Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

1

Wednesday, April 17th 2019, 4:41pm

Cucinare nell'alluminio è rischioso per la salute?

Qualche tempo fa mi sono imbattuto in una lettura dove si faceva riferimento in generale alla cosiddetta "chelazione" (in relazione alla volontà di ripulire il proprio organismo dai cosiddetti "metalli pesanti"). Da ciò che ho capito la chelazione è una tecnica generalmente perseguita con farmaci o con prodotti naturali i quali catturano o si legano ai metalli pesanti e li drenano via dall'organismo.

Nb: come giusto che sia, logicamente va da se che bisognerebbe prima di tutto accertarsi se si hanno in corpo metalli pesanti e se si, in quale percentuale!!

Ad ogni modo fra i vari metalli che possiamo assumere si sono spesso messe sotto accusa le pentole in alluminio che a detta di alcuni sarebbero in grado di cedere, appunto, alluminio ai cibi che vi vengono cucinati. Discorsi analoghi si potrebbero quindi allargare ad altri oggetti di uso quotidiano come alcune caffettiere o bollilatte etc.

Devo ammettere che nella mia famiglia si è sempre e quasi esclusivamente cucinato in pentole di alluminio così come si è sempre fatto il caffè in caffettiere di alluminio, ma solo di recente ho iniziato a pormi il problema. Avevo infatti letto da qualche parte che un eccesso di alluminio potrebbe finanche avere ripercussioni sulla sfera psichica, sarà vero? oppure sarà una bufala metropolitana come tante che circolano in rete?

Insomma internet è certamente un valido strumento di ricerca ma ci sono sempre mille verità o versioni e si rischia di rimanere più confusi di prima.

Pertanto giro a voi l'argomento per leggere le vostre opinioni in merito ovvero, sintetizzando:

1. Che materiali usate per cucinare, per bollire latte e fare il caffè?

2. Vi siete mai posti questi dubbi sull'alluminio o non ve ne frega un emerito cactus?

3. Avete mai fatto analisi o test per scoprire se detenete alluminio o metalli pesanti?

4. Avete mai fatto terapie chelanti?

5. Soprattutto, ritenete che questa tossicità dell'alluminio sia un problema reale è una bufala?

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 7,928

Activitypoints: 18,112

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

2

Wednesday, April 17th 2019, 5:04pm

grande utilizzatore di moka...penso che morirò
Voglio fare con te l'amore vero quello che non abbiamo fatto mai
quello dove alla fine si piange e si leccano le lacrime

3

Wednesday, April 17th 2019, 5:21pm

In casa io e mia madre siamo quelle che ogni tanto fanno shopping nei casalinghi per comprare pentole, casseruole ...

Di istinto abbiamo sempre preso accessori in acciaio ... compreso il bollilatte ...

Non ho mai pensato all'alluminio come nocivo sinceramente ... piu' che altro mi preoccupano le padelle quelle antiaderenti ...
"così sono partito per un lungo viaggio, lontano dagli errori e dagli sbagli che ho commesso"

4

Wednesday, April 17th 2019, 5:40pm

non ho mai comprato pentole e padelle in alluminio, solo acciaio inox. in realtà non perché avessi dubbi sul materiale ma perché così mi è stato insegnato e non ho mai approfondito l'argomento. poi ho qualche pezzo in ceramica, uno talmente pesante che devo usare due mani. wok in ghisa e poco altro. la dotazione è quella che mi sono fatta all'inizio e non ho mai cambiato nulla. solo l'antiaderente quando si graffia.

cmq, io sono una delinquente perché adoro le cose bruciate e pur sapendo che è cancerogeno mangio.
namasté

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 7,928

Activitypoints: 18,112

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

5

Wednesday, April 17th 2019, 5:56pm

cmq, io sono una delinquente perché adoro le cose bruciate e pur sapendo che è cancerogeno mangio.


idem....sono sempre più vicino alla fine
Voglio fare con te l'amore vero quello che non abbiamo fatto mai
quello dove alla fine si piange e si leccano le lacrime

