Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

beatoangelico

Nuovo Utente

  • "beatoangelico" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Dec 30th 2010

  • Send private message

1

Thursday, December 30th 2010, 2:44pm

Il Diavolo che non c'è

... OVVERO: I DELIRI DOTTRINALI DI DON CAMILLO :rules:
Molta ansia per il demonio... Da oltre un decennio a questa parte, alcune organizzazioni ed associazioni di matrice cattolica (quindi organi privati, anche se dotati di personalità giuridica pubblica) sembrano animare nel nostro paese una strategia dottrinale, moralizzatrice, o talora persecutoria e criminalizzante, che appare mossa dall'intolleranza religiosa ma anche da più vasti interessi economici e di controllo politico.
Ispirandosi a concetti talora obsoleti, scientificamente insostenibili, e spesso dimostratamente non veritieri, tali organizzazioni hanno tentato di accreditare come esperti alcuni loro operatori nel mondo investigativo e giudiziario. In questo modo hanno sostenuto, con maggior credibilità, tesi e statistiche inconsistenti o non altrimenti verificabili, imperniate su fatti socialmente e penalmente irrilevanti, o talora palesemente smentiti dalla stessa magistratura negli esiti dei processi. Questa strategia è stata applicata in parallelo in Italia ed in altri paesi europei come la Francia e la Germania, dove il germe dell'intolleranza e del pregiudizio religioso può trovare aperture in sedi legislative, amministrative e politiche. Tale strategia è stata invece scoperta ed eliminata da oltre 20 anni in paesi come Stati Uniti e Canada, dove si è appurato che la totalità delle azioni legali intentate da taluni gruppi fideistici contro i loro avversari non poggiavano su reati od abusi dimostrabili, ma miravano quasi esclusivamente ad ottenere consistenti risarcimenti in denaro dai gruppi bersagliati. Potevano inoltre rappresentare una sospirata vittoria teologica della propria identità su tendenze e credo religiosi differenti.
Uno dei cardini di maggior successo di questa informazione sensazionalistica -spacciata ancora oggi per vera da molti rotocalchi italiani- è la bufala millenaria del satanismo, una delle leggende urbane più popolari e tenaci che si riscontrano nella storia della civiltà occidentale.
L'analisi che trovate QUI , costituisce una dimostrazione di come UNA SCATOLA BEN IMPACCHETTATA, CONTENENTE NOTIZIE NON RISCONTRABILI, può essere aperta e scoperta, anche nei sottili meccanismi dottrinali che ne sono all'origine.
Si vede allora che una serie di definizioni e pregiudizi che vengono presentati come fatti comprovati di illeciti, abusi, violenze e reati vari, possono perfettamente sembrare un contorno in salsapariglia, spalmata su una pellicola dal sapore magico ed orribile che a tutti è successo di vedere più volte al cinema o in TV.
NON È MAI STATO DIMOSTRATO, NEMMENO NEI CASI PIÙ ECLATANTI E TRISTEMENTE NOTI DALLE CRONACHE, CHE SIANO STATI COMMESSI REATI CONTRO LA PERSONA UMANA DA PARTE DI GRUPPI DEDITI AL SATANISMO ATTRAVERSO PRATICHE VIOLENTE DI ABUSO RITUALE, NÈ SU ADULTI, NÈ SU MINORI. NON È MAI STATA DIMOSTRATA DA SENTENZE PASSATE IN GIUUDIZIO, NÈ IN ITALIA NÈ SUL PANORAMA INTERNAZIONALE, L'ESISTENZAE L'ATTIVITÀ ORGANZZATA, COSPIRATIVA O DELINQUENZIALE A SFONDO SATANICO .
Per chi non lo sapesse, il satanismo di per sé non costituisce illecito o reato: in Italia esistono associazioni, riunitesi intorno a idee o tendenze di tipo satanista, che sono perfettamente legali poiché operano nel rispetto dei termini di legge. Alcune di queste associazioni, come i Bambini di Satana, sono state in passato bersaglio denunce ed accuse di abusi e violenze, anche queste dimostratesi totalmente false.
Questa tendenza di pensiero e di azione repressiva è frutto di una vasta operazione di sovraccarico, furbamente sostenuta da taluni organi di stampa, che provocano continuamente nell'opinione pubblica l'associazione mentale tra uno stile romanzesco o cinematografico che descrive il demonio come entità spirituale opposta a dio, in grado di agire nella materia con fatti di cronaca che (come è stato ripetutamente dimostrato in giudizio) ed un insieme di simbologie magiche o credenze filosofiche che sono di per sé innocue. Lo scopo del sensazionalismo può sostenere sia l'allarmismo che la possibilità persecutoria sulla base dei semplici sospetti che derivano dall'appartenenza, vera o presunta, ad una determinata simbologia. Il paradosso penale nasce dal fatto che il DEMONIO NON È UNA ENTITÀ PROCESSABILE o di cui si può dibattere in un'aula di tribunale. Ma da parte della stampa o di talune associazioni “antisettarie” ed “antiplagio,” questo è abbondantemente possibile, i quali indicano arbitrariamente gruppi e individui che ne sarebbero “gli esecutori materiali”
Attraverso queste campagne disinformative viene continuamente gonfiata pubblicamente una mostruosità che non esiste. Ciò anche nella speranza di riuscire a sostenere processi e condanne per associazione a delinquere, genericamente dirette contro gruppi e tendenze, come ad esempio la New Age, la cui esistenza è principalmente vista come un ostacolo alla evangelizzazione da parte della chiesa cattolica.
Con riferimento all'articolo citato all'inizio, si noterà infatti come si faccia strumentalmente riferimento associativo tra satanismo e presunti culti e rituali magici di differente origine e connotazione. Questi vengono sommariamente raffigurati, e quindi poi pubblicamente pensati, come oscuri e malvagi ma -a tutti gli effetti e i dati di fatto- rappresentano soltanto una ennesima generalizzazione, o vaga descrizione fumettistica, di mode o convinzioni sgradite alla fede cristiano-cattolica, sempre in virtù di pregiudizi dottrinali millenari.
Nella maggior parte dei casi questi “campagne informative”, che possono spesso apparire assai risibili, sembrano mirare a stimolare giovani e loro genitori ad indirizzarsi verso comportamenti e stili di vita catechistici, configurandosi come l' espressione mediatica di un intento moralizzatore.
In altri casi, tuttavia, l'intolleranza religiosa rischia di trasformarsi in persecuzione legalizzata sulla base generalizzata di sospetti, di comportamenti e di tendenze che non sono di per sé illeciti, ma che sono semplicemente immorali nel pensiero di alcune credenze religiose. Tali atti, ad esempio come la semplice ritualità o credenza neopagana, o l'adesione a filosofie e culti orientali o New Age, o le convinzioni di taluni satanisti da essi espresse e praticate nel rispetto delle leggi dello stato, non possono di per sé confliggere con la natura laica dei principi costituzionali. Ecco da dove nasce il bisogno dei sedicenti esperti sul diavolo e le sette che possano impadronirsi del microfono di una fonte pubblica.
Intendo perciò attenzionare pubblicamente i rischi connessi ad una lettura acritica di questi comunicati stampa od articoli che compaiono sui rotocalchi, in quanto potrebbe trattarsi di vasti tentativi di plagio fideistico e subliminale, diretti nei confronti della pubblica opinione

Per indovinare da chi provengono, non ci vuole molta fantasia. Da Peppone sicuramente no.


This post has been edited 1 times, last edit by "beatoangelico" (Dec 31st 2010, 3:34pm) with the following reason: Richiesta dal moderatore / staff di eliminare i numerosi link contenuti nel testo. In questo modo le affermazioni possono sembrare inventate... Non capisco, ma mi adeguo. Se gli intevetuti me li chiederanno, li citerò successivamente.


Kublai

Moderatore

  • "Kublai" is male

Posts: 7,696

Activitypoints: 25,180

Date of registration: Jun 5th 2007

  • Send private message

2

Thursday, December 30th 2010, 2:49pm

Ciao e benvenuto.

se sei qui per intavolare una seria discussione e non per fare della pubblicità, allora ti consiglio di eliminare i tanti link che hai sparso nel tuo lungo post, lasciandone un paio al massimo.

Diversamente la discussione verrà sposta in "area spam" entro breve.

Grazie per la collaborazione,
Kublai per lo staff
E' il tuo comportamento a qualificarti, non ciò che possiedi o dici di essere...

Paolo Sacchi

Utente Attivo

Posts: 18

Activitypoints: 89

Date of registration: Nov 8th 2011

  • Send private message

3

Saturday, November 26th 2011, 7:14pm

Mio malgrado

Sarei molto d'accordo con te, però............
Una volta ero agnostico: mentre non si può credere a quello che dicono le religioni, neanche si può dire con certezza che un Dio non esiste.
E, proprio io che ho pensato così per tutta la vita, ora, pur continuando a ridere delle religioni, ora, mio malgrado, io so.So che esiste Dio e la sua parte buona, e so che esiste il Diavolo ed i suoi spiriti maligni.L'aria ne è piena:di spiriti maligni ed anche di angeli.Appena spuntato un disturbo mentale ad un mio conoscente , gli spiriti maligni l'hanno assiduamente "accompagnato" facendogli del male, fino a portarlo (terreno fertile) in fin di vita.Anche io vi ero coinvolto,tanto che nella sua stanza, di persona razionale ed abbastanza coraggiosa, accadevano "cose turche"; mentre, d'altra parte, forse perchè la cosa era grossa, una sua parente riceveva continui segni di conforto dalla parte buona, fino al loro intervento di liberazione: dopo 14 anni (perchè non prima ?).
Oggi potrei scriverci un libro, sulle loro capacità e sulle loro caratteristiche. Ma perchè dovrei andare a turbare la gente?
Capisco che a queste cose non si può credere, perchè anch'io forse, prima non ci avrei creduto.
Comunque, per quanto riguarda questo mondo,non si parli di "dimostrazioni", dato che a quelli la prima cosa che sta come regola assoluta è quella di nascondere la loro presenza, sempre facendo parere cosa naturale quando loro agiscono.