Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


alcor

Giovane Amico

Posts: 276

Activitypoints: 542

Date of registration: Mar 6th 2015

  • Send private message

31

Monday, November 12th 2018, 8:39pm

"- devo ammettere che sono tutti un po' storditi, e non mi riferisco solo agli uomini, perché ci sono anche i coniglietti che hanno paura di saltare e gli uccelli che non hanno il coraggio di cantare.-
-cosa?- ripeté incredula Victoria.
-sono convinti di non riuscire a farlo abbastanza bene.-
-cosa glielo fa pensare?-
-si confrontano con i loro simili. C'è sempre qualcuno che può saltare più in alto o che mette in mostra un canto più melodioso... Capisci cosa intendo?-
- ma è ridicolo! Che cosa può mai succedere se un coniglio non riesce a saltare come un altro o se un uccellino canta in maniera diversa dai suoi compagni?- esclamò la principessa. (...)
- non c'è alcuna differenza- ribatté Willie. -C'è stato qualcuno che ha cercato di spiegarlo ai diretti interessati, ma quelli non si fidano e non credono a nessuno.-
(...)
La voce di Willie la riportò al presente. L'uomo le stava dicendo qualcosa a proposito di un melo che si sentiva troppo a disagio per produrre Delle mele.
-perché?- gli chiese.
- sugli alberi intorno a lui crescono solo pere, e così si è convinto che i suoi frutti non possano andar bene.-
Davanti agli occhi della principessa apparve all'improvviso suo padre che con aria severa le agitava un dito davanti al naso, e sentì la sua voce che tuonava: sei troppo delicata e sensibile, e hai paura della tua ombra! Sei una sognatrice! Si può sapere che cos'hai? Perché non sei uguale agli altri bambini reali?
Ma lei era sempre stata così. Possibile che avesse dovuto esserlo fin dall'inizio? Assalita da un'ondata di enorme tristezza, ricordò la prima volta in cui la piccola e dolce Vicky aveva borbottato tra sé: io sono ciò che sono, e ciò che sono non va abbastanza bene. (...)quella povera bambina non aveva fatto altro che essere se stessa!"

La principessa che credeva nelle favole - Marcia Grad

Euridice

Nuovo Utente

Posts: 6

Activitypoints: 18

Date of registration: Jun 24th 2019

  • Send private message

32

Monday, November 12th 2018, 8:58pm

Ma tu con i tuoi genitori hai rotto ogni relazione?



Se a te fosse successa la stessa cosa, avresti continuato ad avere una relazione con loro? Continueresti a frequentarli nonostante tutto??? 8| ?(

33

Tuesday, November 13th 2018, 8:26am

Grazie Alcor, bellissimo questo passo.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

Fork820swa

Utente Attivo

Posts: 73

Activitypoints: 268

Date of registration: Apr 25th 2019

  • Send private message

34

Wednesday, May 1st 2019, 10:19am

Riporto su questa discussione. Io ho sempre creduto di avere una buona autostima. O meglio, non ci ho mai pensato, perché stavo bene. Poi ho ricevuto una specie di rifiuto da un ragazzo, che era interessato solo ad una cosa (per sua scelta di vita per altro), ma non a me come persona, cioè direi che non aveva evidentemente interesse a conoscermi ecc.. E boh, sta cosa mi ha abbattuta. Anche perché per me lui era uno super interessante. Ora penso che non valgo abbastanza, che non sono interessante..
Ora che lo sto scrivendo mi sto dicendo che, insomma, lui è fatto così e basta, forse è lui il superficiale no? Eppure niente, sono entrata in questo circolo... "Devo" fare cose per essere interessante. Ma sempre per lui.
Prima stavo bene a fare le mie piccole cose, amo la mia casetta e il mio giardino, leggevo al sole... uscivo con i miei pochi amici, e adesso boom, crisi, mi sento sola, non faccio niente, non ho nulla da raccontare.. Come fare per tirarmi un po' su?
L'ho idealizzato? E ora sono entrata in questo loop da cui non so uscire.

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads