Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

dasMonster

Voglio trovare un senso a questa vita...

  • "dasMonster" is male
  • "dasMonster" started this thread

Posts: 543

Activitypoints: 2,322

Date of registration: Sep 4th 2008

Location: Rimini

  • Send private message

1

Tuesday, August 13th 2013, 5:53am

La mia strada verso il suicidio assistito: finalmente si apre una porta

In queste ultime settimane il mio dietologo, che è anche una persona con tantissima autostima (che però si è arresa da questo punto di vista di fronte alla mia negatività), mi aveva fatto notare la mia strana situazione, ovvero: quella della persona che vorrebbe i risultati senza fare sforzi, che realizza puntualmente che questo non è possibile, e che pertanto si accontenta della sofferenza perché dopotutto "è meglio di niente".

Sinceramente, sono anni che vivo in una situazione come questa: di apatia totale, dove non provo emozioni di nessun tipo, e dove io stesso non riesco ad esprimerle in nessuna maniera, sia essa pianto o risata. È stato tutto soppresso.

Io, purtroppo, malattia psichiatrica a parte (disturbo bipolare + problemi caratteriali) godo di buona salute, e non voglio morire per cause naturali a chissà quanti anni vivendo in apatia tutta la vita. Ho così chiesto aiuto all'associazione svizzera DIGNITAS, che si occupa del suicidio assistito dei malati indipendentemente dalla nazione di provenienza.

In sostanza i passi da seguire sono 4: devo fargli pervenire tutte le mie cartelle cliniche e una perizia psichiatrica recente, tutto tradotto in tedesco; devo poi vedere se un medico svizzero è disposto a collaborare con DIGNITAS per il mio caso e a rilasciare la ricetta per il pentobarbital, che è il barbiturico che (in overdose) mi causerà la morte più avanti; devo poi trasferirmi a Forch (Zurigo) dove passerò 30 giorni all'interno dello stabile dell'associazione, parlando ogni giorno con più medici. Questo penultimo gradino è il più importante: DIGNITAS è anzitutto un centro di aiuto alla vita, e durante questi 30 giorni i medici faranno di tutto per convincermi a cambiare idea e a tornare in Italia vivo. Ma se io insisterò, non si opporranno. L'ultimo gradino è la somministrazione del barbiturico, dove verrò filmato e dovrò ripetere una frase che esprime la mia coscienza che l'ingestione di quel barbiturico mi causerà la morte. Dopodiché.. il barbiturico verrà somministrato, verrò anestetizzato e dopo 30 minuti circa sopraggiungerà la morte, in maniera totalmente indolore e mentre starò dormendo (eutanasia). Quanto vorrei poter essere già a questo gradino..

Il diritto alla morte volontaria delle persone affette da malattie psichiatriche era già stato ribadito nel 2006, ma non si era trovato fino a poco tempo fa nessuno psichiatra disposto a rilasciare la ricetta per malati psichiatrici. Oggi ho telefonato in Svizzera: uno c'è. È la mia unica speranza.

E così, mentre mia madre minaccia azioni legali contro quell'associazione e la mia psichiatra non si esprime e anzi si arrabbia quando gliene parlo, io sono confuso. So benissimo che da una parte vorrei cambiare, ma so altrettanto bene che anni non mi hanno cambiato.. perché dovrebbero farlo in futuro? Non mi sembra di aver imparato niente e di essere cambiato granché in anni di psicoterapia e farmaci diversi. Da solo non posso procurarmi la morte, finirei ricoverato in T.S.O. e io odio tutti i medici del servizio pubblico di psichiatria, così come il T.S.O. stesso che secondo quanto dichiarato dalla mia psichiatra serve a "salvarmi da me stesso". Ognuno è libero di danneggiarsi quanto vuole e se non vuole assistenza non la deve avere. O almeno questo è il mio pensiero.

Però dall'altro lato sono triste: me ne andrei senza aver provato le cose belle della vita: l'amore di una ragazza, l'emozione di suonare di fronte ad una folla...

Ma dall'altro tendo a pensare che queste cose non le avrò mai, o se le avrò non me le godrò mai appieno o come farebbe un ragazzo "normale".

Voi che ne pensate? Questa sarebbe la mia prima vera e seria battaglia per giungere... alla distruzione di me stesso.
Ich bin ein Untermensch, ich bin das Monster
(Sono un subumano, sono il Mostro)

Sera

Colonna del Forum

  • "Sera" is female
  • "Sera" has been banned

Posts: 1,508

Activitypoints: 5,243

Date of registration: Feb 14th 2012

  • Send private message

2

Tuesday, August 13th 2013, 11:01am

Ora ti sei informato riguardo a questa associazione ( anzi grazie dell'informazione, non la conoscevo e prendo nota anch'io ).
Tienila lì da qualche parte ma nel frattempo valuta anche tutte le opzione alternative.
Ipotesi:
- cambiare psichiatra, visto che questa non sembra avere il polso per gestire la tua situazione
- cercare uno psicoterapeuta, provarne uno, due, dieci, tanto per vedere se possono darti qualcosa, tanto che hai da perdere
- cercare il confronto con persone che possono avere i tuoi stessi problemi, in un rapporto alla pari, forse troverai qualcuno che asseconda il tuo progetto e ci un pensierino anche per sé, ma forse potresti anche trovare qualcuno che ti dà man forte per continuare a vivere, che ti stimola, di solito l'esempio di una persona che sbaglia, soffre e si rialza è mille volte più potente di un maestrino su di un piedistallo che fa la predica, non credi?
Insomma esplora tutte le altre vie possibili ed immaginabili, magari un domani potresti essere tu quello che ne esce e che prende per mano qualcun altro per farlo uscire dal tunnel, sarebbe una bella soddisfazione, oltre che realizzazione personale ed umana.

drcollevecchio

Utente Avanzato

  • "drcollevecchio" is male

Posts: 764

Activitypoints: 2,295

Date of registration: Jul 15th 2013

Location: Pescara

Occupation: Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Send private message

3

Tuesday, August 13th 2013, 11:14am

Buongiorno,
concordo pienamente con Sera.
Hai mai pensato che il futuro possa riservarti delle soddisfazioni? Cosa ti assicura che le cose non cambieranno?
Io non sono in grado di prevedere il futuro.
Prima di prendere un percorso che non ha vie di ritorno, sperimenta tutto il possibile per risolvere la situazione.
In bocca al lupo
"L'uomo non è spaventato dalle cose, ma dall'idea che ha delle cose" - Epiteto

Aberfeldy

Giovane Amico

Posts: 176

Activitypoints: 594

Date of registration: Sep 22nd 2011

  • Send private message

4

Tuesday, August 13th 2013, 11:40am

Però dall'altro lato sono triste: me ne andrei senza aver provato le cose belle della vita: l'amore di una ragazza, l'emozione di suonare di fronte ad una folla...
Ma dall'altro tendo a pensare che queste cose non le avrò mai, o se le avrò non me le godrò mai appieno o come farebbe un ragazzo "normale".

Di certo, se morirai queste cose non le vivrai mai.

E non conoscerai mai il mondo che c'è al di là della tua apatia.

Come dici tu, queste sono scelte, ma scelte del genere vanno prese con la massima consapevolezza.

Secondo me, come ti è già stato detto, faresti bene a cercare un contatto (approfondito) con altre persone con i tuoi stessi problemi: da soli non si può capire tutto :)

avallon

Giovane Amico

  • "avallon" has been banned

Posts: 246

Activitypoints: 927

Date of registration: Oct 10th 2012

  • Send private message

5

Tuesday, August 13th 2013, 12:22pm

Quello che non capirò mai, a prescindere dalla necessità del suicidio come mezzo di risoluzione dei problemi mentali ed esistenziali è il voler coinvolgere altre persone! Perchè io persona come te devo essere artefice della tua rovina? E' veramente odioso e disprezzabile!!!

zombi

utente vecchia

Posts: 391

Activitypoints: 1,285

Date of registration: Oct 22nd 2008

Location: milano

Occupation: segretaria part-time

  • Send private message

6

Tuesday, August 13th 2013, 4:40pm

Personalmente non lo ritengo odioso e disprezzabile, perché se una persona vuole morire, ma ha anche paura della morte, in questo modo trova nell'aiuto altrui il conforto e il coraggio per portare a termine le sue sofferenze. (è da vigliacchi? Ecchissenefrega!)
Quello che invece ritengo odioso e disprezzabile è il coinvolgere e il far soffrire le persone che stanno intorno, come il tormentare i poveri genitori a cui va tutta la mia solidarietà.
Ma non riesci proprio ad evitare il coinvolgimento e la sofferenza delle persone più care? Non è che vuoi solo attirare attenzione?
Scusa la forte tirata d'orecchie ma era proprio dovuta.
Leggo che suoni: ho capito male? Che strumento?
Come è possibile che una persona che ha un interesse così bello voglia morire?
depressi di tutta Milano, unitevi!

Melvin II

Utente Avanzato

Posts: 907

Activitypoints: 2,784

Date of registration: Jan 26th 2013

  • Send private message

7

Tuesday, August 13th 2013, 5:43pm

io prima di predisporre legalmente come togliermi la vita, cercherei altre strade.
prova altri medici, farmaci e cure.
io leggo di tante persone affette da bipolarismo che vivono una vita sana ed felice.
pensaci bene
Ho inventato una vita
Ho mentito
La vita e' una fiction
Sono Tornato per rimediare ai miei errori
Sono Melvin.

pw81

Colonna del Forum

  • "pw81" has been banned

Posts: 1,809

Activitypoints: 6,807

Date of registration: Jun 18th 2008

  • Send private message

8

Thursday, August 15th 2013, 5:49pm

per quel che ne so dubito che tu abbia i requisiti per poter essere assistita dalla dignitas. di solito assistono i malati terminali, quelli menomati fisicamente o i depressi gravi di solito anziani.
se no già ci sarei andato pure io.
''il depresso è un narcisista fallito''

Icarus

Ho scelto questo nick perche' ho il cervello che svolazza :)

  • "Icarus" is male

Posts: 577

Activitypoints: 1,806

Date of registration: Dec 2nd 2011

Location: Reggio Emilia

Occupation: Chimico

  • Send private message

9

Friday, August 23rd 2013, 4:11pm

Che ti sbatti a fare per il suicidio? Tanto al piu' fra al max qualche decina d'anni la morte arrivera'. Questo e' l'unico fatto assoluto nella vita, tutto il resto e' relativo.
Nell' attesa fai altro, cura interessi e passioni. Magari scopri che vivere non e' poi cosi' malaccio, anche perche' sei nato nel 5% della popolazione piu' fortunata ( a livello mondiale). Se rispondi che sei depresso ed e' inutile dire queste cose e blablabla, fatti curare! Che le cure ci sono! :-MSTR

rapshit92

Utente Attivo

  • "rapshit92" has been banned

Posts: 55

Activitypoints: 242

Date of registration: May 15th 2011

  • Send private message

10

Sunday, January 19th 2014, 7:12pm

Quanto verrebbe a costare in totale questa cosa?
"You are nobody's tool now. No one's toy.
You are no longer a prisoner of fate. You are no longer a seed of war. It's time for you to see the outside world with your own eyes.
Your body... And your soul... Are your own. Forget about us...
Live, for yourself. And find... A new lease on life.
THE WORLD WOULD BE BETTER OFF WITHOUT SNAKES."

Kabiria

Utente Avanzato

Posts: 769

Activitypoints: 2,406

Date of registration: Oct 30th 2013

  • Send private message

11

Sunday, January 19th 2014, 7:32pm

Das, ti prego :( basta con queste cose!
ma ti pare mai possibile?
scusa se sembro fuori luogo.
pero' mi fa molto arrabbiare vederti così risoluto,ma in cose brutte pero'!
questa decisionalità, che come vedi possiedi in abbondanza, non puoi tentare di impiegarla in cose + buone per te stesso?
non dire che 'purtroppo' godi di ottima salute, per carità, non scherziamo proprio
quell'associazione è per i malati terminali,ma malati che soffrono dolori non arginabili nemmeno con la morfina, malati di cancro, di malattie degenerative, e non hai idea quanto vorrebbero invece vivere anzichè scegliere l'eutanasia!
lasciamo queste cose a chi ne ha veramente bisogno Das, per piacere, anzi sii grato che non ti è mai venuto nulla di serio perchè se dovesse succedere secondo me cambieresti visione di brutto.. e comunque io x suicidarmi non coinvolgerei mai altre persone..

Warpig

Utente Attivo

  • "Warpig" is male

Posts: 90

Activitypoints: 295

Date of registration: Oct 30th 2013

  • Send private message

12

Sunday, January 19th 2014, 9:31pm

Quando leggo queste cose scusatemi ma mi viene il nervoso. E la faccio breve.
Chi si vuole ammazzare, lo fa e basta. Non apre post su post parlando del pentobarbital e trikkeballakke.
Questa è una associazione per malati terminali, non per queste cose (e te lo dice uno che probabilmente sta nella tua stessa situazione). Esiste una cosa chiamata "volo dal balcone", ma giustamente è solo per chi vuole morire davvero ;)

Dolciotto84

Utente Avanzato

  • "Dolciotto84" is male

Posts: 652

Activitypoints: 2,075

Date of registration: May 1st 2013

  • Send private message

13

Sunday, January 19th 2014, 9:47pm

Vedo che il post è vecchio e forse era il caso di lasciarlo dove era .. spero, nel dimenticatoio.

Certo, sono bravo io a parlare, che quando vado a letto la sera spero sempre di morire nel sonno .. ma insomma, lo dico quindi da persona che sa di cosa sta parlando: lasciamo perdere il suicidio, per favore .. non è la strada.

Sera

Colonna del Forum

  • "Sera" is female
  • "Sera" has been banned

Posts: 1,508

Activitypoints: 5,243

Date of registration: Feb 14th 2012

  • Send private message

14

Monday, January 20th 2014, 1:49pm

Mi pare passata una vita da quando ho risposto a questo thread, però nel frattempo è salito il mio livello di intolleranza verso certi tipi di discorsi che probabilmente dovrebbero servire tipo "calcio nel deretano che ti smuove" in realtà sono utili quando una mazzata sui denti durante un terremoto.
Svalutare, minimizzare, ironizzare sul dolore altrui non è mai una buona mossa perché 1) voi non ne sapete nulla, a meno che non abbiate la sfera di cristallo, di quanto lui stia male e sia motivato a suicidarsi 2) come minimo una persona di fronte a reazioni del genere si chiude e avrete contribuito a peggiorare il problema, altro che sprone.

Diverso

Aiuto moderatore chat

  • "Diverso" is male

Posts: 1,910

Activitypoints: 5,879

Date of registration: Jul 12th 2009

  • Send private message

15

Monday, January 20th 2014, 6:02pm

Chi si vuole ammazzare, lo fa e basta. Non apre post su post parlando del pentobarbital e trikkeballakke.
Infatti lui non vuole ammazzarsi veramente, pero' rischia di farlo per sbaglio, avendo a disposizione certi farmaci e avendo gia' tentato altre volte. Piu' o meno come quelli che sono incazzati con una pistola in mano, "non volevo uccidere nessuno" e' quello che dicono dopo che gli e' partito un colpo. Quindi non e' molto utile fare il discorso che "chi vuole suicidarsi veramente lo fa e basta e non lo dice a nessuno", anche perche' mi risulta che chi si suicida da' sempre dei segnali premonitori sotto forma di richieste di aiuto (che spesso non vengono comprese oppure neppure percepite).
Sono un troll. Tutto quello che dico è vero, ma anche falso, ma anche no, ma anche sì.

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests