Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

nexgen03

Nuovo Utente

  • "nexgen03" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Sep 3rd 2019

  • Send private message

1

Tuesday, September 3rd 2019, 3:32am

Meglio soli che male accompagnati?

Ciao a tutti,
questo è il mio primo messaggio.
A causa di molte esperienze negative a scuola, famiglia, amicizie e molte difficoltà di trovare e mantenere il lavoro, decisi in un periodo della mia vita di starmene "da solo".
Da solo intendo senza amici e conoscenti, vivendo con i miei genitori pur lavorando e curando qualche piccolo hobby come correre,leggere,andare in piscina,montagna, usare intensamente il computer in tutti i modi, andare al cinema gratis,ecc
Decisi questo perchè essendo "diverso" dagli altri ossia non gay ma molto attento all'alimentazione,astemio,non fumatore,non materialista (in quel periodo),non amante del calcio,delle auto e del sesso senza amore.
Quindi sono stato 10 anni senza amici e conoscenti senza soffrire di depressione.
Pensavo che non ne valesse la pena di trovare ragazze visto e considerato che ero stato parecchi anni disoccupato pur avendo un diploma ,dei corsi di specializzazione e avendoci messo molto impegno nel trovare lavoro e nel lavorare. Per molto impegno intendo più di 100 colloqui,migliaia di domande,autocandidature,colloqui,simulati, letti molti libri e siti web per ricerca del lavoro,iscritto a tutte le agenzie, invio di domande tramite fax gratuito,ecc.
Pensavo che non ne valesse la pena perche' occorresse avere un lavoro fisso data la mia età superiore ai 30 anni.
Penso che se uno è giovane intorno ai 26-24 anni puo'anche non lavorare per avere una ragazza se la madre gli passa l'auto e i soldi.
Siccome vivo in una famiglia monoreddito ho dovuto avere molte rinuncie.

Ora dopo moltissimi anni ho qualche "amico" e ho avuto qualche storia con 2 donne che pero' sono finite anche se mi chiamavano amore, mi dicevano che mi volevano bene, una addirittura che mi voleva sposare e anche se c' è stata molta intimità.
Non mi meraviglio di questo perchè le donne ti possono lasciare anche sull'altare o il giorno prima del matrimonio e anche dopo sposati anche per un nonnulla.

Ho molti rimpianti perchè avrei dovuto lo stesso farmi dei viaggi "da solo" col treno e con l'aereo visto che i miei genitori sono asociali e anziani, i miei parenti non possono e non vogliono e mia sorella aveva i cavoli suoi da fare.
Ora a 37 anni ho imparato la lezione: se voglio fare una cosa la devo fare subito e non aspettare a domani, questo aforisma l'ho sempre saputo ma mai messo in pratica.
Potevo pagare 10 euro e con 3 ore andare dal mare da Torino in Liguria e sono stato anche 6 anni di seguito senza andare al mare anche se mi è sempre piaciuto tantissimo il mare e tanto nuotare e anche il sole.
Se avessi avuto piu' confidenza con i parenti avrei potuto chiedere a qualcuno di loro.

primo errore: ritenere che fosse meglio stare da soli che con qualche amico tra virgolette, invece è sempre meglio averlo per non andare al mare da solo per esempio.
secondo errore: meglio stare da solo che avere storie con donne senza essere molto convinti, invece è sempre meglio uscire con qualche donna per fare esperienza e non intendo esclusivamente sessuale
terzo errore: considerate le esperienze negative scolastiche,extrascolastiche e la cronaca che leggo tutti i giorni ero paranoico e avevo molta diffidenza degli estranei, cioè anche se uomo e non debole preferivo non prendere i mezzi pubblici la sera e uscire principalmente di giorno.(di sera non uscivo praticamente mai)

E' proprio che se si sta troppo tempo da soli ci si mette strane idee in testa, specie se si sta troppo tempo sul computer.

Crobatus

Utente Fedele

Posts: 333

Activitypoints: 1,034

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

2

Thursday, September 5th 2019, 12:43am

dipende cosa intendi per male accompagnati.
Stare senza amici per 10 anni, senza soffrirne è non dico anormale, ma quanto meno strano.....

Detto questo, e te lo dice uno che ha la casa a 20 scalini dalla spiaggia, per millenni l'uomo non è mai andato a fare il bagnetto in mare (fino al XX secolo) ed è sopravvissuto ugualmente.

gloriasinegloria

Amico Inseparabile

Posts: 1,088

Activitypoints: 3,341

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

3

Thursday, September 5th 2019, 10:22am

Francamente non saprei...

Per quanto mi riguarda ho sempre istintivamente distinto tra "compagnie" e "amicizie" ...

Penso che di compagnie per condividere situazioni ludiche se ne possano avere tante, e goderle per quel che sono, senza confonderle con le Amicizie.

E che le Amicizie meriterebbero un vero trattato a parte, per qualche miliardo di motivi.

E' solo il mio pensiero, ma credo che...comunque la si pensi.....non ci sia nulla di positivo nel chiudersi/blindarsi a tutto...........

Elisa89

Ogni lasciata è persa

  • "Elisa89" is female

Posts: 340

Activitypoints: 1,069

Date of registration: Jun 1st 2019

  • Send private message

4

Thursday, September 5th 2019, 2:15pm

Tu dici che eri solo (genitori e colleghi a parte) e sei stato bene per così tanti anni? Neanche un conoscente o compagno di bevute o di passeggiate? Mai per 10 anni?
Io sinceramente a volte vorrei essere sola cioè senza legami affettivi per evitare preoccupazioni e intrusioni (se non chiamo mia sorella per un mese chissà cosa penserà? Se non invito mio papà per una pizza almeno 1 volta al mese cosa penserà? Oddio ma oggi non compie gli anni mia suocera?). Vorrei essere libera da vincoli,ma sola così come dici tu non potrei e ne siffrirei! Se andavi in montagna e vedevi un bel paesaggio con chi lo condividevi?

Qualcuno ci vuole, quale conoscente con cui scambiare due chiacchiere o andare al cinema 4/5 volte l'anno ci vuole. Solo per distrarsi e condividere le proprie esperienze.
Le amicizie sono un'altra cosa, ma anche di quelle c'è bisogno. Però non tutti hanno questa fortuna. Io ho 2 amiche praticamente dalla scuola media quindi sono 18 anni che siamo migliori amiche (come dicevano le bambine!) e senza il loro appoggio sarei persa. Non ci vediamo più molto ma sappiamo di esserci l'una per l'altra.
Sicuramente se per "male accompagnati" intendi cattive persone o persone che ti sparla o che ti portano sulla cattiva strada, oppure egoiste che ti sfruttano. Allora queste sono da perdere assolutamente.

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 1,690

Activitypoints: 5,084

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

5

Thursday, September 5th 2019, 3:43pm

Ciao, te ne dico un'altra "Meglio tardi che mai".
Hai capito da solo coi tuoi tempi e i tuoi errori che troppo computer e troppo isolamento non sono un bene, che la compagnia degli altri comunque ci vuole anche se non sempre sono gli amori e le amicizie ideali, e altre cose. Tutto questo è un bene, lascia perdere i rimpianti: solo non sei stato completamente, anche se hai una famiglia un po' chiusa e poco espansiva è comunque una presenza importante che ti ha preservato dalla solitudine totale. Probabilmente è stato anche dalle loro abitudini che hai imparato a "chiuderti" se non stavi bene con gli altri , reagendo così alle esperienze spiacevoli.
Hai fatto il tuo percorso, ora continua ad aprirti un po' di più verso il mondo.
Le storie finiscono all'altare per tutti, sai ci sono un sacco di donne che vengono piantate a un passo dalle nozze... è una cosa che può succedere.
Ma hai imparato che per troppa diffidenza non vale la pena di vivere da esclusi, piano piano possiamo costruire rapporti amichevoli, eventualmente sentimentali, delle conoscenze simpatiche e tutte le piccole cose della quotidianità.
Non ti creare problemi esagerando il problema dell'età (37 anni non sono tantissimi e soprattutto per un uomo sono ancora giovinezza), del "avere subito le cose che vuoi " (si può avere benissimo anche un passo alla volta).

L'importante è andare incontro agli altri col minimo pregiudizio possibile, senza malanimo. Con un po' di fortuna e un po' di cura di sé le cose possono andare molto meglio di quanto ci aspettiamo.

Ad esempio puoi usare il computer e i social , se li usi, per conoscere persone che hanno le tue stesse passioni se già non lo hai fatto o non lo stai facendo. Non ti dico che è una rivoluzione di vita, ma un mio conoscente rimasto vedovo e solo (figli grandi e lontani) si è addolcito un po' le giornate trovando su FB un gruppo di volontari per i randagi e uno di escursioni in montagna, decisamente gli ha giovato :)

robyper

Utente Attivo

  • "robyper" is male

Posts: 71

Activitypoints: 241

Date of registration: Sep 4th 2019

Location: Roma

  • Send private message

6

Thursday, September 5th 2019, 3:46pm

la solitudine penso che al giorno d'oggi sia pressochè impossibile..
siamo bombardati da ogni forma di comunicazione possibile e a volte credo che un po di solitudine aiuterebbe molti a rafforzare il proprio carattere.
ma, come in tutte le cose, gli estremi non sono mai positivi. stare soli per 10 anni non riesco a immaginarlo (ma sul serio neanche mezza bevuta in compagnia??) e onestamente non credo che ti abbia fatto neanche troppo bene.
Sono contento che ora hai radicalmente cambiato il tuo stile di vita, vedrai che ne guadagnerai in salute :)

Ps: ha ragione Gloria, per le "A"micizie andrebbero scritti trattati a parte...

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 1,690

Activitypoints: 5,084

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

7

Thursday, September 5th 2019, 4:09pm

E' più vero l'opposto: mai come oggi con tutto questo bombardamento fittizio di compagnia irreale la solitudine è un'epidemia e si parla di "solitudine di massa". Quella che abbiamo fra notifiche e messaggini e social non è condivisione né comprensione né dimensione comunitaria vera, è ammazza-il-tempo che va comunque bene, per carità, ma non riempie il vuoto della solitudine...e anzi a volte staccandosi da telefonino e pc, whatsapp e interazioni fittizie con conoscenti virtuali e non, si sente meno tristezza

https://www.fondazioneveronesi.it/magazi…e-e-depressione

dipende da tante cose.

Comunque la situazione dell'opener non ha nulla di tragico né irrimediabile , è ancora in tempo per tutto e c'è tanta gente alla quale hanno fatto malissimo matrimoni famiglie e compagnie... inutile dannarsi. Ci sono più "momenti giusti" per capire le cose, e lui è arrivato con le sue gambe al suo momento giusto , che condizioni ideali in assoluto. Trovare (e saper essere a nostra volta) amici veri è un'abilità che si costruisce con molta buona volontà, durante tutta la vita :)

Elisa89

Ogni lasciata è persa

  • "Elisa89" is female

Posts: 340

Activitypoints: 1,069

Date of registration: Jun 1st 2019

  • Send private message

8

Thursday, September 5th 2019, 5:08pm

È vero i social hanno questo doppio aspetto, c'è il fronte e il retro della medaglia soprattutto in caso di abuso.
37 anni poi non sono niente oggi... Tenendo conto che si lavora fino a 68 e si campa fino a 90! Hai tutto il tempo per costruire qualcosa ma senza Fretta perchè si rischia di inciampare!

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads