Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


D.87

Utente Attivo

  • "D.87" is male
  • "D.87" started this thread

Posts: 71

Activitypoints: 255

Date of registration: Sep 26th 2019

Location: Siniscola

Occupation: OSS

  • Send private message

1

Tuesday, January 14th 2020, 9:46pm

Fake News & Complotto

Comincio introducendo la tematica,dandone una definizione che si trova nella Treccani:


Fake news Locuzione inglese (lett. notizie false), entrata in uso nel primo decennio del XXI secolo per designare un’informazione in parte o del tutto non corrispondente al vero, divulgata intenzionalmente o inintenzionalmente attraverso il Web, i media o le tecnologie digitali di comunicazione, e caratterizzata da un’apparente plausibilità, quest’ultima alimentata da un sistema distorto di aspettative dell’opinione pubblica e da un’amplificazione dei pregiudizi che ne sono alla base, ciò che ne agevola la condivisione e la diffusione pur in assenza di una verifica delle fonti. Corrispondente grosso modo all’italiano bufala mediatica - sebbene quest’ultima espressione faccia generalmente riferimento a notizie del tutto prive di veridicità - e utilizzato prevalentemente in ambito politico, il neologismo ha conosciuto amplissima diffusione a partire dal 2016, ed è entrato prepotentemente nel lessico giornalistico grazie all’impiego fattone l’anno successivo dal neoeletto D. Trump per sostanziare le sue campagne contro i mezzi di informazione. Al 2018 numerosi studiosi di comunicazione hanno criticato il suo impiego, sottolineandone la genericità e l’eccessiva diffusione, e hanno posto in connessione il fenomeno che essa designa con il più ampio concetto di postverità, intesa come pseudoverità costruita attraverso scelte individuali e collettive che fanno perno sull’emotività e le convinzioni condivise dall’opinione pubblica prescindendo del tutto o in parte dalla conformità con il reale.

e anche

fake news loc. s.le f. pl. inv. Notizie false, con particolare riferimento a quelle diffuse mediante la Rete. ◆ Se il web è sempre stato una prateria, si aprono così nuovi spazi per altri post che ''galleggeranno'' sul web, senza alcuna possibilità di collegarli a un'identità riconosciuta, proprio mentre Facebook e Google sono alle prese con la necessità di porre un freno alla circolazione di notizie false sulle loro piattaforme. Simile a Medium, già popolare negli Stati Uniti, Telegraph presta il fianco a 'trolls' e autori di fake news, che potrebbero essere attribuite a chiunque. (Repubblica.it, 25 novembre 2016, Tecnologia) • Negli ultimi giorni la Media Editor del Washington Post, Margaret Sullivan, ha chiesto che si mettesse in soffitta il termine “fake news“, proprio perché di per sé fuorviante. Secondo la giornalista americana bisogna distinguere tra cose diverse che, allo stato attuale, fanno invece tutte capo alla medesima, generica, categoria. Le differenze tra una bufala creata ad arte e un errore giornalistico, per esempio, sono notevoli e vanno affrontate in modi differenti. Allo stesso tempo una teoria del complotto sgangherata fondata sul nulla e un’opinione estremamente faziosa e politicizzata – magari posta a sostegno di posizioni che giudichiamo repellenti – sono ancora elementi differenti che non è possibile trattare allo stesso modo.


++++++++++++++


Popper esamina le teorie cospiratorie utilizzate per spiegare certi fenomeni sociali e ne dimostra l’infondatezza. Egli osserva inoltre che ad “azioni umane intenzionali” seguono spesso “ripercussioni inintenzionali”.



K. R. Popper, La società aperta e i suoi nemici, vol. II, trad. it. di D. Antiseri, Armando, Roma, 1973-1974, pagg. 125-129



Alla fine di chiarire questo punto, illustrerò brevemente una teoria che è largamente condivisa, ma che presuppone quello che considero precisamente il contrario del vero fine delle scienze sociali: quella che chiamo “La teoria cospirativa della società”. Essa consiste nella convinzione che la spiegazione di un fenomeno sociale consista nella scoperta degli uomini o dei gruppi che sono interessati al verificarsi di tale fenomeno (talvolta si tratta di un interesse nascosto che dev'essere prima rivelato) e che hanno progettato e congiurato per promuoverlo.

Questa concezione dei fini delle scienze sociali deriva, naturalmente, dall'erronea teoria che, qualunque cosa avvenga nella società – specialmente avvenimenti come la guerra, la disoccupazione, la povertà, le carestie, che la gente di solito detesta – è il risultato di diretti interventi di alcuni individui e gruppi potenti. Questa teoria ha molti sostenitori ed è anche piú antica dello storicismo (che, come risulta dalla sua forma teistica primitiva, è un derivato della teoria della cospirazione). Nelle sue forme moderne esso è, come lo storicismo moderno e come un certo atteggiamento moderno nei confronti delle “leggi naturali”, il tipico risultato della secolarizzazione di una superstizione religiosa. La credenza negli dèi omerici le cui cospirazioni spiegano la storia della guerra di Troia è morta. Gli dèi sono stati abbandonati. Ma il loro posto è occupato da uomini o gruppi potenti – sinistri gruppi di pressione la cui perversità è responsabile di tutti i mali di cui soffriamo – come i famosi savi di Sion, o i monopolisti, o i capitalisti o gli imperialisti.

Io non intendo affermare, con questo, che di cospirazioni non ne avvengano mai. Al contrario, esse sono tipici fenomeni sociali. Esse diventano importanti, per esempio, tutte le volte che pervengono al potere persone che credono nella teoria della cospirazione. E persone che credono sinceramente di sapere come si realizza il cielo in terra sono facili quant'altre mai ad adottare la teoria della cospirazione e a impegnarsi in una contro-cospirazione contro inesistenti cospiratori. Infatti la sola spiegazione del fallimento del loro tentativo di realizzare il cielo in terra è l'intenzione malvagia del Demonio che ha tutto l'interesse di mantenere vivo l'inferno.

Cospirazioni avvengono, bisogna ammetterlo. Ma il fatto notevole che, nonostante la loro presenza, smentisce la teoria della cospirazione, è che poche di queste cospirazioni alla fin fine hanno successo. I cospiratori raramente riescono ad attuare la loro cospirazione.

Perché si verifica questo? Perché le realizzazioni differiscono cosí profondamente dalle aspirazioni? Perché ciò è quanto normalmente avviene nella vita sociale, ci siano o non ci siano cospirazioni. La vita sociale non è solo una prova di forza fra gruppi in competizione, ma è anche azione entro una piú o meno elastica o fragile struttura di istituzioni e tradizioni, azione che provoca – a parte qualsiasi contro-azione consapevole – molte reazioni impreviste, e alcune di esse forse anche imprevedibili, in seno a questa struttura.

Cercar di analizzare queste reazioni e di prevederle per quanto possibile è, a mio giudizio, il compito essenziale delle scienze sociali. È il compito di analizzare le inintenzionali ripercussioni sociali delle azioni umane intenzionali, quelle ripercussioni la cui importanza è trascurata sia dalla teoria della cospirazione che dallo psicologismo, come abbiamo già indicato. Un'azione che si attui in piena armonia con l'intenzione non crea problemi per la scienza sociale (a meno che non si imponga la necessità di spiegare perché in quel determinato caso non si siano avute ripercussioni inintenzionali di alcun genere


Internet in pratica è popolato di complotti e da fake news,ma è popolato anche da notizie vere,truth news, e nella storia ci sono stati complotti veri?

Come distinguere questi aspetti?Cosa ne pensate voi delle fake news ?come le distinguete?Cosa ne pensate del complotto e come lo si distingue invece da una notizia vera?Quando le fonti sono attendibili e quando no?
La psicologia sociale cosa dice in merito a questi due concetti quello delle fake news e del complotto?Le fake news colpiscono in particolar modo i settori delle ricerche e epistemologici delle varie discipline scientifiche,qual'è il metodo più corretto per difendersi?
Una vita senza amare niente e per niente è il peggiore dei mali e dei dolori possibili.

This post has been edited 2 times, last edit by "D.87" (Jan 14th 2020, 9:54pm)


gloriasinegloria

Colonna del Forum

Posts: 1,881

Activitypoints: 5,811

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

2

Wednesday, January 15th 2020, 8:37am

Cosa ne pensate del complotto e come lo si distingue invece da una notizia vera?



Molto rapidamente e riservandomi di tornare sull'argomento interessantissimo: personalmente credo che di complotti (di ogni importanza e cabotaggio) sia letteralmente tessuta la società degli umani, a tutti i livelli e cominciando...non dico dal condominio, ma addirittura dalla singola famiglia al prorio interno! Uno dei primi complotti (benevolo, ma sempre complotto) :girl: è quello che genitori e nonni e amici ordiscono per far credere all'amatissimo infante che esistano Babbo Natale e la Befana. :assi:

Temo che siano destinati a restare misteriosi e occulti nelle motivazioni e nei protagonisti, o addirittura occulti nella loro stessa esistenza, una quantità infinita di complotti a livello sociopolitico di ogni tempo, e che sono tra quelli di importanza tale da aver deviato e/o poter deviare la Storia dell'Umanità e la sua geografia politica.

Sono invece più fiduciosa verso i temuti complotti in ambito scientifico. Semplicemente perchè "scientifico" è ciò che è verificabile in base al linguaggio più universale che esista, che è quello della Matematica, pura e applicata.

3

Wednesday, January 15th 2020, 10:13am

Quoted

Cosa ne pensate voi delle fake news?


Io odio il termine "fake news" vorrei che le persone smettessero di utilizzarlo, non esiste alcuna cosa o entità chiamata fake news, le cose o sono vere o rientrano nelle stronzate.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

solitario92

Amico Inseparabile

  • "solitario92" is male

Posts: 1,241

Activitypoints: 3,568

Date of registration: Oct 24th 2015

  • Send private message

4

Wednesday, January 15th 2020, 10:54am

Credo che il termine fake news sia ormai ampiamente abusato. Ormai tutti accusano tutti di mettere in giro fake news. Specialmente in politica ormai è diventato un modo per far caciara. Comunque cerco di stare attento a quelle notizie che vengono messe in giro e che sembrano disegnare appositamente per soddisfare certe visioni politiche o ideologiche.
Per quanto riguarda i complotti, ne esistono davvero, e ne abbiamo tanti esempi a livello storico. Si pensi ad esempio alle congiure di palazzo (esempio assassinio zar Paolo I), ai colpi di stato come quelli portati avanti anche in tempi recenti (Mossadeq in Iran, Pinochet in Cile), ai cartelli industriali etc etc. Purtroppo in generale si viene a sapere dei complotti solo una volta che hanno o avuto successo o sono falliti. Comunque tendenzialmente i complotti veri sono caratterizzati dal fatto che sono localizzati nel tempo e nello spazio, e hanno obiettivi ben precisi. I complotti inventati invece (tipo scie chimiche, saggi di Sion, Bildelberg etc etc) sono caratterizzati dal fatto di ipotizzare società segrete praticamente onnipotenti, onniscienti e onnipresenti, capaci di influenzare tutto il mondo in modo profondo e totale. Ad esempio nel caso delle scie chimiche sarebbe necessario che tutti i metereologi, politici e piloti del mondo fossero d'accordo per avvelenare il mondo. Nel caso della Bildelberg avremmo tutti i governi del mondo controllati da una società segreta. Insomma, roba decisamente inverosimile.

This post has been edited 1 times, last edit by "solitario92" (Jan 15th 2020, 11:00am)


5

Wednesday, January 15th 2020, 11:27am

Secondo me il problema non e' tanto capire se le notizie sono vere o sono false, il problema e' capire perche' la gente crede alle notizie.
Io che amo documentarmi su tutte le notizie che leggo per capire di piu' dove sta' la verita', ancora oggi sono abbastanza incredulo nel cercare di capire come mai ci sono cosi' tante persone che credono alla famosa terra piatta, cosa per me assurda, ma siccome non sono 10-20 persone che credono alla terra piatta, ogni tanto mi domando, ma se avessero ragione loro? possibile che cosi' tante persone dicono di essere sicure che la terra e' piatta? Ecco una notizia del genere dai piu' e' considerata una fake news, pero' il punto non e' che sia o no una fake news, ma capire il motivo per cui ci sono tante persone che credono a una notizia del genere.
Il mondo e' pieno di pazzi

D.87

Utente Attivo

  • "D.87" is male
  • "D.87" started this thread

Posts: 71

Activitypoints: 255

Date of registration: Sep 26th 2019

Location: Siniscola

Occupation: OSS

  • Send private message

6

Wednesday, January 15th 2020, 12:46pm

Siamo in un sito di psicologia:voi come interpretate questo articolo?

Questo


Quoted

"Conoscere le leggi sottostanti le percezioni delle manifestazioni materiali, dei fenomeni elettromagnetici, della materia e le leggi del microcosmo permette una più completa e corretta interpretazione degli eventi materiali, degli stati di funzionamento del cervello e della vita stessa. Rimane una responsabilità morale e professionale di chi si occupa di salute e di sfumature culturali e cognitive essere una persona altamente aperta ai nuovi paradigmi e alla capacità di integrarli con amore per la conoscenza umana nel rispetto della relatività del tutto."


e questo?


Quoted

"Non è vero che le pseudoscienze si contrappongano sempre alla scienza ufficiale. Alcune cercano di mimetizzarsi imitandone il linguaggio. Capita alla meccanica quantistica, la teoria che spiega il comportamento delle particelle elementari. È facile imbattersi in pratiche mediche o psicologiche che non hanno nulla a che fare con essa ma si definiscono «quantistiche». Di solito si tratta di ciarlatani, in cerca di persone in difficoltà disposte a rivolgersi, dietro lauto compenso, a sedicenti specialisti.
"

Quale secondo voi è quello vero e perché,cosa vi persuade e non vi persuade dei due articoli,che metodo reputate utile per distinguere i due articoli?Chi sta dicendo la verità e perché?Quale dei due e la fake perchè la trovate una fake?

Interessante la domanda di pazzo: perchè alcuni ci credono al livello psicologico alle fake?Qual'è il meccanismo mentale che genera una credenza?
Una vita senza amare niente e per niente è il peggiore dei mali e dei dolori possibili.

This post has been edited 1 times, last edit by "D.87" (Jan 15th 2020, 12:57pm)


mayra

Giovane Amico

  • "mayra" is female

Posts: 462

Activitypoints: 840

Date of registration: Mar 2nd 2018

Location: Torino

Occupation: badante

  • Send private message

7

Thursday, January 16th 2020, 12:13pm

Oltre al fatto di credere che la terra sia piatta, esistono altre fake news ben più gravi, secondo me. Per esempio un nutrito gruppo di persone crede che i vaccini facciano venire l'autismo, o che rovinino il sistema immunitario. Oppure altri credono che malattie gravi come i tumori siano causati da traumi psicologici, quindi la chemioterapia non servirebbe a niente. Pensare che i vaccini ci hanno salvato da malattie gravissime come la poliomielite.

gloriasinegloria

Colonna del Forum

Posts: 1,881

Activitypoints: 5,811

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

8

Thursday, January 16th 2020, 12:20pm

Pensare che i vaccini ci hanno salvato da malattie gravissime come la poliomielite.

:hail:

LuceOscura

Istinto selvaggio

  • "LuceOscura" is male

Posts: 800

Activitypoints: 2,483

Date of registration: Jun 17th 2016

  • Send private message

9

Thursday, January 16th 2020, 7:15pm

Dal mio punto di vista, una delle peggiori notizie false che circolano è quella di chi nega l effetto serra. E che pensa sia solo una trovata di alcuni ricercatori bisognosi di finanziamenti.

Quando invece le prove dell effetto serra di origine antropica sono schiaccianti ! E il destino del pianeta è appeso ad un filo...
Non esiste ne bene ne male. Solo chi ha un potente e chi un debole istinto animale... Nelle mie arterie scorre la giungla !

LuceOscura

Istinto selvaggio

  • "LuceOscura" is male

Posts: 800

Activitypoints: 2,483

Date of registration: Jun 17th 2016

  • Send private message

10

Thursday, January 16th 2020, 10:06pm

Quoted

"Non è vero che le pseudoscienze si contrappongano sempre alla scienza ufficiale. Alcune cercano di mimetizzarsi imitandone il linguaggio. Capita alla meccanica quantistica, la teoria che spiega il comportamento delle particelle elementari. È facile imbattersi in pratiche mediche o psicologiche che non hanno nulla a che fare con essa ma si definiscono «quantistiche». Di solito si tratta di ciarlatani, in cerca di persone in difficoltà disposte a rivolgersi, dietro lauto compenso, a sedicenti specialisti.


Caso interessante questo !

La meccanica quantistica di per sé è la scienza che studia le particelle elementari e le loro interazioni. Si differenzia dalla meccanica classica (quella di Galileo e Newton) a causa del fatto che le grandezze che qui entrano in gioco, come energia o tempo, sono quantizzate, cioè discrete, non continue. Da qui il nome di meccanica quantistica.
La complessità di questa scienza e l esoterismo lessicale da essa utilizzato contribuiscono a farne terreno fertile per i ciarlatani che spacciano le loro pratiche mediche o psicologiche come quantistiche.

Tuttavia alle volte è possibile che la meccanica quantistica dia contributi alla medicina. Ne è un esempio la PET, Positron Emission Tomography, che utilizza metodologie tipiche della meccanica quantistica per generare positroni da inviare nel corpo per generare bioimmagini a fine diagnostico.
Non esiste ne bene ne male. Solo chi ha un potente e chi un debole istinto animale... Nelle mie arterie scorre la giungla !

gloriasinegloria

Colonna del Forum

Posts: 1,881

Activitypoints: 5,811

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

11

Thursday, January 16th 2020, 11:06pm

I complotti inventati invece (tipo scie chimiche, saggi di Sion, Bildelberg etc etc) sono caratterizzati dal fatto di ipotizzare società segrete praticamente onnipotenti, onniscienti e onnipresenti, capaci di influenzare tutto il mondo in modo profondo e totale.


:hmm:
Sull'esistenza di società segrete penso non ci sia da faticare troppo : non saranno in grado di governare il mondo intero (anche se potrebbero nutrire questa aspirazione) ma esistono, sono sempre esistite, e in Italia ne abbiamo un campinario del tutto invidiabile, che include anche tutte la mafie...

Bildeberg è una realtà arcinota nell'esistenza, e non parto di fantasia di dietrologi complottisti. Se pubblicassero i loro atti si saprebbe della loro nobiltà d'intenti. Poichè così non è...è anche ragionevole dubitare che banchieri, economisti, politici e giornalisti dei gotha nazionali si incontrino per pianificare azioni umanitarie...

Le scie chimiche, ormai assurte a parametro del disvalore complottista, onestamente (sarò ottusa) sono quelle che mi intrigano di più.
Ma non per altro : il fenomeno viene negato da qualunque fonte ufficiale, e questo è un fatto. E viene negato benchè una delle tante spiegazioni (salvo che sia realizzata con sostanze tossiche) sarebbe anche accetabile, e cioè quella secondo cui si spargerebbero sostanze che servono al controllo del clima. Invece no, vengono negate, quasi fossero allucinazioni collettive, e questo è un fatto.
Però c'è un altro fatto che noto ormai da anni, e che invito tutti, in qualunque zona d'Italia, a verificare.
Nelle giornate particolarmente limpide e serene, e soprattutto quando le previsioni meteo preannunciano sereno destinato a perdurare per giorni, ecco che il cielo è decorato da queste scie, che si percepiscono ad altezza di gran lunga inferiore a quelle degl aerei di linea e men che mai dei voli internazionali o intercontinentali, e queste scie........... :assi: ....formano grigle ! Ossia ce ne sono di orizzontali e di verticali, quasi che si fosse disegnato nel cielo lo schema del demenziale "tris" !
Come si spiega? C'è qualche pilota amatoriale che con il piperino si diverte così più volte al mese? :D
Ma non basta : la griglia di sostanze rilasciate nell'atmosfera ha tempi e modalità di dissipazione lunghissimi (molto più di mezz'ora) , che nulla hanno a che vedere con le scie di voli a ben più alta quota, che si dissolvono (quando presenti) in manciate di secondi.

Non ha alcuna importanza ma lo dico per chiarire la mia posizione : non ho nessunissima propensione al complottismo o al suo contrario, e spesso trovo davvero risibili alcune "controinformazioni" complottiste. Ma penso che chiunque possa osservare incongurenze e strane inspiegabilità, e sinceramente credo che porsi e porre il dubbio sia dimostrazione di intelligenza. Pretendere di dare risposta, o meglio la "controrisposta" a questi dubbi, spesso non avendo neanche le basi culturali per farlo è invece quello che trovo urticante nel mondo complottista.

solitario92

Amico Inseparabile

  • "solitario92" is male

Posts: 1,241

Activitypoints: 3,568

Date of registration: Oct 24th 2015

  • Send private message

12

Friday, January 17th 2020, 11:50am

Come detto, le società segrete esistono, così come esistono i circoli privati di potere, e tutta una serie di "sottobosco" legato alle istituzioni. Né tantomeno si può negare che esistano lobby, circoli e quant'altro in grado di influenzare in modo forte la politica di una paese. Non vale solo per l'Occidente, ma anche per l'Oriente: ad esempio in Cina società segrete come la "Società del cielo e della terra" hanno avuto impatti enormi sulla storia del paese. Per me si sconfina nel complottismo quando si ipotizza che esistano circoli onnipotenti in grado di controllare tutto e tutti in modo assoluto e totale. Insomma l'idea che esista un centro di potere unico da cui tutto dipende a mio parere è assurdo.
Quanto al club Bildelberg, non è una società segreta. Le riunioni sono arcinote, e più o meno i membri sono conosciuti. Si tratta di un circolo di uomini potenti che si riuniscono a porte chiuse per parlare circa politica e economia. Hanno sicuramente un'influenza sul mondo: quello che io rigetto è l'idea per la quale questi signori controllerebbero in modo totale e assoluto la finanza e la politica globale.... non funziona così, i centri di potere sono tanti e speso in contrapposizione tra loro.
Quanto alle scie chimiche, devo ancora trovare un solo sciachimista in grado di fornire dati precisi sull'altitudine delle presunte scie più vicine al terreno; per dati precisi intendo rilevamenti condotti con strumentazioni tecniche, e non ad occhio. Per quanto riguarda la persistenza delle scie, le condizioni termiche, di vento, l'attitudine e quant'altro influiscono pesantemente sul comportamento del vapore acqueo (che poi è quello che costituisce le scie degli aerei). Né tantomeno si possono percepire da terra le condizioni che ci sono a migliaia di chilometri d'altitudine. Quanto alle presunte griglie, le rotte degli aerei si intersecano, anche se ad altitudini molto diverse (e ripeto, è assolutamente impossibile avere una percezione precisa ad occhio sull'altitudine di una scia).

This post has been edited 2 times, last edit by "solitario92" (Jan 17th 2020, 11:57am)


13

Friday, January 17th 2020, 12:41pm

Oltre al fatto di credere che la terra sia piatta, esistono altre fake news ben più gravi, secondo me. Per esempio un nutrito gruppo di persone crede che i vaccini facciano venire l'autismo, o che rovinino il sistema immunitario.




https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/02…alente/5005393/
Il mondo e' pieno di pazzi

LuceOscura

Istinto selvaggio

  • "LuceOscura" is male

Posts: 800

Activitypoints: 2,483

Date of registration: Jun 17th 2016

  • Send private message

14

Friday, January 17th 2020, 1:43pm

Il complotto delle scie chimiche è ridicolo !

Si tratta chiaramente delle scie di condensa prodotte dal motore degli aerei.

Che però sono dannose ! Ma non come sostengono gli sciachimisti, che le reputano capaci di controllare menti e meteo.
Sono dannose perché, proprio come il gas di scarico prodotto dal motore dell automobile, influiscono sull effetto serra. Anzi, influiscono maggiormente della CO2. Di fatto, si tratta di scie di cristalli d acqua che intrappolano il calore riscladando l atmosfera.

All attuale tasso di crescita del traffico aereo, che tra 50 anni sarà più che raddoppiato, le scie di condensa aerea saranno un grave problema per il clima del pianeta.
Non esiste ne bene ne male. Solo chi ha un potente e chi un debole istinto animale... Nelle mie arterie scorre la giungla !

This post has been edited 2 times, last edit by "LuceOscura" (Jan 18th 2020, 6:15pm)


15

Friday, January 17th 2020, 3:06pm

fake news e complottismo....argomento interessante.
interessante sarebbe capire cosa spinge le persone a credere, proprio a livello psicologico. perché credere a teorie palesemente strampalate? me lo sono chiesta spessa senza trovare risposte se non alcune ipotesi.

"Qui citiamo i fattori principali che, secondo una review del 2017[5], rendono le persone statisticamente più propense a credere alle teorie della cospirazione, precisando però che si tratta di evidenze preliminari e parziali, in assenza di una teoria di riferimento condivisa:
Un basso livello di istruzione, una ridotta capacità di pensiero analitico e di valutazione delle probabilità favoriscono l’adesione alle teorie del complotto.
Il desiderio di sentirsi speciali e unici è un altro fattore importante: l’idea di avere accesso a informazioni segrete soddisfa il bisogno narcisistico di sentirsi superiori agli altri. In Germania i complottisti chiamano le masse disinformate schlafschaf, letteralmente «pecore dormienti». In uno studio dell’Università Johannes Gutenberg di Mainz, i soggetti più predisposti al cospirazionismo credevano più spesso a una teoria del complotto quando scoprivano che era poco diffusa rispetto a quando scoprivano che era molto diffusa[6].
Il senso di impotenza di fronte a tragedie apparentemente prive di logica può spingere ad accettare spiegazioni complottistiche. L’idea che una tragedia sia stata voluta dai potenti, per quanto agghiacciante, può essere preferibile a quella che sia avvenuta per caso, perché lascia aperta la possibilità di riprendere il controllo della situazione, mentre un evento casuale è completamente al di fuori della nostra possibilità di intervenire.
Il bisogno di certezze. Cercare spiegazioni per gli eventi è un desiderio umano fondamentale. L’incertezza è una condizione spiacevole e le teorie del complotto forniscono un senso di comprensione, di certezza e di controllo che può essere rassicurante. Le teorie del complotto sono storie internamente coerenti che «ci aiutano a comprendere l’ignoto quando accadono eventi spaventosi o inattesi», dice Jan-Willem van Prooijen, psicologo sociale alle Vrije University di Amsterdam[7]."
https://www.cicap.org/n/articolo.php?id=278948

trovo il "desiderio di sentirsi speciali e unici" molto azzeccato. se penso alla prima "complottista" che ho conosciuto dovrei parlare di basso livello di istruzione però secondo me non basta, anzi, direi che è quasi fuorviante. c'è molto bisogno di uscire dall'anonimato, sentirsi superiore...e quale occasione più ghiotta del piazzarsi come "portatori di verità"?
namasté