Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,244

Activitypoints: 22,074

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

121

Thursday, September 19th 2019, 12:50pm

alcune stime dicono che il cibo buttato solo in Italia (lasciamo perdere se il pollo non piace...sempre cibo è) potrebbe nutrire adoguatamente 44 milioni di persone. Per quanto riguarda le macchie solari non lo dico io ma alcuni ricercatori accreditati. Sull'impatto del CO2 c'è dibattito. Io non lo nego, ma riporto il fatto che neanche la comunità scientifica è concorde. Però una cosa la voglio dire...il progresso e lo sviluppo tecnologico non è sempre contro la terra. Oggi consumiamo molti meno idrocarburi rispetto a 10 anni fa per illuminare perchè sono state inventate lampadine più efficienti. In uno scenario di decrescita sapete quali spese vengono tagliate prima? quelle di ricerca. Il che vuol dire che esiste il rischio di non investire in cose che ci permetterebbero di avere un successivo svilupppo più ecocompatibile
Allontana da me questo calice.....

Belfalas

Utente Fedele

Posts: 519

Activitypoints: 1,414

Date of registration: Aug 26th 2014

  • Send private message

122

Thursday, September 19th 2019, 1:58pm

alcune stime dicono che il cibo buttato solo in Italia (lasciamo perdere se il pollo non piace...sempre cibo è) potrebbe nutrire adoguatamente 44 milioni di persone. Per quanto riguarda le macchie solari non lo dico io ma alcuni ricercatori accreditati. Sull'impatto del CO2 c'è dibattito. Io non lo nego, ma riporto il fatto che neanche la comunità scientifica è concorde. Però una cosa la voglio dire...il progresso e lo sviluppo tecnologico non è sempre contro la terra. Oggi consumiamo molti meno idrocarburi rispetto a 10 anni fa per illuminare perchè sono state inventate lampadine più efficienti. In uno scenario di decrescita sapete quali spese vengono tagliate prima? quelle di ricerca. Il che vuol dire che esiste il rischio di non investire in cose che ci permetterebbero di avere un successivo svilupppo più ecocompatibile

Rispetto al ruolo che la tecnologia può svolgere nella risoluzione dei problemi energetico/ambientali giusta (e non scontata) osservazione la tua. Rispetto al legame produzione di co2 e riscaldamento climatico a me non sembra ci sia un grande dibattito, mi era sembrato di intendere che fosse riconosciuto da una percentuale di scienziati vicina al plebiscito, ma magari sbaglio.

123

Thursday, September 19th 2019, 2:57pm

alcune stime dicono che il cibo buttato solo in Italia (lasciamo perdere se il pollo non piace...sempre cibo è) potrebbe nutrire adoguatamente 44 milioni di persone.


sicuramente e' cosi e sicuramente buttiamo una marea di cibo, ma io continuo a pensare che se tutti potessero mangiare carne avremo risolto il problema di mangiarne di meno la carne visto che non ci sarebbe per tutti,
Il mondo e' pieno di pazzi

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,244

Activitypoints: 22,074

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

124

Thursday, September 19th 2019, 3:01pm

in realtà il consenso scientifico non è così plebiscitario

https://www.nogeoingegneria.com/motivazi…amento-globale/

ma aldilà di questo io sono perfettamente d'accordo sulla riduzione delle emissioni (non c'è solo il CO2, ma anche metalli pesanti e polveri sottili che bene non fanno). Dico solo che tutto va analizzato in modo critico
Allontana da me questo calice.....

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 2,070

Activitypoints: 6,224

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

125

Thursday, September 19th 2019, 5:12pm

E' con QUESTO stile di consumo attuale che la popolazione terrestre è troppa. Con lo stile di alimentazione dei nostri nonni già saremmo messi meglio, a parità di popolazione. Infatti i nostri nonni non sprecavano o sprecavano molto poco, lo spreco come abitudine perfino inavvertita è tutt'uno col modello consumistico.

