Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dipendente82

Nuovo Utente

  • "Dipendente82" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Oct 9th 2019

  • Send private message

1

Wednesday, October 9th 2019, 3:39pm

Dipendenza affettiva e gravidanza

Ciao sono una donna di 37 anni incinta del suo primo figlio dopo 20 anni con lo stesso uomo che ora è mio marito, gravidanza improvvisa e inaspettata a causa di alcune pastiglie ormonali..nel 2017 ho conosciuto un uomo di cui mi sono innamorata e all inizio di quest anno avevo pensato seriamente di lasciare tutto :casa marito per poter ricominciare una nuova vita. Poi tutto mi è piovuto addosso..la gravidanza e la mia paura d abortire per non uccidere i bambino,
Ora sono si 5 mesi, dovrei vivere tutto con serenità ma piango tutti i giorni ..non riesco ad uscire da questo stato depressivo che quando una aspetta un bambino non dovrebbe avere. Mio marito e felice L altro mi odia, m allontana sempre di più e io mi sento a pezzi, non riesco a trovare un modo per reagire per favore aiutatemi..

2

Thursday, October 10th 2019, 1:42pm

Ciao, è una situazione complessa e non hai fornito molti dettagli.

Ho capito che hai una relazione ventennale con lo stesso uomo, tuo marito, e dal 2017 pero' hai una relazione extraconiugale con un altro uomo. Adesso sei incinta di un figlio "non cercato".

Innanzitutto partirei dal tuo nick, e mi piacerebbe sapere fra le due figure (amante e marito) di chi ti senti "Dipendente". Immagino dall'amante se dici che l'altro ora "ti odia" ti allontana sempre di piu' e questo ti fa star male.

Non ci sono "consigli" magici del tipo "lascia l'amante, resta con tuo marito, oppure lascia il marito vai con l'amante" perché in un "triangolo" del genere, banalmente il problema è che non riesci a chiudere con uno dei due o avresti già risolto.

Hai mandato avanti questa situazione finché l'arrivo del bambino non ti ha messo in seriamente in crisi. Visto anche il tuo stato interessante, e considerata la complessità della situazione "affettiva", l'unica figura che puo' REALMENTE aiutarti è uno professionista.

Perché qui non c'è da fare una scelta ma si tratta di "conoscerti" e comprendere il problema da un punto di vista piu' profondo. Perché non è detto che tu, con questo "amante" sia innamorata, come sai, puo' essere una dipendenza. Ne vale la pena "capire" la natura di questi rapporti prima di rovinarsi la vita.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,115

Activitypoints: 21,687

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

3

Thursday, October 10th 2019, 3:31pm

scusami, ma la dipendenza affettiva non nasce da un giorno all'altro. Prima dell'amante la provavi verso tuo marito o qualcun altro?
La prossima rivoluzione verrà dalla tristezza

Tommaso Rossi

Giovane Amico

  • "Tommaso Rossi" is male

Posts: 154

Activitypoints: 476

Date of registration: Sep 23rd 2019

  • Send private message

4

Thursday, October 10th 2019, 11:01pm

Ciao sono una donna di 37 anni incinta del suo primo figlio dopo 20 anni con lo stesso uomo che ora è mio marito, gravidanza improvvisa e inaspettata a causa di alcune pastiglie ormonali..nel 2017 ho conosciuto un uomo di cui mi sono innamorata e all inizio di quest anno avevo pensato seriamente di lasciare tutto :casa marito per poter ricominciare una nuova vita. Poi tutto mi è piovuto addosso..la gravidanza e la mia paura d abortire per non uccidere i bambino,
Ora sono si 5 mesi, dovrei vivere tutto con serenità ma piango tutti i giorni ..non riesco ad uscire da questo stato depressivo che quando una aspetta un bambino non dovrebbe avere. Mio marito e felice L altro mi odia, m allontana sempre di più e io mi sento a pezzi, non riesco a trovare un modo per reagire per favore aiutatemi..

