Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

darklady

Unregistered

1

Thursday, January 29th 2009, 3:45pm

Se volete potete non rispondermi, tanto la maggioranza dei post che apro sono alla fine solo degli sfoghi dei miei pensieri, quando sento che diventano oppressivi.

Sarà questa situazione lavorativa instabile... alla fine domani è il mio ultimo giorno di lavoro in un posto dove sono stata davvero per una vita e la cui mia dipartita avviene in circostanze davvero deprimenti, saranno i miei problemi di salute (mio padre oggi va a ritirare la mia TAC anche se loro non possono scrivere un cavolo perché non sanno che l'ho fatta per la sinusite, dovrò poi andare dall'otorino) fatto sta che sono davvero stanca di pensare e di piangere.

Ma stare qui, davanti al PC vuoto, ad aspettare le ore che scandiscono la fine della mia avventura qui dentro mi portano a rimuginare e a rimestare... e a ricordare.

Ho impacchettato per bene la mia rosa... quella che mi regalò il mio ex al primo appuntamento, il 9/2/2008. Domani porto uno scatolone e porto via tutto come nei film americani: foto, le casse del PC, la trousse per lavare i denti... c'è (c'era/c'è stata) davvero una grossa parte della mia vita qui dentro.

Vedo la mia collega seduta di fronte che lavora come una pazza per non pensare a suo padre malato di cancro e al fatto che si sta seprando da suo marito... il ragazzino insicuro che continua a fare battute sul fatto di essere grassottello... la mia collega anzianotta sottoposta al mio stesso mobbing che resiste in un angolo, perché le manca solo 1 anno alla pensione... la mia vicina di banco con i problemi con la suocera e che è preoccupata perchè ha problemi alle ovaie... la mia collega con la bambina piccola in ritardo sullo sviluppo...
Questo è un posto grosso ed un microcosmo, dove tutti hanno i loro problemi e tutti inseguono la felicità.

tutta gente che difficlmente rivedrò, questo posto è troppo lontano da casa mia per capitarci apposta.

Domani saluterò i gestori del mio bar preferito, oggi ho salutato il centro commerciale che mi ha tenuto compagnia ogni volta che ero giù e andavo a farci la pausa pranzo a guardare le vetrine dei negozi... ho preso uno swarosky per la mia mamma.

Tutto questo sarebbe più semplice se potessi dividerlo con l'unica persona che abbia amato negli ultimi sei anni e mezzo...

E invece tutto questo è lasciato a parole scritte sul web.

Solo pensieri, appunto.

kassie

Giovane Amico

Posts: 142

Activitypoints: 531

Date of registration: Aug 20th 2008

  • Send private message

2

Saturday, January 31st 2009, 4:14pm

Non è facile chiudere la porta sul passato, io o so bene. Ogni volta che si è conclusa una parte della mia vita mi sono ritrovata sola nella mia stanza... e mi sono detta "e ora"? Associazioni, lavori, amicizie, classi... tante vite che si sono chiuse ma che producono sempre un certo effetto quando ci penso... è ovvio che t mancherà questo capitolo della tua vita, ma prova solo a pensare che ora tutta la tua vita cambierà, che ti aspettano mille esperienze e sorprese... e chissà che tutto ciò nn possa portarti la flicità che cn qusta "vita" ti sfugge. IN BOCCA AL LUPO PER TUTTO
Niente è più pericoloso di un'idea quando si ha un'idea sola e non si vuole cambiarla. Émile Auguste Chartier

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" is female

Posts: 5,559

Activitypoints: 18,621

Date of registration: Mar 13th 2008

Location: sicilia

  • Send private message

3

Saturday, January 31st 2009, 4:23pm

Da noi si dice..." si chiudi na porta e si rapi un purticatu"....si chiude una porta e si apre un portone.
Non abbatterti , sei giovane, stai solo svoltando l'angolo e troverai sicuramente una strada più larga e transitabile. ;)
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

darklady

Unregistered

4

Sunday, February 8th 2009, 1:56pm

Ciao, sono tornata dopo una settimana ed è cambiato tutto... sono pure stata declassata??

Comunque, è dura... non ho un altro lavoro, purtroppo... e la mia vita dopo una parvenza di impennata fa schifo cme prima.

Che bello.

orion

Giovane Amico

Posts: 94

Activitypoints: 460

Date of registration: Sep 12th 2008

  • Send private message

5

Monday, February 9th 2009, 11:14am

Leggendo le tue righe mi sono rivisto per molte cose. Ho lasciato pure io alcuni posti in passato, lavori di fabbrica, quindi con problematiche diverse ma fondamentalmente uguale a quelle da te descritte. Le altre volte quando chiudevo le porte del passato ero quasi felice perchè se ne aprivano di nuove, oggi invece quando mi volto e vedo tutte quelle porte chiuse mi dico: bho e adesso??
Sto per ritornare pure io nel mio vecchio posto, inferno logorante dai ritmi assurdi, reparto confezionamento, e per giunta ci ritorno stradeclassato, sotto cooperativa quindi addio ferie e malattia ed uno stipendio netto di 800 euro se va bene.
La gente, i miei amici, le persone a me vicine continuano a dirmi che prima o poi troverò quello che cerco, che facendo tante domande in giro verrò premiato prima o poi, che è solo provvisorio questo lavoro, bhe a loro rispondo con un sorriso, dico che hanno ragione e cambio subito argomento.
Amica mia noi siamo dentro un cerchio chiuso, la mia paura è questa, per quanto ci sforziamo di uscirne ne siamo perennemente e forzatamente chiusi dentro, e questo mi sembra che a volte la gente non riesca a capirlo.
Io non sono perciò qui ad augurarti un futuro migliore, ma ti auguro di riuscire ad annullare per quanto possibile la tua parte cosciente durante il lavoro, essere una sorta di automa senza pensieri e sensazioni, è quello che vorrei essere io la dentro anche se so che sto solo dicendo grandi cagate. Soluzioni altenrative mi spiace ma non ce ne sono.
Un caro saluto da Michele.
Molte poche cose sono affascinanti quanto l'ego ferito di uno splendido angelo...

marina giuseppina

Utente Fedele

Posts: 334

Activitypoints: 1,145

Date of registration: Jun 15th 2008

  • Send private message

6

Monday, February 9th 2009, 4:17pm

la rinascita

Ciao Dark , vedrai che ci sarà la rinascita, ma devi crederci tu per prima , devi volerlo, devi pensare che le cose cambiano , nulla è fermo, nulla è come prima ! Il tuo lavoro non ti piaceva, ne arriverà un'altro o te ne inventerai uno che ti piace , non si può stare una vita in un posto di lavoro e vivere così insoddisfatti. Prendi la tua vita in mano, fatti bella e sorridi, basta pensare al passato, ormai non c'è più, non restare attaccata a cose che ti hanno fatta soffrire , non andare nel baratro, sarbbe un vero peccato....e poi un'artista ha sempre una marcia in più!! Ciao, un abbraccio Marina :music:
Ciò che si conquista con un sorriso, rimane per sempre (Ghandi)!