Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male
  • "doctor Faust" started this thread

Posts: 8,864

Activitypoints: 27,025

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

16

Thursday, October 4th 2012, 7:08pm

E' abbastanza chiaro e smonta questo mito


Buono l'articolo indicato. Da ricordare che lo stesso Bach [quello dei fiori] era un omeopata, e' ha smesso di esserlo dopo aver costatato il suo fallimento come medico omeopata.
Ma cio' non e' bastato per non insistere pervicacemente nel simile che cura il simile senza principi attivi, e cosi ha inventato un'altra omeopatia coi suoi fiori, che ovviamente lasciano il tepo che trovano.

Ma fanno figo, per se sono naturali come un bicchier d'acqua di fonte, costose e dal sapore esotico controcorrente e un po' snob.

Sulle malattie autolimitanti, che sono circa il 95% di tutte le malattie che copiscono il genere umano, si legga anche

vuoi saperne di piu' sulla medicina naturale, sulla medicina olistica, sulle integrazioni fra le medicine? E allora questo fa per te...

alcune persone che venivano in farmacia con la lista della spesa scritta loro dall'omeopata, spendevano fior di quattrini (perché i prodotti omeopatici son costosi!). E noi a ripetere: "mi raccomando, se si sente male vada dal medico!".


E io mi domando perchè, se l'omeopatia non e' scientifica, le farmacie fanno a gara per esporre il cartello "omeopatia". E poi vogliono arrogarsi il ruolo di educatori sanitari.
Almeno lo scrivessero apertamente:- Non sono farmaci, ma acqua in gocce-.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Morpheus88

Utente Avanzato

  • "Morpheus88" is male

Posts: 611

Activitypoints: 1,832

Date of registration: Aug 9th 2011

Location: Abruzzo

Occupation: Freelance

  • Send private message

17

Friday, October 5th 2012, 1:23pm

Come ho scritto il problema sono i soldi, l'omeopatia vende sulla paura e ignoranza delle persone, e la realtà è che per ogni stupido c'è un furbo che ci fa i soldi sopra.
Con l'omeopatia si fanno i miliardi, e questo mi ricorda fra le tante cose quanti "ignoranti" esistano oggi giorno.
Un farmacista furbo ti dirà che l'omeopatia ti salva e non fa male, che gliene frega della salute dello stupido, guarda solo la salute del portafoglio, se non sono diventati illegali probabilmente questi soldi finiscono in qualche modo in tasca ai politici e quindi tutto rimane così come è.

La fregatura per l'ignorante è anche l'effetto placebo, perché lo potrebbe convincere che qualcosa ha anche funzionato, la situazione è complicata e l'unico modo per risolverla è con l'intervento statale, però ci vorrebbe anche un messaggio di un moderatore in questa sezione che spieghi alle persone di non comprare sta roba..

Danny

Utente Avanzato

  • "Danny" is male

Posts: 816

Activitypoints: 2,497

Date of registration: Jun 10th 2012

Location: Europa

  • Send private message

18

Friday, October 5th 2012, 1:52pm

Le industrie farmaceutiche gudagnano sicuramente piu´di quelle omeopatiche, basti pensare a tutte le balle che propongono per curare la calvizie, tutta roba chimica che non funziona e che coi guadagni che genera basterebbe a sfamare tutto il burkina faso

essendo l´origine di molti mali da ricercare nella psiche, meglio curarsi con rimedi "naturali" o placebo, piuttosto che introdurre nel proprio corpo preparati chimici che, non solo danneggiano, ma cosa ben peggiore rendono dipendenti; alle ditte farmaceutiche non importa una mazza della tua guarigione, piu´medicine continuiamo a comprare piu´le loro casse si rimpinguano.


questo ovviamente non riguarda tutte le malattie dato che in certi casi é necessaria la somministrazione di antibiotici

andate pure a dare un´occhiata a cosa c´e´dietro le quinte di un´azienda come la Bayer e poi tirerete voi le somme su chi é davvero un criminale e chi non lo é

in sintesi bisognerebbe fare come gli inglesi alla fine del 700´, un bel bicchiere di gin e guarisci da tutti i mali

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male
  • "doctor Faust" started this thread

Posts: 8,864

Activitypoints: 27,025

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

19

Friday, October 5th 2012, 3:41pm

ci vorrebbe anche un messaggio di un moderatore in questa sezione che spieghi alle persone di non comprare sta roba..


IL fatto e' che questi, benchè vengano conosciuti e divulgati dalle leggende metropolitane come farmaci, nelle confezioni non c'e' scritto che sono farmaci e infatti non contengono indicazioni d'uso terapeutico, perchè sarebbe illegale.
Sone perciò considerate alla stregua di prodotti estetici. Ne è la prova che non ci vuole nessuna ricetta medica per acquistarli e nelle quantità volute. Uno se vuole, può anche farci il bagno.

in sintesi bisognerebbe fare come gli inglesi alla fine del 700´, un bel bicchiere di gin e guarisci da tutti i mali


Questo mi da l'opportunità di parlare della medicina basta sul controstimolo. Pubblicizzata in nord America dal dott. Brown e tradotta e portata in italia dall'illustre Dott Rasori, si e' molto diffusa fra la fine del settecento e la prima meta dell'ottocento, contribuendo a diffondere l'etilismo cronico, sopratutto nelle nuove metropoli in via di industrializzazione come Londra e altre citta alle prese con la rivoluzione industriale e la forte urbanizzazione.

In pratica si trattava di combattere un certo corredo sintomatologico con sostanze contrarie. Per esempio la depressione, la malattia debilitante, la tubercolosi e perfino l'inedia venivano combatture con sostanze accitanti come il caffe', whisky, gin o alcol etilico aromatizzato di varia fattura.
[figure mitiche della medicina dell'epoca sono i personaggi di Doppio Rum e Salasso, nei fumetti di capitan MIke].

Un pò come si usa fare oggi nelle discoteche e nelle serate estive con quella roba chiamata "movida" [perche fa fino] o con la pratica dell'aperitivo.

Ovviamente i malati per lo piu morivano.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

ISABELL

Giovane Amico

  • "ISABELL" has been banned

Posts: 156

Activitypoints: 629

Date of registration: Jan 4th 2011

  • Send private message

20

Friday, October 5th 2012, 7:16pm

...mentre preparati omeopatici e preparati in soluzione coi fiori di Bach non contengono che il veicolo, cioe' acqua o alcol.
Se mi permette non è proprio cosi' ...Bach si è curato con i suoi fiori quando era gravemente malato, lui era un medico inglese e un ricercatore .Abbiamo dimenticato dire che i fiori Bach oltre a contenere acqua e alcol c'è soprattutto la rugiada delle piante ...le vibrrrrrrrazioni. :)

This post has been edited 1 times, last edit by "ISABELL" (Oct 5th 2012, 8:25pm)


doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male
  • "doctor Faust" started this thread

Posts: 8,864

Activitypoints: 27,025

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

21

Sunday, October 7th 2012, 1:44pm

...certo.
C'e dentro anche la luce di sole e il sospiro del vento, il sangue della terra e un pò di sterco di vacca. Ma solo l'idea, come il profumo d'amore.

Infatti non sanno di niente :(
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

22

Sunday, October 7th 2012, 2:20pm

Nel 2007 una commissione parlamentare guidata da Lord Broers chiese ad un rappresentante della società inglese di omeopatia come si poteva distinguere un prodotto paragonato ad un altro.

"É possibile distinguere tra loro i farmaci omeopatici dopo la loro diluizione? C'è un modo qualsiasi di distinguerne uno da un altro?"
"Dall'etichetta"


:assi:

Quoted

E io mi domando perchè, se l'omeopatia non e' scientifica, le farmacie
fanno a gara per esporre il cartello "omeopatia". E poi vogliono
arrogarsi il ruolo di educatori sanitari.
Il compito di chi sta dietro al bancone è anche quello di spiegarti ed indirizzarti nel modo più opportuno, nel limite delle sue competenze. Una persona onesta ti spiega le cose come stanno senza intortarti per farti comprare una cosa piuttosto che un'altra.
Il "cartello omeopatia" è una scelta del grande capo. Se consideri che il 99,9% (ma direi anche il 100%) dei titolari ha preso la laurea in farmacia (e non ctf, guarda caso) solo ed esclusivamente per poter ereditare la bottega-sforna-soldi dai genitori, capisci qual è l'andazzo. Molti di questi non sanno neanche come funziona un farmaco a rilascio prolungato.
Il est, paraît-il, des terres brûlées donnant plus de blé qu'un meilleur Avril

