Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Technoleo88

Utente Attivo

  • "Technoleo88" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 53

Date of registration: May 22nd 2020

  • Send private message

1

Friday, May 22nd 2020, 3:50pm

Ciao a tutti!

Salve a tutti, sono nuovo del forum. Mo sono imbattuto in questo spazio navigando in internet mentre facevo le mie "ricerche", che sono anche la causa della domanda che vi porrò.

Intanto vi dico che sono un uomo di 31 anni, quasi 32, sano e con un lavoro stabile. Fino a qui nulla di cui lamentarsi, giusto?
Però la mia vita privata è un po' meno rosea.
Intanto io non ho mai avuto molti amici; sembra un un'inizio classico di molto threads, no? E... be non ho mai avuto una ragazza/ relazione/ fatto sesso a 31 anni!
Non vi scrivo per chiedervi come risolvere il problema o se sia normale ecc... perché è chiaro che questa non è la norma - lita'.
Molti miei colleghi che hanno qualche anno in meno si stanno accasando o almeno hanno relazioni stabili, mentre io ...no!

Se per anni questa cosa mi ha fatto soffrire, ultimamente sto cercando di prenderla con filosofia e rassegnarmi. Non una rassegnazione totale, eh, ma solo un darci un taglio con il viverla come un un'ossessione o una ricerca spasmodica.

Ma il mio problema che mi porta a scrivervi e le mie " ricerche" non sono dovuti a questo, ma ad un' altra cosa, ossia:

È normale essere sempre interessati al suicidio?

Alle medie ero molto bullizzato e venivo da una famiglia abbastanza problematica ed allora ebbi un periodo in cui piangevo sempre, avevo autentiche ideazioni suicidarie e un paio di volte fui tentato di metterle in pratica
Ma poi la vita andò avanti e abbandonai quei pensieri. Non volevo morire. Purtroppo vissi altre situazioni di malessere, mie o derivanti dall ambiente familiare fino ai 20 anni, in cui trovai più equilibrio.
Ma soffrivo di fobia sociale e non ne ero cosciente, sicché a parte la scuola e rare uscite evitavo qualsiasi cosa mi portasse fuori dalla comfort zone. Fino ai 26 anni, quando decisi che era ora della.svolta.
Mi dicevo: devi solo uscire. Ed uscii e grazie anche a delle persone migliori che incontrai riuscii a sbloccarmi e sentirmi molto più sicuro di me.
Tranne che sul versante sentimentale, dove dopo qualche frequentazione e un numero notevole di appuntamenti senza proseguo gettai la spugna.
Cercai anche amici della mia stessa età, maschi, quelli che non avevo mai avuto, quelli che da piccolo mi deridevano. Ma non riuscii a creare legami.
In più ogni delusione sentimentale fu un macigno, ci stavo troppo male.
All inizio di questo mese l ultima. Conobbi una ragazza grazie ad membro della compagnia in cui non mi integrai, l unico che ogni tanto si fa risentire.
Io e lei dovevamo vederci ma scattò il lockdown. Ci sentimmo x telefono ed io mi ero già organizzato prendendo ferie dopo il 4 apposta x il primo appuntamento. Ero partito con i piedi di piombo, mi dicevo: non farti illusioni ancora non l hai vista e cose così, ma in un altra parte della mente pensavo già ad abitare con lei. Invece improvvisamente mi scrive che al lavoro c'è un ragazzo che le piace più di me! Scartato, un umiliazione, l ennesima.

Tornando al suicidio, è già da un paio d anni che dentro ho un malessere tenue ma costante. Non picchi di sofferenza intensa come quelli che in un momento d impulsività porterebbero a farsi fuori, ma un costante disagia, un apatia. Spesso se sono più di cattivo umore mi passa x la mente il pensiero: forse la vita finirà davvero in un suicidio
Ma è una cosa ben diversa da quando ero alle medie.
In internet studio il fenomeno del suicidio con articoli e video sull argomento, statistiche, analisi culturali... come un un'ossessione quieta che però torna sempre. In più questo desiderio di ritirarsi, di non uscire. Ho approfittato del lockdown per mollare il corso di nuoto, che comunque non mi piaceva più. Non mi piace mai nulla. Passerei la giornata a guardare documentari o a scrivere o a rimuginare. Ho notato che ho ansia ultimamente che le cose anche banalii sfuggano di controllo o che mi cada fra capo e collo una sfortuna, una perdita economica o una bega con la giustizia per qualcosa che mi è sfuggito.
In tutto ciò però mi basta che una persona mi faccia sentire considerato o mi tratti con gentilezza perché mi senta immediatamente meglio, salvo poi tornare nell apatia appena solo.
Quanto è anomalo tutto ciò?

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 2,015

Activitypoints: 5,795

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

2

Monday, May 25th 2020, 10:47am

Ciao e benvenuto Technoleo88.
a nome dello staff nienteansia ti do il benvenuto nel forum.
Se non l'hai già fatto, ti ricordo di leggere il seguente thread:
Regole e restrizioni per i nuovi utenti.
Per qualsiasi cosa non esitare a contattarci.

repcar per lo staff
[email protected]

Technoleo88

Utente Attivo

  • "Technoleo88" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 53

Date of registration: May 22nd 2020

  • Send private message

3

Monday, May 25th 2020, 12:15pm

Ciao redcar, grazie.

Similar threads