Rivedendo stili di consumo e innovando tecnologicamente il problema della sovrappopolazione si circoscrive/riduce parecchio.

Se ci sbrighiamo :D

Crobatus

Utente Fedele

Posts: 462

Activitypoints: 1,428

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

126

Thursday, September 19th 2019, 7:20pm

e stato introdotto dalla comunità scientifica ormai, quasi, 50 anni fa (cfr. "Rapporto sui limiti dello sviluppo" Club di Roma 1972)


appunto, proprio perchè lo dice il Club di Roma c'è da dubitare...
Malthus risale all'epoca in cui l'impero britannico controllava 1/4 del territorio mondiale, e un'aumento della popolazione era evidentemente una minaccia, una "riduzione di spazio vitale" per l'elite inglese.

curioso che i teorici del "siamo troppi", "dobbiamo ridurre la popolazione", ecc. (ONU, UE, clero attuale, autorità civili, ecc.) dopo averlo già fatto in Europa, vogliono importare milioni di immigrati. Non ci vedete una contraddizione?

Un altro inglese che fece danni (non per nulla i francesi coniarono l'espressione "Perfida Albione") fu Aldous Huxley, autore del libro "Brave new world" (ricorrente in molte canzoni rock/metal...) che preconizzò già negli anni '30 un'umanità in provetta ridotta a 200 milioni di persone, mantenuta in obbedienza attraverso "droga sesso e spettacoli".
Sull'ultimo viene in mente il calcio (creato sempre lì...)

Poi il fatto che non ci siano risorse per tutti è un'altra leggenda metropolitana
lo dice persino l'ONU che negli ultimi 50 anni la percentuale di quelli che soffrono la fame è diminuita dal 24 % al 14 % (nonostante l'aumento di popolazione!)

La mortalità infantile scende di più dell’80% e l’aspettativa di vita si allunga anche nel terzo mondo:

https://www.lifesitenews.com/opinion/lat…0f660-397585041

Crobatus

Utente Fedele

Posts: 462

Activitypoints: 1,428

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

127

Thursday, September 19th 2019, 7:25pm

per tornare al cibo, tempo fa fecero vedere un allevamento di suini vicino Roma all'aperto, coi maiali che correvano tutto il giorno in questo prato e c'era il proprietario (un maiale lui stesso dalle dimensioni) che gli dava le pacche sul forso come si fa coi cani...una bella immagine.

Come fecero la norma per allargare le gabbie delle galline in batteria (una rara cosa utile fatta del parlamento UE), potrebbero farla per gli altri animali. Possibile che la "lobby" degli allevatori sia influente sulla politica come quella americana?

purtroppo la maggior parte dei suini proviene da allevamenti intensivi (tra emilia e bassa lombardia) cresciuti in spazi minuscoli sotto luce artificiale, per fare i prosciutti da esportare all'estero. Coi bovini non credo sia molto diverso, almeno in Italia...

Anonimo1997

Sostenitore della verità

  • "Anonimo1997" is male

Posts: 96

Activitypoints: 351

Date of registration: Apr 21st 2019

Location: Campania

  • Send private message

128

Thursday, September 19th 2019, 10:49pm


curioso che i teorici del "siamo troppi", "dobbiamo ridurre la popolazione", ecc. (ONU, UE, clero attuale, autorità civili, ecc.) dopo averlo già fatto in Europa, vogliono importare milioni di immigrati. Non ci vedete una contraddizione?

Sembra che tu voglia lasciar intendere che l’ONU, l’UE ecc. l'avevano come obiettivo la riduzione della popolazione in Europa e l’importazione di immigrati, e che se non fanno nulla per contrastare ciò è perché così vogliono che vanno le cose… quindi chiedo: secondo te il basso tasso di natalità in Europa e l’importazione di immigrati sono stati cospirati da una certa elite?


Un altro inglese che fece danni (non per nulla i francesi coniarono l'espressione "Perfida Albione") fu Aldous Huxley, autore del libro "Brave new world" (ricorrente in molte canzoni rock/metal...) che preconizzò già negli anni '30 un'umanità in provetta ridotta a 200 milioni di persone, mantenuta in obbedienza attraverso "droga sesso e spettacoli".
Sull'ultimo viene in mente il calcio (creato sempre lì...)

Cosa dobbiamo dedurre?


Poi il fatto che non ci siano risorse per tutti è un'altra leggenda metropolitana

Il fatto che per il momento ci siano risorse per tutti mi sembra vero, credo però che bisogna prendere in considerazione quante risorse ci rimangono ancora e anche che tipo di risorse…


lo dice persino l'ONU che negli ultimi 50 anni la percentuale di quelli che soffrono la fame è diminuita dal 24 % al 14 % (nonostante l'aumento di popolazione!)

La mortalità infantile scende di più dell’80% e l’aspettativa di vita si allunga anche nel terzo mondo

Negli ultimi 50 anni è aumentato anche il tasso di deforestazione? Invece la qualità generale del cibo? Negli ultimi 50 anni è diminuita?
In caso affermativo non voglio dire che è meglio che ci siano persone che soffrono/muoiono di fame piuttosto che disboscare alcuni territori e alterare la qualità del cibo, però non voglio nemmeno che si arrivi a un punto in cui i danni causati alla natura abbiano effetti negativi significativi sulla nostra salute o che il cibo risulti sempre più scadente.


purtroppo la maggior parte dei suini proviene da allevamenti intensivi (tra emilia e bassa lombardia) cresciuti in spazi minuscoli sotto luce artificiale, per fare i prosciutti da esportare all'estero. Coi bovini non credo sia molto diverso, almeno in Italia...

Ecco, la qualità della carne proveniente da tali suini credo che sia molto minore rispetto a quella proveniente da un suino allevato in modo più naturale… evidentemente se i suini vengono allevati in spazi minuscoli sotto la luce artificiale (senza contare cosa gli danno da mangiare) è perché c’è una richiesta della loro carne che non potrebbe essere soddisfatta se venissero allevati in modo più naturale… ma non credo che sia una cosa intelligente quella di allevare gli animali in modo sempre più innaturale per soddisfare una sempre più maggior richiesta delle loro carni…

Mi sa che comunque siamo OT

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,244

Activitypoints: 22,074

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

129

Friday, September 20th 2019, 8:00am

Tutti discorsi ragionevoli, ma si parte sempre dagli assunti del club di Roma, ossia che le variabili in gioco crescano linearmente mentre la tecnologia rimane costante. Ipotizziamo che la popolazione aumenti con questo ritmo (in realtà negli ultimi anni il tasso di crescita sta calando) e che con la diffusione del benessere aumenti il consumo di carne. Probabilmente invece raggiunto il picco subentra una maggiore cultura alimentare e il consumo si riduce come ad esempio sta avvenendo nel regno unito. Lo stesso dicasi per la popolazione. A un certo livello di sviluppo economico e culturale in realtà si fanno meno figli. Per non parlare della variabile tecnologica. Non è assurdo ipotizzare forme avanzate e diffuse di cultura idroponica ad alta efficienza e basso impatto ambientale.
Ma vale per tutto. Non se ne parla molto, ma la Cina ha cominciato a investire seriamente nelle fonti rinnovabili. Anche loro sono coscienti del pericolo economico e ambientale della loro crescente dipendenza dai combustibili fossili.
Per me la vera ricetta è in una visione globale delle cose e in uno sviluppo sempre più diffuso. Non è la decrescita la risposta ma un maggior benessere economico e culturale e tanta tanta ricerca.
Allontana da me questo calice.....

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male

Posts: 1,638

Activitypoints: 4,406

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

130

Friday, September 20th 2019, 8:35pm

E' con QUESTO stile di consumo attuale che la popolazione terrestre è troppa. Con lo stile di alimentazione dei nostri nonni già saremmo messi meglio, a parità di popolazione. Infatti i nostri nonni non sprecavano o sprecavano molto poco, lo spreco come abitudine perfino inavvertita è tutt'uno col modello consumistico.

Rivedendo stili di consumo e innovando tecnologicamente il problema della sovrappopolazione si circoscrive/riduce parecchio.

Se ci sbrighiamo :D


Io non spreco quasi nulla, vengo da una famiglia in cui l'abitudine al riciclo e al non gettare le cose è la normalità, non un moderno comportamento da fan di Greta ... :)


Mia madre è una persona che, quando un vestito si è rovinato, lo,scuce per ricavarne la stoffa, da usare per altri usi ... La stragrande maggioranza della gente lo getterebbe ...

Per non contare le mille capacità di bricolage di mio padre ... Ormai però anziano ...

Quello che per molti è "un atteggiamento nuovo" in certe famiglie come la mia - ripeto - è da sempre la normalità ...

Hai presente la cipolla fresca? Non la cipolla dove tu prendi gli spicchi a mezzaluna, ma quella che ha il gambo, a volte lo si chiama "cipollotto" non so se riesco a spiegarmi, immagina un gambo simile al carciofo. Ebbene, la maggioranza della gente cucina ciò che si trova sulla sommità del gambo e getta quest'ultimo, senza sapere che il gambo si mangia!!

Ad esempio sulla pizza, naturalmente fatta in casa ... Ripeto, non parlo della cipolla che ti condiziona l'alito, ma della pianta con il gambo verde che va cotto e consumato. Sai che ci sono persone anche di una certa esperienza di vita che non sanno che l'aceto si può usare per le pulizie, invece di comprare certi detergenti? Ad esempio per disinfettare la lavatrice facendogli fare un lavaggio senza panni...

Ciao :)

Crobatus

Utente Fedele

Posts: 462

Activitypoints: 1,428

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

131

Saturday, September 21st 2019, 4:21am

chiedo: secondo te il basso tasso di natalità in Europa e l’importazione di immigrati sono stati cospirati da una certa elite?



ah non c'è dubbio, tutte le leggi degli anni '70 sul diritto di famiglia, sull'aborto di massa (5 milioni di bambini tolti di mezzo), la contraccezione e la "prevenzione" oggi ti dicono che abbiamo bisogno di nuovi giovani.

sono istruttive le citazioni del primo direttore dell'OMS:

https://www.azquotes.com/author/37751-Brock_Chisholm

Sugli inglesi, c'è un bel libro di Daniel Estulin di qualche anno fa: "Tavistock Institute", in cui parla dei famosi progetti per la diffusione della droga negli anni '60, già materia inglese dall'epoca delle guerre dell'oppio con la Cina.
Oggi questo istituto - con sede a Londra - è impegnato nel cambio di sesso:

https://www.osservatoriogender.it/jessic…ambio-di-sesso/

sulla carne, non è mica vero che è responsabile delle "emissioni".
Come al solito c'è la "ricerca" ideologica, del sottosviluppo ecologista (secondo cui l'uomo è il cancro dell'universo) diffusa da tutti i media compiacenti, ma è pieno di studi che dicono il contrario...
E' un po' come quando l'ONU o chi altro se ne esce con la "carne che fa venire il cancro".
Per millenni l'uomo ha mangiato carne e improvvisamente fa venire il cancro (che di per sè non vuol dire nulla) da sostituire con gli "insetti"
Poi mentre noi parliamo di emissioni, c'è chi vive (lotta per sopravvivere) di l'allevamento, e che gli diciamo?

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male

Posts: 1,638

Activitypoints: 4,406

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

132

Saturday, September 21st 2019, 11:53am

Sai Crobatus ...

Che oltre ad essere considerati brutti sporchi cattivi e razzisti dai mondialisti dal pensiero unico (i veri fascisti della situazione che si danno quell'aria di modernità da cittadini del mondo) rischiamo pure di essere considerati "complottisti" cioé quelli che pensano che dietro alla facciata presentabile delle cose ci sia tutto un mondo di interessi e di progetti a medio-lungo termine che però non si possono dire ...

E' difficile pensare che dietro a volti di fanciulle timide non vi sia qualche burattinaio, che però naturalmente non appare, come lascia perplessi il semi annientamento della Grecia nel rispetto della severità teutonica.

Ma "loro" sono quelli intelligenti, noi altri invece siamo "cattivi" ... Che ne vogliamo sapere noi dei loro progetti ... (Appunto).

In fondo, ci si può aspettare di tutto da parte di chi finisce con l'etichettare come "odio razziale" il rifiuto di una immigrazione clandestina o il sovvertimento graduale di un tessuto sociale...

Eh si ... I cattivoni pericolosi siamo proprio noi ...


:)

aconito

Giovane Amico

  • "aconito" is male

Posts: 282

Activitypoints: 881

Date of registration: Aug 25th 2019

Location: nord italia

  • Send private message

133

Saturday, September 21st 2019, 1:44pm

ieri c'era un articoletto interessante sul corriere della sera.

in sintesi parlava di come la mala alimentazione uccida ben più delle armi.

in america 3/4 circa della popolazione è sovrappeso, 1/3 è diabetica o lo sta diventando.

le stragi con armi d' assalto nel mese di agosto hanno causato circa 50 morti, grandissima eco mediatica

i morti per malattie causate da mala alimentazione sono stati, nello stesso mese, 40-50000 ... e nessuno ne ha parlato.
“Rari sono quelli che preferiscono la virtù ai piaceri del sesso.”
CONFUCIO

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male

Posts: 1,638

Activitypoints: 4,406

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

134

Saturday, September 21st 2019, 2:19pm

Noi abbiamo la 'dieta mediterranea' per fortuna ... :)

Crobatus

Utente Fedele

Posts: 462

Activitypoints: 1,428

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

135

Saturday, September 21st 2019, 6:41pm

Ma "loro" sono quelli intelligenti


leggevo poco fa: "i militanti del PD", la "base", rimprovera a zingaretti di aver fatto entrare nel partito la Lorenzin, colpevole non di essere una totale nullità in sè, dei 12 vaccini obbligatori, ecc. ma di aver fatto una "campagna per la fertilità".
cioè l'unica cosa normale, peraltro totalmente inutile, le viene recriminata.

Adesso un'altra scienza infusa, stavolta del 5 s (le quote rosa......) vuole mettere il cognome della madre ai figli.
Un'altra meraviglia veterofemminista, contro la famiglia, contro il padre, e contro i figli che cresceranno sradicati senza poter ricostruire la propria genealogia, e che infatti è legge già da anni in nord europa.
naturalmente passerà tranquillamente, essendoci ad opporsi il povero Pillon da solo (complottista) e pochi altri...forse l'ex ministro Fontana. Gli altri leghisti, quelli che hanno votato per salvare radio radicale, non ci arrivano.

vi sembrerà fuori tema rispetto al fast food ma siamo sempre sul forum di psiche, e cosa c'è di più psichiatrico dei "militanti del PD" ?


#aconito

io ho dei parenti a Long Island che una volta mi portavano le buste di "formaggio" in polvere, però non fumano (male assoluto)
quindi per dirti che in america mangiano qualsiasi cosa....
starei attento però ai titoli del corriere, volti a instillare paura (un po' come le rubriche mediche in tv a tutte le ore) sui danni presunti di questo e quell'alimento.
è da anni che martellano sul salutismo, sulla carne che fa male, sul bere almeno 2 litri, ecc. col risultato che ormai il medico viene visto come una sorta di "vescovo" da venerare (anche perchè i vescovi veri si occupano di immigrati) e la gente ossessionata dal "mangiar sano" si convince che può raggiungere una specie di immortalità mangiando "salutista", facendo sport (ormai obbligatorio)
il corriere era un buon giornale forse durante il Ventennio : D dico forse non essendo fascista :ohno:

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads