Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

16

Friday, December 21st 2018, 2:17pm

Non è questione di piacere, per quanto mi riguarda

Ma di chiamare correttamente una (qualsiasi) azione fatta nel mio interesse.

Capisco ma se te doni dei soldi a chi ne ha bisogno oppure un cappotto o un paio di scarpe a chi ha freddo o se dici una parola di conforto a chi è triste o se offri un piatto caldo a chi è affamato hai comunque fatto delle azioni anche nell'interesse del tuo prossimo! Se poi da queste azioni ne hai un tornaconto positivo meglio ancora, vuol dire che sarai stimolato a compierne di altre!

Scorpio1963

Nuovo Utente

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: Jul 10th 2019

  • Send private message

17

Friday, December 21st 2018, 5:23pm

Non è questione di piacere, per quanto mi riguarda

Ma di chiamare correttamente una (qualsiasi) azione fatta nel mio interesse.

Capisco ma se te doni dei soldi a chi ne ha bisogno oppure un cappotto o un paio di scarpe a chi ha freddo o se dici una parola di conforto a chi è triste o se offri un piatto caldo a chi è affamato hai comunque fatto delle azioni anche nell'interesse del tuo prossimo! Se poi da queste azioni ne hai un tornaconto positivo meglio ancora, vuol dire che sarai stimolato a compierne di altre!


Ma certo che meglio ancora..

Diciamo che per quanto riguarda me, io consapevolmente "inverto" i termini di quanto scrivi.

Se dono dei soldi a chi ne ha bisogno oppure un cappotto o un paio di scarpe a chi ha freddo o se dico una parola di conforto a chi è triste o se offro un piatto caldo a chi è affamato ho comunque fatto delle azioni NEL mio personale tornaconto di "benessere"

Se poi da queste azioni ne ha un benessere positivo anche il prossimo, meglio ancora

In 2 parole, se mi privo del cappotto per un povero che ha freddo, non ti dirò che l'ho fatto "Perché io sono molto buono"

Ma perché ciò mi ha procurato piacere a ME, un piacere di cui ho piena coscienza e consapevolezza, e totalmente al di fuori dei codici di buono/cattivo

Chi non ha piena coscienza del SUO benessere, generalmente a seguito di una "buona azione" aprirà una partita di debito/credito.
(Ora che io sono stato buono, voglio proprio vedere come sarai tu con me)

Sono queste le persone di cui diffido maggiormente, per mille.motivi

In questa ottica ci aiutano anche i "modi di dire" che si usano a volte:
"Mi devo sdebitare.. non posso dire di no"

This post has been edited 1 times, last edit by "Scorpio1963" (Dec 21st 2018, 5:33pm)


frili

giovane amica

Posts: 280

Activitypoints: 699

Date of registration: Apr 21st 2018

  • Send private message

18

Friday, December 21st 2018, 6:20pm

Scorpio, sono d'accordo al 100%.
Ho fatto parecchio volontariato, consapevole del fatto che questo colmava un mio bisogno. Mi è sempre sembrato logico e naturale. Invece è un ragionamento malvisto, o forse semplicemente difficile da afferrare, non so.
Come se l'avere un tornaconto, anche semplicemente emotivo, rendesse meno "puro" l'atto in sé. Ma non è così. Sono i sacrifici insensati a essere patologici

Scorpio1963

Nuovo Utente

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: Jul 10th 2019

  • Send private message

19

Friday, December 21st 2018, 7:29pm

Scorpio, sono d'accordo al 100%.
Ho fatto parecchio volontariato, consapevole del fatto che questo colmava un mio bisogno. Mi è sempre sembrato logico e naturale. Invece è un ragionamento malvisto, o forse semplicemente difficile da afferrare, non so.
Come se l'avere un tornaconto, anche semplicemente emotivo, rendesse meno "puro" l'atto in sé. Ma non è così. Sono i sacrifici insensati a essere patologici


Già, Frili... Proprio cosi

E consentimi di dire che la tua "testimonianza" ha connotati commoventi...

Pocahontas

Nuovo Utente

  • "Pocahontas" is male

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: Aug 9th 2019

Location: Berlin

  • Send private message

20

Friday, December 28th 2018, 11:37am

Sicuramente, è un arricchimento Ho fatto volontariato per molti anni in campo sociosanitario e credo che questo abbia anche molto influenzato la mia crescita come persona e il mio carattere (tenete conto che ho iniziato a fare volontariato a diciotto-diciannove anni ed ho sospeso a quarant'anni abbondanti). A volte ho dovuto sospendere perché sono molto empatica e quando non si riesce più a mantenere una giusta dose di distacco emotivo tra te e le persone che aiuti e le loro problematiche diventano in un certo qual modo le tue entri in uno stadio che tecnicamente viene definito burn out e non riesci ad essere più d'aiuto perché stai male tu stesso.