Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Summer blues

Nuovo Utente

  • "Summer blues" started this thread

Posts: 3

Activitypoints: 30

Date of registration: Aug 6th 2019

  • Send private message

1

Thursday, August 8th 2019, 3:23pm

25 anni di vita inutile...

Nella mia famiglia sento di avere una brutta reputazione, sin da bambino.
Hanno sempre messo sul piedistallo mio fratello maggiore, migliore di me a scuola e laureato con 110 e lode.
Hanno sempre avuto aspettative grandi e prestigiose su di lui.
Io invece con la terza media, non andavo mai bene a scuola, perché nessuno mi ha mai insegnato ad amare lo studio, ho lasciato perché venivo bullizzato.
Tutt'ora che sto studiando ai corsi serali, quando chiedo aiuto a mio fratello per cose difficili, ad esempio di fisica, lui mi risponde che è inutile perché tanto sono cose che non capirò mai.
La fidanzata se n'è accorta e non le è piaciuto questo comportamento.
Mi sono sempre sentito quello inferiore, meno intelligente, capace, quello che è ignorante, meno maturo.
In particolare i miei zii hanno fatto paragoni dicendo che non so fare niente e che sono stupido.

Mi sto rendendo conto che la mia famiglia forse è davvero tossica, magari mi sbaglio e c'è di peggio.
Da quando mia madre ha lasciato mio padre, il nostro rapporto è cambiato in negativo.
Ricordo però che pure da bambino mi ha detto cose cattive, tipo "come vorrei che tu muoia".
Gli ultimi anni mi ha detto che sono handicappato, che mettermi al mondo è stato un errore, che non capisco nulla e che non mi funziona bene il cervello magari perché ad esempio un giorno mi sono dimenticato di tagliare dell'insalata, di mettere a posto delle pinze o di apparecchiare la tavola.
Per queste piccole cose mi accusa e mi insulta.
Appena vede qualcosa fuori posto in casa, subito è pronta a dare la colpa a me.

Tante volte mi fa pressione di andarmene di casa e dice esplicitamente che non mi sopporta.
Mentre questa pressione a mio fratello, all'età di 25 anni non gliela faceva.

Poco fa il suo compagno mi ha dato della persona che pensa come uno di 3 anni solo perché ho proposto di fare un giorno il gelato in casa con la macchinetta e che mi sarebbe piaciuto imparare a farlo io.
Io gli ho detto che lui invece pensa come uno di 80 anni sputasentenze.
Lui ha risposto che tanto la valutazione di me se la è già fatta.

Mia madre pure mi dà del bambino tante volte, facendo i paragoni con la sua vita che lei a 25 anni, (la mia età attuale) aveva avuto mio fratello, lavorava già.
Io voglio lavorare ma che posso trovare con la terza media?
In più ho anche problemi di ansia a stare con le persone.
A me piacerebbe fare un lavoro con le arti grafiche, qualcosa che mi piaccia e mi renda felice.

Mi danno dell'egoista invece perché magari a tavola secondo loro mi prendo il pezzo di frutta migliore.
Per queste piccole cose loro devono sempre notare il difetto ed evidenziare quanto io sia una brutta persona.
E poi quando io rispondo ad una sua provocazione lei mi risponde ironicamente che sono permaloso e che la permalosità è segno di poca intelligenza mettendo in evidenza l'intelligenza di mio fratello perché ironico, sempre con sarcasmo.
Il rapporto con mio padre invece, se non sono io a cercarlo lui non mi cerca.
Viviamo in due case separate e devo sempre io telefonarlo per primo. Addirittura non ha voluto darmi un numero che usa di più.
Quando parlo con lui ho sempre quella sensazione di essere inferiore come intelletto come con mio fratello maggiore e mia zia, che trovo persone che mi sembra si sentono superiori agli altri.
Tipo addirittura mio padre mi fa domande stupide di cultura a cui chiunque saprebbe rispondere: "Sai chi sono Giulietta e romeo?
Conosci Michael Jackson?
Sai chi è Anna Frank?"

È sempre stato un mio sogno imparare a suonare il piano, prendere lezioni di canto e magari esibirmi in locali.
Mia madre che è insegnante di musica, le ho sempre detto da quando avevo 15 anni che volevo fare questo.
Ma lei non mi ha mai supportato perché dice che non ho talento, non sono portato.
Tutt'oggi mi sento di stare male di Depressione perché ho sprecato tanti anni in cui potevo diventare bravo in ciò che mi sarebbe piaciuto fare nella vita.

Vorrei fare questo nella vita ma a parte le difficoltà di essere notati, da una parte mi mette ansia visto che sono socialmente ansioso.
E poi magari il timore di essere sbeffeggiato da ex bulli che magari hanno ancora una brutta reputazione per me.
La mia vita si è bloccata, ho avuto paura a muovere un passo e ad evolvermi per il marchio che sento di aver addosso da ex compagni di classe.
Per paura di rivivere il rifiuto e l'umiliazione che ho provato.


A 25 anni mi sembra di aver sprecato la mia vita e che sia ormai troppo tardi per cambiare.
Cambiare aria, avere amici (ho zero vita sociale), iniziare a lavorare e con qualcosa che mi piacerebbe fare.

Scusate il lungo sfogo, vorrei un vostro consiglio e una vostra opinione... Grazie

Abissoevuoto

Utente Attivo

  • "Abissoevuoto" is male

Posts: 85

Activitypoints: 353

Date of registration: Jul 26th 2019

  • Send private message

2

Friday, August 9th 2019, 12:17am

Ho letto tutto e mi sento di dire che tutto quello che stai provando è normale.
Anche io mi sentirei nello stesso modo se non peggio... tu non sei inferiore a nessuno!
“Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido”, penso che questa frase sia azzeccatissima alla situazione...
Comunque so di non poterti essere più di tanto di aiuto ma volevo darti una risposta cosi da farti sentire la mia empatia

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 1,988

Activitypoints: 5,978

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

3

Friday, August 9th 2019, 12:40pm

Ciao Summer blues :)

Leggendo quello che scrivi mi viene da pensare che nella tua famiglia manca il tatto più elementare. E dev'essere davvero dura da sopportare, soprattutto nei momenti "no" che capitano a chiunque...Mi viene da pensare che le persone che hai intorno pur sfoggiando "superiorità" nei tuoi confronti sono parecchio infelici.

l'ostentazione di superiorità con derisione e critiche continue sempre rivolte agli altri e mai a sé stessi è un "sintomo" tipico di persone profondamente insoddisfatte della loro vita.
Prova a non lasciarti condizionare da tutta questa negatività. Non assecondarla e non convincerti che la tua vita è stata "inutile", perché come intuisci tu stesso sono pensieri che vengono dal dispiacere e forse anche da un po' di depressione.
Il fatto che tua madre non ti abbia assecondato in una tua passione - lo studio della musica - non vuol dire che tu non possa recuperarla e godertela. Forse lei non era in grado di seguirti e insegnarti, la qualifica di insegnante non vuol dire automaticamente saper insegnare. E anche se non puoi diventare un concertista o farne la tua professione può darti comunque una grande gioia. Conosco parecchi musicisti dilettanti che hanno imparato tardi, non sono diventati professionisti ma si divertono e sono felici di coltivare questa passione che arricchisce l'anima :)

Fai benissimo a frequentare i corsi serali, non ti arrendere. Se la fidanzata alla quale non è piaciuto il comportamento di tuo fratello è la tua (scusami ma oggi sono un po' "cotta" dal caldo e dal lavoro ) goditi la sua vicinanza anche per staccare dal clima pesante che hai a casa. Spero che i tuoi abbiano momenti "migliori" ma purtroppo molte persone nemmeno si rendono conto, a dispetto della loro presunta intelligenza , di quanto possono ferire gli altri. Coraggio, anche se per ora ti senti stanco sei giovanissimo...puoi fare ancora tanto per costruirti una vita più serena, e ce la farai :friends:

Se vuoi aggiungere qualcosa siamo qui :)

repcar

Amico Inseparabile

  • "repcar" is male

Posts: 1,610

Activitypoints: 4,566

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

4

Friday, August 9th 2019, 2:57pm

ciao....approvo pienamente i post precedenti. Aggiungo solo che la mancanza di umiltà e la considerazione verso gli altri è una dote che i tuoi genitori, fratelli etc. non hanno minimamente nel cervello e non sanno cosa significa.
In questo caso chi è la persona più forte????????
In bocca al lupo e vai avanti per la tua strada così un domani non dovrai chiedere grazie a nessuno......(questo è un mio pensiero si intende).......

Elisa89

Ogni lasciata è persa

  • "Elisa89" is female

Posts: 425

Activitypoints: 1,324

Date of registration: Jun 1st 2019

  • Send private message

5

Saturday, August 10th 2019, 7:50am

Coraggio! Non farti traviare da queste maldicenze e da questa negatività. È la tua famiglia e le vuoi bene, ma se non ti capiscono e non ti ascoltano e ti trattano così.... Comincia gradualmente ad allontanartene. Sei giovane e puoi imparare o fare ancora qualsiasi cosa. Trova conforto nelle persone che ti sostengono e che senti vicine come la ragazza oppure gli amici.
Se vuoi tenta un confronto diretto coi tuoi genitori

Similar threads