Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Divenire

Nuovo Utente

  • "Divenire" is male
  • "Divenire" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Apr 14th 2013

Occupation: Manager

  • Send private message

1

Sunday, April 14th 2013, 10:11pm

Dipendenza da corteggiamento. AIUTO

Buongiorno a tutti,
Sono un ragazzo di 29 anni fidanzato e con uno splendido figlio di 5 anni. Da ormai piu di tre anni io vivo lontano da casa per motivi lavorativi e torno a casa per qualche giorno due o tre volte al mese.
Non ho particolari problemi con la mia compagna c'e` sempre statto rispetto, cooperazione e affetto tra di noi e con il bambino siamo molto legati. Quindi all'apparenza non abbiamo particolari problemi.
Ora dopo essere stato trasferito un'altra volta per la terza volta in un nuovo stato dall'azienda per cui lavoro come manager abbiamo deciso di riunire la famiglia. Questa cosa mi spaventa perche dopo tre anni sono ormai abituato alla mia liberta cosa a cui non voglio assolutamente rinunciare. Ora e il momento di spiegare i problemi che da sempre mi affliggono, sin da giovanissimo 16 anni circa ho avuto un discreto numero di relazioni serie con tanti piccoli tradimenti, ho sempre trovato affascinante l'atto del corteggiamento il riuscire a conquistare una donna, l'adrenalina provocata dagli sguardi, dal primo bacio, dallo scoprire una donna per la prima volta dal come tutte queste sensazioni ti facciano sentire vivo e pieno di forza...fino a che tutto cio e diventato quasi una dipendenza cosi ci sono stati alcuni tradimenti da parte mia e ad ogni nuovo tradimento seguiva una forte voglia di scappare via di vivere la mia vita libero senza doveri famigliari. Ma prontamente ogni volta riesco a sopprimerli e far tornare tutto alla normalita. Ieri sera di nuovo sono uscito con alcuni colleghi e abbiamo conosciuto due ragazze tedesche, una mi ha affascinato da subito e a fine serata ci sono stato alcuni baci. Non sento nessun rimorso ma solo la voglia di rivederla baciarla e continuare dove abbiamo lasciato. Ormai tutto questo e una costante nella mia vita mi sento davvero vivo solo in quei momenti.
Mi chiedo quale sia la giusta direzione e se questa possa essere considerata una dipendenza.?

Grazie a chi sapra in qualsiasi modo darmi un consiglio senza moralizzare troppo ma analizzando il problema anche nella sua parte psicologica.
Ognuno di noi, attraverso i
riti del corteggiamento e dell'accoppiamento (con tutto quello che ciò
comporta: investimenti, stratagemmi, emozioni, magari anche poesie e
musiche), diventa strumento inconsapevole di quell'esigenza fondamentale
della natura che è la produzione di diversità.

Piero Angela, La macchina per pensare, 1983

Art.girls.1968

Utente Attivo

  • "Art.girls.1968" is female

Posts: 61

Activitypoints: 197

Date of registration: Mar 25th 2013

Occupation: casalinga

  • Send private message

2

Sunday, April 14th 2013, 10:24pm

RE: Dipendenza da corteggiamento. AIUTO

Buongiorno a tutti,
Sono un ragazzo di 29 anni fidanzato e con uno splendido figlio di 5 anni. Da ormai piu di tre anni io vivo lontano da casa per motivi lavorativi e torno a casa per qualche giorno due o tre volte al mese.
Non ho particolari problemi con la mia compagna c'e` sempre statto rispetto, cooperazione e affetto tra di noi e con il bambino siamo molto legati. Quindi all'apparenza non abbiamo particolari problemi.
Ora dopo essere stato trasferito un'altra volta per la terza volta in un nuovo stato dall'azienda per cui lavoro come manager abbiamo deciso di riunire la famiglia. Questa cosa mi spaventa perche dopo tre anni sono ormai abituato alla mia liberta cosa a cui non voglio assolutamente rinunciare. Ora e il momento di spiegare i problemi che da sempre mi affliggono, sin da giovanissimo 16 anni circa ho avuto un discreto numero di relazioni serie con tanti piccoli tradimenti, ho sempre trovato affascinante l'atto del corteggiamento il riuscire a conquistare una donna, l'adrenalina provocata dagli sguardi, dal primo bacio, dallo scoprire una donna per la prima volta dal come tutte queste sensazioni ti facciano sentire vivo e pieno di forza...fino a che tutto cio e diventato quasi una dipendenza cosi ci sono stati alcuni tradimenti da parte mia e ad ogni nuovo tradimento seguiva una forte voglia di scappare via di vivere la mia vita libero senza doveri famigliari. Ma prontamente ogni volta riesco a sopprimerli e far tornare tutto alla normalita. Ieri sera di nuovo sono uscito con alcuni colleghi e abbiamo conosciuto due ragazze tedesche, una mi ha affascinato da subito e a fine serata ci sono stato alcuni baci. Non sento nessun rimorso ma solo la voglia di rivederla baciarla e continuare dove abbiamo lasciato. Ormai tutto questo e una costante nella mia vita mi sento davvero vivo solo in quei momenti.
Mi chiedo quale sia la giusta direzione e se questa possa essere considerata una dipendenza.?

Grazie a chi sapra in qualsiasi modo darmi un consiglio senza moralizzare troppo ma analizzando il problema anche nella sua parte psicologica.

uno che ha queste debolezze non dovrebbe fare una famiglia. non era meglio vivere e fare cio che vuole senza dover cercarsi dei problemi. non capisco! io posso capire un uomo tradisce la moglie perche ce un motivo valido, serio. ma cosi mi sembra vedere uno che non vuole crescere. non e' la critica mia. solo la reflessione.
Due cose mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini.
Tristan Bernard :)

Divenire

Nuovo Utente

  • "Divenire" is male
  • "Divenire" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Apr 14th 2013

Occupation: Manager

  • Send private message

3

Sunday, April 14th 2013, 10:38pm

Art.girls tranquilla la tua critica e piu che ben accetta se ho scritto qui e per ricevere pareri di ogni tipo dato che la mia confusione mentale in questo periodo non mi lascia venire a capo del problema. Vedi il fatto e che nella mia quotidianita non ho di questi problemi tendo ad essere un uomo molto deciso sia lavorativamente che personalmente, all'interno della mia famiglia si respira un'aria leggra mio figlio cresce benissimo e come padre e compagnio sono rispettato e amato. Quindi tutto cio non ha effetti sulla famiglia che va alla grande. Avevo anche io pensato ad una mia personale difficolta ad accettare le responsabilita e crescera ma alla fine mi sono accorto che nemmeno questo e il problema perche assolvo senza problema alle mie responsabilita di padre e di capo famiglia, cosi come sul lavoro essendo un Manager rispettato e amichevole con tutti i miei sottoposti, le uniche che non riesco ad assolvere con coerenza sono quelle di uomo in considerazione che tradisco la mia compagna. Il mio problema e legato all'adrenalina che il corteggiamento in tutte le sue fasi mi da alla sensazione di vita ed energia che ne deriva...e molto associabile all'effetto della droga. e per questo che sul soggetto ho menzionato DIPENDENZA.
Ognuno di noi, attraverso i
riti del corteggiamento e dell'accoppiamento (con tutto quello che ciò
comporta: investimenti, stratagemmi, emozioni, magari anche poesie e
musiche), diventa strumento inconsapevole di quell'esigenza fondamentale
della natura che è la produzione di diversità.

Piero Angela, La macchina per pensare, 1983

Art.girls.1968

Utente Attivo

  • "Art.girls.1968" is female

Posts: 61

Activitypoints: 197

Date of registration: Mar 25th 2013

Occupation: casalinga

  • Send private message

4

Sunday, April 14th 2013, 10:50pm

d
Art.girls tranquilla la tua critica e piu che ben accetta se ho scritto qui e per ricevere pareri di ogni tipo dato che la mia confusione mentale in questo periodo non mi lascia venire a capo del problema. Vedi il fatto e che nella mia quotidianita non ho di questi problemi tendo ad essere un uomo molto deciso sia lavorativamente che personalmente, all'interno della mia famiglia si respira un'aria leggra mio figlio cresce benissimo e come padre e compagnio sono rispettato e amato. Quindi tutto cio non ha effetti sulla famiglia che va alla grande. Avevo anche io pensato ad una mia personale difficolta ad accettare le responsabilita e crescera ma alla fine mi sono accorto che nemmeno questo e il problema perche assolvo senza problema alle mie responsabilita di padre e di capo famiglia, cosi come sul lavoro essendo un Manager rispettato e amichevole con tutti i miei sottoposti, le uniche che non riesco ad assolvere con coerenza sono quelle di uomo in considerazione che tradisco la mia compagna. Il mio problema e legato all'adrenalina che il corteggiamento in tutte le sue fasi mi da alla sensazione di vita ed energia che ne deriva...e molto associabile all'effetto della droga. e per questo che sul soggetto ho menzionato DIPENDENZA.

sarai bravo di fare un bravo marito e bravo pappa'....me pensa se tua moglie un giorno dovesse scoprire. e ti accorgerai che tutto cambia. ma veramente vale la pena di rischiare cosi?!per cosa? per un po di adrenalina?
per me non si tratta di dipendenza per me si tratta di non valutare le cose come si deve.
Due cose mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini.
Tristan Bernard :)

Divenire

Nuovo Utente

  • "Divenire" is male
  • "Divenire" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Apr 14th 2013

Occupation: Manager

  • Send private message

5

Sunday, April 14th 2013, 11:05pm

Art.girls e vero puo sembrare cosi ma il mio problema e proprio questo dopo aver valutato tutto con attenzione cio che mi domando per finire questo percorso in modo coerente e se dovrei prendere la mia strada e sentirmi vivo a modo mio o accettare che vivere non vuol dire sentirsi vivo in ogni istante ma ccettare anche i sacrifici che ne derivano e proseguire la strada con la mia famiglia? Non guardare tutto cio dal solo punto di vista di donna guardalo umanamente dall'esterno senza morale sociale, guardalo considerando il fatto che c'e` data una sola occasione di vivere, inseguire la felicita o cercare la felicita in cio che si ha? non vedermi come uno sciocco egoista, perche so che sarebbe SOCIALMENTE giusto che io stia vicino alla mia ragazza e che cresca mio figlio (che comunque so gia che sara quello che faro perche il senso del dovere e molto forte in me) ma la mia unica paura e' quella di realizzare un giorno di non aver vissuto ma essere troppo vecchio per cominciare a farlo.
Ognuno di noi, attraverso i
riti del corteggiamento e dell'accoppiamento (con tutto quello che ciò
comporta: investimenti, stratagemmi, emozioni, magari anche poesie e
musiche), diventa strumento inconsapevole di quell'esigenza fondamentale
della natura che è la produzione di diversità.

Piero Angela, La macchina per pensare, 1983

Art.girls.1968

Utente Attivo

  • "Art.girls.1968" is female

Posts: 61

Activitypoints: 197

Date of registration: Mar 25th 2013

Occupation: casalinga

  • Send private message

6

Sunday, April 14th 2013, 11:25pm

Art.girls e vero puo sembrare cosi ma il mio problema e proprio questo dopo aver valutato tutto con attenzione cio che mi domando per finire questo percorso in modo coerente e se dovrei prendere la mia strada e sentirmi vivo a modo mio o accettare che vivere non vuol dire sentirsi vivo in ogni istante ma ccettare anche i sacrifici che ne derivano e proseguire la strada con la mia famiglia? Non guardare tutto cio dal solo punto di vista di donna guardalo umanamente dall'esterno senza morale sociale, guardalo considerando il fatto che c'e` data una sola occasione di vivere, inseguire la felicita o cercare la felicita in cio che si ha? non vedermi come uno sciocco egoista, perche so che sarebbe SOCIALMENTE giusto che io stia vicino alla mia ragazza e che cresca mio figlio (che comunque so gia che sara quello che faro perche il senso del dovere e molto forte in me) ma la mia unica paura e' quella di realizzare un giorno di non aver vissuto ma essere troppo vecchio per cominciare a farlo.

hai 29 anni e non devi avere paura che la vita ti passa vicino....e cmq ti capisco. pero' pensaci che stai rischiando pareccio. la situazione ti puo' sfuggire di mano. almeno cerca di fare attenzione.
Due cose mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini.
Tristan Bernard :)

Divenire

Nuovo Utente

  • "Divenire" is male
  • "Divenire" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Apr 14th 2013

Occupation: Manager

  • Send private message

7

Sunday, April 14th 2013, 11:42pm

Art.girls vorrei solo trovare un po di serenita e non essere cosi sciocco da crearmi ulteriori stress oltre a quelli gia dati dal mio lavoro ma a quanto pare ho una spiccata capacita di danneggiarmi da solo, cio sembra stupido ma certe volte e davvero piu` forte di me.
Ognuno di noi, attraverso i
riti del corteggiamento e dell'accoppiamento (con tutto quello che ciò
comporta: investimenti, stratagemmi, emozioni, magari anche poesie e
musiche), diventa strumento inconsapevole di quell'esigenza fondamentale
della natura che è la produzione di diversità.

Piero Angela, La macchina per pensare, 1983

Art.girls.1968

Utente Attivo

  • "Art.girls.1968" is female

Posts: 61

Activitypoints: 197

Date of registration: Mar 25th 2013

Occupation: casalinga

  • Send private message

8

Sunday, April 14th 2013, 11:55pm

Art.girls vorrei solo trovare un po di serenita e non essere cosi sciocco da crearmi ulteriori stress oltre a quelli gia dati dal mio lavoro ma a quanto pare ho una spiccata capacita di danneggiarmi da solo, cio sembra stupido ma certe volte e davvero piu` forte di me.

dentro di se' tu losai quello che giusto e' quello che e' sbagliato. ricordati pero' che ogni scelta che faremo oggi domani ci sara un conto da pagare. e sai che riesce non pagare? chi e' piu' furbo. riesci essere furbo? poi come fai essere sicuro che non ti innamorerai mentre giocchi a corteggiare una ragazza? pensaci...stai rischiando parecchio. buona notte.
Due cose mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini.
Tristan Bernard :)

9

Monday, April 15th 2013, 11:01am

È preoccupante che alla tua età,con una famiglia,un lavoro e delle responsabilità che dovrebbero averti fatto maturare un bel po',trovi senso e soddisfazione in qheste cotterelle adolescenziali.La dipendenza è data dal fatto che sono soltanto delle esperienze ormonali i cui effetti svaniscono molto presto,è chiaro quindi che dopo un po' sei punto e a capo.
Non ne uscirai fino a quando non comprenderai la vacuità della cosa e non ti concentrerai sulle cose che ti potranno dare veramente soddisfazione e felicità e non semplici momenti di euforia passeggera che dopo ti lasciano il vuoto.

Dolphin84

Utente Avanzato

  • "Dolphin84" is male
  • "Dolphin84" has been banned

Posts: 911

Activitypoints: 2,853

Date of registration: Apr 15th 2013

  • Send private message

10

Monday, April 15th 2013, 12:35pm

Ma su, basta con questi moralismi. L'amore e la famiglia sono una cosa, il sesso è un'altra.

Ho la tua età, e conosco coetanei che tradiscono sistematicamente le proprie compagne. Non è certamente un comportamento da lodare però io sinceramente penso che non sia (a parte poche eccezioni) nella natura umana (e sopratutto maschile) la monogamia. Dopo un pò subentra la noia, l'impetuosa passione ed amore dei primi tempi lascia il posto alla routine, e allora si cercano scappatoie. Non sentirti troppo in colpa, quasi tutti si comportano così.

Poi, dici tu, sei in giro per lavoro (e hai una posizione di tutto rispetto) quindi non ti vede nessuno. Secondo me non c'è nulla di male a concedersi un pò di "relax" ogni tanto. L'importante è che tu sia un padre eccellente per tuo figlio e un compagno premuroso per tua moglie.
"I’m not apologizing for crap that isn’t my fault."

Francyyy

Utente Avanzato

  • "Francyyy" is female
  • "Francyyy" has been banned

Posts: 539

Activitypoints: 1,827

Date of registration: Apr 2nd 2012

Location: rimini

Occupation: impiegata

  • Send private message

11

Monday, April 15th 2013, 12:59pm

Come dice Luna Stregata il problema è capire dentro di sè quali cose ti rendono effettivamente felice e soddisfatto a lungo termine e quali sono semplicemente dei bisogni passeggeri, senza alcuna importanza.

Vorrei chiederti... se la tua compagna ti scoprisse e ti lasciasse.... come ti sentiresti? Te ne faresti una ragione e continueresti con i tuoi rapporti passeggeri, o ne saresti disperato?
Cioè una volta single tendi a cercare donne che possono darti rapporti duraturi, o solo storielle?

Al contrario, se tu scoprissi la tua compagna che ti tradisce, come reagiresti? perdoneresti?

12

Monday, April 15th 2013, 3:15pm

Ma che morale?
È assurdi tradire in maniera continua sol perché si ha la compagna lontana.
Allora nessuna storia a distanza resisterebbe.
A parte la questione sociale come dici tu,ma la tua compagna come si dovrebbe sentire sapendo che la conrnifichi perché ti piace "provare quell adrenalina"?

Devi avere rispetto. Non credo che tu saresti felice e contento se la tua lei facesse cosi.


Controllati,e fai altro.
Sono impegnata a tenere insieme pezzi di me con la colla e con lo scotch.

13

Monday, April 15th 2013, 5:16pm

Ma su, basta con questi moralismi. L'amore e la famiglia sono una cosa, il sesso è un'altra.

Ho la tua età, e conosco coetanei che tradiscono sistematicamente le proprie compagne. Non è certamente un comportamento da lodare però io sinceramente penso che non sia (a parte poche eccezioni) nella natura umana (e sopratutto maschile) la monogamia. Dopo un pò subentra la noia, l'impetuosa passione ed amore dei primi tempi lascia il posto alla routine, e allora si cercano scappatoie. Non sentirti troppo in colpa, quasi tutti si comportano così.

Poi, dici tu, sei in giro per lavoro (e hai una posizione di tutto rispetto) quindi non ti vede nessuno. Secondo me non c'è nulla di male a concedersi un pò di "relax" ogni tanto. L'importante è che tu sia un padre eccellente per tuo figlio e un compagno premuroso per tua moglie.

Mamma mia, questo post è terrifcante...ci vuole proprio 'coraggio' per scrivere certe cose.

Praticamente siccome tutti (o la maggior parte) sbagliano allora ci si può comportare allo stesso modo, allora si è meno colpevoli. Ma che ragionamento è?

Ma un rapporto per voi, su cosa si basa? Sulle menzogne? Che importanza ha per voi la fiducia che vi viene riposta dalle vostre mogli e dalle vostre compagne? Rispetto, serietà, morale, neanche a parlarne proprio.

A questo punto è meglio che restiate soli, single. Gli eterni peter pan alla ricerca delle facili emozioni, non sono adatti ad avere una famiglia. Per avere un figlio ci vorrebbe un minimo di maturità, di responsabilità.

E all'utente che ha scritto il thread chiedo: cosa accadrebbe se la tua compagna lo scoprisse? E ancora: come fai a guardarla negli occhi? E infine: se lei si comportasse nello stesso modo, che opinione avresti tu di lei?

Recita un detto, sempre meno seguito purtroppo "non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te".
Ma ognuno pensa solo a se stesso, la parola 'valori' esiste soltanto sul vocabolario, forse.

summertime

Pilastro del Forum

  • "summertime" is male

Posts: 2,504

Activitypoints: 7,771

Date of registration: Mar 10th 2010

  • Send private message

14

Monday, April 15th 2013, 5:28pm

Secondo me la moralità qui nemmeno entra in gioco, qua si tratta proprio di una cosa ancora più basilare: prendere sul serio la propria vita, e le persone vicine.

Cosa si può dire ad uno che sotiene di essere un padre ed un marito "perfetto", quando il comportamento attuato è quello di un perfetto egocentrico narcisista??

"Morale" è un aggettivo troppo alto per descrivere i capricci di un bimboccio malcresciuto.
Dice che "rispetta" la sua compagna, che in famiglia si respira un'aria "leggera" (??) e che il bambino cresce benissimo (con un padre pressoché assente, sarebbe molto interessante sapere come).

Qui siamo proprio alla negazione della realtà delle cose... dice di "assolvere senza problema" ai suoi doveri di padre e capo famiglia... in che modo però non è dato saperlo.

Io vedo solo tanta superficialità e una vita intessuta di bugie...
In genere queste situazioni si perpetrano finché il pantano diventerà ingovernabile, e a quel punto scoppierà la bomba.
Preparati a goderti un bello spettacolo.
“Se qualcuno ti dice che non ci sono verità, o che la verità è solo relativa, ti sta chiedendo di non credergli. E allora non credergli.”

_Sehnsucht_

Io sono destinata ad avere l'anima perpetuamente in tempesta

  • "_Sehnsucht_" is female

Posts: 712

Activitypoints: 2,235

Date of registration: Mar 6th 2013

Location: Nowhere

  • Send private message

15

Monday, April 15th 2013, 6:18pm

Come hanno detto altri prima di me, penso che tu rientri nella categoria di persone che dovrebbero stare single a vita per potersi vivere quelle libertà di cui parli, e non ti sto giudicando da bacchettona perché sono stata un'amante in passato quindi sono l'ultima che può fare la morale agli altri, però ho sempre saputo distinguere cosa è rispettoso e cosa non, infatti per quanto possa esser stata complice di qualcuno, non mi ritengo capace di essere io quella che tradisce il suo compagno in prima linea, preferirei un atto di onestà e lasciarlo per andare a farmi i fatti miei piuttosto che ferirlo alle spalle.

Io ti parlo di coerenza, non di morale. Se tu sei fatto così, hai queste voglie che non riesci a controllare, sarebbe più onesto continuare a fare il padre ma da padre separato dalla moglie per cui non so quanto davvero tu possa ancora provare dei veri sentimenti. Ho casi in famiglia di questo tipo e ti dico che hanno finito tutti per andarsene di casa proprio per la loro incapacità di star fedeli alla propria moglie, più onesto che continuare a cornificarla ad oltranza.

Conosco da vicino una persona che fa i tuoi stessi discorsi, e sono profondamente convinta che la sua sceneggiata di fidanzato innamorato prima o poi gli crollerà sotto i piedi come gli è già successo in precedenza, lui è proprio fatto così e quindi farebbe meglio a star da solo, te lo dico proprio perché comprendo appieno l'adrelina di cui parli, ma appunto dura quel breve periodo e poi svanisce, probabilmente dovresti ridimensionare le tue priorità e capire se davvero vuoi tenere sempre il piede in due scarpe o se sarebbe tutto più facile se potessi farti la tua vita senza vincoli e paure di sorta.
Se davvero tieni alla tua famiglia, è molto più coraggiosa e degna di rispetto un'ammissione di colpa piuttosto che un teatrino tirato avanti a vita, puoi adempiere ai tuoi doveri di padre e di ex marito in ogni caso.
"Il problema era che doveva continuare a scegliere tra un male o un altro." C. Bukowski