Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Panico77

Utente Attivo

  • "Panico77" started this thread

Posts: 17

Activitypoints: 100

Date of registration: Jun 6th 2019

  • Send private message

1

Tuesday, June 11th 2019, 3:19pm

Pensieri sparsi

Chi definisce cosa è strano, bello, brutto, giusto, sbagliato.
Cosa pensano le persone quando non hanno niente da fare, cosa fanno nelle loro teste, in quali spazi si perdono, si rifugiano.
Ci si sveglia al mattino e si sale su un palcoscenico chiamato vita, c’è un intera giornata davanti e si cerca di affrontarla al meglio, lavoro, casa, impegni quotidiani, spesa, cucinare, figli, cani, amici, marito, compagno, colleghi, bollette da pagare, palestra, aperitivo, medico, esci vai fai torna … esci vai fai torna… il classico tam tam quotidiano.
Negli ultimi tempi osservo molto le persone, ascolto le loro parole, osservo i loro gesti e l’unica cosa che riesco a vedere in giro è un malcontento quotidiano, fatto di lamentele e di problemi da risolvere, si dice è la vita, io dico la vita non può essere solo questo.
Siamo tutti alla ricerca di qualcosa, un lavoro migliore, una relazione migliore, ci scomponiamo e ricomponiamo milioni di volte al giorno, diciamo di stare bene quando stiamo male e quando stiamo bene ci lamentiamo di quello che non abbiamo e che vorremmo avere, quindi ritorniamo a stare male e facciamo finta di stare bene.
Credo che l’essere umano sia un controsenso vivente.
Si va in vacanza e si finisce per pensare a quel che si deve fare rientrando in città, si va al mare e si pensa ad organizzare cosa si farà al rientro, si lavora e si pensa alla lista della spesa ed alla visita medica del pomeriggio, e si arriva a sera e si pensa a tutta la giornata trascorsa cercando già di organizzare il giorno dopo.
Ma quando ci godiamo realmente quel che facciamo?
Godere del relax del mare mentre ci si trova al mare, godere di una passeggiata mentre si fa una semplice passeggiata, respirare il profumo del mare e respirare quella sensazione, lasciarsi cullare dal caldo del sole, osservare un tramonto e perdersi nei incantevoli colori, gustare un cibo prelibato e sentirne veramente i sapori.
Credo che abbiamo perso l’essenza, usiamo i nostri sensi in modo del tutto insensato.
Ordiniamo un piatto al ristorante e quando arriva gli facciamo una foto, non si pensa più al gusto del piatto ordinato ma al piacere che la foto del piatto ci darà se postato su un qualsiasi social, andiamo ad un concerto e guardiamo il concerto attraverso un cellulare per riprendere il concerto che stiamo già vedendo.
Il qui ed ora.
Sono le 10.20 sonoe da stamattina è successo questo:
la mia responsabile mi chiama dall’ospedale deve subire un intervento per l’impianto di un pacemaker e mi dice:
“adesso cerco di farmi dare meno giorni di degenza perché ci sono cose da fare in ufficio e sono in ansia”.
L’ho ascoltata e dentro la mia testa è comparso un grosso punto interrogativo, come si decidono le priorità? L’ufficio è davvero più importante della propria salute? Un pensiero che ci assilla può avere davvero la priorità su cose come il rispetto della propria salute? Quale arcano criterio fa sì che l’irrazionale la spunti sul razionale senza se e senza ma.
La mia collega entra tutta elettrica nella mia stanza e mi dice:
“oggi sono venuta in pullman a lavoro ho lasciato la macchina a casa”.
Ed io: Come mai?
Lei: “mi sono svegliata con una strana sensazione, ho pensato che se avessi preso l’auto mi avrebbe fermato la polizia e visto che ho la patente scaduta da un mese (ed in questo mese ha sempre preso la macchina per recarsi in ufficio) ho preferito venire in pullman”.
Ed io: Anto è perché la polizia ti ha fermata tre giorni fa e adesso hai paura.
Lei: effettivamente hai ragione.
Quanto sappiamo essere irragionevolmente irrazionali, quanto spesso le nostre scelte sono guidate da pensieri del tutto assurdi, da probabilità create dalla nostra mente e che in realtà non esistono.
Io ormai conosco le mie paure (più o meno), sebbene le mie siano proprio strane, cerco di guidare la mia mente, di educarla, ho una mente maldestra ultimamente, però sono diventata più consapevole dei miei meccanismi insensati e cerco di schivarli di non cascarci tutte le volte che posso.
Quando vivi per tre anni con ansie, fobie ed ossessioni, una fitta coltre di nubi ti si piazza davanti agli occhi e vedi tutto nero.
La cosa più assurda di tutto questo però è che impari a conoscerti profondamente, ed all’inizio è tremendo, poi però piano piano le nuvole iniziano a diradarsi un po’ e tu ti senti una sorta di guru osservando te e le persone che ti circondano.
Alle volte quando tutto è più calmo ascolto le ansie altrui, riconoscerei una persona nervosa o in ansia ormai dal semplice movimento degli occhi, e mi chiedo perché siamo tutti così stupidi da lasciarci tormentare per ore o giorni da problemi che poi in fondo sappiamo di risolvere.
Restiamo giorni con il broncio in attesa di risolvere un problema quando la vera meraviglia sarebbe porsi di fronte al problema non con ansia e terrore ma con semplice analisi e relativa risoluzione, quanti crampi allo stomaco ci eviteremmo e quanti gastroenterologi guadagnerebbero meno.
Ora non credo che diventerò una sciamano, neanche uno di quei vecchi saggi indiano, però una cosa credo di averla capita i pensieri sono pensieri e non sempre dobbiamo darli per veri.
La prossima volta che vado al mare voglio godermi il mare, ascoltare musica e fare silenzio. La mia testa ha bisogno di un po’ di silenzio a forza di parlami sempre ho fatto più casino, non a caso le cose belle arrivano quando non ci pensi, quando la tua mente è libera.
Allora oggi cerco di fare un po’ di silenzio per me dentro di me!

2

Tuesday, June 11th 2019, 8:29pm

Ciao Panico, ho modificato il titolo del tuo thread, ti ricordo che il titolo deve descrivere brevemente il contenuto della discussione...questo per far capire subito di cosa si parla e rendere più più immediata la consultazione.
Buon proseguimento
Sara84 per lo staff
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

Birdy

Colonna del Forum

  • "Birdy" is male
  • "Birdy" has been banned

Posts: 1,710

Activitypoints: 5,213

Date of registration: Jul 5th 2015

  • Send private message

3

Tuesday, June 11th 2019, 9:14pm

Interessanti ed inevitabili interrogativi.
Forse le cose più vere che ci succedono sono quelle in cui non siamo così confusi dal dover fare delle scelte.

Bwndy

Amico Inseparabile

  • "Bwndy" is male

Posts: 1,441

Activitypoints: 4,576

Date of registration: Mar 16th 2016

  • Send private message

4

Tuesday, June 11th 2019, 10:09pm

Ho letto il post con piacere, mi ha trasmesso diverse sensazioni e mi ha fatto riflettere. Penso che tu abbia un po' estremizzato però, perchè persino nel tram tram quotidiano riusciamo a cogliere delle cose e a goderci dei momenti. I pensieri non sono tutti negativi, sono spesso funzionali e non si può vivere solo di carpe diem, ma questo è scontato. Col carpe diem non si costruisce nulla.
A me però è piaciuta molto questa immagine

Quoted

La prossima volta che vado al mare voglio godermi il mare, ascoltare musica e fare silenzio. La mia testa ha bisogno di un po’ di silenzio a forza di parlami sempre ho fatto più casino, non a caso le cose belle arrivano quando non ci pensi, quando la tua mente è libera

E con questo concordo. Non importa se per i pensieri non facciano delle cose o se per scappare dai pensieri ne facciamo troppe e siamo sempre di corsa, a volte bisognerebbe fermarsi e godersi quello che si ha attorno, quello che si è, quello che si ha con serenità. Se non ci riusciamo allora abbiamo un problema.

Panico77

Utente Attivo

  • "Panico77" started this thread

Posts: 17

Activitypoints: 100

Date of registration: Jun 6th 2019

  • Send private message

5

Tuesday, June 11th 2019, 10:46pm

Bwndy
Per tanto tempo non sono riuscita a godermi neanche una semplice passeggiata, tutto e dico tutto era un tormento.
Adesso con tanta forza di volontà e psicoterapia va un po' meglio. Faccio piccoli passi.. ma uno oggi uno domani ... e piano piano si ritrova la strada

Bwndy

Amico Inseparabile

  • "Bwndy" is male

Posts: 1,441

Activitypoints: 4,576

Date of registration: Mar 16th 2016

  • Send private message

6

Wednesday, June 12th 2019, 1:12pm

Sono contento per te, è un ottimo segno.

Similar threads