This post has been edited 1 times, last edit by "Morning" (Oct 7th 2012, 6:42pm)


roberto67

Utente Attivo

Posts: 94

Activitypoints: 289

Date of registration: Mar 29th 2010

  • Send private message

23

Monday, October 8th 2012, 6:55pm

Questo è interessante


http://medbunker.blogspot.it/2011/01/paperino-lomeopata.html


Ieri parlando con un amico, convinto della bontà dell'omeopatia, gli ho chiesto di spiegarmi il concetto di "memoria dell'acqua" e del perchè l'acqua tiene in memoria il principo attivo mentre si dimentica di essere passata per la fogna prima di arrivare al mare ed entrare a far parte del "ciclo dell'acqua".
Mi ha risposto che il segreto sta nella preparazione dinamica, cioè ad ogni diluizione il preparato viene battuto 100 volte, non di più e non di meno, affinchè il principio attivo si trasferisca.
Ho una laurea scentifica e quindi se non è dimostrato non esiste, è un mio limite lo ammetto, ma mi chiedo come è possibile credere a certe cose.
Alla mia obiezione che l'omeopatia è una fede ha risposto di si.
Però quando ha la bronchite prende gli antibiotici..... :hail: :hail: :P

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male
  • "doctor Faust" started this thread

Posts: 8,864

Activitypoints: 27,025

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

24

Monday, October 8th 2012, 7:29pm

Il "cartello omeopatia" è una scelta del grande capo. Se consideri che il 99,9% (ma direi anche il 100%) dei titolari ha preso la laurea in farmacia (e non ctf, guarda caso) solo ed esclusivamente per poter ereditare la bottega-sforna-soldi dai genitori, capisci qual è l'andazzo. Molti di questi non sanno neanche come funziona un farmaco a rilascio prolungato.


Quindi sei farmacista o similia. Bene. Questo dovrebbe far riflettere quei profani che continuano ad usare e propagandare questi preparati al vicinato, ai pareti prossimi e remoti o dove possono, come se avessero scoperto la panacea. Forti del fatto che tanto non fanno male e sono naturali.

Cosa ovvia, visto che non c'è nessu componente ne medicinale ne tossico, che non hanno ne indicazioni ne controindicazioni, e che possono essere assunti da tutti, come si fa con l'acqua potabile.
Sul fatto che siano naturali, poi, ci sarebbe qualcosa da dire. L'acqua e' senz'altro naturale, ma il procedimento per diluirla e imbottigliarla, non e' naturale per nulla. E' artificioso.

Alla mia obiezione che l'omeopatia è una fede ha risposto di si.


http://www.salute.gov.it/medicinaliSosta…diavoto=true#MV

Il presente e' levato dal sito del ministero della sanità, e precisa:...sono riconoscibili perché riportano sulla confezione esterna la seguente dicitura: "medicinale omeopatico" seguita dalla frase “senza indicazioni terapeutiche approvate”.
Ciò significa che nessuna valutazione dell’efficacia del prodotto è stata effettuata dall’autorità competente (AIFA).

Però la fede è come il gusto. Non si discute.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

25

Friday, October 26th 2012, 11:36pm

http://www.giornalettismo.com/archives/5…il-bicarbonato/

Questo articolo mi riporta alla mente il caso di Clara Palomba e dell'altro bambino ucciso dall'ignoranza.

Per carità, state attenti ai ciarlatani.
E non curate i vostri figli con queste pseudo-pozioni.
Il est, paraît-il, des terres brûlées donnant plus de blé qu'un meilleur Avril

  • "fede87" is male

Posts: 2,150

Activitypoints: 6,532

Date of registration: Jan 12th 2011

Location: roma

  • Send private message

26

Saturday, October 27th 2012, 11:17am

Giusto,Vaccinatevi tutti mi raccomando!
"La lontananza dal nulla,spegne l'infinito"

27

Saturday, October 27th 2012, 1:01pm

Cosa c'entrano i vaccini? 8|

Ieri ho letto quell'articolo e mi è salita la rabbia.
Affidare il proprio figlio ad omeopati, naturopati, medici radiati dall'albo con strane teorie prive di fondamento, guaritori. Può la disperazione far perdere completamente il lume della ragione?
Il est, paraît-il, des terres brûlées donnant plus de blé qu'un meilleur Avril

  • "fede87" is male

Posts: 2,150

Activitypoints: 6,532

Date of registration: Jan 12th 2011

Location: roma

  • Send private message

28

Saturday, October 27th 2012, 1:22pm

bruciali sti articoli
"La lontananza dal nulla,spegne l'infinito"

Danaerys

Giovane Amico

  • "Danaerys" is female

Posts: 174

Activitypoints: 578

Date of registration: Oct 28th 2012

  • Send private message

29

Sunday, October 28th 2012, 2:47pm

Io da qualche tempo faccio sedute di agopuntura. L'agopunturista è un medico chirurgo e, qualche giorno fa, mi ha prescritto anche un rimedio omeopatico (Pulsatilla).
Il discorso è questo: io mi sono rivolta a lui perché soffro di emicranie invalidanti. Quando sto male, rimetto, non riesco ad alzarmi dal letto e non sono in grado di svolgere alcuna attività. Chi soffre di emicrania sa bene di cosa parlo. Ovviamente, i normali analgesici non mi fanno alcun effetto (moment act, aulin, oki, brufen...provati tutti), quindi mi è stato prescritto un farmaco specifico per l'emicrania, una superbomba che assumo da anni e che nel giro di due ore mi fa sparire l'emicrania lasciandomi, al suo posto: vertigini, tachicardia, affanno, calo della vista, sonnolenza, nausea. Per carità, piuttosto che l'emicrania preferisco questo, eh. Però, poi, mi informo e vengo a sapere che i farmaci per l'emicrania danno dipendenza, che è necessaria una dose sempre maggiore per stare meglio (infatti sono arrivata a dover assumere più di una pastiglia alla volta), che causano ulcere e coliti. E di nuovo: per carità, piuttosto che l'emicrania preferisco l'ulcera. Il problema, ora, è che sto cercando di avere un bimbo, e questi farmaci pesanti compromettono il concepimento. Per di più, non potrei mai assumerli in caso di gravidanza. Non sapendo dove sbattere la testa, mi sono rivolta a questo medico. L'agopuntura sta dando ottimi risultati e la frequenza degli attacchi è dimezzata; il medico mi ha prescritto anche la Pulsatilla che assumo senza grossa convinzione né risultati particolari. Tuttavia, non mi sembra che il medico sia un ciarlatano: prima di tutto è, appunto, un medico. Inoltre, mi ha detto subito che né l'agopuntura né l'omeopatia avrebbero mai potuto risolvere del tutto il mi problema. Infine, mi ha detto che, quando sto davvero male, posso e devo assumere il farmaco che mi ha prescritto il mio medico di base. Insomma, nel complesso mi sembra una persona corretta e preparata.
Ora vi chiedo: ma una persona nelle mie condizioni,ad esempio, che deve fare? Cioè, cercando una gravidanza non posso assumere farmaci come quelli cui sono abituata, o, quantomeno, non con quella frequenza (prima dell'agopuntura avevo attacchi ogni settimana). La ginecologa si è limitata a dirmi che non posso assumerli e che, al massimo, posso fare uso di tachipirina la quale, su di me, non ha alcun effetto. Io capisco lo scetticismo verso le terapie "naturali", sono la prima a crederci poco. Però, seriamente, come si fa?

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male
  • "doctor Faust" started this thread

Posts: 8,864

Activitypoints: 27,025

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

30

Sunday, October 28th 2012, 7:36pm

Cerca di capire da cosa dipendono le emicranie.
Se sono da occhiali, da apparecchio dentale, da cervicale, da cattiva digestione, da altri problemi fisici di motabolismo.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup: