Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Craniata

Da me non avrete consolanti illusioni... da me avrete massacranti verità: non lo dimenticate mai.

  • "Craniata" is male
  • "Craniata" started this thread

Posts: 421

Activitypoints: 1,406

Date of registration: Jan 12th 2011

Location: Un po' qui, un po' là

Occupation: Diavolo Part-Time

  • Send private message

1

Friday, November 11th 2011, 11:01pm

Se mi ami ti odio

Dopo tanto tempo son infine tornato, stavolta però per esporre un mio problema, non per cercare di risolvere quello degli altri...

Da quando sono nato ho sempre provato un fortissimo disagio nell'attenzione altrui, più precisamente quando qualcuno che non mi era abituale (i miei parenti, in parole povere), che col tempo si è evoluto da disagio a puro odio, concentrandosi solo però nel caso di attenzioni positive: ad esempio, se qualcuno mi dice che ho fatto male una cosa e mi spiega dove ho sbagliato, sono normale (posso provare sia rabbia che felicità o anche nulla, dipende dal caso), ma se qualcuno si complimenta con me per qualcosa che non ho fatto (o, peggio, che ho fatto), divento furioso e dentro di me reagisco in modo rabbioso, quasi avessi ricevuto un insulto. Tuttavia la cosa più strana (e la peggiore) è che, quando una ragazza mi rivela di essersi innamorata (o quando lo vengo a scoprire), non solo la odio, ma mi viene pure l'istinto di tirarle un pugno (cosa che poi, ovviamente, non faccio, dato che so controllarmi). Ora, in questo ultimo caso, io stesso so di un non essere un brutto ragazzo, ma non riesco a capire tutto questo mio "comportamento" (e, vi posso assicurare, la timidezza non ha nessun ruolo in me, l'ho appurato).

P.S: Il mio incubo peggiore non è morire (anzi, preferirei farlo), è finire in mondovisione per una scoperta fatta magari come ricercatore, tanto per farvi capire meglio.
Sai perché adoro le ferite alle spalle? Uno: Fanno malissimo Due :Ti fanno morire dissanguato in poche decine di secondi Tre: Fanno malissimo ... E Quattro: Sono facili da medicare.

mr

Utente Avanzato

Posts: 574

Activitypoints: 1,869

Date of registration: Nov 2nd 2011

  • Send private message

2

Sunday, November 13th 2011, 5:37am

mah a me in diversi casi non piace essere troppo apprezzato perché poi la gente si sente in diritto di avere delle aspettative, di pretendere, di deludersi ecc...

Craniata

Da me non avrete consolanti illusioni... da me avrete massacranti verità: non lo dimenticate mai.

  • "Craniata" is male
  • "Craniata" started this thread

Posts: 421

Activitypoints: 1,406

Date of registration: Jan 12th 2011

Location: Un po' qui, un po' là

Occupation: Diavolo Part-Time

  • Send private message

3

Tuesday, November 22nd 2011, 9:41pm

mah a me in diversi casi non piace essere troppo apprezzato perché poi la gente si sente in diritto di avere delle aspettative, di pretendere, di deludersi ecc...
Ma il problema è che, al mio livello, diventa seriamente problematico: ti basti sapere che mi preclude praticamente qualsivoglia tipo d'affetto, da quello tra amici fino a quello da fidanzati, e la cosa mi crea parecchi problemi.
Sai perché adoro le ferite alle spalle? Uno: Fanno malissimo Due :Ti fanno morire dissanguato in poche decine di secondi Tre: Fanno malissimo ... E Quattro: Sono facili da medicare.

nellcote

Utente Attivo

  • "nellcote" is female

Posts: 76

Activitypoints: 326

Date of registration: Sep 2nd 2011

Location: il paese dei balocchi

  • Send private message

4

Tuesday, November 22nd 2011, 10:29pm

interessante, devo dire che mi sono rispecchiata in alcune cose che hai scritto (ahimè!).

se ricevo dei complimenti non riesco (quasi mai) a reagire con gioia sincera...
perchè invece di prendere un complimento per ciò che è (ovvero un complimento!)
io inizio ad analizzarlo e spesso non sono analisi positive.
della serie: mi dice così perchè prova compassione nei miei confronti,
mi sta prendendo in giro,
cosa significa veramente quella frase?
questo vale per complimenti / apprezzamenti
fatti sia da maschi che da femmine.

per quanto riguarda i miei modi di costruire rapporti col sesso opposto...
ecco, qui c'è da ridere!
in parole povere,
io NON SONO CAPACE di costruire nulla che vada oltre ad una semplice (e superficiale) amicizia.
se un ragazzo esprime un interesse nei miei confronti
(non dico innamoramento, mi basta solo notare un'attrazione nei miei confronti)
io SCAPPO!
non sono come te (spero il tu non sia un problema) che reagisci con rabbia,
io adotto un'altra tattica: SCAPPO.
nel momento stesso in cui io piaccio ad un ragazzo e me ne accorgo... io lo depenno!
e la cosa frustrante è che io mica lo faccio apposta! :dash:
invece di buttarmi o semplicemente valutare se approfondire la conoscenza
io inizio a riflettere sul perchè gli piaccio, cosa ci trova in me
e devo dire che spesso sono più interessata all'idea di aver "fatto breccia"
che all'idea di poter conoscere una persona con cui magari può nascere una storia.

mah! non so dare una definizione a questo "disturbo"
però spero il mio intervento ti faccia sentire meno solo! :)

Craniata

Da me non avrete consolanti illusioni... da me avrete massacranti verità: non lo dimenticate mai.

  • "Craniata" is male
  • "Craniata" started this thread

Posts: 421

Activitypoints: 1,406

Date of registration: Jan 12th 2011

Location: Un po' qui, un po' là

Occupation: Diavolo Part-Time

  • Send private message

5

Tuesday, November 22nd 2011, 11:08pm

interessante, devo dire che mi sono rispecchiata in alcune cose che hai scritto (ahimè!).

se ricevo dei complimenti non riesco (quasi mai) a reagire con gioia sincera...
perchè invece di prendere un complimento per ciò che è (ovvero un complimento!)
io inizio ad analizzarlo e spesso non sono analisi positive.
della serie: mi dice così perchè prova compassione nei miei confronti,
mi sta prendendo in giro,
cosa significa veramente quella frase?
questo vale per complimenti / apprezzamenti
fatti sia da maschi che da femmine.

per quanto riguarda i miei modi di costruire rapporti col sesso opposto...
ecco, qui c'è da ridere!
in parole povere,
io NON SONO CAPACE di costruire nulla che vada oltre ad una semplice (e superficiale) amicizia.
se un ragazzo esprime un interesse nei miei confronti
(non dico innamoramento, mi basta solo notare un'attrazione nei miei confronti)
io SCAPPO!
non sono come te (spero il tu non sia un problema) che reagisci con rabbia,
io adotto un'altra tattica: SCAPPO.
nel momento stesso in cui io piaccio ad un ragazzo e me ne accorgo... io lo depenno!
e la cosa frustrante è che io mica lo faccio apposta! :dash:
invece di buttarmi o semplicemente valutare se approfondire la conoscenza
io inizio a riflettere sul perchè gli piaccio, cosa ci trova in me
e devo dire che spesso sono più interessata all'idea di aver "fatto breccia"
che all'idea di poter conoscere una persona con cui magari può nascere una storia.

mah! non so dare una definizione a questo "disturbo"
però spero il mio intervento ti faccia sentire meno solo! :)
Tranquilla, il TU mi sembra quasi un obbligo, in fondo siamo più o meno sulla stessa barca xD

Ti dirò, più o meno noi abbiamo il medesimo problema, ma tuttavia metodi differenti di "affrontarlo", e da questo suppongo che le motivazioni sono differenti: solo per curiosità, ti pongo due domande che, magari, potranno fare luce sul tuo caso:
1- Quanta autostima hai avuto di te stessa fino a oggi?
2- Quante motivazioni ti ha dato il mondo di diffidare di lui, ovvero degli altri?
Stavo pensando che il mio odio verso le ragazze che provano attrazione per me potrebbe derivare dal fatto che odio il fatto di essere un bell'uomo, e che cerco, fisicamente, di non accentuare questo mio "dono" (per dire, non vado in giro che puzzo come un caprone, ma i vestiti sono messi secondo il mio criterio, ovvero "Quello che mi tira adesso, che siano anche pantaloncini corti all'esame di maturità oppure la maniche corte il 31 dicembre"), proprio per evitare che qualcuna possa interessarsi (poi mi frega il carattere, dato che mi dicono che sono spiritoso e intelligente, e quello non lo cambio per nessun motivo) (le motivazioni di questo mio comportamento "strano" sono molte complicate, ma ti assicuro che il gioco, per me, vale la candela). Può darsi che, notando il loro interesse, io mi sento come se avessi fallito nel mio obbiettivo, e indirettamente scarico la rabbia di questo su di loro, scambiandole per la causa del fallimento (quando, in realtà, non lo sono, semmai delle evidenze del suddetto), ma altrimenti non saprei raccapezzarmi >.<
Sai perché adoro le ferite alle spalle? Uno: Fanno malissimo Due :Ti fanno morire dissanguato in poche decine di secondi Tre: Fanno malissimo ... E Quattro: Sono facili da medicare.

nellcote

Utente Attivo

  • "nellcote" is female

Posts: 76

Activitypoints: 326

Date of registration: Sep 2nd 2011

Location: il paese dei balocchi

  • Send private message

6

Wednesday, November 23rd 2011, 10:19am

ciao,
rispondo alle 2 domande:

1- Quanta autostima hai avuto di te stessa fino a oggi?
poca, molto poca. soprattutto per quanto riguarda il mio corpo.
a volte mi domando a chi appartenga! ;(


2- Quante motivazioni ti ha dato il mondo di diffidare di lui, ovvero degli altri?
prese in giro, offese, umiliazioni... le ricordo molto bene.
questo è stato il messaggio lanciato dai miei compagni di classe per anni.
(c'è da dire che anche io davo loro modo di farlo,
ero abbastanza trasandata nel vestirmi ed in sovrappeso
e sono sempre stata timida e buona
quindi loro ovviamente si accanivano su di me)
poi col passare del tempo sono cambiata (un pò perchè i cambiamenti fisici sono inevitabili
ed anche perchè ho imparato a curarmi di più)
nonostante ciò non riesco a valutarmi esteticamente.
sono dimagrita, vado in palestra, metto vestiti che mi piacciono e che mi stanno bene,
insomma mi curo... ma proprio riesco a dirmi: "brava, guarda che risultati hai ottenuto!".
io sono sempre scontenta ed infelice del mio aspetto fisico.

e questa mia insicurezza / confusione viene fuori quando percepisco un interesse da parte dei ragazzi
perchè mi domando: "ecco è tutta questione di bellezza fisica"
adesso che mi curo lui improvvisamente è interessato a me
se mi avesse visto prima lui non mi avrebbe degnato di uno sguardo,
anzi avrebbe riso di me, mi avrebbe preso in giro!
e poi lui mi vede così VESTITA ma nuda invece non sono così, sono diversa
quando se ne accorgerà rimarrà deluso e lui mi abbandonerà!

sì, sono a questi livelli, povera me! :rolleyes:
e se ti può consolare nemmeno io riesco a raccapezzarmi!

forse abbiamo il problema inverso:
tu sei sempre stato un bell'uomo con varie qualità personali
ma non ti piace ricevere lusinghe o interessamenti, anzi ti fa arrabbiare (se ho capito bene).
io invece mi sono sempre sentita un cesso vivente, brutta e anche poco interessante
e quando questa mia "convinzione" viene smontata da un ragazzo interessato a me,
che mi vuol conoscere o che sembra addirittura determinato a conquistarmi
io NON CI CREDO, mi insospettisco, temo la presa in giro e scappo.

comunque quello che abbiamo in comune è lo stesso problema:
un complimento / apprezzamento non è mai ciò che sembra, non è mai sincero,
non lo apprezziamo, ci porta a stare male (con noi stessi) e ad allontare gli altri.

7

Wednesday, November 23rd 2011, 10:50pm

Ciao ragazzi, anche io mi comporto come voi, non ho mai capito perché. E' fastidioso, vero...

Inoltre, quando una persona dimostra di tenere a me, alla mia presenza, io mi metto a pensare alla motivazione "vera" per cui ha quel comportamento... Sicuramente non per me, ma per qualche altro motivo... E' brutto perché l'altro fa che sia sincero e io dubito... Penso che o mi voglia usare per qualche motivo, oppure che abbia qualche problema e ci tenga a me perché (ne sparo una) ha carenze affettive angosce di abbandono...

Il primo post è come se l'avessi scritto io, veramente...

tignolino

Giovane Amico

Posts: 184

Activitypoints: 566

Date of registration: Sep 18th 2009

Location: verbania vb

Occupation: commerciante.

  • Send private message

8

Monday, August 6th 2012, 10:46pm

qualcuno di molto imporatante per te ti diceva, ti ha sempre detto che ti voloeva bene, che ti amava, magari che ti amava tanta (probabilmente era vero ) m a, diciamo cosi, che i messagi che ti mandava attraverso i suoi somportamenti nei tuoi confronti "ti dicevano" esattamente il contrario, ti dicevano che questa persona non ti amva affatto e che quindi quando ti diceva di volerti bene , la pewrcezione era di presa in giro.
Ora quando una persona ti dimostra attenzione , affetto anche solo interesse tu non riesci a credergli , non gli credi a atal punto da non avere nessun dubbio che ti prenda in giro, conseguentemente ti incazzi e a volte, come hai detto ti viene voglia di menarla-

tignolino

Giovane Amico

Posts: 184

Activitypoints: 566

Date of registration: Sep 18th 2009

Location: verbania vb

Occupation: commerciante.

  • Send private message

9

Monday, August 6th 2012, 10:49pm

Dopo tanto tempo son infine tornato, stavolta però per esporre un mio problema, non per cercare di risolvere quello degli altri...

Da quando sono nato ho sempre provato un fortissimo disagio nell'attenzione altrui, più precisamente quando qualcuno che non mi era abituale (i miei parenti, in parole povere), che col tempo si è evoluto da disagio a puro odio, concentrandosi solo però nel caso di attenzioni positive: ad esempio, se qualcuno mi dice che ho fatto male una cosa e mi spiega dove ho sbagliato, sono normale (posso provare sia rabbia che felicità o anche nulla, dipende dal caso), ma se qualcuno si complimenta con me per qualcosa che non ho fatto (o, peggio, che ho fatto), divento furioso e dentro di me reagisco in modo rabbioso, quasi avessi ricevuto un insulto. Tuttavia la cosa più strana (e la peggiore) è che, quando una ragazza mi rivela di essersi innamorata (o quando lo vengo a scoprire), non solo la odio, ma mi viene pure l'istinto di tirarle un pugno (cosa che poi, ovviamente, non faccio, dato che so controllarmi). Ora, in questo ultimo caso, io stesso so di un non essere un brutto ragazzo, ma non riesco a capire tutto questo mio "comportamento" (e, vi posso assicurare, la timidezza non ha nessun ruolo in me, l'ho appurato).

P.S: Il mio incubo peggiore non è morire (anzi, preferirei farlo), è finire in mondovisione per una scoperta fatta magari come ricercatore, tanto per farvi capire meglio.

qualcuno di molto imporatante per te ti diceva, ti ha sempre detto che ti voloeva bene, che ti amava, magari che ti amava tanta (probabilmente era vero ) m a, diciamo cosi, che i messagi che ti mandava attraverso i suoi somportamenti nei tuoi confronti "ti dicevano" esattamente il contrario, ti dicevano che questa persona non ti amva affatto e che quindi quando ti diceva di volerti bene , la pewrcezione era di presa in giro.
Ora quando una persona ti dimostra attenzione , affetto anche solo interesse tu non riesci a credergli , non gli credi a atal punto da non avere nessun dubbio che ti prenda in giro, conseguentemente ti incazzi e a volte, come hai detto ti viene voglia di menarla-

Used tags

Attenzione, Odio, rabbia