Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

sbrattina88

Nuovo Utente

  • "sbrattina88" started this thread

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: Aug 30th 2019

  • Send private message

1

Friday, January 18th 2019, 11:05pm

aiutatemi a capire, please

ciao a tutti
dicono che una diventa anoressica quando diventa troppo magra, ma finchè non diventi proprio pelle e ossa, alla gente appari come una persona sana. Beh in effetti, una persona che guarda SEMPRE la tabella nutrizionale prima di mangiare qualsiasi cosa, che si sforza di stare sempre sempre a dieta rigida, che non si accontenta di assumere meno di 1000kcal al giorno e cerca sempre di mangiar ancora meno, e si ammazza di movimento fisico, ma non arriva proprio a diventare pelle e ossa, ma ci sta vicino… non sarebbe Anoressia anche questo?
io vado avanti così da due anni. Arrivo a dimagrire molto, ma mai da sembrare uno scheletro, però al sottopeso ci arrivo. Per me sarebbe impossibile mangiare un cioccolatino senza farmi venire i sensi di colpa.
Arrivavano i periodi in cui mangiavo uno yogurt a colazione, uno a pranzo, e a cena insalata scondita, più camminata veloce di un'ora al giorno. Poi arrivò un periodo in cui buttavo giù qualche carboidrato in piu' (ma non dolci, frittura, insaccati, salati, ecc.. per me quelle robe lì son rimaste bollino rosso) e qualche kg lo riprendevo, ma si parla di 3-4 kg , non di più. Ma quando mi accorgevo che i kg erano aumentati, anche se continuavo ad essere di una magrezza normale, per me il normale equivaleva a fare schifo, così cercavo di tornare all'alimentazione ultra rigida dei famosi yogurt e insalata scondita, ma era difficile , perché rimanere così a stecchetto era una tortura per la mente e per lo stomaco, così mandavo giù qualche frutto in più. Oppure uno yogurt in più. E subito dopo mi sentivo incredibilmente in colpa, ma il pensiero di vomitare mi terrorizzava, perché non ero molto capace di farlo bene. Poi mi si riempiva la faccia di chiazze rosse (rottura di capillari) e impiegavano circa una settimana per sparire del tutto, quindi per bruciare quello che mangiavo, mi ammazzavo di movimento. Taglia 40.. e dopo aver ripreso qualche kg, ci entravo ancora dentro. Solo un jeans non mi si chiudeva più. E solo per quel jeans lì mi sentivo uno schifo.
da prima di natale succede questo: ho imparato a vomitare, e a nascondere i segni rossi con il trucco. La mattina mangio uno yogurt magro, a pranzo idem, a cena fiocchi di latte, e stop. Poi qualche settimana dopo.. a cena insieme ai fiocchi di latte ho aggiunto un po' di crosta di pane, e un altro yogurt… il che mi fa sentire terribilmente in colpa, così mi chiudo subito in bagno e vomito tutto, e dopo cerco di fare 3 ore di cyclette per cercare di smaltire quello che è rimasto nello stomaco.
praticamente sto vomitando quasi ogni sera dopo cena. A natale è successo che ho mangiato qualche cioccolatino, sforzando di ripetere a me stessa 'basta non farlo tutti i giorni, per una volta non succede niente!' e invece subito dopo arrivavano i sensi di colpa, e di nuovo al bagno a vomitare tutto. spesso spero di ammalarmi seriamente e di morire perchè la mia vita è uno schifo totale.
chiedo per favore di non essere giudicata, perche solo chi vive il problema in prima persona lo capisce. Visto da fuori, una persona non mangia perchè non vuole ingrassare, visto da dentro è MOLTO molto diverso.
Secondo voi è bulimia? Mi dico sempre 'oggi è l'ultima volta che vomito, domani a cena dovrò rimanere con i fiocchi di latte e basta' ma poi a cena mi ritrovo con lo stomaco che chiede pietà, e mando giu' la crosta del pane, e l'altro yogurt.. e vomito di nuovo. Boh. non ci sto capendo niente.

2

Sunday, January 20th 2019, 4:07pm

Quello che stai descrivendo è decisamente un disordine alimentare. La cosa positiva è che sei riuscita a riconoscerlo e ad ammetterlo a te stessa (che è la cosa più difficile), quindi sei pronta per iniziare un percorso di psicoterapia che ti possa aiutare a non sentirti in colpa quando mangi un po' di più, che ti liberi dall'ossessione del cibo e del peso. Informati sulla terapia che ritieni migliore (cliniche o psicoterapia individuale?). Inoltre colgo anche depressione: "spesso spero di ammalarmi seriamente e di morire perché la mia vita è uno schifo totale".
Un disordine alimentare non è legato al peso che si raggiunge, ma dal malessere psicologico ad esso associato e a comportamenti che io defisco un po' autolesionistici. La terapia è tosta, ma ce la farai, hai fatto il primo passo, buona fortuna.
Io ce l'ho fatta... C'è stato un periodo in cui mangiavo pochissimisso, anche io ero dimagrita fino a raggiungere il sottopeso e non sembravo propriamente anoressica (anche se poi c'è stato un mese in cui purtroppo son calata tantissimo), ma mi rifiutavo di aumentare di peso, avevo eccessivi sensi di colpa legati al cibo e non mangiavo più certi alimenti. Ho riconosciuto il disturbo prima che diventasse troppo radicato e son riuscita a guarire, anche se è stato difficile e c'è voluto molto tempo.
Buona fortuna.

3

Sunday, January 20th 2019, 5:30pm

Sono d'accordo con jfx!!!
io ti consiglio di cercare il centro per disturbi alimentari più vicino alla tua città e chiedere un appuntamento.
Entrano in gioco tante variabili quando si entra in questo circolo.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

4

Sunday, January 20th 2019, 11:06pm

Penso di si Sbrattina 88.
Se fossi al tuo posto come scritto da chi mi ha preceduto cercherei una diagnosi in un centro specializzato.
Hai ragione : chi non vive il problema non può capire affatto.
Una mia amica aveva quel problema.
Però si vedeva nel suo aspetto.Era radicalmente cambiata nel giro di un anno.
Occorre aiuto professionale, inutile girarci attorno .
Prima è, meglio è.
Non è una colpa,non hai nessuna colpa.
Non pensarci due volte : chiama e chiedi aiuto.
Se poi ti diranno il contrario sei autorizzata a scriverci di andare a quel paese.
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

5

Sunday, January 20th 2019, 11:10pm

In ogni caso continua a scrivere qui.
Nessun giudizio.
Ma non allontanarti, scrivi qualche post cosi non rischi di essere fuori dal novero degli utenti attivi.
Tenici aggiornati su quel che deciderai di fare : PER TE!
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

Kate84

Nuovo Utente

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: Jun 14th 2019

  • Send private message

6

Monday, January 21st 2019, 12:34pm

ciao sbrattina

nessun giudizio

come già suggerito rivolgiti a specialisti e vedrai che da questo vortice si può uscire
sembra impossibile, ma si può fare.

il fatto che tu stia vedendo queste dinamiche si te stessa è un'enorme passo, il più importante

forza!
in bocca al lupo!

scrivi quando vuoi :)

This post by "ModernDante" (Wednesday, January 23rd 2019, 6:41pm) has been deleted by user "Elettra" (Thursday, January 24th 2019, 12:37am) with the following reason: multinick felix