Ci sono molti punti che non mi tornano...
Non mi torna il fatto che tu ti definisca "dipendente" e che con questa definizione tu abbia intitolato questo thread.. Dipendente da chi o da cosa?... Non si capisce dal tuo post, è una definizione che apparentemente non c'entra nulla col tuo racconto...
Non mi torna poi il fatto che tu sia rimasta incinta solo ( dopo ben 20 anni di, presumo, rapporti sessuali "liberi") "a causa di alcune pastiglia ormonali"... Ora, le terapie con ormoni sessuali normalmente si fanno o per NON restare incinte ( la classica pillola contraccettiva ) o, al contrario, nell'ambito di un programma di fecondazione assistita ( ed allora la gravidanza sarebbe stata tutt'altro che inaspettata o non voluta ). Non sono un ginecologo e forse mi sbaglio, ma non riesco ad immaginare altre situazioni ( che non siano gravi malattie come i tumori del seno... Ma ce ne avresti parlato... )
Ma anche lasciando perdere questa incongruenza, mi pare curioso pure il fatto che, alla notizia di questa improvvisa gravidanza, tu non ti sia fatta neppure sfiorare dal dubbio che il bambino potesse essere del tuo amante e non di tuo marito... Eppure, stando a quel che racconti, con questo secondo uomo hai una storia da ben due anni, non penso che quando vi incontrate passiate il tempo sfogliando margherite, il dubbio sarebbe stato lecito...
Poi dici che il tuo amante ( neanche lui sfiorato dal dubbio, che, al posto suo, io avrei avuto subito, di essere il padre del bambino .. ) adesso ti odia... E perché, di grazia? Solo perché ha avuto conferma che con tuo marito continuavi ad andarci a letto?... Ma penso lo sapesse, o quanto meno, lo imaginasse, no?
Ed infine, last but not least, non mi torna il fatto che, subito dopo aver scritto il tuo primo post, rappresentando questo angoscioso dilemma, tu sia sparita senza neanche preoccuparti di leggere le risposte.
Ma non è una novità, pare, ci sono altri post simili nel forum...

5

Friday, October 11th 2019, 6:22pm

non mi torna il fatto che, subito dopo aver scritto il tuo primo post, rappresentando questo angoscioso dilemma, tu sia sparita senza neanche preoccuparti di leggere le risposte.
Anche io ho notato qualche incongruenza, puo' nascere del fatto che chi "narra" la propria storia, in maniera estremamente sintetica peraltro (certe dinamiche sono talmente complesse che richiedono per forza dettagli o altrimenti risultano incomplete) : magari non è pienamente consapevole di alcuni principi di responsabilità, o di causa e conseguenza.

Pero' sul tornare a rispondere secondo me non c'è da allarmarsi perché capita di frequente. Puo' essere dato dal fatto che chi scrive poi "se ne pente", oppure osserva il Thread ma non gradisce il tipo di risposta.
Non mi torna poi il fatto che tu sia rimasta incinta solo ( dopo ben 20 anni di, presumo, rapporti sessuali "liberi") "a causa di alcune pastiglia ormonali"... Ora, le terapie con ormoni sessuali normalmente si fanno o per NON restare incinte ( la classica pillola contraccettiva ) o, al contrario, nell'ambito di un programma di fecondazione assistita ( ed allora la gravidanza sarebbe stata tutt'altro che inaspettata o non voluta ). Non sono un ginecologo e forse mi sbaglio, ma non riesco ad immaginare altre situazioni ( che non siano gravi malattie come i tumori del seno... Ma ce ne avresti parlato... )

Questa è una perplessità che ho notato anche io.

O è andata "male" la contraccezione e con pillole ormonali si riferisce a quello, oppure è difficile pensare che un rapporto "ventennale" si sia risolto con una gravidanza inaspettata. Considerando la felicità del marito, sembra quasi un "indizio" che (nel caso il bambino fosse suo cioè del marito) magari rimanere "incinta" non è stato un disguido.
... E perché, di grazia? Solo perché ha avuto conferma che con tuo marito continuavi ad andarci a letto?... Ma penso lo sapesse, o quanto meno, lo imaginasse, no?
C'è da ricordare che poi non è "infrequente" che nell'infedeltà si dichiari all'amante di non andare piu' a letto con marito o la moglie o addirittura dichiararsi "separati in casa" quando non è così: Sono situazioni che si ingarbugliano di molte bugie, che per pudore non si puntualizzano, pero' queste realtà purtroppo funzionano così.

Azzardo un'ipotesi:

Puo' essere che il figlio fosse cercato e considerando i rapporti di infedeltà "drammatici e instabili", puo' essere stata una manovra fatta in un momento di crisi nella speranza di "sistemare tutto", sotto uno stato emotivo alterato o disperato.

Ponendo che la dipendenza ci sia, e sia nei confronti della figura dell'amante: Non è improbabile il cercare una via d'uscita per poi scoprire che questa è solo una mossa che complicherà il triangolo.

In ogni caso, se la storia è vera (al momento non vedo estremi per ritenerla falsa, magari raccontata con dei filtri e passaggi da rivedere: Sì) rimane il fatto che, di tutto questo c'è un bambino nel grembo e la MASSIMA PRIORITA' è che lei, per il bene di entrambi: si tranquillizzi.

Posso solo dire di non vergognarsi e di rivolgersi a qualcuno che puo' "offrirle" sostegno in attesa che si trovino "soluzioni" con marito e amante. Aggiungo a Dipendente82 nel caso tornasse a leggere: Affronta la tua gravidanza tranquillamente o poniti come obiettivo un sostegno per questi 9 mesi, rassegnati sul fatto che queste situazioni, come puo' essere la dipendenza affettiva si risolvono "nel lungo termine" in ogni caso, è statistico. Praticamente al momento "star male e disperarti" neanche ti conviene ecco.

Quindi non devi per forza credere di risolvere tutto prima che il bambino nasca o che sia la fine di tutto perché sei incinta. Probabilmente "temi" l'abbandono del tuo amante, mi sembra di avere intuito questo dalle tue parole. Sicuramente il distacco della spina fra voi sarebbe un bene, magari questa prospettiva al momento ti spaventa, pero' c'è da dire che "questi rapporti" non finiscono facilmente, è piu' probabile che vada avanti conflittualmente (per quello di dico di stare tranquilla quasi a prescindere perché è da copione che lui si allontani ma che poi ti cerchi ancora ) ...

Stai serena, avrai tempo di decidere senza necessariamente affrontare catastrofi.

This post has been edited 1 times, last edit by "Juniz" (Oct 11th 2019, 6:28pm)


Elisa89

Ogni lasciata è persa

  • "Elisa89" is female

Posts: 425

Activitypoints: 1,324

Date of registration: Jun 1st 2019

  • Send private message

6

Friday, October 11th 2019, 8:59pm

Posso solo dire di non vergognarsi e di rivolgersi a qualcuno che puo' "offrirle" sostegno in attesa che si trovino "soluzioni" con marito e amante. Aggiungo a Dipendente82 nel caso tornasse a leggere: Affronta la tua gravidanza tranquillamente o poniti come obiettivo un sostegno per questi 9 mesi, rassegnati sul fatto che queste situazioni, come puo' essere la dipendenza affettiva si risolvono "nel lungo termine" in ogni caso, è statistico. Praticamente al momento "star male e disperarti" neanche ti conviene ecco.


In questo momento per il bene suo e del bambino è necessario staccarsi da entrambi e trovare un sostegno per la gravidanza e dopo. La vita continua e anche io consiglio di non disperarsi, di stare tranquilla e di dare il tempo al tempo. Staccandosi, capirà cosa prova per questi uomini.
Ed importante sapere esattamente chi è il padre del bambino per accordarsi sulla gestione dello stesso. Anche se fosse del marito, non ci starei insieme solo per il figlio.

Dipendente82

Nuovo Utente

  • "Dipendente82" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Oct 9th 2019

  • Send private message

7

Saturday, October 12th 2019, 9:14am

Il figlio e d mio marito, m definisco dipendente perché non sono stata in grado di staccarmi prima da nessuno dei due, avrei dovuto lasciare mio marito invece non ho avuto il coraggio, e al tempo stesso m fa soffrire allontanarmi dall altro per cui provo dei sentimenti molto forti. Con mio marito dopo 20 anni di relazione siamo entrati in un periodo di crisi per noia e abitudine, sembravamo due compagni che condividono la casa, e questa gravidanza e stata davvero un caso, perché prima che L altro entrasse nella mia vita avevamo provato tanto ad avere un figlio. Forse è vero che mi devo far aiutare da un professionista xe il più delle volte durante il giorno m sento apatica e non ho voglia di nulla.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,115

Activitypoints: 21,687

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

8

Saturday, October 12th 2019, 3:27pm

Un professionista potrebbe esserti di aiuto se non altro per vedere la situazione da fuori in modo distaccato. Vai cauta sul discorso dipendenza affettiva. Il fatto di titubare a rompere un matrimonio di per sé non è sintomo di dipendenza....anzi direi che non è una condizione inusuale.
La prossima rivoluzione verrà dalla tristezza

Tommaso Rossi

Giovane Amico

  • "Tommaso Rossi" is male

Posts: 154

Activitypoints: 476

Date of registration: Sep 23rd 2019

  • Send private message

9

Saturday, October 12th 2019, 3:58pm

Scusa se insisto: dici che con tuo marito hai provato inutilmente ad avere un figlio per ben 20 anni e poi, improvvisamente, dopo che questo uomo è entrato nella tua vita ( immagino pure "carnalmente" ) tu rimani incinta.. Eppure non ti fai cogliere dal dubbio che il figlio sia di questo nuovo uomo ( e neanche lui ci pensa minimamente.. )
Guarda che anche ti sei fatta i conti e non hai avuto rapporti con lui nel periodo strettamente interessato dal presunto concepimento, non vuol dire nulla, c'è una ampia variabilità delle situazioni..
Te lo dico solo per farti sorgere un ( lecito ) dubbio... Poi certo, se il vostro rapporto era solo platonico, il discorso cambia, ovvio....

amoreperduto

Piu' duro della vita

Posts: 1,056

Activitypoints: 2,821

Date of registration: Jan 24th 2015

  • Send private message

10

Saturday, October 12th 2019, 10:03pm

Ragiona razionalmente. Lasacia l'amante. Con tuo marito ci puo' anche essere stata noisa, ma sopravvivere cosi' a lungo vuol dire che lui ha qualche pregio che non ha veramente testato nell'amante. Io non ci penserei molto e sceglierei il marito e il figlio

Dipendente82

Nuovo Utente

  • "Dipendente82" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Oct 9th 2019

  • Send private message

11

Sunday, October 13th 2019, 4:41pm

Scusa se insisto: dici che con tuo marito hai provato inutilmente ad avere un figlio per ben 20 anni e poi, improvvisamente, dopo che questo uomo è entrato nella tua vita ( immagino pure "carnalmente" ) tu rimani incinta.. Eppure non ti fai cogliere dal dubbio che il figlio sia di questo nuovo uomo ( e neanche lui ci pensa minimamente.. )
Guarda che anche ti sei fatta i conti e non hai avuto rapporti con lui nel periodo strettamente interessato dal presunto concepimento, non vuol dire nulla, c'è una ampia variabilità delle situazioni..
Te lo dico solo per farti sorgere un ( lecito ) dubbio... Poi certo, se il vostro rapporto era solo platonico, il discorso cambia, ovvio....

(citazione riportata due volte. Ho proceduto alla cancellazione doppia. Repcar per lo staff di nienteansia.it)

Con mio marito il rapporto è stato completo e nn protetto...succedeva anche in passato ma questi ormoni m hanno scombussolato tutto

This post has been edited 4 times, last edit by "repcar" (Oct 13th 2019, 6:57pm)


Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo ancora. Ma ho scoperto che non sopporto i cretini, vecchi o giovani che siano.

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,624

Activitypoints: 5,041

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

12

Wednesday, October 16th 2019, 6:12pm

Il figlio e d mio marito, m definisco dipendente perché non sono stata in grado di staccarmi prima da nessuno dei due, avrei dovuto lasciare mio marito invece non ho avuto il coraggio, e al tempo stesso m fa soffrire allontanarmi dall altro per cui provo dei sentimenti molto forti. (...)


La circostanza che tu avessi rapporti completi con tuo marito (e, presumibilmente con l'amante) mi fa pensare che tu ritenessi che non correvi il rischio di rimanere incinta.
Quindi, mentre vivevi la tua indecisione (che attribuisci ad una "dipendenza affettiva") tu vivevi con due uomini in una sorta di limbo, in attesa che ti si chiarisse la situazione.
E come spesso accade nelle cose umane, quando non pensavi più di poter rimanere incinta, questo succede.

Senza conoscere i particolari di una storia, è difficile fare un'analisi che sia attendibile.
Ciò detto, sul piano comportamentale sembra come se tu, giorno dopo giorno, tirassi in aria una moneta per fare testa o croce, inconsciamente sapendo che, in ogni caso ti saresti fatta male. Ti volevi punire per la tua … indecisione.

Già, perché tuo marito si appresta ad accogliere il figlio che porti in grembo come una benedizione, un dono insperato, probabilmente rivalutando la tua figura di moglie, mentre tu, al tuo interno, avevi chiuso con lui e non trovavi il modo di dirglielo. Rimandavi di volta in volta, nella noia di una relazione divenuta abitudinaria e poco attraente.

Il tuo amante, l'uomo per il quale provi sentimenti "forti" da due anni, non è chiaro se abbia preso male il fatto che tu fossi rimasta incinta (a prescindere di chi) e quindi tu abbia alterato un equilibrio da "triangolo", che gli stava bene, o solo per il fatto che tu avessi rapporti completi con tuo marito mentre ti dichiaravi solo sua e, poi, che tu fossi certa che il figlio è di tuo marito.

Nella prima evenienza, ti dovrebbe sfiorare il dubbio che il tuo amante cerchi solo sesso e non una vera relazione affettiva (magari perché è sposato pure lui e non pensa di sfasciare la propria famiglia) ed adesso ritiene che la relazione clandestina diventi problematica, perché tu mostri un forte disagio e crisi affettiva con il bimbo in arrivo (perché in qualche modo non doveva succedere che tu rimanessi incinta). Ma se fosse solo sesso, alla fine dovrebbe brindare allo scampato pericolo e magari insistere nel coltivare la relazione clandestinamente. Tu continueresti ad essere sostanzialmente "usata" e, salvo precauzioni da prendere per il futuro, per lui non cambierebbe niente o poco (per un po' saresti meno disponibile).

La seconda ipotesi è la più probabile, perché il tuo amante (che sarebbe coinvolto anche emotivamente) ritiene che tu l'abbia tradito ed è difficile dire che non abbia qualche ragione, anche perché avere sistematicamente rapporti non protetti con un marito contraddice che tu non provassi più nulla per lui. Magari aveva fatto un pensierino ad una vita futura insieme, una volta che avessi lasciato tuo marito, ed ora il progetto è saltato (non accetterebbe un figlio non suo).

Per come la vedo io, la lotteria della moneta in aria ha dato un risultato. O ti tieni tuo marito con figlio e provi a vedere se il vostro rapporto cambia in modo da essere accettabile, o dovresti compiere un atto decisionale molto grave ed importante, lasciando comunque tuo marito (il che è ancora più difficile da motivare, anche all'esterno) ed accettare di chiudere il rapporto pure con l'amante, che ti considera una traditrice…



Forse è vero che mi devo far aiutare da un professionista xe il più delle volte durante il giorno m sento apatica e non ho voglia di nulla.


Uno psicologo ti potrebbe aiutare a fare chiarezza, ma ci vuole del tempo e nel frattempo il bimbo arriva.
Credo che tu possa farlo dopo la nascita del bimbo, valutando se tale evento abbia la capacità di cambiare tuo marito in modo per te accettabile.

Paradossalmente, il tempo potrebbe "tacitare" tuo marito e, persino (anche se poco probabile) farti riavvicinare all'amante. Ma dovresti decidere di portare avanti il triangolo nel futuro. A qualcuno è pure riuscito …

P.
(-----------;)---------------)
Hold fast to dreams / For if dreams die /Life is a broken-winged bird / That cannot fly.
Hold fast to dreams / For when dreams go / Life is a barren field / Frozen with snow
(Dreams, Langston Hughes)

Dipendente82

Nuovo Utente

  • "Dipendente82" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Oct 9th 2019

  • Send private message

13

Friday, October 18th 2019, 9:23am

Forse la prima scelta/opzione è L unica soluzione, L amante si sente tradito e dice che non m perdonerà mai per quel che è successo, che se anche dovessi rimanere sola o lasciarlo non vorrebbe mai più stare con me, e’per questo che m sento dipendente, perché nonostante tutta questa freddezza e le circostanze difficili io lo cerco ancora, e giorno dopo giorno mi rendo conto che ho sbagliato e avrei dovuto prendere queste decisioni nette prima invece di andare avanti così. Cercherò di farmi aiutare ad affrontare tutt quello che verrà con mio marito, anche se non è facile dimenticare, ma che altra scelta ho..

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo ancora. Ma ho scoperto che non sopporto i cretini, vecchi o giovani che siano.

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,624

Activitypoints: 5,041

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

14

Saturday, October 19th 2019, 4:16pm

Puoi contare sul fatto che l'arrivo di un figlio è un evento sconvolgente, che crea nuove priorità ed anche possibili solidarietà tra i genitori. Dunque, la vita certamente cambierà e, perché no, può migliorare la situazione.

Buona fortuna.

P.
(----------;)-----------)
Hold fast to dreams / For if dreams die /Life is a broken-winged bird / That cannot fly.
Hold fast to dreams / For when dreams go / Life is a barren field / Frozen with snow
(Dreams, Langston Hughes)

Dipendente82

Nuovo Utente

  • "Dipendente82" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Oct 9th 2019

  • Send private message

15

Sunday, October 20th 2019, 4:57pm

Puoi contare sul fatto che l'arrivo di un figlio è un evento sconvolgente, che crea nuove priorità ed anche possibili solidarietà tra i genitori. Dunque, la vita certamente cambierà e, perché no, può migliorare la situazione.

Buona fortuna.

P.
(----------;)-----------)



Grazie...lo spero tanto anche io, che tutto vada bene e che riesca a trovare un po’ di serenità ..