto su questo percorso che mi si dispiega davanti: dove conduce davvero? Verso un luogo, un'altra strada mai considerata, una strada qualunque, o verso lo strapiombo, l'abisso nel quale rischio di precipitare definitivamente? Il buio rende impossibile scrutare in lontananza, non ho altra scelta che fidarmi e incamminarmi: solo alla fine conoscerò la mia destinazione.

Similar threads