Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


PsicologaStancari

Nuovo Utente

  • "PsicologaStancari" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 26

Date of registration: May 29th 2014

  • Send private message

1

Thursday, May 29th 2014, 9:27pm

sorriso terapeuta

Buonasera a tutti,
sono una psicologa che assieme a dei colleghi sta
facendo una ricerca sul sorriso del terapeuta. Mi farebbe piacere sapere
da chi di voi è stato da uno psicologo se ha notato dei sorrisi da
parte sua e come li ha interpretati.
Vi sono stati momenti in cui
avete interpretato il sorriso in un certo modo e altri in cui gli avete
dato un significato diverso?
Il vostro psicologo avrebbe potuto secondo voi fare qualcos'altro per farvi sentire come vi siete sentiti?
Qualsiasi vostra considerazione su questo tema può esserci utile per la nostra ricerca e soprattutto per il nostro lavoro.
Grazie mille a chiunque vorrà collaborare.

elettroacquatico

Utente Attivo

  • "elettroacquatico" is male

Posts: 90

Activitypoints: 298

Date of registration: May 23rd 2014

Location: verona

Occupation: tecnico

  • Send private message

2

Friday, May 30th 2014, 4:50pm

Si, ci sono stato. Penso che il sorriso sia importantissimo, non a caso è uno dei simboli grafici più utilizzati in tutte le sue forme. Visto sul viso del terapeuta ti fa capire che è pronto ad ascoltarti senza giudicarti. Mi sono convinto che il sorriso sia il primo ponte che si stabilisce e da fiducia.

PsicologaStancari

Nuovo Utente

  • "PsicologaStancari" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 26

Date of registration: May 29th 2014

  • Send private message

3

Friday, May 30th 2014, 9:37pm

Grazie mille per la sua preziosa testimonianza.

dora

Forumista Incallito

  • "dora" is female

Posts: 4,735

Activitypoints: 15,244

Date of registration: Mar 14th 2010

Location: Zacatecas

Occupation: Dama della Nuova Spagna

  • Send private message

4

Saturday, May 31st 2014, 9:55am

Otto anni di analisi junghiana e due di psicoterapia con appoggio farmacologico al passaggio della menopausa. In entrmbi i casi è stato "accogliente" e fondamentale il sorriso delle mie terapeute, mi ha dato la voglia di parlare e di aprirmi. Fondamentale è stato anche il sorriso ironico di entrambe quando mi prendevo troppo sul serio, sorriso ironico che mai è stto di scherno, comunque.

elinor

Utente Fedele

Posts: 294

Activitypoints: 1,017

Date of registration: Dec 2nd 2009

Location: Campania

  • Send private message

5

Saturday, May 31st 2014, 6:40pm

Il sorriso era come una carezza, al pari di alcune parole, un modo per dirmi "ti accolgo, sono disponibile ad ascoltarti". Alcune volte l'ho interpretato come manifestazione di tenerezza e in ogni caso e' stato sempre ben accetto :)

Rogerina

Utente Attivo

Posts: 23

Activitypoints: 90

Date of registration: Apr 7th 2014

  • Send private message

6

Sunday, June 1st 2014, 5:09pm

E' vero che è importante, ma francamente talvolta lo trovo fastidioso...
La mia psicologa sorride quasi sempre. Sorride anche quando le parlo di cose tristi... e francamente la interpreto un po' come una presa in giro. E' un bene sorridere di tanto in tanto,magari per essere più vicini all'altra persona, ma un sorrisetto perenne...è semplicemente fastidioso.
Con le altre persone non ho questo problema, in lei invece noto proprio una falsa rassicurazione..penso che la cambierò presto.

PsicologaStancari

Nuovo Utente

  • "PsicologaStancari" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 26

Date of registration: May 29th 2014

  • Send private message

7

Tuesday, June 3rd 2014, 9:55am

Vi ringrazio per le vostre risposte. Saranno tutte molto utili per i nostro lavoro.

Carlo Pierini

Utente Avanzato

  • "Carlo Pierini" is male

Posts: 642

Activitypoints: 2,437

Date of registration: Jun 8th 2014

Location: Castiglione del Lago

Occupation: Pensionato FS

  • Send private message

8

Thursday, June 12th 2014, 12:25am

Anch'io sono stato un paio di anni in analisi con una terapeuta ispirata alla Psicosintesi di R. Assaggioli. E anch'io ho trovato che un sorriso, quand'è spontaneo, sincero e rivelatore di una autentica empatia, è di grande aiuto nell'approfondimento dell'introspezione. Non è tanto, come ha detto qualcuno, una questione di non sentirsi giudicati, ma di fiducia di essere giudicati in modo corretto ed equilibrato.

tizioincognito

Giovane Amico

  • "tizioincognito" is male

Posts: 176

Activitypoints: 572

Date of registration: May 11th 2014

  • Send private message

9

Friday, June 13th 2014, 5:50pm

Spesso il mio, a seguito di battute o mie riflessioni sorrideva.
A me faceva piacere perchè la trovavo una persona intelligente. Il problema è che se lui sorrideva io mi chiudevo di più e questo perché sentivo una sua "vicinanza". Se lui mi apprezza, è come se mi si avvicinasse e se una persona mi è "vicina" io tendo a non aprirmi, non riesco più a raccontarmi. Quasi come se poi non volessi deluderlo o chissà cosa..

gigliodorato

Utente Avanzato

  • "gigliodorato" is male
  • "gigliodorato" has been banned

Posts: 587

Activitypoints: 2,159

Date of registration: Dec 5th 2011

Location: Con la mente nell'infinito

  • Send private message

10

Monday, June 16th 2014, 9:06am

Tempo, molto tempo fa sono stato da una psicologa prima e da un psicologo dopo , per un blocco nelle relazioni con l'altro sesso dovuto a una profonda delusione, di cui ho già scritto. La prima un sorriso cretino, della serie "Ti stà bene", quasi di circostanza. Anche per questo l'ho cambiata col secondo. Con quest'ultimo, i sorrisi erano rari, solo a conferma di aver trovato o raggiunto una risposta precisa sia di quanto è stato, sia di quanto cercare.
Solo me stesso mi ascolta oramai, commenta in silenzio.

This post has been edited 1 times, last edit by "gigliodorato" (Jun 17th 2014, 11:39am)