Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male
  • "Nathanim" started this thread

Posts: 1,619

Activitypoints: 4,349

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

1

Thursday, September 12th 2019, 4:00pm

Introversi ed estroversi

Salve a tutti ... :)

A beneficio di chiunque voglia leggere una cosa interessante per pochi minuti, vi indico il seguente URL:

https://www.huffingtonpost.it/huffington…ice_a_23045470/

Buona lettura ... E voi che ne dite?


:)

solitario92

Amico Inseparabile

  • "solitario92" is male

Posts: 1,179

Activitypoints: 3,382

Date of registration: Oct 24th 2015

  • Send private message

2

Thursday, September 12th 2019, 4:34pm

Sulla questione della chimica non mi esprimo, non avendo i mezzi.
Da introverso sottoscrivo l'espressione della ragazza. Dopo un certo periodo di tempo per un introverso diventa davvero una forma di tortura essere immerso nel rumore o nella folla. Io personalmente dopo un tot divento proprio insofferente e cerco in tutti i modi di isolarmi.
Non concordo sul fatto che gli introversi siano meno curiosi. Sono meno interessati agli stimoli sociali, ma molto di più a quelli riflessivi e analitici.

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 1,690

Activitypoints: 5,084

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

3

Thursday, September 12th 2019, 4:48pm

Ma il mondo è davvero così nettamente diviso? :hmm:
Come abbiamo montato il cervello e i recettori allora noi :D che magari tendiamo più ad una cosa o all'altra però abbiamo le nostre belle e indispensabili parentesi dell'opposto?
Io credo di essere sempre stata un'estroversa, tendenzialmente, ma ho anche avuto sempre molto la necessità di spazi "selvatici" miei, solitari e indipendenti. Ora è quasi il contrario, mentre mi godo molto qualche parentesi di "bolgia" e la compagnia di persone frizzanti ed estroverse , ho bisogno estremo di "ricaricare le batterie" in solitudine.

Credo che le stagioni e gli eventi della vita concorrano parecchio a modificare gli assetti anche chimici della nostra mente.

aconito

Utente Attivo

  • "aconito" is male

Posts: 99

Activitypoints: 318

Date of registration: Aug 25th 2019

Location: nord italia

  • Send private message

4

Thursday, September 12th 2019, 7:24pm

ho la conferma della mia introversione. ultimamente tendo all' "eremitaggio".
il denaro fa l' uomo ricco, l' educazione lo fa signore

gloriasinegloria

Amico Inseparabile

Posts: 1,088

Activitypoints: 3,341

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

5

Thursday, September 12th 2019, 7:50pm

Buona lettura ... E voi che ne dite?


Come Solitario92...sono proprio zero in fatto di biochimica. Ma...l'articolo mi sembra interessantissimo e grazie a Nathanim di averlo condiviso! :thumbup:

Provo a portare la mia esperienza personale : di me stessa direi che sono radicalmente introversa e ci aggiungerei anche qualche profilo sociopatico (sia pure di dimensioni non "cliniche", ma io lo so che c'è).

A me succede questo : tendenzialmente me ne starei in totale tranquillità solitaria, condita al massimo da qualche scambio di opinioni e confidenze con pochi intimi che stimo, sempre gratificante ovvio.
Poi...vita vuole che io svolga un lavoro (che mi piace) che comporta relazioni massive con interlocutori che non si possono scegliere. La dico subito, perchè detesto fare la misteriossa : amministro condominii. Ovvio che "il cliente" per me è sempre un pacco a sorpresa, dentro al quale trovi il poco e l'assai. Ok?

Le "assemblee condominiali" ...posso assicurare che sono un banco di prova di quelli tosti sul serio, appunto perchè sai che potrà capitare di tutto e che, soprattutto, potrà capitare anche "la scemenza assurta a legante di branco" .

Da introversa : non ho mai avuto paura delle assemblee. Magari restavo sorpresa di alcune forme di cretinismo collettivo i primi anni, ma poi non è stato difficile razionalizzare la cosa e presidiarla (senza neanche troppo impegno).

Resta, dopo molti anni di esercizio di questa professione che mi appassiona oggi più del primo giorno, che...ogni assemblea........................sapendo quante minchiate astruse dovrò ascoltare.........ci manderei volentieri un sostituto (se potessi essere sicura, da presuntuosa-ansiosa-ipercontrollante che la gestirebbe come me) .
Siccome il sostituto dei miei sogni non esiste o non ho ancora avuto la fortuna di incontrarlo.......a quelle assemblee ci vado da me, e posso garantire che accade puntualmente questo :
1) faccio FATICA, fatica VERA, ad affrontare l'idea. Poi ...boh...non so ....forse subentra quel "perfettino femminino" che rende le bambine più "brave" dei bambini già alle elementari? NON LO SO. So solo che tocca a me e che non c'è scampo, quindi vado, fermo restando che se solo potessi scegliere NON andrei...
2) incredibile ma vero : la regola fissa di questi sacrifici è che ne esco soddisfatta e talvolta proprio contenta .
Il "proprio contenta" è da ascriversi a quelle ipotesi (che ci sono, deo gratias) in cui l'incontro con "il branco" si rivela (addirittura) AMABILE!!! Sono le ipotesi in cui circola Educazione e Cordialità tra tutti (ci sono, ripeto, ci sono!) ...
Il "soddisfatta" è riferito alle ipotesi residuali : manca Educazione e manca anche la Cordialità all'interno del branco? Fare molto per rimediare a questo dà le sue soddisfazioni, e ...molto egocentricamente....riuscire a mediare ragionevoolmente e non permettere che questo rimbalzi ASSURDAMENTE su di me è un'altra grande soddisfazione.

Dovessi basarmi sull'articolo ...credo di poter dire che c'è in me un modello elettivo/congenito, che è quello dell'introversa, ma che ...sia pure con qualche fatica indesiderata, all'occorrenza subentra lo schema dell'estroversa (che non ritengo di essere) e che dà le proprie gratificazioni (per quanto insperate).

Sbaglio?

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male
  • "Nathanim" started this thread

Posts: 1,619

Activitypoints: 4,349

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

6

Thursday, September 12th 2019, 10:31pm

Ciao ...

Anche io resto tendenzialmente un introverso, un introspettivo, per quanto sulla soglia dei 50 anni riesca a stare in giro abbastanza tranquillamente, non ho problemi a parlare, ridere, scherzare, a patto di stare in sintonia con il mio interlocutore.

Non amo la folla, né il rumore, preferendo invece i luoghi, le situazioni, e le persone tranquille. Non è un caso che mi piacciano i boschi e la totale immersione nella vegetazione.

Se mi rapiscono gli alieni durante una delle mie passeggiate, tra grilli, uccellini, e odori del sottobosco, sappiate che su questo forum mi sono trovato bene ...

:D

7

Friday, September 13th 2019, 8:49am

Anche io penso che la dopamina sia fondamentale per un fatto di come fa percepire la gratificazione e per come si reagisce a certi stimoli. Come dice l'articolo non è che gli introversi hanno una produzione minore di questo neurotrasmettitore, altrimenti basterebbe imbottirli di Pramipexolo per farli diventare estroversi, e chiaramente non funzionerebbe. Ritengo comunque un errore abbassare i livelli di dopamina a una persona depressa come avviene genealmente con le terapie attuali, purtroppo la scienza medica in questi ultimi decenni si è concetrata troppo sulla serotonina, ma fortunatamente le cose sembra che stanno letamente cambiando...
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

8

Friday, September 13th 2019, 9:01am

Non è che gli introversi a prima vista non piacciono, è che statisticamente sono una minoranza, quindi il mondo è costruito più a misura di estroverso. E come tutte le minoranze devono cercare di adattarsi a quelle che sono le richieste che vengono dettate da chi appartiene alla parte maggioritaria.

Tuttavia conosco introversi perfettamente funzionali che riescono perfettamente ad adattarsi alle situazioni di stress, in quanto è solo una caratteristica caratteriale e non una patologia, e al contrario conosco estroversi che hanno una qualità di vita nettamente peggiore, perchè si adattano meno a certi contesti sociali dove è rischiesto un maggiore rigore.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male
  • "Nathanim" started this thread

Posts: 1,619

Activitypoints: 4,349

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

9

Friday, September 13th 2019, 11:32am

Ciao ...

Si, se l'introversione non è tale da costituire un aspetto invalidante per la vita, allora è perfino una bella caratteristica.

Dentro di noi c'è un intero mondo, quindi il sapersi rivolgere ad esso oltre che all'esterno mi appare come una virtù, non come un difetto o un limite.

Concordo sul fatto che il mondo, tuttavia, sia a misura degli estroversi, e il mondo del lavoro in particolare.


:)

10

Friday, September 13th 2019, 12:00pm

interessante articolo, non avevo mai riflettuto sulla questione in questi termini.

in generale credo che non sia così facile qualificare in maniera netta le persone. generalmente ci si accorge che le persone sono prevalentemente estroverse o introverse, raramente è una caratteristica, diciamo esclusiva. poi ci sono le mille maschere che la società impone, spesso l'estroversione è solo una di queste.

io sono tendenzialmente introversa, l'equilibrio interno è saldo e difficilmente da fuori può essere scosso, trovo sempre interessante analizzare come il mondo esteriore risuona dentro di me, mi interessa più che il mondo umano che mi circonda. soffro i luoghi molto rumorosi, luci disordinate; mezz'ora in un centro commerciale o a camminare in centro città e sono esaurita. mi rigenera molto di più stare nella natura che può non essere né silenziosa né di colore tranquillo ma mi fa sentire decisamente più accolta che gli esseri umani. non è casuale che lo yoga mi accompagna ormai da moltissimi anni e che le vacanze...le faccio spesso nel freddo e silenzioso nord.

anni fa feci un test interessante che oltre a questo aspetto della personalità analizzava anche altre, un test usato per la selezione del personale. era molto ben fatto. se lo ritrovo ve lo segnalo.
namasté

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 1,690

Activitypoints: 5,084

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

11

Friday, September 13th 2019, 2:05pm

Adam mi hai fatto pensare ad un grande successo "underground" della mia ggioventù :D "Neffa & i Messaggeri della dopa"...

In ogni caso l'introversione ma anche la timidezza non sono necessariamente handicap né tantomeno cose che ostacolano l'essere ritenuti piacevoli. Io ho trovato molto più spesso attraenti uomini introversi e timidi (che nella situazione "giusta" e se tenevano ad esserlo sapevano essere anche decisamente intraprendenti), è sempre più una questione di contenuti che di involucri "di proposta". Quando sento di farmaci e terapie per "curare la timidezza" vorrei che ci si andasse MOLTO piano... A volte l'estroversione è maschera di un enorme egocentrismo, mentre tanti introversi sono più genuinamente interessati agli altri ed empatici.
Ho imparato con gli anni a considerare l'estroversione e l'introversione come componenti di un mix molto vasto e composito, e non come "parrocchie" di appartenenza che definiscono tutta una persona :)

12

Friday, September 13th 2019, 3:37pm

infatti, credo anch'io che definire con una caratteristica una persona sia un grosso errore, a prescindere.
poi bisogna sempre pensare che non sono valutazioni bensì modi di essere che non sono né buoni né cattivi.

cmq, se a qualcuno può interessare ho ritrovato quel test che avevo trovato ben fatto
https://www.16personalities.com/it/test-…sonalita-gratis
namasté

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 1,690

Activitypoints: 5,084

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

13

Friday, September 13th 2019, 4:47pm

infatti, credo anch'io che definire con una caratteristica una persona sia un grosso errore, a prescindere.
poi bisogna sempre pensare che non sono valutazioni bensì modi di essere che non sono né buoni né cattivi.

cmq, se a qualcuno può interessare ho ritrovato quel test che avevo trovato ben fatto
https://www.16personalities.com/it/test-…sonalita-gratis


grazie, molto bellino! Bello anche l'esito, rispondendo con onestà pensavo che mi sarebbe venuto fuori "sei la versione depressa di Paperoga" (per chi da piccino leggeva Topolino :love: ), invece è uscito un profilo anche troppo positivo.
Sarei curiosa, tempo permettendo ,di farlo provando a rispondere come la me stessa di "prima". Giusto per capire quanto il tempo e le ferite mi hanno cambiata...

aconito

Utente Attivo

  • "aconito" is male

Posts: 99

Activitypoints: 318

Date of registration: Aug 25th 2019

Location: nord italia

  • Send private message

14

Friday, September 13th 2019, 7:30pm

infatti, credo anch'io che definire con una caratteristica una persona sia un grosso errore, a prescindere.
poi bisogna sempre pensare che non sono valutazioni bensì modi di essere che non sono né buoni né cattivi.

cmq, se a qualcuno può interessare ho ritrovato quel test che avevo trovato ben fatto
https://www.16personalities.com/it/test-…sonalita-gratis
fatto il test, mi definiscono virtuoso. mah .....
il denaro fa l' uomo ricco, l' educazione lo fa signore

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male
  • "Nathanim" started this thread

Posts: 1,619

Activitypoints: 4,349

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

15

Friday, September 13th 2019, 8:08pm

Hey Arianna ...

Paperoga me lo ricordo ...

Quello sempre fortunato era "Gastone" vero?

:D

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads