Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

16

Friday, January 11th 2019, 7:33pm

Sperando nei vostri ulteriori e preziosi commenti,chiederei alla moderazione se fosse possibile accorpare il thread sulla TOMM, o,il permesso di accluderlo a questo.
L'argomento è importante perchè fondamentale ed elemento di diagnosi di Sindrome di Asperger.
Per non arrecarvi disturbo eventualmente potrei farlo trascrivendolo qui.
Col vostro consenso e approvazione ovviamente.

Per quanto attenga il thread ho faticato nello scriverne,ma proseguirò nel corso del tempo.
Credo di averci pensato dal momento dell'iscrizione o su di li.
Solo che:
a)Implicava per me molta fatica psicologica,e ci ho riflettuto quasi 2 anni.
Sembra molto tempo mail tempo per me scorre come differentemente, in alcuni casi è come se non scorresse proprio,il ricordo dei ricordi (penso sia più corretto scriverne cosi della memoria poichè la si rielabora di continuo,un po' come gli aggiornamenti software in un sistema non adatto alla conservazione dei dati di memoria poichè non pulita da emozioni, soggettività,rielaborazioni del ricordo,altro.
Ciò tra l'altro consente il funzionamento delle terapie psicologiche.SI discute tanto del cancellare i ricordi con un farmaco, ma il paradosso è che non converrebbe.
"Il cervello" (dizione non esatta)si rigenera costantemente,si autoripara, ci aiuta oltre che creare disagi/o.
Eliminare totalmente dei ricordi avrebbe implicazioni suppongo disastranti e non come molti pensano positive perchè tolgono(eliminano) il ricordo tragico.
La strutturazione del poi sarebbe comunque avvenuta e senza la causa scatenante il disturbo, non si riuscirebbe ad agire sui meccanismi riparatori, e nemmeno agire su nulla, mantenendo la strutturazione successiva dannosa.
(Scusate divagazione)
b)I forum dedicati ai neurodiversi (adesso) son tanti, con uno di eccellenza che non cito.Nei quali si è già scritto tantissimo anche in maniera ipetcnica (Gli Asperger tendono a farlo: questo è positivo).Al tempo stesso essendo persone che utilizzano ipetcnicismi,poichè una "trattazione" può essere solo scritta con criterio che quei "tecnicismi" implicano di base.
Agli occhi dei meno esperti rendono il discorso poco comprensibile.
E non sapevo se usare una modalità semplicissima,però che avrebbe reso il discorso inutile, una intermedia, una sofisticata ma incomprensibile per i tecnicismi
c) Solo immagini e narrazione da filmati, ma, o non reperivo più quelli validi,o,erano strazeppi di errori e spesso si utilizzavavano termini come malattia, affetto da, altri termini.Non si è affetti da, ne malati di, ne si rientra nel disturbo, capisco che il benedetto/maledetto DSM per ora cinque +2(appendici) li nosografi cosi,ma è da rivedere e lo sarà nel sesto prossimo venturo.
O, nell'ICD 11 prossimo al 10.

Ne approfitto per specificare che le teorie sui vaccini che causano gli autismi son totalmente disconfermate dalla Scienza medica.

I vaccini curano eradicano malattie anche apparentemente banali ai nostri occhi (apparentemente banali)
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

This post has been edited 1 times, last edit by "Taigi" (Jan 11th 2019, 7:39pm)


alcor

Giovane Amico

Posts: 276

Activitypoints: 542

Date of registration: Mar 6th 2015

  • Send private message

17

Saturday, January 12th 2019, 6:20pm

Taigi sto guardando il primo video che hai postato, solo che essendo lungo e richiedendo un minimo di attenzione lo sto guardando a pezzi. Mi sta piacendo davvero molto, ma preferisco rispondere quando avrò finito di guardarlo!

18

Saturday, January 12th 2019, 8:14pm

Ti ringrazio per l'interesse !
E dell'affermazione.
Avrei fatto esattamente come te.
A presto allora :)
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

19

Tuesday, January 15th 2019, 10:31pm

Libro sulle donne nello spettro di Barb Cook e Michelle Garnett

Camminando al ritmo dell'autismo
A cura di Barb Cook e la dott.ssa Michelle Garnett.
Prefazione di Lisa Morgan.

Questa è una raccolta modificata che affronta una serie di problemi che riguardano le donne autistiche, compresi i capitoli su crescita, identità, diversità, genitorialità, indipendenza e cura di sé. Scrittori famosi forniscono consigli, supporto e responsabilizzazione alle altre donne autistiche, e l'esperta Michelle Garnett fornisce commenti professionali per ogni capitolo.

Barb Cook e altre 14 donne autistiche descrivono la vita da una prospettiva autistica femminile e presentano approfondimenti e, utili e di supporto dalla loro esperienza personale per le altre donne autistiche. I commenti di Michelle Garnett confermano e ampliano le esperienze descritte dal punto di vista del clinico e forniscono raccomandazioni esaurienti.

I sostenitori autistici tra cui Liane Holliday Willey, Anita Lesko, Jeanette Purkis, Artemisia e Samantha Craft offrono la loro guida personale su questioni importanti che riguardano in particolare le donne, nonché quelle che sono più generali per l'autismo. Si trattano tematiche come crescita, identità, diversità, genitorialità, indipendenza e cura di sé tra molti altri. Con un grande contributo di donne eccezionali, questa è una raccolta completa di conoscenze e consigli per le donne con autismo.

Pubblicato da: Jessica Kingsley Publishers
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

alcor

Giovane Amico

Posts: 276

Activitypoints: 542

Date of registration: Mar 6th 2015

  • Send private message

20

Friday, January 18th 2019, 6:52pm

La maggior parte dei video o del materiale che mi capita (perché mi capita,io non lo vado a cercare ma me lo trovo davanti) sulle varie forme di diversità, tende a mostrare l'universo altrui come meraviglioso nella sua diversità. C'è sicuramente un motivo e un senso utile in questa scelta, ma non aiuta a conoscere realmente una sindrome. Come dici tu poi la gente pensa che sia una figata. Ma non lo è, è prima di tutto un gran casino e si può lavorare quanto si vuole per far integrare gli Asperger nella società, ma questo gran casino resterà comunque.
Il video che hai postato e soprattutto i tuoi post sono illuminanti su questo.

Ed è davvero allucinante che oltre al casino intrinseco nell'essere Asperger e dover vivere in una società di non Asperger, ci sia anche la frustrazione Delle diagnosi sbagliate. Capisco la tua posizione sulle diagnosi-etichetta espressa nell'altro post: io posso permettermi il lusso di non voler sapere la diagnosi semplicemente perché il mio Psycho la sa lui e sta lavorando nella direzione giusta. Ma prima di iniziare la terapia pure io ero terrorizzata che mi proponessero terapie che poi non avrebbero funzionato.

alcor

Giovane Amico

Posts: 276

Activitypoints: 542

Date of registration: Mar 6th 2015

  • Send private message

21

Friday, January 18th 2019, 7:05pm

Una delle persone del video dice che tutti gli Asperger ad un certo punto della loro vita cercano di imitare gli altri per adattarsi ed integrarsi, ma che a suo avviso questo semplicemente è impossibile.

Tu hai detto che dovreste essere voi ad adattarsi alla società e non viceversa.

Beh non sono molto d'accordo, credo ci si possa venire un po' incontro. In fondo video come quello che ho postato io credo siano stati creati proprio con quest'intento.

22

Saturday, January 19th 2019, 3:29pm

Una delle persone del video dice che tutti gli Asperger ad un certo punto della loro vita cercano di imitare gli altri per adattarsi ed integrarsi, ma che a suo avviso questo semplicemente è impossibile.

Tu hai detto che dovreste essere voi ad adattarsi alla società e non viceversa.

Beh non sono molto d'accordo, credo ci si possa venire un po' incontro. In fondo video come quello che ho postato io credo siano stati creati proprio con quest'intento.
Ciao Alcor :)
Si : ha ragione.
In gran parte si.
Sopratutto le donne poichè si mimetizzano: socialmente più abili.
Quindi a loro discapito sulle diagnosi ben 4 volte inferiori rispetti ai maschi Asperger.
Problema come evidenziavo nella risposta al post di Elettra.
*Molto importante, se pensi che già in totale sia quasi una chimera l'aver diagnosi pubblica, se non per il basso funzionamento, ben difficilmente un adulto la
ottiene.Ma nemmeno viene preso in carico da quel punto di vista: il nulla si prospetta nelle diagnosi nel caso si vada in un ASL non specializzata .
Nel caso di ASL con personale qualificato in disturbi pervasivi dello sviluppo allora il minore ha chances concrete.
Per gli adulti invece si finisce nei CIM, dove diagnosticano semplicemente altro ,coorbile e basta.
Come rispondevo al post di Elettra.
SI diagnostica "altro".
Non si forma quasi nessuno, in una specialistica importante, ma sottovalutata.
Totalmente.
Zero.
Il che rendendo irriconoscibili queste persone le si immette in un circuito parallelo.Gli si diagnostica altro.
Li si cura con farmaci inutilissimi.
E terapie psicologiche che non possono affatto capire.
Questo a totale discapito delle persone con autismi , e della società stessa, che scioccamente non capisce che si creino disabili sociali quando si potrebbe non crearli affatto.
Si imita? Si.
Questo accade frequentemente: non si ha scelta.
L'imitazione è di per se o ridicola o carente
QUindi le conseguenze son disastrose nel tempo.
SI accumula solo stress interattivo.
Non si comunica se non in minimissima parte.
Di fatto non si comunica.
Immagina come due punti interrogativi che tentano di comunicare?.....?= ??
Come parlare due lingue diverse seppur si utilizzi la stessa.
Il linguaggio non verbale copre gran parte dell'interazione: la persona autistica non lo capirà
Non guarderà l'interlocutore.O lo guarderà magari troppo.
Esempio in una comunicazione se guardo perdo il 50% di quel che mi si dice.
E non guardo in costanza.
Non me ne accorgo nemmeno.
La persona neurotipica comunica prettamente dando significato alle parole con le espressioni del viso e corpo.
Non viene compreso.
Idem il neurotipico si attende risposte istintuali che non ottiene.
Non funzionano gli small talks.
A me non interessano affatto: ma li ho appresi mi servono anche per parlare col salumiere si usano, pure coi vicini di casa, o colleghi di lavoro..e cosi via...
frasi banali , frasi "fatte", discorsi preambolistici,che non mi interessano affatto, ma son basilari, quindi li uso.
Ci si integra?Si: ma come un corpo estraneo in un mondo che non capisce e non ti può capire.
Si è come alieni.
Perchè ho scritto che ci si deve adattare noi e non gli altri?
Perchè agli alti non serve farlo.
Quindi non lo faranno: per farlo occorre un interesse, perchè lo dovrebbero avere?
In questa società nemmeno gli specialisti lo hanno, figuriamoci la persona comune.
Considera che per riuscirci dovrebbero cambiare il loro modo di pensare.Il modo di pensare è differente.Poco possibile.Annche ammettendo lo facciano, questo costerebbe loro fatica, e perchè faticare ?La mente umana evita bypassando questo passaggio perchè costa fatica il provarci, quindi non lo fa.
La persona in deficit invece tenta di farlo, perchè deve vivere/sopravvivere in questa società.
Ma a suo discapito.
Ci si può adattare: nelle mia diagnosi son un Asperger adattato.
Ma con un adattamento disfunzionale però.Nessuno se ne è fregato nulla dell'insegnarmi ad adattarmi, anche perchè sempre di base non esisteva affatto nemmeno un 'ipotesi di diagnosi, diagnosi che ho ottenuto dopo ben 15 mesi e dopo venti anni di NON diagnosi .
Poi chiedi dei perchè e le risposte son sconfortanti: "qundo chiedi ti rispondono sempre che: non era contemplato nel corso di studi" ma se è noto dal 1926 allora che cosa si insegna ai medici ?Nulla di questo?Tecnicamente dal 1944.Poi si fa riferimento al 1994.
Ri ok.Ma conta gli anni solo dal 1994 in poi... un quarto di secolo ulteriore e in quel quarto di secolo che si è fatto?
Al di la di quello che si insegna (nulla ) , mi chiedo altresi perchè NESSUNO di suo si documentai?O ben pochi professionisti si documentino?
Le risposte son anche queste spiazzanti.
Faticherebbero cosi tanto?
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

alcor

Giovane Amico

Posts: 276

Activitypoints: 542

Date of registration: Mar 6th 2015

  • Send private message

23

Saturday, January 19th 2019, 8:14pm

Dopo le prime sedute col mio Psycho, per curiosità, ho provato a googlare il suo nome, per vedere cosa salta a fuori. Mi è capitato l'ntervento di una persona in un forum, la quale riempiva di elogi il mio psicologo dicendo che gli aveva salvato la vita facendogli la diagnosi di Asperger, quando aveva 11 anni. Quando l'ho letto ho pensato fosse un'esagerazione dire che gli aveva salvato la vita; ora comincio a capire.

I neurotipici certo che possono fare lo sforzo di adattarsi. Ci si adatta costantemente alla persona che si ha davanti, le differenze nella forma mentis possono essere enormi tra due persone. C'è in effetti chi non fa questo sforzo, ma generalmente ha maggior vantaggio chi lo fa. Chiunque poi lavori nell'ambito della formazione lo deve fare per forza.

Chi invece lavora con le diversità tende a voler passare il messaggio "ognuno di noi è diverso": visione riduttiva e semplicistica, ma che ha lo scopo di stimolare questo adattamento verso l'altro.

Sul fatto che non ci sia sufficiente formazione in ambito medico, invece, è semplicemente vergognoso.

Quando parli di cunicazione verbale e non verbale mi fai venire in mente gli animali: la loro comunicazione è completamente non verbale, eppure la per therapy funziona molto bene con i soggetti autistici.

Ma tu Taigi, hai trovato qualcuno che ti abbia dato una psicoterapia funzionante?

24

Saturday, January 19th 2019, 10:28pm

Ciao Alcor :)
*Ti ringrazio moltissimo per il tuo interesse
Anche al precedente avevo risposto tre volte, ma si è cancellato tutto, era lunghino, quindi ti sei salvata! :)
La cosa "divertente" che idem: anche prima stessa cosa, per miei errori ,perchè è mancata la corrente 4 volte, scrivo solo dal pc portatile, e non dallo smartphone o altro dispositivo.
MI spiace perchè in entrambi non riesco a replicare in maniera idonea.In quelli cancellati ero stato capace invece di farlo.
Provo a risponderti ma non riuscirò come prima.
Scusa premessa, ma scrivere sei volte dei post per me è stressante: e mi sento pure sciocco a non averli scritti diversamente , o salvati.

Dunque : una diagnosi a 11 anni si !Può cambiare la vita di quella persona.
Occorrerebbe capire cosa l'abbia portata cosi a diagnosi: quindi non saprei scriverti se realmente sia Aspergere, può darsi.
Può anche darsi abbia trovato dei genitori particolarmente attenti e/o informati che abbiano fatto questa differenza.
Al suo posto ed in primis avrei ringraziato i proprio genitori o,chi per loro.
Poi chi ha fatto diagnosi.
Fa enorme differenza ottenerla a 11 anni, anche per altre ragioni meramente pratiche.
Quindi seppur immatura ha colto esattamente il senso della diagnosi.
Che non è etichettante.
Anzi.
Occorre averla per CAPIRE cosa e come fare per non rendere disabili socialmente persone anche superabili(potenzialmente).
Occorre averla per capire cosa si sia e su cosa lavorare.
Occorre averla per non finire in un inferno dei CIM che annetterebbero la persona solo a disturbi comorbili e non alla condizione principale .

La diagnosi non ghettizza affatto . chi lo pensa è fuori logica.
Semmai lo sarebbe il nascondersi dietro di essa.
O il giustificarsi per l'esserlo.
Il resto è solo a vantaggio della persona che la ottenga.
Come vedi 11 anni.
Se ne avesse avuto 18 sarebbe finita nel girone Dantesco dei CIM con medici bravissimi, ma in altro.
O bravissimi a rovinare una persona con misdiagnosi.



I neurotipici non saprei fino a che punto riescano ad adattarsi. Un livello molto basso nonostante la loro volontà nel provarci.Immagina di accedere alla dimensione spazio tempo 44. E tu vivi nell4.
Cosa capiresti vedresti della 44?
Nulla o quasi.
Idem all'inverso.
Nulla o quasi.
Estremizzo, ma ben poco direi.
Trovo improbabile che avvenga.
Lo percepisco sempre.
Anche nella vita privata e non conta l'intelligenza della persona con la quale interagisci.
Interagisco con persone spesso di intelligenza elevata.

No dipende da quello purtroppo .
SI va su due differenti costruzioni mentali.

Difficile da spiegare .

Ognuno è diverso,si.Vero.Ma , alieno?
Purtroppo no: pensa solo a un discorso con una mia amica fatto da un insegnante di sostegno.
Le diceva che avendo già lavorato per anni con con trisomia 21(Sindrome di down), non ci sarebbero stati problemi con un bimbo asperger.
Fu un disastro totale il suo fare.
Non sapeva affatto cosa fare.
Pessima.
Ed è la prassi, la rarità è l'inverso; ti riporto l'esperienza di una madre ma te ne potrei riportare tantissime identiche alla sua .

La domanda sarebbe : formazione...quale ed in cosa specificamente, titoli?


L'ambito medico altra enorme carenza (enorme, se poi si vuol far finta che non esista e che vada tutto bene , sappi che non è assolutamente cosi, tranne che per i bimbi

sopratutto se abbiano un autismo riconoscibile in maniera evidentissima (ma anche li ci son problemi ostativi enormi).

Per i maggiorenni il nulla del nulla.

Si Alcor ma gli animali hanno un interazione magnifica perchè esseri meravigliosi,ma nella comunicazione essere umano essere umano è un incomprensione quasi sempre.

Volontà a parte.

La pet therapy funziona anche con altre dinamiche si.



No affatto, anche se le terapie adattate esistono.Ma devi avere diagnosi e poi chi ti fa diagnosi praticarla. la diagnosi ai maggiorenni è "chimerica".
Per ottenerla si deve andare da privati e questi privati son pure rari .
Poi a che età?

Per il resto no affatto.
Ma non potevano funzionare

Grazie e scusami tantissimo se il post non è ben scritto
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

alcor

Giovane Amico

Posts: 276

Activitypoints: 542

Date of registration: Mar 6th 2015

  • Send private message

25

Monday, January 21st 2019, 9:53pm

È un vero peccato che tu non abbia trovato una terapia adatta alla tua situazione, spero che in futuro le cose cambieranno.
Cosa intendi con "poi a che età"?

Ho ricontrollato il post della persona diagnosticata anni fa dal mio Psycho: mi sbagliavo non era Asperger la diagnosi ma autismo ad alto funzionamento. Esiste un autismo ad alto funzionamento che non sia Asperger?

Capisco cosa intendi quando parli di "alieno", e sicuramente una reale comprensione reciproca non può esistere. Tuttavia l'adattamento di cui parlo penso possa essere utile per rendere la vita un po' più semplice, ad es. Nelle interazioni col vicino di casa o col salumiere, oppure per ridurre il rischio di bullismo a scuola...

26

Tuesday, January 22nd 2019, 12:25pm

È un vero peccato che tu non abbia trovato una terapia adatta alla tua situazione, spero che in futuro le cose cambieranno.
Cosa intendi con "poi a che età"?

Ho ricontrollato il post della persona diagnosticata anni fa dal mio Psycho: mi sbagliavo non era Asperger la diagnosi ma autismo ad alto funzionamento. Esiste un autismo ad alto funzionamento che non sia Asperger?

Capisco cosa intendi quando parli di "alieno", e sicuramente una reale comprensione reciproca non può esistere. Tuttavia l'adattamento di cui parlo penso possa essere utile per rendere la vita un po' più semplice, ad es. Nelle interazioni col vicino di casa o col salumiere, oppure per ridurre il rischio di bullismo a scuola...
Ciao Alcor , bentornata :)
Più che io non abbia trovato terapia idonea, non ho trovato una classe medica preparata.
E li non ci sono scusanti, nemmeno quelle del sistema che impedirebbe...del nuovo laureto, che ormai è prossimo alla pensione(Pensa solo a quelli 1994 :)
Oramai son dei quasi vecchi.
Poi?
Il poi esiste?
Se vado in ASL e trovo un giovane psichiatra: saprà cosa sia l'Asperger e sopratutto mi farà diagnosi SOLO su disturbi che si affiancano ad essa (condizione) o una vera diagnosi quella confacente?
Con quale terapia mi "curerà"?
Non ho disturbi;mi verrà affìbbiata la diagnosi di disturbi d'ansia?
Quindi avrò una fobia sociale?Altro?
Che terapia psicologica svolgerò senza una diagnosi vera?
Una che non capirei MAI?
Differenze tra autismo ad alto (altissimo nel mio caso) funzionamento e Sindrome di Asperger ...
Non esiste alcuna prova scientifica che ne attesti differenze,disturbi tra loro cioè differenti,in questo momento le due definizioni possono essere utilizzate in modo intercambiabile l'un l'altra.
La risposta è perciò no: allo stato dei fatti.

Bullismo a scuola: non cambierebbe nulla.
Anzi, ne avrebbero la certezza peggiorerebbe semmai, molti sfruttano gli autistici per mandarli apposta in meltdown e non fare lezione(Esempio: uno solo, ma li userebbero nei loro defict, e conoscendoli per bene...)
Bullismo :accade eccome il fenomeno è serissimo.
Ricordo alle madri prima di parlare direttamente ai Presidi, poi di scrivergli lettere dimostrabili, e se non dovessero fare nulla direttamente al Provveditorato agli studi.
Verrebbero licenziati: la tutela dei ragazzi e bambini minori viene tutelata dalla legge in maniera perentoria.
In ogni caso dimostrabile di bullismo: adoperativi prima per raccogliere prove e avvaletevi delle forze dell'ordine che troveranno il sistema per acquisire ìnformazioni
audiovideo da presentare in sede di giudizio anche.
A me è capitato per 3 anni consecutivi.Vicini di casa?Ehm!
Idem .
Molta molta attenzione.
Peggio del peggio.
Sfruttano e sfrutterebbero solo a discapito della persona autistica la propria condizione.
A me è sempre accaduto, altro che integrazione.
Magari Alcor.
Poi comunque nelle interazioni non ci si capisce, ma assolutamente mai.
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

Lady Joan Marie*

Regina D'Autunno

  • "Lady Joan Marie*" is female

Posts: 240

Activitypoints: 814

Date of registration: Nov 6th 2011

  • Send private message

27

Wednesday, January 23rd 2019, 1:46pm

Io ho conosciuto in un forum un ragazzo con la sindrome di Asperger...
Era un ragazzo che non voleva essere felice e che non gli importava di avere una compagna vicino, e che anche se l'avrebbe trovata l'avrebbe mandata via. Era un ragazzo molto sensibile, anche se altrettanto negativo, ed era difficile capirlo perchè tutti vorrebbero essere felici ma lui la felicità la rifiutava, e la cosa mi dispiaceva non poco...
;(
Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa.
CLAUDIO ACHILLINI ^^

28

Saturday, April 13th 2019, 12:10am

Premettendo le mie scuse per lo scrivere su un thread da me chiuso agli interventi, reputo importante per altri nella condizione che tentavo di spiegare nel thread cosa percepisca una persona in overload sensoriale.

Chiedo il permesso di integrarla

Preciso che non è un mio rientro e con permesso chiedo di poter integrare questo thread.

Ringrazio comunque di aver letto e visto il video esplicativo.

La differenza tra ciò che percepisce una persona al di fuori dello spettro degli autismi(Neurotipica)

E ciò che percepisce chi lo sia in questa condizione descritta nel video rappresenta una persona neurodiversa (accezione di una terminologia molto più complessa che solo riferibile agli autismi, da Blume 1998 deriva la terminologia.Si allarga ad altro nel 2010(cioè comprende una visione più allargata in una pubblicazione :Armstrong 2010).

In questi commenti è rappresentativo il riferimento selettivo alle persone con Asperger.

(Grazie)

https://www.youtube.com/watch?v=plPNhooUUuc
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

This post has been edited 1 times, last edit by "Taigi" (Apr 13th 2019, 12:21am)