Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

ThisLove

Nuovo Utente

  • "ThisLove" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Dec 27th 2012

  • Send private message

1

Thursday, December 27th 2012, 8:39pm

Una vita da dimenticare... Ma come fare?

Buonasera a tutto il forum, sono nuova e sono approdata in questo forum perchè credo davvero d'impazzire. Ora più che mai.
Innanzi tutto chiedo scusa qualora il mio post sarà prolisso, ma mi è sempre difficile scrivere in modo breve e conciso su di me, quando riesco.
Ho 24 anni, ed in tutto questo tempo non ho mai avuto un buon rapporto con il cibo. Dall'età di 8 anni incominciai a lievitare pesantemente per colpa di alcune intolleranze alimentari (risolte successivamente), fino ad arrivare all'età di 12 anni con 110 kg da smaltire.
Da qui la prima dieta. Persi 20 kg in 6 mesi ma, complice un pessimo rapporto con la mia dietologa dell'epoca che mi disse chiaramente che non sarei mai diventata magra, annadonai il tutto con forte demotivazione, riprendendo tutti i kg persi, ovviamente.
Passai così tutta la mia adolescenza con la golosità: ripiegavo sul cibo il disagio per un fisico non voluto.
Fino ad arrivare alla svolta: a 19 anni mi misi a dieta. Da sola. Seriamente. L'inizio della dieta era, tutto sommato, abbastanza buona. Persi 40kg.
Da qui, il declino. Passai un periodo ferma a 70 kg. Da premettere che non ero mai stata fissata con il peso come lo sono attualmente e da premettere che la bilancia la vedevo rarissime volte.
Ad ogni modo, non so cosa scattò in me. Quando persi altri 10 kg in un mese (avevo avuto un periodo nero con il mio ex ragazzo dell'epoca) incominciò la mia fissazione. Incominciò la mia anoressia.
Da quel periodo in poi tutto andò sgretolandosi, in primis la mia serenità.
Fino ad arrivare ad ora. Sono riuscita ad arrivare a pesare 48 kg per 167 cm e ci sono arrivata alternando anoressia e bulimia (senza eliminazione di condotta perchè sono emetofobica, ma compensatoria: lassativi, giornate di 300 kcal...)...
Ho provato a rivolgermi alla struttura della mia città, ma le visite con lo psicoterapeuta aumentavano le mie abbuffate. Così ho deciso di abbandonare.
Il punto, però, è un altro. Io voglio uscirne e sento di potercela fare, piano piano.
La mia domanda, che rivolgo a tutti voi, è un'altra.
Durante la mia malattia stavo con un ragazzo con cui è durata 8 mesi. Mi aveva lasciata proprio per i miei disturbi alimentari.
Devo dire che, non essendone nemmeno io più innamorata, mi ripresi abbastanza in fretta.
Ma ultimamente è successa una cosa che mi ha mandata terribilmente in crisi.
Tramite Facebook ho conosciuto un ragazzo con cui era nata una bella amicizia, ma non c'eravamo comunque mai visti.
A poco, a poco, l'attrazione mentale tra di noi cresce ma lui ha una situazione sentimentale problematica (una ragazza che non ama, un'amante che ama ma che non vuole lasciare il suo ragazzo ed una terza ragazza con cui si vede saltuariamente e che usa come svago), così incomincia ad avere paura di me, di prendersi troppo. Decide che forse è il caso di non vedersi.
Nel mentre, io gli avevo raccontato dei miei problemi alimentari. Lui, a dirla tutta, ne è sempre stato terrorizzato avendo avuto un'ex ragazza anoressica e con la quale aveva vissuto un vero e proprio incubo. Ma sapendo che voglio uscirne, rimaneva li e aveva accettato di vedermi (non voleva vedermi anche perchè diceva che vedermi così magra lo faceva star male).
In questi giorni, con le feste, sono andata in crisi. Dopo natale ho ripreso i lassativi per il senso di colpa, sono ricaduta inesorabilmente.
Ma sentendomi in colpa anche verso questo ragazzo, gli ho raccontato tutto. Dapprima mi dice che non mi vuole vedere, poi litigando mi cancella e mi blocca da Facebook.
In questi giorni ho provato a mandargli dei messaggi, per cercare di capire il motivo per cui, anche lui, mi aveva abbandonata. La sua risposta, sostanzialmente, è stata quella che non se la sente di starmi vicino perchè è troppo coinvolto dalle mie malattie e che non riesce a guardare nemmeno le mie foto perchè lo fanno star male, aggiungendo che non è facile ma che per lui finisce qua e che non può fare altrimenti.
Ed io sto male.
Sto male, mi sento pazza. Come posso star male così tanto per una persona che non ho mai nemmeno visto dal vivo? Come fa a mancarmi così tanto? Come? E poi perchè tutti mi abbandonano appena sanno della mia malattia? Non ho scelto io d'ammalarmi. E allora perchè sono così tremendamente sola?

Mad_the_mith

Colonna del Forum

  • "Mad_the_mith" is female

Posts: 2,051

Activitypoints: 6,198

Date of registration: Aug 23rd 2011

  • Send private message

2

Friday, December 28th 2012, 10:59am



A poco, a poco, l'attrazione mentale tra di noi cresce ma lui ha una situazione sentimentale problematica (una ragazza che non ama, un'amante che ama ma che non vuole lasciare il suo ragazzo ed una terza ragazza con cui si vede saltuariamente e che usa come svago)



E ti stupisci ancora?
Qui non c'entra il disturbo alimentare, questo tipo sarebbe sparito comunque una volta realizzato che non eri così facile da mollargliela senza impegno e senza pippe mentali.
Mah.
A tutta manetta in vespa e in lambretta!

ThisLove

Nuovo Utente

  • "ThisLove" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Dec 27th 2012

  • Send private message

3

Friday, December 28th 2012, 11:23am

Il punto non è lui in sè... In fondo non lo conosco e mi son sentita completamente pazza per tutto il tempo per pensare di provare dei sentimenti che, a mala pena, riesco a provare per persone che frequeno quotidianamente... Il punto è che non capisco il motivo per cui tutti se ne vanno appena sanno dei miei problemi alimentari. Ormai sono consapevole di avere questi disturbi da un bel pò di tempo (e per ammetterlo ci son voluti anni), quindi non ho nemmeno difficoltà a parlarne, anzi... A volte ne parlo troppo e subito (credo sia un modo per chiedere aiuto e un modo per esorcizzare sti due mostri), e qui sbaglio... Ma mi fa male, tremendamente male, quando la gente usa le mie malattie per smollarmi. Il mio ex era arrivato a dire che io ero proprio un peso, un problema per questo, ergo poi mollarmi dicendomi che non mi amava più, quando una settimana prima diceva il contrario.

4

Friday, December 28th 2012, 11:52am


Sarò molto schietta e breve.
1 – il tipo in questione (come già prima di me riferito) ha usato farti sentire in colpa utilizzando la tua malattia come pretesto - ti ha toccata nel tuo punto debole - per mascherare la sua vigliaccheria. Credimi, uno così, meglio perderlo che trovarlo.

2 – Non puoi farcela da sola ad uscirne, hai bisogno di un supporto psicoterapeutico adatto; hai bisogno di essere “accompagnata”, non perché tu non sia in grado ma la mente umana è qualcosa di assolutamente straordinario che potrebbe condurti ad ingannare te stessa senza accorgertene. E’ sempre necessario un confronto, un contraddittorio, che ti riporti sui giusti binari.

Un sorriso

.
Nessuno puo' rivelarvi nulla se non cio' che già si trova in stato di dormiveglia nell'albeggiare della nostra conoscenza. L'insegnante che avanza nell'ombra del tempio, non trasmette la sua sapienza, ma la sua fede e la sua amorevolezza. Se è veramente saggio, non vi introdurrà nella casa della sua sapienza, ma vi accompagnerà alla soglia della vostra mente.
K. Gibran "Il Profeta"

This post has been edited 1 times, last edit by "SylviaPlath" (Dec 28th 2012, 11:57am) with the following reason: Piccola aggiunta.


5

Friday, December 28th 2012, 12:04pm

Ciao,
meglio per te che questo ragazzo si sia allontanato: ne ha 3 a parte te.
Che rapporto potrsti costruire con lui? Secondo me le persone come lui non cambiano mai.
Non credo alle -redenzioni- di questi ""fidanzati"" :D

Per quanto riguarda il tuo problema alimentare,cerca di farti aiutare da una brava nutrizionista,perchè -imparando- a mangiare bene sarai prima di tutto in buona salute,e non avrai piu bisogno di lassativi, o digiuni inutili.
I tuoi problemi alimentari sono collegati a qualcosa che ti far star male dentro, e te la prendi con il tuo corpo.
Coraggio :)
Sono impegnata a tenere insieme pezzi di me con la colla e con lo scotch.

ThisLove

Nuovo Utente

  • "ThisLove" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Dec 27th 2012

  • Send private message

6

Friday, December 28th 2012, 4:49pm

Non è così semplice... Sono arrivata ad odiare letteralmente il cibo... Ho paura di tutto, persino del sale!! E bevo un sacco perchè ho la fobia per la ritenzione idrica... Tutto ciò che può essere riconducibile al grasso o al gonfiore mi manda in crisi... Del tipo: se prendo anche solo un kg, io automaticamente me ne sento 100 in più! E peso 48 kg e mi vedo enorme...

7

Saturday, December 29th 2012, 1:27am

Non è così semplice... Sono arrivata ad odiare letteralmente il cibo... Ho paura di tutto, persino del sale!! E bevo un sacco perchè ho la fobia per la ritenzione idrica... Tutto ciò che può essere riconducibile al grasso o al gonfiore mi manda in crisi... Del tipo: se prendo anche solo un kg, io automaticamente me ne sento 100 in più! E peso 48 kg e mi vedo enorme...


Proprio per questo devi farti -aiutare- da una persona competente,se mangi in modo sano non devi avere nessuna paura.

Se continui così dimagrirai in una maniera assurda, e starai sempre peggio.

Che ne pensi di farti -aiutare- ?
Sono impegnata a tenere insieme pezzi di me con la colla e con lo scotch.

Terrapin

Utente Attivo

  • "Terrapin" is female

Posts: 117

Activitypoints: 393

Date of registration: Nov 13th 2012

  • Send private message

8

Saturday, December 29th 2012, 4:09pm

Io concordo con tutto ciò che ti hanno detto ma tu chiedi perchè la gente ti abbandona quando sa dei tuoi problemi alimentari. Il ragazzo in questione addirittura ti dice che ha già avuto una storia con una ragazza con problemi simili ai tuoi e gli fa male legarsi a te rivedendoci qualcosa che lo ha fatto soffrire. Non è un obbligo da parte sua starti vicino se lo fa stare male. Come dice Mina in una canzone che mi piace tanto, tanto, tanto: "devo cambiare ossessione, e salvare il salvabile, me." Ed è il caso che lo faccia anche tu.