Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,152

Activitypoints: 21,798

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

76

Sunday, November 10th 2019, 1:59pm

Intervengo solo per dire che mi ritrovo molto nelle parole di Pivaldo lato padre. Le preoccupazioni verso una figlia che poi si stemperano nella tenerezza.

Ps
Magari diventare nonno....ma giustamente è una scelta solo loro.
Allontana da me questo calice.....

77

Sunday, November 10th 2019, 10:13pm

Ragazzi noi vi leggiamo anche quando non interveniamo immediatamente...
Cercate di discutere pacificamente,vedo che si sta rientrando su un binario di ragionevolezza e mi fa piacere.

Chi sa cosa pensa a questo punto l'autrice del thread e se la situazione si è evoluta.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

frili

giovane amica

Posts: 300

Activitypoints: 759

Date of registration: Apr 21st 2018

  • Send private message

78

Monday, November 11th 2019, 9:19am

problema peró é il seguente: anche se questa mia verginità mi ha sempre fatto sentire un’imbranata infantile un po’ mi ci sono affezionata, mi ha caratterizzato per tutto questo tempo e l’idea di perderla mi frena sempre malgrado tuttol.

Mi sento tanto come te! Ho qualche anno in più ma anche io sono affezionata alla mia verginità (...)
Io anche quello, oltre il fatto come detto sopra che non so come mi guarderei poi..

Se le autrici ne hanno voglia, mi piacerebbe approfondire questo lato: nemmeno io l'ho abbandonata (mi piace il termine, Pivaldo!) presto, ma non l'ho mai sentita come parte di una mia identità e il discorso mi interessa.
Soffrendo di emicranie da sempre, credo di attuare un meccanismo smile: pur volendo superare questo problema lo sento talmente "mio" che senza mi sentirei una persona diversa.
Potrebbe essere una cosa simile?

Creamy

Colonna del Forum

Posts: 1,574

Activitypoints: 5,152

Date of registration: Mar 5th 2009

  • Send private message

79

Monday, November 11th 2019, 2:52pm

Oddio Frili si magari potrebbe essere, quando hai una caratteristica con cui ti identifichi PERÒ non è salutare come cosa, capita ma non dobbiamo fossilizzarci.L' identità poi è sempre in evoluzione e attraverso i cambiamenti esce fuori, in che panni ci sentiamo meglio etc.
Cerco di abbracciare la filosofia del "tutto scorre" non mi voglio né arroccare né cambiare per forza. Vedo di volta in volta.
PS un po' in generale "verginità" la intendo come un po' la vita di una monade, è il non saperci fare con l' altro sesso a volte anzi molte volte proprio a livello relazionale. Di fatti pure col mio ex non ero predisposta proprio dal lato relazionale, ero molto chiusa in me stessa. Non ne sono felicissima ma non sbraito neanche per conoscere un ragazzo, quello che viene viene

frili

giovane amica

Posts: 300

Activitypoints: 759

Date of registration: Apr 21st 2018

  • Send private message

80

Monday, November 11th 2019, 3:59pm

Oddio Frili si magari potrebbe essere, quando hai una caratteristica con cui ti identifichi PERÒ non è salutare come cosa, capita ma non dobbiamo fossilizzarci.L' identità poi è sempre in evoluzione e attraverso i cambiamenti esce fuori, in che panni ci sentiamo meglio etc.
Cerco di abbracciare la filosofia del "tutto scorre" non mi voglio né arroccare né cambiare per forza. Vedo di volta in volta.
PS un po' in generale "verginità" la intendo come un po' la vita di una monade, è il non saperci fare con l' altro sesso a volte anzi molte volte proprio a livello relazionale. Di fatti pure col mio ex non ero predisposta proprio dal lato relazionale, ero molto chiusa in me stessa. Non ne sono felicissima ma non sbraito neanche per conoscere un ragazzo, quello che viene viene

Sai Creamy, mi ha colpita la frase "non so come mi guarderei poi": cosa vedresti di così cambiato in te?
Perché ad esempio a me liberarmi dalle emicranie cambierebbe lo stile di vita, essere sicuramente molto più libera e meno evitante, una cosa assolutamente positiva, che però implica un cambiamento, un lasciar andare parti di me.
Sul fatto che non sia un meccanismo sano né salutare concordo al 100%.
Ma a te cosa cambierebbe, di te, il fatto di non essere più vergine?

