Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Xero133

Utente Attivo

  • "Xero133" ha iniziato questa discussione

Posts: 7

Activity points: 56

Data di registrazione: giovedì, 17 aprile 2014

  • Invia messaggio privato

1

martedì, 05 marzo 2019, 17:40

Mi sento diverso. Probabilmente lo sono.

Ho 33 anni e mi sento diverso, incompleto più che altro, rispetto a ragazzi miei coetanei.

Non ho una ragazza e non ce la faccio con le donne (non sono bruttissimo ma fondamentalmente insipido).
I mei amici più stretti, sono sistemati, uno addirittura si è lasciato, nel giro di due mesi ha avuto due storie ed ora è fidanzato. Altri conoscenti non solo sono sposati ma sono già nella fase figli.
Io no, ho avuto una storia lunga in passato poi da quattro anni suonati il nulla cosmico. Uscite continue con ragazze conosciute in chat, poche occasioni con ragazze non trovate in chat, ma solo due di picche. La sostanza non cambia. Agli altri va bene in un determinato modo. A me no.

Non ho un lavoro stabile da due anni, io che ho sempre lavorato sodo. Vivacchio facendo lavori saltuari, ho avuto un esaurimento nervoso devastante per un lavoro che non sapevo gestire un anno fa e adesso non ho la forza di reagire e di mettermi in gioco. Mi sento imbrigliato con conoscenze lavorative che attualmente vorrei eliminare del tutto.

Ho pochi amici ma buoni, ma manca sempre qualcosa. Vedo gli altri molto più attivi socialmente, io esco non sto chiuso in casa ma la situazione resta sempre uguale. Non ho grandi passioni e le poche che ho di sicuro non mi permettono di coltivare nuove conoscenze.

Non so più cosa pensare, soprattutto perché mi sento in una bolla di sapone e faccio fatica a reagire.

E' come se avessi già provato tutto e abbia visto che oltre i miei limiti non posso andare.

Crobatus

Utente Attivo

Posts: 79

Activity points: 265

Data di registrazione: lunedì, 25 febbraio 2019

  • Invia messaggio privato

2

martedì, 05 marzo 2019, 19:56

non siamo tutti uguali, c'è anche chi "si sistema" a 20 anni (come era prassi una volta...)

un mio vecchio amico ha avuto una figlia a 16 anni...

altri hanno il primo figlio a 45 anni....

altri, anche "celebri", non hanno figli, come il precedente capo di Governo, il "conte" Gentiloni...meglio, dirai tu...

alesh

Utente Attivo

Posts: 15

Activity points: 45

Data di registrazione: mercoledì, 06 marzo 2019

  • Invia messaggio privato

3

venerdì, 08 marzo 2019, 18:43

Purtroppo certi obiettivi non sono scontati, nella vita si possono avere anni felici e anche periodi lunghissimi senza arrivare a ciò che si vuole (se ci si arriva). Forse ciò che conta è agire facendo delle scelte che possano migliorare la situazione.

4

sabato, 09 marzo 2019, 13:49

Non so più cosa pensare, soprattutto perché mi sento in una bolla di sapone e faccio fatica a reagire.

C'è poco da pensare ma soprattutto da tormentarsi, rispecchi l'italiano medio che la società ha reso insicuro e tutto ciò si ripercuote sul sistema nervoso perchè se avessi, come giusto che fosse, un lavoro sicuro e non stressante, ti darebbe autostima e serenità emotiva e ciò a sua volta si rifletterebbe positivamente sulla voglia di fare, di vivere, di socializzare e di flirtare.

Scorpio1963

Utente Attivo

  • "Scorpio1963" è un uomo

Posts: 119

Activity points: 371

Data di registrazione: giovedì, 21 febbraio 2019

Località: Toscana

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 09 marzo 2019, 14:14

Oltre i tuoi limiti..
È una bella rappresentazione

Ma penso che se non vai "oltre i tuoi limiti" non potrai mai sapere se riesci a "stare" in terreni sconosciuti

Questo è .. vuole essere, un invito, alla vita fondamentalmente

Chi sta dentro i propri limiti, standoci benissimo o malissimo, ha già iniziato a smettere di "vivere" secondo me

Anche se lui non lo sa

In bocca al lupo!

6

domenica, 10 marzo 2019, 21:08

Comunque in relazione al titolo del topic:

Citato

Mi sento diverso. Probabilmente lo sono


Volevo dire che siamo tutti diversi (per fortuna dico io), e almeno per quanto mi riguarda sono fiero di esserlo.

Viva la diversità che rende questo mondo sempre interessante e ricco di cose da scoprire.

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" è un uomo

Posts: 1.259

Activity points: 3.175

Data di registrazione: domenica, 26 giugno 2016

Località: emilia-romagna

Lavoro: una volta

  • Invia messaggio privato

7

martedì, 12 marzo 2019, 20:56

Mi dispiace per la situazione lavorativa che crea senza dubbio molto disagio...ci si vergogna quasi a non avere un lavoro stabile. Sono di un'altra generazione ma dopo i 30 anni, sono riuscito a farmi nuovi amici e per un po' di anni non mi sono mai divertito così tanto in vita mia...non sei l'unico che dopo i 30 anni non è sposato o fidanzato. Non sei l'unico a non avere un lavoro stabile e purtroppo non conta quanto tu sia bravo e volenteroso, ma conta solo quanto l'azienda possa ''guadagnare'' grazie al tuo lavoro. Visto che i tuoi amici sono sposati o fidanzati, come successe a me, frequentali meno e frequenta locali in cui ci siamo single, ragazze e ragazzi...ti potresti fare anche nuove amicizie maschili, ragazzi single come te e fare una compagnia di ''hunters''. Ti trovi a vivere in un periodo di insicurezze che ti fanno sembrare quelle che ritieni tue debolezze più grandi di quello che sono.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

3 utenti a parte te stanno visitando questo thread:

3 ospiti