Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,456

Activitypoints: 3,773

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

31

Sunday, July 10th 2016, 8:45pm

Informati per un altro psicoterapista. La psicoterapia è come uno yo-yo, lo mandi giù ma ritorna su, cioè ci si ritrova al punto di partenza, la differenza a volte c'è. qual'è? Solo che hai acquisito una diversa consapevolezza di te stesso e alcune cose le vedi diversamente. prima era solo giallo, adesso è giallo limone. Hai mai visto uno psicologo, uno psicoterapeuta camminare sulle acque? Mica fanno miracoli, dobbiamo essere realisti, e poi per loro oltre che una missione è un lavoro. Quindi, forza. Buon proseguimento.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

Velista giovane

Giovane Amico

  • "Velista giovane" is male
  • "Velista giovane" started this thread

Posts: 139

Activitypoints: 606

Date of registration: Jul 13th 2010

  • Send private message

32

Sunday, July 10th 2016, 8:50pm

Non penso sia una buona idea. Mi sembri ancora insicuro e bisognoso di avere una "guida", qualcuno che ti aiuti a crescere ancora di più, qualcuno che possa fornirti un punto di vista esterno e che possa "vedere" i tuoi pregi e i tuoi difetti in modo più completo di quanto tu possa fare da solo.
Fossi in te proverei intanto qualche altra seduta con il tuo attuale psicoterapeuta dicendogli apertamente che sei "deluso" del vostro percorso di terapia, che sei sfiduciato, che non vedi progressi, che temi che la vostra "relazione terapeuta-paziente" non funzioni. Vediamo se lui cambia atteggiamento e se può aiutarti di più.
Ti dico questo perchè almeno lui ormai ti conosce, sa tutta la tua storia.
Se continui a non essere soddisfatto di questo terapeuta allora cambialo.
Avrai la seccatura di ricominciare a dover parlare di te e di tutti i tuoi problemi, però almeno 1) continueresti ad avere una guida 2) magari proprio il fatto di cambiare terapeuta ti darebbe nuovi stimoli a migliorare.


Ero della tua opinione circa un anno fa. La guida mi ha aiutato all'inizio almeno fino a natale, poi dopo una mia assenza dovuta: alla mancanza di soldi per andarci, al fatto di sentire di star uscendo da questa situazione da solo perchè mi ero incontrato un paio di volte con una ragazza e avevo delle promesse di appuntamenti con amici, ho sentito che cominciava ad aiutarmi sempre meno. Almeno questa era la mia impressione. Nel ultimo periodo mi è sembrato che si riduca sempre e cmq al fatto che io non mi impegni abbastanza, che debba fare queste e quello che non faccio. Quando invece mi sono rivisto con un'altra ragazza, ma poi anche lei mi ha dato buca. L'ultima volta mi ha fatto sentire in colpa. Io alcune cose della lista in questo periodo non le posso fare (scuola di lingua e di ballo), non serve a niente uscire da solo il week end anzi mi fa stare peggio vedere i ragazzini per strada che si divertono ed io solo come un cane.
Onestamente se ho solo bisogno di cose pratiche faccio da me. Ero andato da lui per cose anche teoriche, all'inizio me le ha date ma poi. Io avrò fatto anche i miei sbagli ma sento che camminare da solo con l'esperienza che ho accumulato sia la cosa migliore. E' vero ho un pò di timore ma già sono stato da tre terapisti diversi in questi anni, ed alcuni mi hanno aiutato poco o ad un certo punto mi hanno smesso di aiutare ed io ho fatto l'errore di continuare ad andarci.
I miei punti di forza li so, ed ho imparato a conoscere anche i mie punti di debolezza.

Lo so che non è solo una questione di qualità. Questo terapeuta mi ha aiutato un pò in queste cose, ma alla prima seduta mi sembro molto incoraggiante e mi disse che al massimo un anno era durato la terapia più lunga che aveva fatto. Invece verso l'estate se ne è uscito man mano con le cose della lista. Per un periodo mi ha anche suggerito di conoscere ragazze su internet.

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,456

Activitypoints: 3,773

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

33

Sunday, July 10th 2016, 8:54pm

QUINDI? QUINDI?
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

Velista giovane

Giovane Amico

  • "Velista giovane" is male
  • "Velista giovane" started this thread

Posts: 139

Activitypoints: 606

Date of registration: Jul 13th 2010

  • Send private message

34

Sunday, July 10th 2016, 9:03pm

E poi la cosa più importante: il portamento. Se la femminilità non fa parte di me, non ce l'avrò neanche con una minigonna e tacchi, se cammino come un camionista!

Insomma cosa devo fare?

La gente fa presto a parlare del cambiamento ad altri


Cara altra-menti

premesso che dovresti aprire un tuo thread e non occupare quello degli altri, ma non preoccuparti per me non fa niente, anzi mi fa un pò compagnia.

Allora ti confesso che a me piacerebbe stare con una ragazza un pò maschiaccio, una che mi dice scusami ma devo scappare in bagno me la sto facendo addosso, oppure sto morendo di fame ci prendiamo a prendere quella cosa nutella e cioccolato? Che poi una con un pantalone aderente è cmq sexy anche se non ha la minigonna.

La femminilità sta in quelle cose pratiche che hai detto. Non hai un'amica che possa spiegartele? Se la risposta è no puoi chiedere qui come fare ad aiutarti con quelle cose a qualche utente femmina. Io sono un maschio e non posso aiutarti.

Mi senti di dirti due cose la prima è che per il seno è una questione di ormoni, mangia cibi che contengono ormoni femminili come il pollo e ti dovrebbe crescere.

Ci sono dei fumetti che a me fanno molto ridere si chiamano Sarah scribled o una cosa simile, girano molto su fb e raccontano proprio le disavventure di una ragazza con la femminilità. C'è ne una che lei sta sui tacchi e dice come sto bene. E il suo gatto che le chiede: Perchè non cammini? E lei: non riesco a muovermi sono bloccata aiuto. Trova queste vignette ti farai due risate e scoprirai che ci sono tante ragazze come te.

Mi chiedo come mai non ci sia una versione maschile di questi fumetti.

Altra-menti

Giovane Amico

  • "Altra-menti" is female

Posts: 362

Activitypoints: 950

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

35

Sunday, July 10th 2016, 9:04pm

ho preso una decisione: non andare più dallo psicoterapeuta

Non penso sia una buona idea. Mi sembri ancora insicuro e bisognoso di avere una "guida", qualcuno che ti aiuti a crescere ancora di più, qualcuno che possa fornirti un punto di vista esterno e che possa "vedere" i tuoi pregi e i tuoi difetti in modo più completo di quanto tu possa fare da solo.
Fossi in te proverei intanto qualche altra seduta con il tuo attuale psicoterapeuta dicendogli apertamente che sei "deluso" del vostro percorso di terapia, che sei sfiduciato, che non vedi progressi, che temi che la vostra "relazione terapeuta-paziente" non funzioni. Vediamo se lui cambia atteggiamento e se può aiutarti di più.
Ti dico questo perchè almeno lui ormai ti conosce, sa tutta la tua storia.
Se continui a non essere soddisfatto di questo terapeuta allora cambialo.
Avrai la seccatura di ricominciare a dover parlare di te e di tutti i tuoi problemi, però almeno 1) continueresti ad avere una guida 2) magari proprio il fatto di cambiare terapeuta ti darebbe nuovi stimoli a migliorare.

Tentare, tentare, tentare, ogni volta che sarà possibile

Non conta la quantità, ma la qualità.
Se provi e riprovi sempre negli stessi modi "sbagliati" avrai sempre gli stessi fallimenti.
E solo con la guida di un terapeuta puoi apprendere nuove abilità sociali.


Mi sono appena liberata di una psicoterapeuta che mi remava contro.
Lei diceva le stesse cose che dici tu, Mercuriana, che avevo bisogno di una guida, che ero insicura...e tirava sempre fuori la psichiatria.
Addirittura alla prima seduta le ho raccontato di difficoltà che avevo avuto al lavoro un anno fa e lei mi ha proposto un lavoro protetto! cioè, serve un'invalidità ufficiale per averlo!

Io volevo solo un aiuto pe rielaborare il lutto di mia madre e avere qualcuno con cui parlare della mia solitudine, lei mi parlava di assistente sociale, case ATER, psichiatri...
Allora io rispondevo che volevo un aiuto per rafforzare la mia autostima e rielaborare il vissuto intenso che avevo con mia mamma, ma che partisse dalla radice, della psicoterapia seria, insomma.
E la sua risposta era che lei non era in grado di farlo senza che io assumessi psicofarmaci.
Dopo tre mesi io ero rimasta della mia idea, lei della sua, io pagavo le sedute e mi sentivo ferma allo stesso punto. Così ho interrotto

"Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi" citazione di Albert Einstein

Non penso sia una buona idea. Mi sembri ancora insicuro e bisognoso di avere una "guida", qualcuno che ti aiuti a crescere ancora di più, qualcuno che possa fornirti un punto di vista esterno e che possa "vedere" i tuoi pregi e i tuoi difetti in modo più completo di quanto tu possa fare da solo.
Fossi in te proverei intanto qualche altra seduta con il tuo attuale psicoterapeuta dicendogli apertamente che sei "deluso" del vostro percorso di terapia, che sei sfiduciato, che non vedi progressi, che temi che la vostra "relazione terapeuta-paziente" non funzioni. Vediamo se lui cambia atteggiamento e se può aiutarti di più.
Ti dico questo perchè almeno lui ormai ti conosce, sa tutta la tua storia.
Se continui a non essere soddisfatto di questo terapeuta allora cambialo.
Avrai la seccatura di ricominciare a dover parlare di te e di tutti i tuoi problemi, però almeno 1) continueresti ad avere una guida 2) magari proprio il fatto di cambiare terapeuta ti darebbe nuovi stimoli a migliorare.

Altra-menti

Giovane Amico

  • "Altra-menti" is female

Posts: 362

Activitypoints: 950

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

36

Sunday, July 10th 2016, 9:04pm

Mi scuso per casino, ho appena imparato a quotare

Altra-menti

Giovane Amico

  • "Altra-menti" is female

Posts: 362

Activitypoints: 950

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

37

Sunday, July 10th 2016, 9:40pm

Era per fare degli esempi sul fatto che spesso le persone esterne danno dei consigli, delle volte trattandoti anche come se tu fossi lo stupido che non ci arriva e ti "rimproverano" se non metti in pratica i loro consigli, ma forse non si rendono conto quello che deve metterle in pratica sei tu, e che a te risultano complicate e che certo non le fai dall'oggi al domani, perché tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare e soprattutto vari fattori che si combinano, che nel discorso a parole "dovresti fare..." non ci sono, e sono appunto gli inciampi e i "compromessi".

L'intervento che ho fatto prendendo il post di Mercuriana era per dire che capita spesso di trovare specialisti che non aiutano e che in questo caso, come hai fatto tu, è meglio lasciar perdere.
Si parte sempre dall'idea che il "paziente" è la parte fragile, che non sa cosa fare, quindi lo psicoterapeuta ha quasi certamente ragione. A volte non è così e io credo che certe persone dovrebbero ascoltare di più il loro intuito che dottori estranei

38

Sunday, July 10th 2016, 10:46pm

cancellato cancellato

This post has been edited 2 times, last edit by "Mercuriana" (Oct 26th 2017, 7:38pm)


39

Sunday, July 10th 2016, 10:52pm

@altra-menti:

Ma perché devi essere femminile nel modo in cui altri dicono di essere femminile? Allora io per essere uomo devo per forza essere grezzo? O muscoloso? O praticare qualche sport? Scusami ma al di là di tutto tu SEI femminile così come sei perché tu SEI femmina. Tutto il resto fallo se ti piace, se vuoi vestirti così, se vuoi camminare così ma mi sembra assurdo che una donna per sentirsi tale debba per forza uniformarsi come una pecora al vestiario riconosciuto come "femminile". Non sei un oggetto che deve apparire bello agli occhi di un compratore e un uomo che ti cerca solo se ti vesti o cammini in un certo modo permettimi di dirlo francamente è un uomo che spero resti solo o trovi una donna che allo stesso modo lo prenda per come si veste e cammina.

Un'aquila non guarda a che tipo di piume ha, a chi sono i genitori o ad altro. Un'aquila sa di essere un'aquila semplicemente perché io sono io e tu sei tu. Non cercare conferme che non esistono, semplicemente sii femmina, donna o quello che vuoi essere nel modo in cui tu lo sei.

Velista giovane

Giovane Amico

  • "Velista giovane" is male
  • "Velista giovane" started this thread

Posts: 139

Activitypoints: 606

Date of registration: Jul 13th 2010

  • Send private message

40

Tuesday, July 12th 2016, 9:09am

Vi annuncio che ieri ho troncato con il terapista.
Lui mi ha fatto sentire anche un pó in colpa, dicendomi che secondo lui era una resa.
Ho preso una decisione difficile, ma sento che era quella che andava presa. Se tutto dipende solo dal mio impegno ora devo solo impegnarmi. Lo so che una guida è importante, ma nella realtà delle cose le relazioni nascono naturalmente e non si è aiutati da nessun psicologo.

41

Tuesday, July 12th 2016, 12:27pm

cancellato cancellato

This post has been edited 1 times, last edit by "Mercuriana" (Oct 26th 2017, 7:28pm)


Velista giovane

Giovane Amico

  • "Velista giovane" is male
  • "Velista giovane" started this thread

Posts: 139

Activitypoints: 606

Date of registration: Jul 13th 2010

  • Send private message

42

Sunday, July 17th 2016, 2:14pm

Buona domenica

oggi ho deciso di scrivervi proprio alcuni dei miei tanti tentativi di uscita nel week end. In altre parole una delle tante volte in cui combatto contro dei mulini a vento.
Ho contattato 24 persone tra whatapp e messanger, verso le 16.
Mi hanno risposto 10 persone.

Conversazione 1: dopo un pò di convenevoli chiedo ad un ragazzo che pensa di fare stasera. Lui risponde che uscirà con la sua ragazza. Capisco che non potrò uscire con lui, la butto sull'ironia dicendo che pensavo facesse cose più originali. Lui mi dice che non sta molto bene e la settimana prossima andrà a fare degli accertamenti. Io rispondo che è una cosa buona. Al che lui non visualizza ed io non scrivo più niente.

Conversazione 2: un ragazzo mi dice che lunedì ha un importante esame e stasera non farà niente deve studiare. Gli dò un in bocca a lupo e lo saluto.

Conversazione 3: una ragazza che non sentivo da un pò dopo dei convenevoli mi dice che andrà a visitare la città x. Parliamo delle cose da vedere in quella città. Io le parlo di me e le dico che purtroppo sono ancora nei miei impegni di studio e che se riesco studierò fino a fine mese. Lei mi fa i complimenti per quello che faccio. Poi le dico che ho fatto un pò di shopping e le chiedo come stava in salute, poichè tempo fa mi ha detto di non stare bene. Lei mi risponde alti e bassi e poi dice di dover parlare a telefono e si scusa. Dopo un pò le scrivo cosa pensi di fare stasera? Lei risponde boo. Io le scrivo ho avuto qualche invito, ma fanno anche un paio di bei film in tv e sono un pò tentato. Lei si informa un pò sui film e poi le faccio una proposta. E se invece ci vediamo per una pizza o un gelato? Lei risponde: Non ci sono grazie dell'invito. Io: prego. e quindi cosa farai uscirai con la tua amica? Lei: si. Le chiedo dove nel posto y. Lei dice non amo quale posto di sabato. Al che dico io scappo ho da fare buon divertimento e la saluto.

Conversazione 4: Ad una ragazza dopo i convenevoli chiedo che pensi di fare stasera? Lei mi dice che non lo sa ma si sta organizzando e mi chiede io cosa farò. Io le dico che nemmeno io so cosa farò. Lei dice che è ancora presto. Io a questo punto le propongo di vederci per una pizza o un gelato magari con altri amici. Lei mi dice che se parla un'altra sera perchè lei ed i suoi amici non hanno le macchine e ne sono in tanti quindi restano in zona. Le chiedo dove abita ma scopro che è un posto lontano da casa mia e poi le chiedo se non ha un'amica con la macchina. Lei risponde che quest'amica deve lavorare domenica e non può fare tardi, le propongo di venire dalle mie parti. Lei dice che è impossibile e che sarà per la prossima volta. Ci salutiamo.

Conversazione 5: Chiedo direttamente ad un ragazzo come sta e cosa farà la sera. Lui mi dice che andrà a letto presto perchè domenica vuole andare a mare. Parliamo di ragazze, delle novità. Mi chiede cosa avrei fatto io. Rispondo che probabilmente mi sarei visto anche io un film e domenica sarei andato a mare. Parliamo del mare, dei programmi per l'estate e concludiamo dicendoci che c'è molta solitudine in questo periodo.

Conversazione 6: Dopo i saluti una ragazza mi chiede del corso che stiamo seguendo, parliamo un pò dell'estate, delle vacanze. Le chiedo cosa pensa di fare stasera. Lei risponde sono fuori città. Ed io aggiungo e fuori dal mondo, perciò la saluto e le auguro buona serata.

Conversazione 7: Chiedo ad un ragazzo cosa avrebbe fatto stasera lui mi risponde forse vado ad una serata nella zona x. Io chiedo se posso accodarmi. Lui mi dice che mi farà sapere ovvio. Io: fammi sapere. Lui: ok. Non mi ha fatto sapere poi.

Conversazione 8: Dopo i saluti chiedo ad un ragazzo come va al lavoro. Lui mi dice che si sta trovando bene. Non mi risponde più. Si scrivo un c6? Lui mi risponde dopo un pò. Gli chiedo cosa fa stasera. Lui mi fa un visualizza e non rispondi.

Conversazione 9: Dopo i saluti ho appena il tempo di chiedere cosa stia facendo una ragazza che lei risponde sinteticamente e poi mi saluta.

Conversazione 10: In poche parole un ragazzo va ad una festa in cui non conosce nemmeno il festeggiato e a cui l'hanno invitato degli altri amici. Gli chiedo se posso accodarmi ma non dipende da lui quindi non posso. Gli rispondo con ironia e lo saluto.

Che cosa ne pensate? Avete suggerimenti per far in modo che non mi accadano più queste cose e possa uscire con qualcuno il week end?

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,456

Activitypoints: 3,773

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

43

Sunday, July 17th 2016, 3:06pm

E' proprio una battaglia contro i mulini a vento. E' desolante leggere che il tuo coraggio, i tuoi tentativi non portino a risultati utili. Ho letto post in altri thread in cui scrivevano non ti poni nel modo giusto, la prima impressione è quella che conta, MA NON CREDO SIA IL TUO CASO. E' che ora gli amici non ci sono. Ora.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

drcollevecchio

Utente Avanzato

  • "drcollevecchio" is male

Posts: 756

Activitypoints: 2,271

Date of registration: Jul 15th 2013

Location: Pescara

Occupation: Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Send private message

44

Sunday, July 17th 2016, 5:45pm

Buona sera,
non ci sono modi per evitare che queste cose non accadano più, per il semplice fatto che possono accadere...è la realtà.
I rapporti vanno costruiti con il tempo. I tuoi tentativi sono ottimi e sono sicuro che pian piano otterrai anche dei risultati.
Buona serata!
"L'uomo non è spaventato dalle cose, ma dall'idea che ha delle cose" - Epiteto

Similar threads