Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, non del tutto azzoppato, navigo ancora, anche perché senza ancora non riesco a fermarmi

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,359

Activitypoints: 4,176

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

61

Monday, April 29th 2019, 12:19am

Credo che quello che contribuisce molto a complicare le questioni di sesso sia proprio l'illusione di poterlo "astrarre" dal resto del vissuto di ognuno, l'illusione - potremmo chiamarla anche pippa - che esista un porto franco della genitalità dove sfoghi ti gratifichi ti sollazzi senza controindicazioni. Ci aspettiamo questa disneyland degli istinti e degli orgasmi dove scampiamo alle frustrazioni ma con questo approccio partiamo già frustrati e la nostra umanità e quella degli altri ci irrita come un intoppo che non dovrebbe esserci.
Ti potrà sembrare paradossale ma l'unico modo di sdrammatizzare il sesso è rassegnarsi al fatto che in effetti può rivelarsi pure complicato o non gratificante, uscire insomma dalle idee spettacolari e mettersi in gioco con una certa schiettezza.


Trovo molto appropriato l'auspicio di Arianna.

Inutile cercare la fantomatica "disneyland degli istinti e degli orgasmi dove scampiamo alle frustrazioni" è come ricercare il Santo Gral, che è introvabile ...

Bisognerebbe insegnare che il sesso va preso per come viene, che non si possono fare programmazioni …
E soprattutto, non bisogna essere soverchiati da troppi pensieri ….

P.
(-------------;)--------------)
“My sweetest friend / Everyone I know / Goes away in the end / You could have it all / My empire of dirt / I will let you down / I will make you hurt / If I could start again / A million miles away / I would keep myself / I would find a way.”
(“Hurt” Lyrics by Trent Reznor, sung by Johnny Cash)

Clemens

Utente Attivo

  • "Clemens" has been banned

Posts: 55

Activitypoints: 200

Date of registration: Apr 20th 2019

  • Send private message

62

Monday, April 29th 2019, 1:21am

Inutile cercare la fantomatica "disneyland degli istinti e degli orgasmi dove scampiamo alle frustrazioni" è come ricercare il Santo Gral, che è introvabile ...

Bisognerebbe insegnare che il sesso va preso per come viene, che non si possono fare programmazioni …
E soprattutto, non bisogna essere soverchiati da troppi pensieri ….


Verissimo! Programmare il sesso quando dovrebbe essere spontaneità, confidenza, fiduciaed espressione di sé senza barriere, potrebbe risultare alquanto deludente.

Kylo

Giovane Amico

  • "Kylo" started this thread

Posts: 112

Activitypoints: 423

Date of registration: Dec 28th 2015

  • Send private message

63

Monday, April 29th 2019, 2:06am

Ma io non voglio programmare il sesso, gente.
Io voglio solo riuscire a "vivermelo" quando ne ho l'occasione.
Riuscire a superare i miei blocchi che me lo impediscono, persino quando c'è una ragazza che mi fa capire di essere quantomeno interessata a me.
Riuscire a vincere la timidezza, l'insicurezza, l'imbarazzo, l'incapacità di esporsi, la paura di sentirsi immediatamente "impegnati".

Ribadisco: il punto qui non è diventare un latin lover, ma quantomeno capire cosa mi blocca dal lasciarmi andare quel tanto che basta, quella volta che mi capita.

arianna73

Amico Inseparabile

Posts: 1,066

Activitypoints: 3,212

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

64

Monday, April 29th 2019, 2:34pm

ciao Kylo, fra una chiacchiera e l'altra ho detto che in fondo dipende da quanto desideri davvero tu stesso uscire dalla tua "comfort zone"
I pensieri e i comportamenti, le abitudini etc, tutto quello che ci rassicura anche se ci blocca, che tiene i nostri casini più o meno sotto controllo anche se non ci rende propriamente "felici e soddisfatti".

Penso che sia così ancora di più dopo che hai aperto l'altro topic, decisamente interessante.
Poi il resto si sblocca da sé. Ovvio che se cerchi compagnia , non dico automaticamente sesso, ma comunque ti guardi attorno devi farlo frequentando più persone e quindi più ragazze.
Se siete tutti disimpegnati non vedo che "farfallone" dovresti essere , io da parte mia ti vedrei semplicemente come una persona libera che cerca compagnia, com'è abbastanza ovvio fare sia per il sesso che per il piacere di vivere in sé. Forse non sono deputata a parlare per "l'universo femminile" :D , ma insomma a mio parere questo è un esempio dei blocchi che tu stesso credo capisci di dover fare saltare, e che non richiedono in realtà grandi manovre particolari. Lo sforzo vero riguarda i tuoi desideri e le tue motivazioni, le cose poi smuovendosi un minimo soprattutto alla tua età capitano :)

65

Monday, April 29th 2019, 2:38pm

Riuscire a superare i miei blocchi che me lo impediscono, persino quando c'è una ragazza che mi fa capire di essere quantomeno interessata a me.
Riuscire a vincere la timidezza, l'insicurezza, l'imbarazzo, l'incapacità di esporsi, la paura di sentirsi immediatamente "impegnati".

Ribadisco: il punto qui non è diventare un latin lover, ma quantomeno capire cosa mi blocca dal lasciarmi andare quel tanto che basta, quella volta che mi capita.

per me le strade sono due:
O affronti una psicoterapia per capire l'origine del blocco e come superarlo , oppure provi a lanciarti con una ragazza che magari non ti interessa per vedere se è solo questione di scioglierti una volta.
Se ci sono problemi alla base però la n.2 non è praticabile.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

Santacruz

Zitella con gattino

  • "Santacruz" is female

Posts: 597

Activitypoints: 1,062

Date of registration: Oct 18th 2017

  • Send private message

66

Monday, April 29th 2019, 4:00pm

Io voglio solo riuscire

Riuscire a vincere

Riuscire a superare


Chiedo scusa se ti ho inquadrato male.
Oltretutto ti facevo più giovane, se hai 30 anni sento di averti capito ancor meno bene.
Sicuro che la tua "sindrome dell'impostore" non sia in qualche modo collegata al "blocco"?
Togliendo l'oggetto del discorso, non sai quanto io stessa sono anni che devo riuscire a vincere.... E superare.... e non ci riesco.
Me lo dico, me lo ripeto, tutta la teoria è giusta e pure l'atteggiamento... Ma poi il mio blocco prevale.
L'unica suggestione che mi ha aiutato è quella di chi mi ha detto "smettila di combattere", accetta le cose per come sono, accetta che non vadano bene. Con questo pensiero sto riuscendo a rimanere più calma e lucida.
Nel tuo caso forse dovresti smetterla di combattere contro te stesso e i tuoi blocchi, e accettarti per come sei. Il che non vuol dire non fare sesso. Ma non preoccuparti del dopo. Ma non nel senso che te ne freghi di chi hai davanti. Nel senso che quel che sara' sarà, magari ti sentirai una "m....", ma fa parte di te. Puoi obbligare te stesso a frequentare qualcuna, ma non puoi obbligarti a sentire e pensare in modo diverso dal tuo. Devi vivere queste avventure e esperienze a tuo modo.
Come dice Arianna la Disneyland dell'orgasmo è una utopia (grande, facci una canzone e mettici il copyright, se no te la frego).
Forse Sara che ti suggerisce la terapia non sbaglia, magari ricorda meglio altri tuoi interventi...

67

Monday, April 29th 2019, 4:48pm

Ma io non voglio programmare il sesso, gente.
Io voglio solo riuscire a "vivermelo" quando ne ho l'occasione.
Riuscire a superare i miei blocchi che me lo impediscono, persino quando c'è una ragazza che mi fa capire di essere quantomeno interessata a me.
Riuscire a vincere la timidezza, l'insicurezza, l'imbarazzo, l'incapacità di esporsi, la paura di sentirsi immediatamente "impegnati".

Ribadisco: il punto qui non è diventare un latin lover, ma quantomeno capire cosa mi blocca dal lasciarmi andare quel tanto che basta, quella volta che mi capita.


i blocchi si superano prendendo coraggio e buttandosi, una volta.
ripensa ad una cosa che hai fatto nel passato, di cui sei andato fiero. fosse anche l'imparare ad andare in bici. ecco...quella è la sensazione che devi riprendere.
namasté

arianna73

Amico Inseparabile

Posts: 1,066

Activitypoints: 3,212

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

68

Monday, April 29th 2019, 7:46pm


Come dice Arianna la Disneyland dell'orgasmo è una utopia (grande, facci una canzone e mettici il copyright, se no te la frego).


niente copyright a favorire ahahah

ciao kylo ti ho dato il mio parere anche di là. Lo sai, sarà che ho abbastanza dramma nella mia vita per un reggimento e non ho forza di drammatizzare dove non mi sembra il caso, ma continuo a vedere la tua situazione come possibilissima a sbloccarsi in modo soddisfacente ;)

Santacruz

Zitella con gattino

  • "Santacruz" is female

Posts: 597

Activitypoints: 1,062

Date of registration: Oct 18th 2017

  • Send private message

69

Monday, April 29th 2019, 8:31pm

i blocchi si superano prendendo coraggio e buttandosi,

Certo.
È come quando chiami l'informatica aziendale perché il pc non va e lui ti dice, hai provato a spegnere e riaccendere?
E tu ti senti un ebete perché effettivamente non avevi provato.
Però c'è il. Livello due. In cui uno ha provato varie volte a buttarsi e ne è uscito piuttosto lesionato, la frustrazione aumenta e anche la rabbia con se stessi. A quel punto non è un blocco "comune", di quelli che hanno più meno tutti, di quelli che fanno parte della crescita di ciascuno. Del passaggio alla vita adulta. Si tratta di quelle rogne che forse solo un rabo psicologo ti toglie e forse nemmeno quello. Ci devi convivere a vita. O forse no... Intanto I miei blocchi sono ancora lì dopo 37 anni...

Kylo

Giovane Amico

  • "Kylo" started this thread

Posts: 112

Activitypoints: 423

Date of registration: Dec 28th 2015

  • Send private message

70

Saturday, May 25th 2019, 2:17pm

Salve a tutti :)
Aggiornamento: continuo a conoscere, frequentare, uscire e in taluni casi arrivare al bacio (o per dirla in maniera scientifica: al "limone duro").
Ma mi fermo lì.

C'è un campo di forza che mi impedisce di andare oltre le prime uscite, di creare occasioni in cui si potrebbe arrivare al dunque.

Alcuni elementi che riscontro sono questi:

1) a volte non sono "sicuro" che la ragazza in questione mi ecciti abbastanza: o mi parte la fiammata (e allora mi sento molto più sicuro), o rimango in un limbo di "mi piaciucchia, ma...", per cui evito la possibilità di "floppare" a letto

2) la mia casa come estensione della mia intimità: per quanto mi piaccia l'appartamento che divido con un altro paio di persone, ho sempre il timore che sia disordinato e non abbastanza accogliente, per cui (salvo casi in cui mi sento particolarmente a mio agio) evito situazioni in cui si potrebbe finire a casa mia; se a questo aggiungiamo che mi sta capitando di uscire con ragazze un pochino più grandi, e sicuramente molto più in carriera, di me, mi vergogno del mio modesto appartamento e anche del semplice fatto di vivere ancora con dei coinquilini (per quanto in generale sono serenissimo con questa condizione)

3) l'affezionamento e il non saper gestire il "dopo": considerando che non cerco relazioni stabili ma che al tempo stesso empatizzo subito con chi ho accanto, non riesco mai a creare una situazione rilassata e senza impegno in cui riuscire a lasciarmi andare senza troppi se e troppi ma; non capisco mai qual è il momento giusto per dire o far capire esplicitamente che non cerco nulla di serio o impegnativo, per cui mi tiro indietro molto prima di arrivare potenzialmente al dunque

Per cui niente, ho quasi 32 anni ma continuo a essere e sentirmi un quasi-vergine :(

luca63

mistico dubbioso

  • "luca63" is male

Posts: 292

Activitypoints: 791

Date of registration: Oct 27th 2013

Location: genova

  • Send private message

71

Saturday, May 25th 2019, 5:54pm

pensi troppo :crazy:
l'indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che è la mia debolezza. PPP

Kylo

Giovane Amico

  • "Kylo" started this thread

Posts: 112

Activitypoints: 423

Date of registration: Dec 28th 2015

  • Send private message

72

Wednesday, May 29th 2019, 7:18pm

pensi troppo :crazy:


Se avessi 50 centesimi per ogni volta in cui qualcuno me l'ha detto fin da quando ero piccolo sarei ultra-miliardario.
Come si fa a pensare meno?

luca63

mistico dubbioso

  • "luca63" is male

Posts: 292

Activitypoints: 791

Date of registration: Oct 27th 2013

Location: genova

  • Send private message

73

Wednesday, May 29th 2019, 8:12pm

kylo, lo dicevo con la massima solidarietà possibile!!!
è un problema anche per me...

come si fa a pensare meno.. vediamo...
respirare...
essere nel presente...
affrontare i problemi del presente e non quelli del futuro...
ascoltare i propri sentimenti...
ascoltare il proprio corpo...
avere fiducia nella vita.

questo provo a fare - mica facile!

hai mai sentito dire che se un ubriaco cade probabilmente si fa meno male di una persona molto vigile?

voglio dire...
ubriachiamoci!!! :beer:
l'indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che è la mia debolezza. PPP

Kylo

Giovane Amico

  • "Kylo" started this thread

Posts: 112

Activitypoints: 423

Date of registration: Dec 28th 2015

  • Send private message

74

Wednesday, May 29th 2019, 11:47pm

kylo, lo dicevo con la massima solidarietà possibile!!!
è un problema anche per me...


Ma l'avevo capito, tranquillo! :beer:

Quoted

come si fa a pensare meno.. vediamo...
respirare...
essere nel presente...
affrontare i problemi del presente e non quelli del futuro...
ascoltare i propri sentimenti...
ascoltare il proprio corpo...
avere fiducia nella vita.

questo provo a fare - mica facile!


Ci provo anch'io, e negli anni ho imparato a pensare sempre meno, eppure mi sento sempre un "rimuginatore incallito" :D

Quoted

voglio dire...
ubriachiamoci!!! :beer:


Scherzi a parte... questo funziona, o almeno aiuta! :D

Fork820swa

Utente Attivo

Posts: 67

Activitypoints: 250

Date of registration: Apr 25th 2019

  • Send private message

75

Thursday, May 30th 2019, 2:10pm

Mah, io purtroppo non ce la faccio. Non ho avuto chissà quanti amanti, ma con tutti devo dire che sono stata perché c'era un interesse in più da parte mia. O comunque ci conoscevamo già. Per me la sveltina non può esistere. Mi è venuta in mente una frequentazione.. proprio niente da dirci e da condividere, ma abbiamo provato a vederci, e vederci.. e io l'ho fatto aspettare 1 mese prima di starci! Per poi fare del sesso scadente, renderci conto che non c'era manco quello.. e dopo altri due appuntamenti ciao.
A me comunque spiace non riuscire a vivere con leggerezza il sesso. Vorrei essere in grado di fare, e ciao, non aspettarmi chiamata, o i messaggi.. insomma, sesso senza impegno. E invece no, o inizia una frequentazione esclusiva, oppure ci sto malissimo!!!
Inoltre, proprio due mesi fa ho parlato con un ragazzo con cui c'era un po' di intesa, lavorando insieme era il caso di chiarire le cose, e parlando lui mi ha detto che non cerca nulla di serio, mai relazioni serie in 30 anni di vita (!) e che boh, per lui si tratta sempre di sesso senza impegni. Devo dire che l'ho invidiato.