Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


16

Friday, December 21st 2018, 2:17pm

Non è questione di piacere, per quanto mi riguarda

Ma di chiamare correttamente una (qualsiasi) azione fatta nel mio interesse.

Capisco ma se te doni dei soldi a chi ne ha bisogno oppure un cappotto o un paio di scarpe a chi ha freddo o se dici una parola di conforto a chi è triste o se offri un piatto caldo a chi è affamato hai comunque fatto delle azioni anche nell'interesse del tuo prossimo! Se poi da queste azioni ne hai un tornaconto positivo meglio ancora, vuol dire che sarai stimolato a compierne di altre!

Scorpio1963

Nuovo Utente

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: Jul 10th 2019

  • Send private message

17

Friday, December 21st 2018, 5:23pm

Non è questione di piacere, per quanto mi riguarda

Ma di chiamare correttamente una (qualsiasi) azione fatta nel mio interesse.

Capisco ma se te doni dei soldi a chi ne ha bisogno oppure un cappotto o un paio di scarpe a chi ha freddo o se dici una parola di conforto a chi è triste o se offri un piatto caldo a chi è affamato hai comunque fatto delle azioni anche nell'interesse del tuo prossimo! Se poi da queste azioni ne hai un tornaconto positivo meglio ancora, vuol dire che sarai stimolato a compierne di altre!


Ma certo che meglio ancora..

Diciamo che per quanto riguarda me, io consapevolmente "inverto" i termini di quanto scrivi.

Se dono dei soldi a chi ne ha bisogno oppure un cappotto o un paio di scarpe a chi ha freddo o se dico una parola di conforto a chi è triste o se offro un piatto caldo a chi è affamato ho comunque fatto delle azioni NEL mio personale tornaconto di "benessere"

Se poi da queste azioni ne ha un benessere positivo anche il prossimo, meglio ancora

In 2 parole, se mi privo del cappotto per un povero che ha freddo, non ti dirò che l'ho fatto "Perché io sono molto buono"

Ma perché ciò mi ha procurato piacere a ME, un piacere di cui ho piena coscienza e consapevolezza, e totalmente al di fuori dei codici di buono/cattivo

Chi non ha piena coscienza del SUO benessere, generalmente a seguito di una "buona azione" aprirà una partita di debito/credito.
(Ora che io sono stato buono, voglio proprio vedere come sarai tu con me)

Sono queste le persone di cui diffido maggiormente, per mille.motivi

In questa ottica ci aiutano anche i "modi di dire" che si usano a volte:
"Mi devo sdebitare.. non posso dire di no"

This post has been edited 1 times, last edit by "Scorpio1963" (Dec 21st 2018, 5:33pm)


frili

giovane amica

Posts: 280

Activitypoints: 699

Date of registration: Apr 21st 2018

  • Send private message

18

Friday, December 21st 2018, 6:20pm

Scorpio, sono d'accordo al 100%.
Ho fatto parecchio volontariato, consapevole del fatto che questo colmava un mio bisogno. Mi è sempre sembrato logico e naturale. Invece è un ragionamento malvisto, o forse semplicemente difficile da afferrare, non so.
Come se l'avere un tornaconto, anche semplicemente emotivo, rendesse meno "puro" l'atto in sé. Ma non è così. Sono i sacrifici insensati a essere patologici

Scorpio1963

Nuovo Utente

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: Jul 10th 2019

  • Send private message

19

Friday, December 21st 2018, 7:29pm

Scorpio, sono d'accordo al 100%.
Ho fatto parecchio volontariato, consapevole del fatto che questo colmava un mio bisogno. Mi è sempre sembrato logico e naturale. Invece è un ragionamento malvisto, o forse semplicemente difficile da afferrare, non so.
Come se l'avere un tornaconto, anche semplicemente emotivo, rendesse meno "puro" l'atto in sé. Ma non è così. Sono i sacrifici insensati a essere patologici


Già, Frili... Proprio cosi

E consentimi di dire che la tua "testimonianza" ha connotati commoventi...

Pocahontas

Nuovo Utente

  • "Pocahontas" is male

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: Aug 9th 2019

Location: Berlin

  • Send private message

20

Friday, December 28th 2018, 11:37am

Sicuramente, è un arricchimento Ho fatto volontariato per molti anni in campo sociosanitario e credo che questo abbia anche molto influenzato la mia crescita come persona e il mio carattere (tenete conto che ho iniziato a fare volontariato a diciotto-diciannove anni ed ho sospeso a quarant'anni abbondanti). A volte ho dovuto sospendere perché sono molto empatica e quando non si riesce più a mantenere una giusta dose di distacco emotivo tra te e le persone che aiuti e le loro problematiche diventano in un certo qual modo le tue entri in uno stadio che tecnicamente viene definito burn out e non riesci ad essere più d'aiuto perché stai male tu stesso.