Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

  • "lea" has been banned

Posts: 4,698

Activitypoints: 14,368

Date of registration: Jun 8th 2008

  • Send private message

16

Friday, December 17th 2010, 11:55pm

Appunto. Come si fa a discutere quando la gente non sa neanche di cosa sta discutendo?


Guarda Diverso : su questo non potremmo essere più d'accordo!

Possono subentrare variabili individuali, certamente, e manco le discuto : in un 2010 in cui ....c'è ancora (e sono una marea) chi per svoltare rispetto a una nevrosi ossessiva o addirittura a una psicosi.....va dalla maga o dal confessore o dall'esorcista.....................e che ci vogliamo mettere a discutere?
Uno...meditabondo guarda...e poi si regola.............

Io mi regolo così : di Medicina parlo con i Medici, di Astronomia con gli Astronomi e di complottismi....manco al bar (visto che non ho tempo nè voglia di bar).

Tu vuoi parlare di Psichiatria e non ti fidi degli Psichiatri.

Ma....hai mai studiato da Psichiatra, PER CAPIRNE DI TUO? O da Medico (almeno da medico?).

Se la risposta è no (secondo me, ovviamente)...ma di che parliamo ? ;)
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

Dave64_128

Utente attivo

  • "Dave64_128" has been banned

Posts: 484

Activitypoints: 1,690

Date of registration: Dec 8th 2009

  • Send private message

17

Saturday, December 18th 2010, 7:18am

cito questa tua frase e commento..

E allora anche lo 0,0000001% del dubbio che mi rimaneva sulla veridicità di quel video, che l'unico scopo che ha è spaventare i malcapitati che lo guardano e portare a se qualche nuovo adepto (o vittima), è crollato malamente. Chi conosce la chiesa di Scientology sa i perchè.


è tanto un fondamentalismo credere nella psichiatria, prendendo per vero e scientifico tutto quello che la psichiatria spaccia per vero e scientifico, quanto lo è credere che si diventerà dei Clear seguendo la dottrina di Scientology.

Con questo non significa che non ci sia del buono in ogni cosa: L'effetto placebo che la gente attribuisce inconsapevolmente agli psicofarmaci costituisce circa l'80% dell'effetto benefico a breve termine dello psicofarmaco.

Questo secondo studi condotti dalle stesse case farmaceutiche. Come già detto in altre discussioni, approfondimenti, etc..

La parte che però ci può servire e fare bene, il buono che può esserci per noi, quello non manca mai. Basta saper cercare.
E' la mancanza di distacco critico di certe persone ad essere il vero e proprio nemico di queste persone.

Ad esempio Hubbard non è certo stato un cretino, e di certo avrà avuto le sue ragioni per criticare la psichiatria, che infatti lo attaccava perchè vedeva in lui una minaccia.
Questo, probabilmente, per le teorie pseudopsichiatriche che sciorinava in alcuni dei suoi testi.

Ma ancora questo non è sufficiente per credere e per dire che tutto quello che Hubbard ha scritto non sia valido.
O che i seguaci di scientology siano peggiori di tante altre categorie.
Hubbard ha scritto anche testi sulla società e sul lavoro molto attendibilii e ben argomentati.
Con statistiche e cifre interessanti e anche allarmanti.
Se dianetics ad esempio è diventato un bestseller a qualcuno sarà certo piaciuto.

Quantomeno alla massa, che è inestinguibilmente, però, anche affascinata dalle teorie psichiatriche che associano un "Farmaco" ad ogni sentimento umano e assolutamente naturale.

Non c'è solo il male o solo il bene nelle cose, questo è quello che la gente non riesce a capire.
I testimoni di geova ogni tanto mi vengono a trovare, chiacchieriamo e ci beviamo anche un caffè.
Sono al corrente del fatto che i testimoni di geova vengono da alcuni equiparati ad una setta, e la cronaca spesso ha fatto emergere alcune degenerazioni pericolose di questo modo di vivere.
Loro antepongono, e questo lo fanno anche gli adepti di scientology, le proprie usanze a tutto il resto, tagliando i contatti con chi si chiami fuori dal gruppo o con chi non ne rispetti alcune regole.

La cosa importante è che c'è del buono in ogni persona, ma è la persona che deve capire, è la persona che deve essere responsabile.
Proprio come dice il buddismo, e questo lo dico pur non facendo Daymoku tutte le mattine come fanno i buddisti della soka gakkay.
Non credo serva essere un buddista praticante per raccogliere quello che di buono mi può servire.
Anche dal buddismo.

E' prima di tutto l'essere umano che dovrebbe interessare tutti quanti noi, è la persona che dovrebbe essere messa al centro dell'attenzione.
E' sempre un discorso filosofico, esistenziale, prima ancora che sociale.
Dell'appartenenza ad un ruolo non dovrebbe interessarci così tanto.
Tutti noi in quanto esseri umani dovremmo avere a cuore gli altri esseri umani.

Di quello che diceva Hubbard non è tutto da buttare, e nemmeno gli adepti di qualunque gruppo sono da condannare a priori. Fino a che non delinquono e fino a che non mancano di rispetto a qualcuno.
Come esseri umani hanno il diritto di tentare diverse strade.
Capiranno magari cose più importanti e diverse da quelle che credevano, ma solo tentando e provando è possibile evolversi.
Anche rendersi conto, eventualmente, di essersi sbagliati, è una occasione di crescita.
Una lezione impartita dalla vita.

Non sono certo da disprezzare la cortesia e i gentili modi tipici dei testimoni di geova.
Se si prende il buono di ogni cosa e con il giusto distacco, questo non può che farci bene.

L'essere umano viene prima delle stupide categorie.

La psichiatria quando distrugge la dignità e la salute di alcuni esseri umani con pratiche disumane è da condannare, come invece è da riconoscere il buono quando questo ci sia.

Nella vita per essere liberi ci vogliono, come dice una persona che conosco, il distacco critico, i soldi, e un po' di cultura.
Un po' di cultura è necessaria per permetterci di avere distacco critico, e i soldi, non per forza tanti, altrimenti il rischio è di diventare schiavi di quelli, sono per provvedere a noi stessi.
Perchè se è vero che senza soldi non siamo nemmeno liberi di prenderci un caffè al bar è vero anche che senza un po' di distacco critico non siamo nemmeno liberi di capire, di distinguere, che cosa è bene per noi.

La giusta misura è importante proprio per questo; perchè il male assoluto non c'è, da nessuna parte.
Niente è tutto sbagliato, niente è tutto giusto.
Per fortuna

This post has been edited 8 times, last edit by "Dave64_128" (Dec 19th 2010, 8:16am)