Littlemar

Utente Attivo

  • "Littlemar" is female
  • "Littlemar" started this thread

Posts: 18

Activitypoints: 61

Date of registration: Sep 20th 2019

  • Send private message

81

Wednesday, November 13th 2019, 9:19pm

Ciao :)

Sono una ragazza di 25 anni, etero, che è ancora vergine, non ho mai infatti avuto alcun tipo di rapporto con un ragazzo sebbene io venga reputata una ragazza quantomeno nella norma. Mi sono sempre sentita piuttosto insicura e immatura riguardo questo mio aspetto, forse perché ho sempre visto ragazzine piú piccole di me (anche di molto) già esperte navigate in campo sessuale mentre io sono quasi al pari di una bambina escluso per esperienze indirette di amiche e chiacchiere. Insomma spesso mi ritrovo a far finta di sapere cose che in realtà non so solo per mantenere una parvenza di “normalità”. Non ho mai avuto neanche un ragazzo e questo ha sempre messo strane idee nella mentre delle persone come il fatto che io sia lesbica. Non sarò sicuramente l’unica in questa situazione su tutta la faccia della terra, ma quasi mi ci sento.

Sto uscendo peró con un ragazzo, simpatico, gentile; ovviamente ad una certa età non si vuol perdere tempo, anche perché ormai le relazioni passano prima dal sesso. Su questo io sono pienamente d’accordo, anche se vergine capisco l’importanza in una relazione che ha la sfera sessuale (e poi non nascondo che gli ormoni li ho anche io). Il problema peró é il seguente: anche se questa mia verginità mi ha sempre fatto sentire un’imbranata infantile un po’ mi ci sono affezionata, mi ha caratterizzato per tutto questo tempo e l’idea di perderla mi frena sempre malgrado tuttol. Quasi non riesco a immaginarmi non-vergine, quasi non mi sento più io. Altro fatto, é che ho aspettato tutto questo tempo ma come faccio a capire se è la persona giusta? Non è che non ci sia trasporto, ma come faccio a discriminare se è la persona giusta o potenzialmente questo scappa facendomi rimpiangere di non aver aspettato che so, un anno in più, e trovando un ragazzo migliore con cui condividere questa esperienza? Non voglio investire il ragazzo di chissà quale responsabilità sia chiaro, é solo che per me è un’esperienza che vorrei associare a un ragazzo di cui potrei non pentirmene e non di uno che prende quello che deve prendere e se ne va. Ho aspettato così tanto tempo, a questo punto quale dovrebbe essere una buona motivazione per non dovrei aspettare ulteriormente un’altra persona (che non per forza ci sarà)? Qualcuno dopo questa mia ultima riflessione potrebbe dirmi di aspettare il matrimonio, ma non credo molto nel sacramento...



Onestamente da una ragazza vergine (e consapevole di cosa sia il sesso) mi aspettavo un po' più di tatto. Sembra quasi che tu voglia stare con un piede nella scarpa della trasgressione, e con un piede nella scarpa dell'innocenza. Sappi che l'uno contrasta l'altro.

Partiamo dal presupposto che chiedere su un Forum cosa fare o non fare della propria verginità mi sembra assurdo: qui dentro sono tutti più che navigati, ed infatti il 99% delle risposte è "buttati". Però quel "buttati" ti viene consigliano in base al loro modo di vivere il sesso, non in base a come lo vuoi o lo vorresti vivere tu. Se tu provassi a fare la solita domanda in un Forum di persone sessualmente più conservatrici, troveresti risposte diametralmente opposte.
Quindi cosa fai, cerchi per tutto il Web la risposta unanime? Non esiste una risposta unanime perchè il sesso è qualcosa si soggettivo, che varia anche per uno 0.001% di persona in persona. In questo mondo andiamo verso gli 8 miliardi, ne farai di fatica a metter tutti d'accordo...
Oppure lanci un sondaggio su piattaforma Rousseau aspettando il verdetto dopo aver stipulato un programma/contratto di consumazione?

E poi scusami: quindi tu faresti sesso dopo 25 anni che aspetti il ragazzo giusto solo perchè un pugno di utenti su un forum ti ha incitato a farlo? Che peccato, se ti fossi iscritta un anno prima la verginità l'avresti persa a 24 anni. E se ti fossi iscritta 10 anni fa, l'avresti persa come le tue amiche dell'adolescenza. Insomma, la tua verginità viaggia in correlazione temporale all'esito della tua domanda su un Forum, il fatto che lui sia quello giusto o meno alla fine è tutto irrilevante (perchè anche a 15 anni avrai sicuramente conosciuto un ragazzo carino e simpatico, solo che non c'erano i forumisti di nienteansia a consigliarti...ma che peccato!).

Seriamente, io non capisco come tu possa chiedere all'umanità di decidere per la tua verginità. Le solite persone (non di questo Forum, ci mancherebbe, ma parlo in generale) che negli anni avranno pensato di te le peggiori cose (è repressa, è asessuata, è lesbica, è acida) poi saranno le stesse a consigliarti di fare sesso. Tu continui ad avere fiducia? Ne hai di coraggio allora.

Inoltre non sono per nulla d'accordo quando dici che le relazioni nascono dal sesso: quindi fammi capire, se io e te ci conosciamo e vedo che non sei brava a letto, ti mollo fregandomene di tutto il resto? Accidenti, bel modo di gettare le fondamenta di una relazione. Non te ne rendi conto ma ti stai autosabotando, è come se tu stessi dicendo al futuro ragazzo che inconterai "Portami a letto e poi sentiti libero di mollarmi".
Non sarebbe più sano investire su un ragazzo che sappia aspettare i tuoi tempi? Oppure la tua vagina ha la scandenza entro il 2019 come lo yogurt?

Non ci siamo cara, proprio non ci siamo.

PS: Ricordati che una volta persa la verginità non torna più, ovviamente se tornerai qui col rimborso di coscienza per aver "bruciato" la tua prima volta (o non aver seguito il tuo voler cercare il ragazzo ideale) sappi che più che una frase di circostanza della serie "Eh ma che vuoi che sia, mica finisce il mondo" non riceverai. A quel punto te la devi vedere con te stessa, altrochè.
Ciao! Scusatemi il ritardo nel leggervi ma sono stata impegnata. Comunque per farla breve no, non faccio “decidere ad un pugno di utenti” della mia sessualità e in questo caso verginità. Io ho chiesto come capire quando buttarsi con una persona e quando è il caso di lasciar “dominare” l’istinto senza troppi pensieri, non se devo far sesso o no per la prima volta con un ragazzo. Non mi serve aprire un sondaggio perché non sto chiedendo il parere a nessuno se sia giusto o no far sesso con una persona, quello lo posso e lo devo decidere soltanto io. La mia domanda era come so che è la persona giusta per la mia prima volta, penso tu abbia travisato le mie parole.

Per quanto riguarda la mia vagina con la data di scadenza no, ovviamente non la ha ma sarebbe anche un’esperienza che mi piacerebbe fare quando sono “ancora giovane” perché, anche se in maniera seria e responsabile, vorrei vivermela la mia sessualità. Inoltre quando dico che mi sono resa conto che alla mia età, e nel mio ambiente, le relazioni passano prima per il sesso intendevo dire che molte mie amiche, e vari conoscenti, se conoscono un ragazzo o una ragazza non aspettano mesi per andarci a letto ma anche la sera stessa dell’uscita capita che ci facciano sesso. Perché giustamente anche quello è un modo per conoscersi, per capire se si sta bene insieme e perché no divertirsi. Se io sono vergine ovviamente ci vado cauta, e non mi butto tra le braccia del primo che capita alla prima uscita. Mi voglio fidare, voglio essere certa di non pentirmene e così passa del tempo, tempo che non tutti sono disposti ad aspettare dati i ritmi nella media.

Littlemar

Utente Attivo

  • "Littlemar" is female
  • "Littlemar" started this thread

Posts: 18

Activitypoints: 61

Date of registration: Sep 20th 2019

  • Send private message

82

Wednesday, November 13th 2019, 9:31pm

Pivaldo, mi spiace tu non abbia capito il senso del mio post. Rileggilo sotto un'altra ottica, dove cristianità, maschilismo e cazzate varie non c'entra nulla.

Che questa ragazza voglia perdere la verginità a 25 o 50 anni, con l'uomo di una notte o con l'uomo che sposerà, a me frega ben poco.

Voi avete consigliato questa ragazza in base alle vostre esperienze, io in base alle mie (sai quante volte, un "pugno di amici", a 18-19 anni mi consigliavano di "divertirmi"? Oh, eppure io sono un uomo e non una donna che avrebbe perso valore...) e ribadisco, chiedere su un forum cosa fare della propria verginità non è proprio come chiedere consigli se sulla carbonara è meglio metterci il guanciale o la pancetta.

Questa ragazza ha 25 anni ma sotto certi aspetti è ancora un po' "immatura" (non in senso negativo, diciamo più che altro come ingenuità), lo si nota benissimo per via delle sue numerose contraddizioni. Questo fa capire che ha tanti, troppo dubbi in testa ed "incoraggiarla" così non le fa assolutamente bene. Perchè poi, come già detto nel finale dello scorso post, nel caso (ripeto, nel caso!) si pentisse di ciò che ha fatto vivrebbe con un senso di violazione, qualcosa che le è stato tolto. Insomma, penserebbe alla sua prima volta ad un atto violento, voluto per curiosità e non per totale volontà sua ma per consigli di altri.
Un po' come quando le amiche in età adolescenziale ti spingono a farlo. Allora la ragazza poteva farlo già all'epoca: non era pronta all'epoca, ed è visibilmente non pronta adesso.

Nessuno le sta dicendo di aspettare il matrimonio (vada retro Satana!), ma se è arrivata vergine a 25 anni un motivo ci sarà, quindi perchè farlo adesso con il ragazzo che "solamente" le piace (e già lei mette le mani avanti dicendo che probabilemente non nascerà mai nulla di serio) e non farlo con un ragazzo con cui ci sarà almeno un progetto serio?
Se voleva giusto giusto levarsi lo sfizio, poteva farlo già anni prima.

Anzi, ti dirò una cosa: se la ragazza voleva effettivamente farlo nemmeno lo scriveva qui sul forum, lo faceva e basta.
Ti ringrazio per avermi giudicato immatura :) solitamente tutti mi trovano troppo seria e matura per la mia età! Ma giustamente è un argomento in cui sono vergine, sia di fatti che contenuti, quindi magari ci sta il mio essere ancora acerba. Ti voglio subito correggere e dirti che no, non lo vedrei assolutamente come un atto violento perché se lo faccio, lo faccio perché io lo voglio e non una qualsiasi altra persona. In adolescenza non ho mai avuto delle situazioni “Favorevoli” e che mi facessero sentire a mio agio dato che non ho mai avuto un fidanzato. Per questo motivo la mia prima volta sarebbe dovuta essere con il primo che mi capitava a tiro e non ho mai voluto o pensato alla mia prima volta cosi, ma forse in realtà non sono neanche la tipa da “una botta e via” nella vita. Quindi fondamentalmente questo è il motivo della mia verginità inoltrata, non perché non sia pronta, ma perché non si era mai presentata l’occasione che mi prendesse.

Littlemar

Utente Attivo

  • "Littlemar" is female
  • "Littlemar" started this thread

Posts: 18

Activitypoints: 61

Date of registration: Sep 20th 2019

  • Send private message

83

Wednesday, November 13th 2019, 9:40pm

problema peró é il seguente: anche se questa mia verginità mi ha sempre fatto sentire un’imbranata infantile un po’ mi ci sono affezionata, mi ha caratterizzato per tutto questo tempo e l’idea di perderla mi frena sempre malgrado tuttol.

Mi sento tanto come te! Ho qualche anno in più ma anche io sono affezionata alla mia verginità (...)
Io anche quello, oltre il fatto come detto sopra che non so come mi guarderei poi..

Se le autrici ne hanno voglia, mi piacerebbe approfondire questo lato: nemmeno io l'ho abbandonata (mi piace il termine, Pivaldo!) presto, ma non l'ho mai sentita come parte di una mia identità e il discorso mi interessa.
Soffrendo di emicranie da sempre, credo di attuare un meccanismo smile: pur volendo superare questo problema lo sento talmente "mio" che senza mi sentirei una persona diversa.
Potrebbe essere una cosa simile?
Esatto, sei così abituato ad una condizione che quasi non ti senti più tu se non dovesse più esserci.




Citato da "Creamy"



Oddio Frili si magari potrebbe essere, quando hai una caratteristica con cui ti identifichi PERÒ non è salutare come cosa, capita ma non dobbiamo fossilizzarci.L' identità poi è sempre in evoluzione e attraverso i cambiamenti esce fuori, in che panni ci sentiamo meglio etc.
Cerco di abbracciare la filosofia del "tutto scorre" non mi voglio né arroccare né cambiare per forza. Vedo di volta in volta.
PS un po' in generale "verginità" la intendo come un po' la vita di una monade, è il non saperci fare con l' altro sesso a volte anzi molte volte proprio a livello relazionale. Di fatti pure col mio ex non ero predisposta proprio dal lato relazionale, ero molto chiusa in me stessa. Non ne sono felicissima ma non sbraito neanche per conoscere un ragazzo, quello che viene viene

Sai Creamy, mi ha colpita la frase "non so come mi guarderei poi": cosa vedresti di così cambiato in te?
Perché ad esempio a me liberarmi dalle emicranie cambierebbe lo stile di vita, essere sicuramente molto più libera e meno evitante, una cosa assolutamente positiva, che però implica un cambiamento, un lasciar andare parti di me.
Sul fatto che non sia un meccanismo sano né salutare concordo al 100%.
Ma a te cosa cambierebbe, di te, il fatto di non essere più vergine?
Personalmente, anche se non avevi interpellato direttamente me, non saprei. È una questione più di testa che di altro. Penso che mi faccia paura l’idea di cambiare, infondo con i cambiamenti ho sempre uno strano rapporto nel senso che mi rendo conto di averne bisogno ma mi manca a volte il coraggio di farli.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,152

Activitypoints: 21,798

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

84

Thursday, November 14th 2019, 7:27am

Da ciò che scrivi e da come lo scrivi io invece ho l'impressione che tu sia una ragazza molto riflessiva e matura, con le normali insicurezze di una persona giovane che si affaccia a cose di cui non ha esperienza. I vecchi e banali consigli sono alle volte i più sensati. Vivi le cose man mano che vengono secondo la tua personale sensibilità. Io credo che il quando, il come e con chi lo troverai tu nel tuo e solo tuo momento giusto.
Allontana da me questo calice.....

Bonus

Giovane Amico

Posts: 133

Activitypoints: 431

Date of registration: Jan 15th 2018

  • Send private message

85

Thursday, November 14th 2019, 4:15pm

Littlemar, anche se la mia opinione arriva "dopo i fochi" come si dice dalle mie parti, vorrei provare a tranquillizzarti un attimo.
In primo luogo credo che tu sia perfettamente capace di capire da sola il momento e l'occasione per qualsiasi "salto" della tua vita. L'istinto ti fa capire quando è il momento di lasciarsi andare e far volare le mutande fuori dalla finestra.
Se hai bisogno di tempo la persona "adatta" è anche una persona in grado di aspettarti.
Quindi non hai alcuna pressione.
Tranquilla.
Tanto le tredicenni di oggi sono più esperte di mezzo cast di brazzers, quindi stai tranquilla che nella gara di chi ha trombato per primo su questo forum, per anagrafe o turbe mentali, arriviamo tutti dopo i portabottiglie.
Benissimo.
Ora, riguardo all'identificarti cerca di capire una cosa.
La verginità non è né un indice della tua "purezza" o della tua serietà.
È solo una cosa che non hai fatto. Io pensa non sono mai andato a sciare.
I miei compagni di classe ci andavano tutti.
Quanto avrei voluto farmi una pista nera!
Ok, lo sci non è il sesso, però il ruolo della prima volta è il medesimo.
Quello che è importante per "identificarti" (sempre che tu voglia identificarti in quell'area) è la serietà con cui lo affronti.
Illudi persone con il sesso? Svendi te stessa e la tua femminilità?
Io non credo, o perlomeno da come scrivi sembri una ragazza seria e sensibile.
Per cui non ci vedrei nulla di male se una sera hai voglia di buttarti gambe all'aria con un ragazzo che ti piace.
Anzi, sarei il primo a dirti che hai fatto bene. Purché la cosa venga da te.
Se temi di prendere decisioni avventate per gli ormoni fai una cosa: io per molte cose, da i film, decisioni sul lavoro, impressioni sulle persone...So che il mio cervello tutte le volte deve fare una sorta di "giro della morte". Di solito il mio istinto a botta centra il bersaglio, ma so che nelle ore e giorni precedenti il mio cervello passa da un estremo all'altro e poi arriva all'opinione bilanciata.
Conosci un ragazzo che ti piace? Ti tira un casino? Ok, se temi di fare un errore fai fare un giro della morte alle tue emozioni. Se dopo il giro avrai ancora voglia di fare sesso lasciati andare.
Ma non forzarti!
Tieniti pronta magari. Fatti la ceretta più spesso, non metterti le mutande della nonna quando esci.
Ma non "impegnarti".
Lascia che succeda e sii ricettiva.
E, purtroppo qui sul forum si sente spesso, smettila di pensare all'"esperienza".
Non gliene frega niente a nessuno.
Cioè, se tu fossi una pornostar o una battona lo capirei.
Ma stiamo parlando di un'esperienza sessuale di tutt'altra natura.
Quel che conta è lasciarsi andare e passare dei momenti felici con una persona.
Non c'è tecnica o skill da affinare.
Anche perché, parliamoci, pensa alle superiori o a qualche conversazione che non avresti voluto sentire all'università o a lavoro davanti alla macchinetta del caffè, pensa a quante volte hai sentito roba tipo "bah, quella fa delle pompe galattiche" o "lui? Ce l'ha come la gamba di un tavolino".
Hai idea del tipo di "relazioni" in cui vengono fuori pensieri del genere?
Perdonami ma non ti ci vedo. Credo che tu ti muova in acque completamente diverse.
Poi senti.
La prima fa cacare. Non sul serio.
Non siamo dentro una puntata di Dawson's Creek.
La mia prima è stata forse una delle più brutte.
Cioè, non traumatica, ma proprio come situazione.
Se dovessi elencarti, anche sentimentalmente, le mie volte migliori la prima non è neanche in top ten.
Non darle tutto quel peso perché il sesso non finisce lì.
Da fuori vediamo tutti un portone da varcare, ma quando siamo dentro è un giardino molto vario (curiosa scelta di metafora...).
Quindi tranquilla Littlemar.
Segui il tuo istinto e tutto andrà bene.

Creamy

Colonna del Forum

Posts: 1,574

Activitypoints: 5,152

Date of registration: Mar 5th 2009

  • Send private message

86

Thursday, November 14th 2019, 6:17pm

Oddio Frili si magari potrebbe essere, quando hai una caratteristica con cui ti identifichi PERÒ non è salutare come cosa, capita ma non dobbiamo fossilizzarci.L' identità poi è sempre in evoluzione e attraverso i cambiamenti esce fuori, in che panni ci sentiamo meglio etc.
Cerco di abbracciare la filosofia del "tutto scorre" non mi voglio né arroccare né cambiare per forza. Vedo di volta in volta.
PS un po' in generale "verginità" la intendo come un po' la vita di una monade, è il non saperci fare con l' altro sesso a volte anzi molte volte proprio a livello relazionale. Di fatti pure col mio ex non ero predisposta proprio dal lato relazionale, ero molto chiusa in me stessa. Non ne sono felicissima ma non sbraito neanche per conoscere un ragazzo, quello che viene viene

Sai Creamy, mi ha colpita la frase "non so come mi guarderei poi": cosa vedresti di così cambiato in te?
Perché ad esempio a me liberarmi dalle emicranie cambierebbe lo stile di vita, essere sicuramente molto più libera e meno evitante, una cosa assolutamente positiva, che però implica un cambiamento, un lasciar andare parti di me.
Sul fatto che non sia un meccanismo sano né salutare concordo al 100%.
Ma a te cosa cambierebbe, di te, il fatto di non essere più vergine?


Beh esattamente come ho detto, non so come mi vedrei, ma non intendo un colpevolizzarmi, cerco di non vederla in maniera negativa, anche perchè appunto non sto andando a rapinare nessuno. Ma ho tante altre questioni del " non so come mi vedrei poi", in molti casi magari lo so sotto sotto, più sicura di me stessa, nel senso " oh sai che ti dico, pensavo fosse chissà cosa, invece la questione era solo iniziare ". Tutto sta li' è difficile lasciare andare l'abitudine.
Io ora sono sincera, di me ho l'immagine bambinona/vittimista/lamentosa ( e ce l'hanno anche i miei famigliari di me ), ma so che magari è un'immagine che rappresenta una fase della mia vita, non la posso avere in eterno.

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 2,030

Activitypoints: 6,104

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

87

Thursday, November 14th 2019, 7:13pm

Littlemar, anche se la mia opinione arriva "dopo i fochi" come si dice dalle mie parti, vorrei provare a tranquillizzarti un attimo.
In primo luogo credo che tu sia perfettamente capace di capire da sola il momento e l'occasione per qualsiasi "salto" della tua vita. L'istinto ti fa capire quando è il momento di lasciarsi andare e far volare le mutande fuori dalla finestra.
Se hai bisogno di tempo la persona "adatta" è anche una persona in grado di aspettarti.
Quindi non hai alcuna pressione.
Tranquilla.
Tanto le tredicenni di oggi sono più esperte di mezzo cast di brazzers, quindi stai tranquilla che nella gara di chi ha trombato per primo su questo forum, per anagrafe o turbe mentali, arriviamo tutti dopo i portabottiglie.
Benissimo.
Ora, riguardo all'identificarti cerca di capire una cosa.
La verginità non è né un indice della tua "purezza" o della tua serietà.
È solo una cosa che non hai fatto. Io pensa non sono mai andato a sciare.
I miei compagni di classe ci andavano tutti.
Quanto avrei voluto farmi una pista nera!
Ok, lo sci non è il sesso, però il ruolo della prima volta è il medesimo.
Quello che è importante per "identificarti" (sempre che tu voglia identificarti in quell'area) è la serietà con cui lo affronti.
Illudi persone con il sesso? Svendi te stessa e la tua femminilità?
Io non credo, o perlomeno da come scrivi sembri una ragazza seria e sensibile.
Per cui non ci vedrei nulla di male se una sera hai voglia di buttarti gambe all'aria con un ragazzo che ti piace.
Anzi, sarei il primo a dirti che hai fatto bene. Purché la cosa venga da te.
Se temi di prendere decisioni avventate per gli ormoni fai una cosa: io per molte cose, da i film, decisioni sul lavoro, impressioni sulle persone...So che il mio cervello tutte le volte deve fare una sorta di "giro della morte". Di solito il mio istinto a botta centra il bersaglio, ma so che nelle ore e giorni precedenti il mio cervello passa da un estremo all'altro e poi arriva all'opinione bilanciata.
Conosci un ragazzo che ti piace? Ti tira un casino? Ok, se temi di fare un errore fai fare un giro della morte alle tue emozioni. Se dopo il giro avrai ancora voglia di fare sesso lasciati andare.
Ma non forzarti!
Tieniti pronta magari. Fatti la ceretta più spesso, non metterti le mutande della nonna quando esci.
Ma non "impegnarti".
Lascia che succeda e sii ricettiva.
E, purtroppo qui sul forum si sente spesso, smettila di pensare all'"esperienza".
Non gliene frega niente a nessuno.
Cioè, se tu fossi una pornostar o una battona lo capirei.
Ma stiamo parlando di un'esperienza sessuale di tutt'altra natura.
Quel che conta è lasciarsi andare e passare dei momenti felici con una persona.
Non c'è tecnica o skill da affinare.
Anche perché, parliamoci, pensa alle superiori o a qualche conversazione che non avresti voluto sentire all'università o a lavoro davanti alla macchinetta del caffè, pensa a quante volte hai sentito roba tipo "bah, quella fa delle pompe galattiche" o "lui? Ce l'ha come la gamba di un tavolino".
Hai idea del tipo di "relazioni" in cui vengono fuori pensieri del genere?
Perdonami ma non ti ci vedo. Credo che tu ti muova in acque completamente diverse.
Poi senti.
La prima fa cacare. Non sul serio.
Non siamo dentro una puntata di Dawson's Creek.
La mia prima è stata forse una delle più brutte.
Cioè, non traumatica, ma proprio come situazione.
Se dovessi elencarti, anche sentimentalmente, le mie volte migliori la prima non è neanche in top ten.
Non darle tutto quel peso perché il sesso non finisce lì.
Da fuori vediamo tutti un portone da varcare, ma quando siamo dentro è un giardino molto vario (curiosa scelta di metafora...).
Quindi tranquilla Littlemar.
Segui il tuo istinto e tutto andrà bene.


Hai fatto un post da incorniciare :) Penso che sia, assieme al post precedente di Fran, la sintesi più utile e felice della questione. Non tanto per com'è stata affrontata qui , anche perché mi sono persa un sacco di post e non ho il tempo per recuperare tutto, ma in generale, in tempi di mitizzazione ossessiva del sesso.
Anche io ribadisco quando se ne presenta l'occasione, quant'è inutile e fuorviante fissarsi sull' "esperienza" , e su altre categorie o limiti che magari esistono, ok, ma pur sempre nella vita di qualcun altro - a ciascuno il suo percorso, che - e per fortuna, sennò che tedio :) - non è lo stesso per tutti.

Belacqua

Giovane Amico

  • "Belacqua" is male

Posts: 142

Activitypoints: 531

Date of registration: Jun 20th 2014

Location: Nord

Occupation: studente

  • Send private message

88

Sunday, November 17th 2019, 7:58pm

la verginità è un fardello pesante, io ho 29 anni e sto davvero impazzendo, questo pensiero ossessivo mi ha fatto deprimere e ne sono ossessionato da aprile , quando sono stato rifiutato da una