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female

Posts: 1,779

Activitypoints: 4,704

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

6

Wednesday, April 17th 2019, 6:10pm

Tutti i materiali che vengono messi a contatto con gli alimenti (si chiamano MOCA) sono stati studiati per quanto riguarda la cessione all'alimento di sostanze tossiche, e di conseguenza messi in commercio solo se tale cessione è sotto (molto sotto) di limiti di sicurezza, a loro volta stabiliti in seguito a studi scientifici.
In pratica si studia quanto alluminio (per dirne uno) l'uomo medio può assumere durante la sua vita per non incorrere in problemi, si stabilisce come lo assume, da quali fonti, e si fa in modo che queste fonti non ne cedano tanto da intossicare l'uomo. Si sta sempre molto più bassi del valore soglia, per una ulteriore sicurezza.

Questo vale sia per il pentolame, sia per i contenitori tipo vaschette, piatti ecc, ma anche per le confezioni di alimento come ad esempio le latte per i pomodori pelati, il tonno ecc.
Se ci fate caso, per alcuni alimenti la latta è rivestita da un film plastico, perchè data la natura dell'alimento, se fosse stato messo a contatto diretto con l'alluminio avrebbe ceduto una quantità eccessiva di sostanza tossica.
In italia non è possibile commercializzare alimenti o pentolame che non siano sicuri da questo punto di vista, quindi state pur sicuri che tutto quello che acquistate è a norma di legge.....naturalmente in base all'uso previsto: se bevo ogni giorno usando come bicchiere un contenitore di alluminio, potrei, forse, venire intossicati, perchè non è quello il suo uso previsto.

7

Wednesday, April 17th 2019, 6:43pm

cmq, io sono una delinquente perché adoro le cose bruciate e pur sapendo che è cancerogeno mangio.


idem....sono sempre più vicino alla fine



oddio :-NM :-NM forse si vedono già i primi effetti
manco una frase corretta sono riuscita a scrivere, che vergogna
namasté

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste non ha perso il gusto di continuare a navigare

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,145

Activitypoints: 3,499

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

8

Thursday, April 18th 2019, 12:02pm

Quoto Madamoiselle.moi

E’ una questione risaputa che ogni metallo, una volta surriscaldato nella cottura, emette sostanze nocive.
Uso da molto tempo pentolame di diverso materiale: padelle di ferro (fatte dal fabbro 70 anni fa), padelle di alluminio anodizzato (come quelle che si vedono nelle cucine dei ristoranti), padelle di rame con fondo in acciaio, padelle antiaderenti, casseruole in acciaio smaltato, padelle e casseruole in alluminio pressofuso con rivestimento antiaderente, casseruole in lega metallica con interno porcellanato, bistecchiere in acciaio e in ghisa, ecc..

La migrazione di sostanze dai contenitori negli alimenti dipende dalla:
a) natura e composizione del materiale,
b) natura e composizione dell’alimento,
c) superficie di contatto,
d) tempo di contatto e
e) temperatura di contatto.

Per una informazione di carattere generale segnalo l’articolo della nutrizionista Dott.sa Lucia CAPONE reperibile sul link: https://www.dietanutrigenetica.net/risch…on-gli-alimenti

Altre utili informazioni, qui appresso riportate, sono tratte da: https://ilfattoalimentare.it/pentole-alluminio-lettera.html

…. risponde Luca Foltran, esperto di packaging e sicurezza dei materiali.

È bene precisare che tutti gli articoli in alluminio presenti sugli scaffali sono sicuri e rispettano le normative in vigore. Premesso ciò, l’alluminio conduce il calore in maniera veloce e uniforme, quindi rende semplice controllare la cottura, ed è anche leggero e resistente alla ruggine. Si tratta di caratteristiche che lo rendono ideale per essere impiegato per costruire utensili da cucina e, soprattutto, pentole.
Va però detto che rispetto ai fogli di alluminio che si usano in cucina, le pentole e padelle in alluminio hanno subito un trattamento superficiale (rivestimento antiaderente) o sono anodizzate. Con anodizzato si intende un alluminio rinforzato mediante elettrolisi: per cui la superficie della pentola viene “sigillata” prevenendo non solo fenomeni di migrazione ma anche lo scolorimento.
Questo trattamento è un processo elettrochimico, mediante il quale l’alluminio viene dotato di un rivestimento di ossido denso e duro che imita il processo di ossidazione che avviene naturalmente nel metallo. L’anodizzazione consolida la pellicola di ossido in modo da rafforzarla di 10-12 volte rispetto al film naturale. L’ossidazione cambia la struttura molecolare dell’alluminio in modo da renderlo più forte senza modificare la conduzione del calore. Nonostante l’anodizzazione rinforzi la superficie della pentola, rendendola resistente a graffi e macchie, lo strato è però sensibile agli acidi e il film di ossido anodico può sparire se si conservano a lungo nella pentola alimenti fortemente acidi (salsa di pomodoro per esempio).
È sconsigliabile lavare articoli in alluminio anodizzato in lavastoviglie ed evitare l’impiego di detersivi troppo aggressivi, proprio per evitare che lo strato superficiale subisca danni.
(…)
… anche le pentole in rame sono in genere dotate di un rivestimento interno (stagnatura) per evitare il contatto diretto tra il rame e l’alimento. Anche in questo caso vi sono raccomandazioni da seguire, in genere più severe alla luce del fatto che questa tipologie di pentole è piuttosto delicato sotto vari punti di vista. Non possono essere lavate in lavastoviglie, devono essere pulite sempre esternamente con prodotti specifici per evitare la colorazione scura dovuta all’ossidazione del rame.


--------------------------------------------------------------
In conclusione, some regola generale di prudenza tramandata dalle nonne, dopo aver cucinato gli alimenti gli stessi non vanno lasciati nei contenitori di cottura ma trasferiti in contenitori di vetro. Durante la cottura vanno usati utensili in legno ed eventuali grumi di prodotto alimentare bruciato vanno rimossi dolcemente, lasciando acqua all’interno dell’utensile anche per ore, usando poi spugnette per pulire con detergenti non aggressivi.


P.

(--------------------;)-------------------------)
“Your time is limited, so don’t waste it living someone else’s life. Don’t let the noise of others’ opinions drown out your own inner voice. And most important, have the courage to follow your heart and intuition… Stay hungry. Stay foolish.”
(Steve Jobs)

9

Thursday, April 18th 2019, 3:28pm

Ringrazio moltissimo per le rassicurazioni e gli interessanti spunti di riflessione sia @Mademoiselle che @Pivaldo. Mi ero preso una vera e propria fissazione leggendo certe cose in rete!

Nb: comunque giusto per semplice curiosità personale ho letto che esiste un esame chiamato "Mineral Test" ed anche altri esami più costosi basati sul prelievo di capelli ma io mi chiedevo se esistesse un esame specifico non per tutti i metalli pesanti in genere ma esclusivo per l'alluminio.

Grazie

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female

Posts: 1,779

Activitypoints: 4,704

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

10

Thursday, April 18th 2019, 6:52pm

Michele, se ti interessa l'argomento, prima di imbatterti in presunti test che altro non faranno che spillarti soldi, ti consiglio di seguire sui social o su youtube
dario bressanini
beatrice mautino
sofia bronzato
gabriele bernardini
stefano vendrame
tutti, tranne forse la mautino che parla più di chimica cosmetica, si interessano di alimentazione in termini scientifici, smontando le bufale e le mode in cui è facile cadere quando non si è del settore.
non so se tutti sono su youtube, io li seguo principalmente su instagram

11

Saturday, April 20th 2019, 12:02pm

Michele, se ti interessa l'argomento, prima di imbatterti in presunti test che altro non faranno che spillarti soldi, ti consiglio di seguire sui social o su youtube
dario bressanini
beatrice mautino
sofia bronzato
gabriele bernardini
stefano vendrame
tutti, tranne forse la mautino che parla più di chimica cosmetica, si interessano di alimentazione in termini scientifici, smontando le bufale e le mode in cui è facile cadere quando non si è del settore.
non so se tutti sono su youtube, io li seguo principalmente su instagram

Ciao Mad, grazie delle informazioni per approfondire. Diciamo che la mia era solo curiosità visto che da qualche parte mi pare di aver letto che un eccesso di alluminio potrebbe aumentare l'ansia o finanche esserne la causa.

Nb: come test mi riferivo esclusivamente ad un esame ematico (prelievo), come si fa per valutare ferro etc.

Grazie

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female

Posts: 1,779

Activitypoints: 4,704

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

12

Saturday, April 20th 2019, 2:59pm

si ma un conto è il ferro, che in quanto componente del sangue è misurabile da un prelievo .
Diversa cosa è l'accumulo di metalli pesanti nell'organismo, argomento ancora molto sibillino e quindi io credo poco anche ai vari test.
Le persone che ti consigliavo di seguire era proprio per saper discernere tra quanto dice la scienza e quanto asseriscono i vari medicotti, perchè purtroppo oggi con internet ogni persona che abbia un pezzo di carta può far passare come verità assolute le sue verità....ma io per forma mentis credo solo alla scienza.
Ergo....lascia perdere, e pensa che nessuno ci vuole ammazzare facendoci mangiare cose che ci uccidono o facendoci mangiare DENTRO cose che ci uccidono.
Una bellissima frase che o sentito è che non è compito nostro scegliere cosa è buono e cosa è cattivo, dove comprare e cosa mangiare per non essere ammazzati, perchè ci sono fior fior di scienziati che ci hanno pensato prima di noi, e l'italia in questo ambito è molto severa nei test....quindi tutto quello che arriva sulla tavola è sano (naturalmente se se ne segue l'uso previsto, come ti spiegavo qualche post fa).
Una persona normale, che conduce una vita normale non verrà di sicuro ammazzata dalle scelte alimentari che fa (certo, s emangi per tutta la vita solo insaccati, o anche solo verdura, allora il rischio c'è....ma capisci bene che nessuno lo fa -spero-)

13

Saturday, April 20th 2019, 9:19pm

Io cucino prevalentemente in pentole in acciaio inox, ma in passato da studente mi è capitato di avere qualche pentola in alluminio. Non mi sono mai posta (forse sbagliando) il problema.
Fran quando parli di moka intendi la caffettiera?anche quelle sono in accuaio inox se non erro.

Quello che mi preocfupa,invece, sono le vaschette usa e getta sempre piu utilizzate a casa mia...
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

14

Saturday, April 20th 2019, 11:01pm

pensa che nessuno ci vuole ammazzare facendoci mangiare cose che ci uccidono o facendoci mangiare DENTRO cose che ci uccidono

Su questo non ho dubbi, i dubbi ce li ho su come ad esempio laviamo le pentole (a casa mia si sono sempre strofinate con le spugnette abrasive!).

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female

Posts: 1,779

Activitypoints: 4,704

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

15

Sunday, April 21st 2019, 8:12am

io le spugnette abrasive le uso solo in caso di emergenza, piuttosto lascio le pentole in ammollo col bicarbonato che ammorbidisce le incrostazioni.
Comunque credo che la forza di braccia sia sempre bassa per scalfire l'alluminio, se la pentola è di buona qualità.

Sulla questione vaschette, anche queste se usate a dovere sono testate per non cedere, ma ribadisco che è previsto vengano usate per cucinare, non per lasciarci dentro i cibi per molte ore.
Ad ogni modo se l'alluminio vi fa paura (comprensibile) adesso ci sono anche quelle vaschette in simil-carta che prevedono l'uso ad alte temperature.

Ultima cosa: verificate sempre l'uso previsto....ad esempio non tutta la pellicola per alimenti può essere usata in microonde, e spesso non ci si bada e si fa scaldare il piatto coperto da pellicola.

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests