Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


This thread is closed.

Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

geppo1983

Pilastro del Forum

  • "geppo1983" is male
  • "geppo1983" started this thread

Posts: 2,304

Activitypoints: 7,604

Date of registration: Apr 1st 2009

  • Send private message

1

Sunday, October 11th 2009, 1:45am

Le pubblicità e il sesso.

Guardo poco la TV, ma non perchè la snobbo, a me fa schifo quasi tutto... la vedo poco perchè non ho tempo. Comunque quel poco che la vedo, spesso mi guardo con interesse le pubblicità, perchè secondo me, molto più di "dimmi con chi vai e ti dirò chi sei" c'è "dimmi cosa compri e ti dirò chi sei", quindi le pubblicità sono per me un ottimo modo per capire la società.

Tant'è che ho notato che nelle pubblicità pare che tutte le donne facciano sesso o stiano per farlo. Pubblicizzano uno yogurt e sembra che godono. Pubblicizzano i biscotti, e casualmente guardano la telecamera con papille dilatate, sguardo ammagliante e culetto in bella vista. Portano a passeggio bambini con minigonne, tacco alto e capelli perfetti.

Mi sembra che il messaggio (neanche troppo subliminare) sia "compra questo e avrai due orgasmi compresi nel prezzo".

Licurgo

Forumista Incallito

Posts: 4,428

Activitypoints: 13,931

Date of registration: Jul 15th 2008

  • Send private message

2

Sunday, October 11th 2009, 2:32am

non so se avete visto la pubblicità della Gancia sui cartelloni. ma non facevano prima a metterli ignudi dentro un letto?
totus tuus

viaggio all'inferno e ritorno.
una testimonianza di conversione.

http://www.santissimo.it/libri/GLORIA%20…o%20Patrizi.pdf

This post has been edited 1 times, last edit by "Licurgo" (Oct 11th 2009, 2:37am)


AmeliePoulain

Caos calmo

  • "AmeliePoulain" is female

Posts: 970

Activitypoints: 3,132

Date of registration: Mar 31st 2009

Location: Mondo

  • Send private message

3

Sunday, October 11th 2009, 9:43am

Mi sembra che il messaggio (neanche troppo subliminare) sia "compra questo e avrai due orgasmi compresi nel prezzo".
Secondo me il messaggio che passa è "compra questo e riceverai/diverrai una gnocca tale". Se notate infatti, sì, ci sono pubblicità in cui ci sono anche i maschietti ignudi, ma sono poche. La maggior parte coinvolge donne, anche se magari non centrano un fico secco con il prodotto pubblicizzato, vedi yoghurt per esempio.
I punti potrebbero essere diversi: da una parte una visione della donna ormai dilagante sia tra uomini sia tra donne (di cui tra l'altro il caro Premier si fa portavoce alla grande - ma tralasciamo il discorso politico sennò.. - ), visione in cui la donna è mero oggetto sessuale e basta. Le caratteristiche che dovrebbe avere la donna ideale sono prettamente fisiche e tanto basta per farla lavorare nei campi più disparati, dal Parlamento alla tv come giornalista. Sembra davvero che tutto ciò che "non si vede" non conti più nulla, a chi frega se una donna è intelligente? A chi frega se una donna sa esprimersi con le parole? Questo non vuol dire che la bellezza non conti nulla, non fraintendete il mio discorso, ma c'è di base una "sessualizzazione" estrema della donna, uno sfruttamento del suo corpo che toglie soltanto dignità a tutto il resto. Tutta la tv ormai è basata su questo concetto, non solo la pubblicità: si punta a esagerare, stupire, impressionare. Il nudo ostentato ormai non fa più scandalo, anzi diviene mero gioco, e nemmeno il sesso sbandierato.

Altro punto è in generale la commercializzazione del corpo: ormai nella nostra società il corpo diventa per la maggior parte delle persone lo strumento principale "per farsi notare", "per mettersi in vetrina". E davvero, i media sembrano una specie di asta, tutti che fanno a gara per avere il corpo più bello, tutte che si denudano per vedere alla fine chi si ritrova "più nuda", come se fosse una corsa contro il tempo per raggiungere la popolarità, l'apprezzamento delle persone, per davvero farsi semplicemente vedere e perchè in una società dell'apparenza come la nostra far vedere un bel sedere o due cocomeri fa alzare gli ascolti. Non vi dà la stessa impressione? A me danno la nausea queste cose, ma non perchè sono contraria al nudo, sono semplicemente contraria alla perdita di dignità di questa società, che quasi "svende" la donna. Il nudo è diventato vetrina della volgarità, della bambola-oggetto, quando prima era un'arte.

Infine, è importante osservare come questa "commercializzazione" del corpo e del sesso, faccia arrivare soprattutto ai giovani un'idea sbagliata del sesso e della donna. E' pazzesco perchè tutto è in vetrina, ma al contempo è un tabù in famiglia o in generale nella società al di fuori dei media. Eppure i giovani sono bombardati di richiami e allusioni sessuali fin da piccoli sui giornali, in tv, su internet. Manca una reale educazione sessuale, un'educazione all'amore e di conseguenza passerà sempre più l'idea della donna-oggetto che sottostà a qualsiasi decisione maschile e che rimane in ogni caso parte passiva nella vita. Una visione alquanto chiusa e pericolosa in alcuni casi, a mio parere.
"Vorresti una donna addomesticata e con le ali, invece io ho gli artigli. C’è una Lupa nell’armadio, apri e liberala, falla uscire così respirerà. C’è una Luna Piena che mangerò come un grande formaggio. Sono la Lupa e anche questa notte seguirò il mio istinto."
-C. P. Estes-

"Non rinnegate la zoccola che è in voi, un giorno potrebbe rivelarsi molto utile!"
-A. Girard-

secretgarden

Semplicità

  • "secretgarden" is male

Posts: 4,086

Activitypoints: 14,582

Date of registration: Aug 10th 2008

  • Send private message

4

Sunday, October 11th 2009, 11:24am

RE: Le pubblicità e il sesso.

Guardo poco la TV, ma non perchè la snobbo, a me fa schifo quasi tutto... la vedo poco perchè non ho tempo. Comunque quel poco che la vedo, spesso mi guardo con interesse le pubblicità, perchè secondo me, molto più di "dimmi con chi vai e ti dirò chi sei" c'è "dimmi cosa compri e ti dirò chi sei", quindi le pubblicità sono per me un ottimo modo per capire la società.

Tant'è che ho notato che nelle pubblicità pare che tutte le donne facciano sesso o stiano per farlo. Pubblicizzano uno yogurt e sembra che godono. Pubblicizzano i biscotti, e casualmente guardano la telecamera con papille dilatate, sguardo ammagliante e culetto in bella vista. Portano a passeggio bambini con minigonne, tacco alto e capelli perfetti.

Mi sembra che il messaggio (neanche troppo subliminare) sia "compra questo e avrai due orgasmi compresi nel prezzo".
vogliamo parlare degli uomini? Tutti bravi, fighi, attraenti e capaci...

Tutta finzione, in cui però casco in continuazione.

secretgarden

Semplicità

  • "secretgarden" is male

Posts: 4,086

Activitypoints: 14,582

Date of registration: Aug 10th 2008

  • Send private message

5

Sunday, October 11th 2009, 11:28am

Mi sembra che il messaggio (neanche troppo subliminare) sia "compra questo e avrai due orgasmi compresi nel prezzo".
Secondo me il messaggio che passa è "compra questo e riceverai/diverrai una gnocca tale". Se notate infatti, sì, ci sono pubblicità in cui ci sono anche i maschietti ignudi, ma sono poche. La maggior parte coinvolge donne, anche se magari non centrano un fico secco con il prodotto pubblicizzato, vedi yoghurt per esempio.
I punti potrebbero essere diversi: da una parte una visione della donna ormai dilagante sia tra uomini sia tra donne (di cui tra l'altro il caro Premier si fa portavoce alla grande - ma tralasciamo il discorso politico sennò.. - ), visione in cui la donna è mero oggetto sessuale e basta. Le caratteristiche che dovrebbe avere la donna ideale sono prettamente fisiche e tanto basta per farla lavorare nei campi più disparati, dal Parlamento alla tv come giornalista. Sembra davvero che tutto ciò che "non si vede" non conti più nulla, a chi frega se una donna è intelligente? A chi frega se una donna sa esprimersi con le parole? Questo non vuol dire che la bellezza non conti nulla, non fraintendete il mio discorso, ma c'è di base una "sessualizzazione" estrema della donna, uno sfruttamento del suo corpo che toglie soltanto dignità a tutto il resto. Tutta la tv ormai è basata su questo concetto, non solo la pubblicità: si punta a esagerare, stupire, impressionare. Il nudo ostentato ormai non fa più scandalo, anzi diviene mero gioco, e nemmeno il sesso sbandierato.

Altro punto è in generale la commercializzazione del corpo: ormai nella nostra società il corpo diventa per la maggior parte delle persone lo strumento principale "per farsi notare", "per mettersi in vetrina". E davvero, i media sembrano una specie di asta, tutti che fanno a gara per avere il corpo più bello, tutte che si denudano per vedere alla fine chi si ritrova "più nuda", come se fosse una corsa contro il tempo per raggiungere la popolarità, l'apprezzamento delle persone, per davvero farsi semplicemente vedere e perchè in una società dell'apparenza come la nostra far vedere un bel sedere o due cocomeri fa alzare gli ascolti. Non vi dà la stessa impressione? A me danno la nausea queste cose, ma non perchè sono contraria al nudo, sono semplicemente contraria alla perdita di dignità di questa società, che quasi "svende" la donna. Il nudo è diventato vetrina della volgarità, della bambola-oggetto, quando prima era un'arte.

Infine, è importante osservare come questa "commercializzazione" del corpo e del sesso, faccia arrivare soprattutto ai giovani un'idea sbagliata del sesso e della donna. E' pazzesco perchè tutto è in vetrina, ma al contempo è un tabù in famiglia o in generale nella società al di fuori dei media. Eppure i giovani sono bombardati di richiami e allusioni sessuali fin da piccoli sui giornali, in tv, su internet. Manca una reale educazione sessuale, un'educazione all'amore e di conseguenza passerà sempre più l'idea della donna-oggetto che sottostà a qualsiasi decisione maschile e che rimane in ogni caso parte passiva nella vita. Una visione alquanto chiusa e pericolosa in alcuni casi, a mio parere.
Mettete un ragazzo di 26 anni, cresciuto a pane e televisione, che non ha avuto nessun contatto intimo con una donna... Come può essere la sua visione del sesso, se non una visione "fisica", violenta, esibizionistica, volgare?

Il fatto triste e preoccupante è che nessuno dice più niente davanti a un cartellone del genere... Ormai "il mondo gira così"

hachi_82

Colonna del Forum

  • "hachi_82" is female

Posts: 2,411

Activitypoints: 7,362

Date of registration: Apr 27th 2008

  • Send private message

6

Sunday, October 11th 2009, 12:17pm

Eh ma certe cose son dure a morire... publlicità e sesso sono sempre stati un binomio inscindibile.
Qualunque schifezza devi vendere... mettici una bella donna ben conciata di fianco e sei a posto, farai soldi a palate.

Se proprio vogliamo dirla tutta, trovandomi una volta a guardare la tv il pomeriggio, orario per bambini insomma, sono rimasta schifata a guardare certe pubblicità in cui le bambine sembrano delle piccole donne... truccate, acconciate e ammicanti come le donne. Ed è una cosa che ho notato anche in alcuni cartelloni pubblicitari di abbigliamento per bimbi.
Ma le pose assurde... come si fa a far sembrare una bimba una donna vissuta? 8o Vengono spogliati di ogni riferimento all'infanzia, e propongono l'immagine di una bimba già pronta per il mondo degli adulti. Che tristezza. Sopratutto per quei bimbi che recitano all'interno di quelle pubblicità o stanno in posa per delle foto che neppure rispecchiano la freschezza tipica della loro età, anzi, la nascondono, la sotterrano e la frustrano.
...se ci credi ti basta perché
...poi la strada la trovi da te (E.B.)

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" is female

Posts: 5,559

Activitypoints: 18,621

Date of registration: Mar 13th 2008

Location: sicilia

  • Send private message

7

Sunday, October 11th 2009, 12:37pm

Sembra davvero che tutto ciò che "non si vede" non conti più nulla, a chi frega se una donna è intelligente? A chi frega se una donna sa esprimersi con le parole? Questo non vuol dire che la bellezza non conti nulla, non fraintendete il mio discorso, ma c'è di base una "sessualizzazione" estrema della donna, uno sfruttamento del suo corpo che toglie soltanto dignità a tutto il resto. Tutta la tv ormai è basata su questo concetto, non solo la pubblicità: si punta a esagerare, stupire, impressionare. Il nudo ostentato ormai non fa più scandalo, anzi diviene mero gioco, e nemmeno il sesso sbandierato.


E' esatto quello che affermi...ma credo che se siamo arrivati a questo punto anche la donna abbia le proprie colpe...siamo state noi a permettere ai vari premier e alle televisioni di trasformarci in oche che mostrano il corpo e basta...
La società propone questi modelli di donna perchè piacciono agli uomini...ok... ma se le donne si imponessero e dicessero no...sarebbe tutta un'altra storia...
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

AmeliePoulain

Caos calmo

  • "AmeliePoulain" is female

Posts: 970

Activitypoints: 3,132

Date of registration: Mar 31st 2009

Location: Mondo

  • Send private message

8

Sunday, October 11th 2009, 1:40pm


Se proprio vogliamo dirla tutta, trovandomi una volta a guardare la tv il pomeriggio, orario per bambini insomma, sono rimasta schifata a guardare certe pubblicità in cui le bambine sembrano delle piccole donne... truccate, acconciate e ammicanti come le donne. Ed è una cosa che ho notato anche in alcuni cartelloni pubblicitari di abbigliamento per bimbi.
Ma le pose assurde... come si fa a far sembrare una bimba una donna vissuta? 8o Vengono spogliati di ogni riferimento all'infanzia, e propongono l'immagine di una bimba già pronta per il mondo degli adulti. Che tristezza. Sopratutto per quei bimbi che recitano all'interno di quelle pubblicità o stanno in posa per delle foto che neppure rispecchiano la freschezza tipica della loro età, anzi, la nascondono, la sotterrano e la frustrano.
Concordo pienamente hachi, anche io rimango sconvolta ogni volta! E' vero che la maturazione fisica anche delle bambine avviene prima rispetto al passato, ma si incentiva un abbassamento dell'età "sessualizzata" continuamente....anche quando guardo le vetrine dei negozi per bambini mi sconvolgo.
A 9 anni una bambina si veste già come una donna, ma in realtà la crescita "mentale" non accompagna la "crescita esteriore" della ragazzina. Tutto avviene troppo in fretta e precocemente. Da qui il disorientamento e il non capire il valore del proprio corpo, il vivere la propria femminilità e sessualità un maniera "leggera", come un gioco, una gara.


E' esatto quello che affermi...ma credo che se siamo arrivati a questo punto anche la donna abbia le proprie colpe...siamo state noi a permettere ai vari premier e alle televisioni di trasformarci in oche che mostrano il corpo e basta...
La società propone questi modelli di donna perchè piacciono agli uomini...ok... ma se le donne si imponessero e dicessero no...sarebbe tutta un'altra storia...
Anche qua concordo, ma in parte. Nel senso che secondo me è un circolo vizioso. Noi siamo la società e la società influenza noi, ma è come chiedersi "viene prima l'uovo o la gallina?".
Se viene imposto un certo modello culturale, è difficile distaccarsene e cominciare a pensare con la propria testa, coltivando sè stesse indipendentemente dall'idea di "donna" che circola in giro. Io ad esempio mi sento un'aliena rispetto alle mie coetanee proprio per questo, ma vedo che in giro siamo in poche (e pochi, perchè il discorso vale per gli uomini, ma sotto altri punti di vista secondo me).
E' molto più "semplice", nel senso proprio di "naturale" seguire ciò che i più fanno.
"Vorresti una donna addomesticata e con le ali, invece io ho gli artigli. C’è una Lupa nell’armadio, apri e liberala, falla uscire così respirerà. C’è una Luna Piena che mangerò come un grande formaggio. Sono la Lupa e anche questa notte seguirò il mio istinto."
-C. P. Estes-

"Non rinnegate la zoccola che è in voi, un giorno potrebbe rivelarsi molto utile!"
-A. Girard-

9

Sunday, October 11th 2009, 2:31pm

RE: Le pubblicità e il sesso.

Guardo poco la TV, ma non perchè la snobbo, a me fa schifo quasi tutto... la vedo poco perchè non ho tempo. Comunque quel poco che la vedo, spesso mi guardo con interesse le pubblicità, perchè secondo me, molto più di "dimmi con chi vai e ti dirò chi sei" c'è "dimmi cosa compri e ti dirò chi sei", quindi le pubblicità sono per me un ottimo modo per capire la società.

Tant'è che ho notato che nelle pubblicità pare che tutte le donne facciano sesso o stiano per farlo. Pubblicizzano uno yogurt e sembra che godono. Pubblicizzano i biscotti, e casualmente guardano la telecamera con papille dilatate, sguardo ammagliante e culetto in bella vista. Portano a passeggio bambini con minigonne, tacco alto e capelli perfetti.

Mi sembra che il messaggio (neanche troppo subliminare) sia "compra questo e avrai due orgasmi compresi nel prezzo".



Per me alcune di queste pubblicità non hanno nulla a che vedere con il sesso, in realtà, e trasmettono il seguente messaggio: MUORI DI FAME, PRIVATI DI TUTTO E SENTITI IN COLPA (se non mangi uno yogurt con lo zero virgola due per cento di grassi e preferisci un volgare grassissimo yougurt normale!)
Altre dicono: CONTINUA AD ARRAPARE GLI UOMINI A QUALUNQUE COSTO (con golden lady puoi scalare anche le montagne) [Forse Geppo ti riferivi a queste?]
Altre ancora dicono: SI', LAVORI E FAI CARRIERA PURE TU, BRAVA, MA NON SCORDARTI I BAMBINI, LA CASA E QUEL DEFICIENTE DI TUO MARITO CHE NON SA NEANCHE LAVARE I PIATTI (per fortuna c'è Svelto!).
Altre ancora: SARAI ANCHE UNA DIRIGENTE MA RICORDATI DI SPOLVERARE L'UFFICIO (per fortuna c'è Swiffer!).
Non le trovate divertenti? :rolleyes:
"Diventa ciò che sei"
F. Nietzsche

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" is female

Posts: 5,559

Activitypoints: 18,621

Date of registration: Mar 13th 2008

Location: sicilia

  • Send private message

10

Sunday, October 11th 2009, 4:49pm

Anche qua concordo, ma in parte. Nel senso che secondo me è un circolo vizioso. Noi siamo la società e la società influenza noi, ma è come chiedersi "viene prima l'uovo o la gallina?".
Se viene imposto un certo modello culturale, è difficile distaccarsene e cominciare a pensare con la propria testa, coltivando sè stesse indipendentemente dall'idea di "donna" che circola in giro. Io ad esempio mi sento un'aliena rispetto alle mie coetanee proprio per questo, ma vedo che in giro siamo in poche (e pochi, perchè il discorso vale per gli uomini, ma sotto altri punti di vista secondo me).
E' molto più "semplice", nel senso proprio di "naturale" seguire ciò che i più fanno.

Certo che è semplice seguire quello che fanno i più, ed è anche vero che è un circolo vizioso...l'uomo ricerca la donna-oggetto e la donna si presta ad esserlo e viceversa...ma stiamo pur certi che non saranno mai gli uomini a cambiare idea e mettere un punto fermo per cambiare la situazione, quindi o lo fa la donna oppure rimane tutto com'è.
Sai c'è stato un periodo in cui avevo la netta impressione che le donne fossero "superiori" all'uomo sotto molti aspetti: lavoro, forza di volontà, spirito d'iniziativa, intelligenza...questo quando la donna voleva e doveva imporre la propria parità con l'uomo, e ora che sembra essere vicina all'obiettivo...mah... è come se non le interessasse più...come se avesse in mente altro, ha cambiato totalmente rotta.
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

AmeliePoulain

Caos calmo

  • "AmeliePoulain" is female

Posts: 970

Activitypoints: 3,132

Date of registration: Mar 31st 2009

Location: Mondo

  • Send private message

11

Sunday, October 11th 2009, 10:43pm

Sai c'è stato un periodo in cui avevo la netta impressione che le donne fossero "superiori" all'uomo sotto molti aspetti: lavoro, forza di volontà, spirito d'iniziativa, intelligenza...questo quando la donna voleva e doveva imporre la propria parità con l'uomo, e ora che sembra essere vicina all'obiettivo...mah... è come se non le interessasse più...come se avesse in mente altro, ha cambiato totalmente rotta.
Il problema patrizia è che non si è mai capito cosa la donna volesse raggiungere. Cosa vuol dire femminismo? La parità con l'uomo? Le femministe hanno fatto un errore e cioè arrivare a "imitare" l'uomo, non rendendosi conto che era un trabocchetto. Ora la donna in realtà è uguale all'uomo, può fare tutto ciò che l'uomo fa e anzi in tv ha molta libertà di denudarsi, di mettersi in mostra. La donna ha perso la bussola, perchè anzichè "imitare" l'uomo, doveva esaltare semplicemente la propria diversità, rivendicando una sua indipendenza e autonomia, mantenendo "l'essere donna" e la propria dignità, non negando tutto ciò.
Poche donne hanno colto questa sottile differenza e molte hanno perso la "femminilità" per cercare di essere come gli uomini. La donna crede di essere libera adesso, perchè pensa di poter controllare l'uomo, di avere potere su di lui tramite l'utilizzo spudorato del proprio corpo e la volgare libertà di cui si fa portavoce. Ma non si rende conto che è più schiava di prima.
"Vorresti una donna addomesticata e con le ali, invece io ho gli artigli. C’è una Lupa nell’armadio, apri e liberala, falla uscire così respirerà. C’è una Luna Piena che mangerò come un grande formaggio. Sono la Lupa e anche questa notte seguirò il mio istinto."
-C. P. Estes-

"Non rinnegate la zoccola che è in voi, un giorno potrebbe rivelarsi molto utile!"
-A. Girard-

This post has been edited 1 times, last edit by "AmeliePoulain" (Oct 12th 2009, 1:14pm)


geppo1983

Pilastro del Forum

  • "geppo1983" is male
  • "geppo1983" started this thread

Posts: 2,304

Activitypoints: 7,604

Date of registration: Apr 1st 2009

  • Send private message

12

Thursday, October 15th 2009, 12:25am

a chi frega se una donna è intelligente?
A me no di certo :P ...a parte gli scherzi, ho capito che intendi e concordo.

E' pazzesco perchè tutto è in vetrina, ma al contempo è un tabù in famiglia o in generale nella società al di fuori dei media.
Questa è un'interessante osservazione...

Manca una reale educazione sessuale, un'educazione all'amore e di conseguenza passerà sempre più l'idea della donna-oggetto che sottostà a qualsiasi decisione maschile e che rimane in ogni caso parte passiva nella vita.
La donna oggetto che sottostà a qualsiasi decisione maschile non c'è proprio. La donna oggetto non è altro che una donna che meglio sa controllare un uomo, perchè l'uomo vede l'oggetto del suo desiderio e spegne il cervello. L'oggetto invece lo accende...


vogliamo parlare degli uomini? Tutti bravi, fighi, attraenti e capaci...
Eh già...

Il problema patrizia è che non si è mai capito cosa la donna volesse raggiungere. Cosa vuol dire femminismo? La parità con l'uomo? Le femministe hanno fatto un errore e cioè arrivare a "imitare" l'uomo, non rendendosi conto che era un trabocchetto. Ora la donna in realtà è uguale all'uomo, può fare tutto ciò che l'uomo fa e anzi in tv ha molta libertà di denudarsi, di mettersi in mostra. La donna ha perso la bussola, perchè anzichè "imitare" l'uomo, doveva esaltare semplicemente la propria diversità, rivendicando una sua indipendenza e autonomia, mantenendo "l'essere donna" e la propria dignità, non negando tutto ciò.
Poche donne hanno colto questa sottile differenza e molte hanno perso la "femminilità" per cercare di essere come gli uomini. La donna crede di essere libera adesso, perchè pensa di poter controllare l'uomo, di avere potere su di lui tramite l'utilizzo spudorato del proprio corpo e la volgare libertà di cui si fa portavoce. Ma non si rende conto che è più schiava di prima.
Perfetta analisi... :clap:



Hiba, non ho capito che intendevi... :hmm:

13

Thursday, October 15th 2009, 1:50pm

Le femministe hanno fatto un errore e cioè arrivare a "imitare" l'uomo, non rendendosi conto che era un trabocchetto.


Beh, Christa Wolf, ad esempio, non ha mai detto nulla del genere... :hmm: a quale femminismo ci stiamo riferendo? :hmm: ....,
"Diventa ciò che sei"
F. Nietzsche

gally99

Giovane Amico

  • "gally99" is male

Posts: 127

Activitypoints: 443

Date of registration: Jul 8th 2011

Location: Massafra

Occupation: schiavo

  • Send private message

14

Friday, June 28th 2019, 6:32pm

E' passato un po' di tempo....

E' passato un po' di tempo dall'ultimo post, ma vorrei ricollegarmi a questo thread per fare una riflessione sul fatto che molte delle cose descritte in esso sono il prezzo e la conseguenza di essere andati un passo alla volta verso una determinata direzione. Ad esempio, nonostante io creda che certe libertà ottenute dall'umanità nel corso della storia (partendo dalla libertà di espressione fino ad arrivare ai matrimoni tra persone dello stesso sesso) siano conquiste innegabilmente importanti, esse siano state svilite da certi comportamenti estremi di qualcuno che ha scambiato queste libertà per un concetto ben diverso, che sarebbe "faccio cosa [email protected] mi pare e me ne f0tt0 delle conseguenze". Ci ritroviamo quindi a dover aver a che fare con idee tanto impopolari quanto innocue come quelle dei terrapiattisti, oltre a quelle pericolosissime che esistevano già dieci anni fa (e che negli ultimi anni hanno preso una piega anche peggiore) di cui parlavate proprio in questo thread, come mettere il proprio corpo in vetrina, cosa che qualcuno ha scambiato per libertà sessuale. Un mio parente fotografo mi racconta di come tutti i giorni abbia a che fare con madri di ragazzine che sgomitano per far fare alle proprie figlie dei servizi fotografici in atteggiamenti sexy. "Nulla di male", direte voi, salvo poi sentire i commenti di chi quelle foto le guarda... si è a un passo dalla pedofilia, credetemi. Però poi quelle stesse persone pretendono moralità o si scandalizzano quando qualche episodio spiacevole coinvolge un bambino o un minorenne. Tutto questo e altro ancora è la conseguenza di quelle libertà che l'umanità ha conquistato e poi interpretato a suo modo. Spero di aver espresso il concetto in maniera comprensibile, senza essere considerato bigotto o di mentalità poco aperta. Al contrario, quello che non riesco a capire sono proprio le persone che ancora inorridiscono e restano scandalizzate. Ormai sembra tutto lecito, lo abbiamo voluto noi, come si può pretendere che a questo punto ci si possa porre un freno?

E' pazzesco perchè tutto è in vetrina, ma al contempo è un tabù in famiglia o in generale nella società al di fuori dei media.

questo passaggio rende perfettamente l'idea tanto 10 anni fa quanto oggi
Nessuna buona azione resta impunita. La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni.

This post has been edited 3 times, last edit by "gally99" (Jun 28th 2019, 6:40pm)


gally99

Giovane Amico

  • "gally99" is male

Posts: 127

Activitypoints: 443

Date of registration: Jul 8th 2011

Location: Massafra

Occupation: schiavo

  • Send private message

15

Friday, June 28th 2019, 6:46pm

Per me alcune di queste pubblicità non hanno nulla a che vedere con il sesso, in realtà, e trasmettono il seguente messaggio: MUORI DI FAME, PRIVATI DI TUTTO E SENTITI IN COLPA (se non mangi uno yogurt con lo zero virgola due per cento di grassi e preferisci un volgare grassissimo yougurt normale!)
Altre dicono: CONTINUA AD ARRAPARE GLI UOMINI A QUALUNQUE COSTO (con golden lady puoi scalare anche le montagne) [Forse Geppo ti riferivi a queste?]
Altre ancora dicono: SI', LAVORI E FAI CARRIERA PURE TU, BRAVA, MA NON SCORDARTI I BAMBINI, LA CASA E QUEL DEFICIENTE DI TUO MARITO CHE NON SA NEANCHE LAVARE I PIATTI (per fortuna c'è Svelto!).
Altre ancora: SARAI ANCHE UNA DIRIGENTE MA RICORDATI DI SPOLVERARE L'UFFICIO (per fortuna c'è Swiffer!).
Non le trovate divertenti?


Beh, in effetti è un altro modo di vedere le cose, altrettanto valido.
Nessuna buona azione resta impunita. La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni.

Similar threads