Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

1

Wednesday, April 11th 2018, 10:23am

La mia vita adesso: mademoiselle_moi

Come si fa a scrivere un diario? non me lo ricordo più!
Come si fa a scrivere di me? da dove iniziare? come riassumere non pochi anni di vita?
Ma soprattutto, perchè sono capitata qui?
Perchè da sempre, soffro di ansia. Già da bambina manifestavo qualche comportamento che facesse presagire questa tendenza, anche se me la sono sempre cavata, a modo mio, e con i miei limiti, forse non facendo proprio tutte le cose che facevano bambini e adolescenti, ma senza mai soffrire , e questo è quello che conta.
Il primo crollo vero l'ho avuto quando ho iniziato l'università, lì l'ansia ha iniziato a farsi sentire e a farmi soffrire, e da quel momento è iniziato il mio iter fatto di tentativi di psicoterapie (la prima è stata analisi, da cui ad un certo punto sono scappata per sfinimento), periodi in cui ho preso farmaci, periodi in cui sono stata benissimo, e via di nuovo.
Questo primo crollo tuttavia non è stato così devastante come il secondo.....non che nel mezzo (15 anni circa) sia stata bene......avevo alti e bassi, ma niente mai di così drammatico. Ho fatto la mia vita, anche se sempre sottotono: lavori, amori, esperienze....ma sempre un gradino indietro rispetto al mondo.
A ottobre 2016, ricordo ancora esattamente il periodo, in me scatta qualcosa, stavo già facendo terapia, ma così, senza un perchè, arriva l'ipocondria, che è la cosa più tremenda che io abbia mai vissuto. Sto sempre peggio, abbandono la terapia, nel frattempo sto facendo un lavoro che non mi piace e che mi causa uno stress fortissimo. Una sera, mentre aspetto il treno per tornare a casa, penso addirittura di non salirci, ma di coricarmi sui binari. Passano i mesi, io sto sempre peggio, ma non voglio prendere farmaci per orgoglio. Riprovo con la terapia, sembra funzionare, ma è solo apparenza. La mia vita è fatta di pianti, angoscia, terrore delle malattie. Abbandono tutte le cose che mi piaceva fare, tutto il mio tempo lo passo a cercare su internet i miei sintomi, e a piangere. Per fortuna anche il lavoro, stagionale, finisce. Non prenderò uno stipendio, ma ringrazio qualcuno per non dover indossare la maschera della normalità ogni mattina.
A dicembre, mi arrendo: non ce la faccio più, voglio quei farmaci che già per due volte mi avevano rimessa al mondo.
Il primo periodo è durissimo, ricordo le passeggiate in centro senza mollare il braccio a mia mamma, la sosta nel solito piccolo supermercato deserto, la mia testa che si sentiva sbandare, il sonno continuo....però già dopo una settimana non piango più, e non mi sembra vero.
Provo ad uscire da sola, faccio il giro dell'isolato e mi sento morire, come se svenissi da un momento all'altro, mi prende un attacco di panico che mi paralizza a 100mt da casa, ma a casa ci devo arrivare, e con le mie forze ci arrivo.
Piano piano va sempre meglio, i farmaci iniziano a fare effetto e io inizio a fare cose.
Oggi sono passati quasi 4 mesi, sono tornata una persona normale anche se certe cose ancora non riesco a farle. Ho ancora momenti di crisi, difficoltà, ma non mi sveglio ogni mattina con l'angoscia. devo dire grazie ai farmaci, non sono arrivata a questo da sola ma grazie a loro. Però mi godo il mo ritorno ad una vita accettabile, anche se non ci sono arrivata da sola ma con un aiuto.
Siamo arrivati al momento presente.....

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,565

Activitypoints: 23,037

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

2

Wednesday, April 11th 2018, 5:46pm

devi essere fiera di te Mad, stai facendo grandi passi avanti
Sono riva di un fiume in piena Senza fine mi copri e scopri

(Subcomandante Fran)

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

3

Wednesday, April 11th 2018, 9:04pm

Sono decisamente cambiata rispetto a qualche mese fa, ma i farmaci continuo a vederli come una resa, come se ad un certo punto avessi detto: non ce la faccio più a combattere da sola, scelgo la strada più facile.
Sono favorevole ai farmaci, non vorrei che passasse il messaggio contrario....ma vedo che pur facendo tanta psicoterapia, se voglio stare veramente bene devo prendere dei farmaci..e quindi non riesco a dire "è merito mio" ma "è merito della molecola chimica che il mio corpo non produce da solo, ma fortunatamente esistono dei farmaci che mi danno questa molecola".

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

4

Friday, April 13th 2018, 8:50am

Quando a dicembre ho deciso di prendere i farmaci, stavo talmente male che pensavo che questi avrebbero fatto sparire tutto, ma tutto tutto.
Ora sto decisamente bene rispetto a prima, ma molte paure i sono rimaste e ci sono momenti in cui mi faccio prendere dallo sconforto.
Se la mia vita prima era un inferno, ora è il purgatorio, ma io non lo accetto, vorrei il paradiso, e mi arrabbio perchè ho sperato di arrivarci con la pillolina magica, senza fatica, e invece non è finita, devo faticare ancora....e non ne ho più voglia.
Forse mi farebbe bene tentare ancora col la psicoterapia, ma non ho voglia neanche di fare questo, adesso.
Vorrei spegnere il cervello, che lavora sempre troppo, e concedermi un periodo per vivere senza nessun pensiero, senza pensare a niente di brutto....ho capito di non esserne capace. Anche quando va tutto bene, la mia mente si crea dei pensieri, pensieri anche per cose banali, che non meritano tanta attenzione.
L'unico momento di stop, per fortuna, è quando dormo. Ho sempre avuto questa cosa bella che posso avere anche un guaio immenso, ma ad un certo punto mi addormento e per qualche ora stacco completamente il cervello.
E niente, stamattina sono già partiti i pensieri, troppo grandi per la banalità dell'attenzione che meriterebbero le cose a cui penso.

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

5

Tuesday, April 17th 2018, 9:47am

Rifletto su come la mia vita sia diversa da quella di molte persone, e su come cose normali mi sembrino eccezionali.
Se penso al 2017, nella mia vita c'è come un black-out :non ho vissuto, le cose che ho fatto, quelle inevitabili, le ho fatte piangendo, il resto l'ho passato sul divano a piangermi addosso o a guardare nel vuoto pensando alle mie disgrazie.
Ora grazie a quei farmaci che non smetterò mai di ringraziare, ho ricominciato a vivere, ed ogni cosa che faccio mi sembra eccezionale, cose che per chiunque sono banali. Mi sento addosso tanta energia che però non so dosare, alcuni giorni farei di tutto, altri, come oggi, ho una sonnolenza esagerata.
Sono rinata,e ci sono tante cose del mondo da riscoprire....alcune mi fanno paura, altre le faccio, altre ancora mi sembrano "troppo"....a volte mi stupisco di non avere ansia nel fare certe cose, o di averne troppa nel farne altre. Non riesco a trovare un equilibrio.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,565

Activitypoints: 23,037

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

6

Tuesday, April 17th 2018, 11:11am

brava! un passo dopo l'altro verso la vita.
Sono riva di un fiume in piena Senza fine mi copri e scopri

(Subcomandante Fran)

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

7

Wednesday, April 18th 2018, 8:08am

Oggi vado dalla parrucchiera....ricordo due mesi fa, appena mi sono sentita "meno male" all'inizio dei farmaci , ci sono andata, ma ero terrorizzata.
Ora sono un po' agitata solo perchè ricordo quella volta, e non mi sembra normale non avere ansia....ma in realtà non ne ho.
Io sono così, come la famosa battuta che circola su facebook : quando non ho ansia, mi viene l'ansia perchè non è normale che non ne abbia!

Lucas93

Giovane Amico

  • "Lucas93" is male

Posts: 144

Activitypoints: 479

Date of registration: Mar 17th 2018

Location: In Toscana, tra mare e dolci colline

Occupation: Servizio Civile

  • Send private message

8

Wednesday, April 18th 2018, 1:52pm

Ce la puoi fare ne sono sicuro! E' dura per tutti... per qualcuno la salita è più in pendenza, per altri meno ma tutti abbiamo una montagna da scalare. Quando arriverai in cima e raggiungerai maggiore serenità e controllo delle tue paure ti sentirai rinascere e sarai fiera del percorso che hai fatto finora.

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

9

Thursday, April 19th 2018, 7:58am

a volte però penso: è proprio necessario raggiungere la vetta?
mi spiego: ho spesso avuto l'impressione che la psicologa avesse voluto che io diventassi un'altra, che so, che prendessi l'aereo senza paura, che andassi a tenere una lezione senza ansia.
Io per alcune cose di ansia ne ho ancora, e mi sono stancata di scavare scavare per non averne. Quell'ansia me la tengo.
Capisco che non sia normale entrare in ansia per andare al supermercato....ma per certe cose, ho l'impressione che da quando non vado più dalla psicologa, sto molto meglio.

Ho parlato a ruota libera, riconosco che sia difficile seguire il mio ragionamento.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,565

Activitypoints: 23,037

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

10

Thursday, April 19th 2018, 9:52am

secondo me non è importante che tu faccia tutto (ad esempio il paracadutismo), ma che tu riesca a fare le cose che ti servono per vivere bene.
Sono riva di un fiume in piena Senza fine mi copri e scopri

(Subcomandante Fran)

Lucas93

Giovane Amico

  • "Lucas93" is male

Posts: 144

Activitypoints: 479

Date of registration: Mar 17th 2018

Location: In Toscana, tra mare e dolci colline

Occupation: Servizio Civile

  • Send private message

11

Friday, April 20th 2018, 3:39pm

Mademoiselle, credo che quello che voleva farti fare la psicologa sia uscire dagli schemi della tua vita: provare ad affrontare qualcosa di completamente nuovo e fuori dalla routine perché poi, tornando alla vita normale tu sia in grado di fare le cose semplici con maggiore tranquillità.

Ad esempio, fino a non molto tempo fa, montavo la bici in macchina e andavo a fare le pedalate in un posto completamente nuovo per sfuggire dalla quotidianità e affrontare situazioni nuove. Questo fortifica.
Quando facevo spesso uscite fuori dalla normalità, tornavo a casa e le cose normali le svolgevo con più tranquillità perché mi stavo abituando a compiere cose più "difficili".

Adesso che invece (per un motivo o per un altro) non riesco a fare queste uscite e rimango segregato nella routine casa - lavoro - lavoro - casa, sono andato a perdere questa piccola libertà perché purtroppo non mi sono più messo in gioco e tanti disagi e tante paure stanno tornando bruscamente anche in situazioni di assoluta normalità casalinga. Questa è la questione.

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

12

Saturday, April 21st 2018, 9:03am

Non so Lucas se è la stessa cosa. Cioè se il motivo fosse stato questo, avrebbe potuto dirmelo, non credi?
Invece quello che ho capito io, è che io non faccio certe cose che per altri sono normali. Tipo se una persona mi invita fuori all'improvviso, io vado in panico. Questo non è normale, e questo lei voleva che io arrivassi a farlo come una cosa normale.
Ok, fin qui ci sta e riconosco che certe cose mi limitano e che dovrei superarle.
Però io non soffro se ad esempio il sabato sera sto in casa, o se a fare shopping ci vado da sola e non come fan tutte con l'amica del cuore. Lei voleva farmi cambiare anche in questo, ma il dubbio che mi è venuto è che non fossi più io.
Non riesco a spiegarmi.....un conto è non andare in panico se l'amica mi chiama e mi dice : usciamo tra mezz'ora? questo è sbagliato.
Ma se caratterialmente non amo uscire spesso....e non lo amo, non è che lo evito per paura....perchè dovrei farlo?
quando ero andata a vivere da sola mi diceva di invitare i vicini a cena.....ma perchè? chissenefrega! è obbligatorio? non basta fermarmi a scambiare due parole sul pianerottolo? era questo che non ho mai condiviso ! (questo è un esempio, ce ne sono mille altri!)

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 1,834

Activitypoints: 5,245

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

13

Saturday, April 21st 2018, 11:39am

ciao......nessuno potrà cambiare quello che sei, ricorda puoi smussare gli angoli del tuo carattere ma nessuna medicina o psicoterapia potrà riuscire a cambiarlo. Capisco perfettamente l'atteggiamento dello psicologo/a è normale che cerchi di instillare nel tuo subconscio una motivazione per l'inizio di una modifica (e non cambio) caratteriale, come spronarti a fare cose che non hai mai fatto, insomma farti provare delle sfaccettature della vita che sicuramente a tutti noi molte volte sfuggono. Il problema sta nel fatto che mentre da una parte sei spronata a compiere l'atto suggerito, dall'altra parte già ti sei data la risposta da sola """CARATTERIALMENTE SONO COSI'"", quindi le tue domande sono assolutamente condivisibili. Quando facevo psicoterapia avevo più dubbi che certezze, ma è normale, piano piano e razionalmente ho cercato di cogliere il senso del cambiamento voluto dallo psicologo, lavorare su quello che mi piace e non sforzarmi a fare delle cose che le prime le facevo, quasi come un comando, ma che poi non le accettavo in quanto non facenti parte del mio carattere. Il senso della "vetta" per me è stato questo, sono quello che sono e basta.......Resta inteso che il percorso di lavoro del mio IO è andato avanti per anni, ma credo fermamente che ognuno di noi raggiunga la propria vetta, cambia solo l'arco temporale........ :thumbup:

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

14

Saturday, April 21st 2018, 2:18pm

Infatti sono la prima ad ammettere che fare certe cose per me è ancora un problema, ma qui devo darmi una mossa da sola, cioè prima o poi devo buttarmi e farlo. Però se penso di fare tutto quello che mi diceva di fare la psicologa, mi spavento in partenza.
E' come se il mio carattere fosse tale da voler scalare una collina.....e invece la psicologa mi vuol far scalare la montagna, ma a me non importa, non mi sento limitata se scalo solo la collina e non la montagna.
Cioè io ho smesso di fare psicoterapia anche perchè avevo l'impressione, dopo tanti anni, di essere un po' condizionata....della serie devo fare quella cosa perchè è così che vuole la psicologa. Questo secondo me non va bene! non ragionavo più solo con la mia testa, ma con la sua.

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned
  • "mademoiselle_moi" started this thread

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

15

Sunday, April 22nd 2018, 4:05pm

Stasera mi vedo con un amico speciale che sa tutto del mio periodo.
In genere prima, quando uscivamo, andavamo sempre in un locale tranquillo, a bere qualcosa e chiacchierare. Da più di un anno, se ci vediamo, rimaniamo a casa mia....prima stavo troppo male per uscire, poi all'inizio degli antidepressivi ero talmente sfasata che la sera per me era impossibile uscire. Come sempre, quando non faccio una cosa per tanto tempo, diventa l'eccezione, e mi fa paura. Così stasera vorrei riuscire a tornare in quel posto. Dovrei essere tranquilla perchè lui mi conosce, e sa tutto, perchè il posto è tranquillo, perchè quando voglio posso tornare....ma non sono tranquilla per niente.