Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Bonus

Utente Attivo

  • "Bonus" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 338

Date of registration: Jan 15th 2018

  • Send private message

1

Monday, April 15th 2019, 7:41am

Hai mai avuto una SBORNIA DA NOIA?

Ok, sicuramente questo post è più leggero rispetto alla media del forum, ma mi piacerebbe sentire se a qualcun altro capita una cosa del genere e sapere come si comporta.

Mi spiego meglio.

La “sbornia da noia” è un soprannome che ho dato ad un particolare status mentale che mi è sempre capitato (che io ricordi).

A voler essere pignoli dovremmo chiamarla “sbornia da noia sociale”, dato che si manifesta solo quando sono in presenza di altre persone, anche una sola, e tendenzialmente non parenti o comunque vicini strettissimi.

Io sono pieno di interessi e cose da fare, per cui se non lavoro o ho da fare cose “forzate” so come impiegare il mio tempo libero, per cui da solo è difficile che mi annoi.

Questo meccanismo entra in gioco quando mi trovo con qualcuno, non ho la completa libertà delle mie “azioni” e viene a crearsi una situazione, come ad esempio una conversazione poco stimolante, ed entra in gioco la noia.

Ma vi faccio un esempio pratico.

L’altra sera ero a cena fuori con un conoscente.
La cena “andava fatta” per motivi che non sto qui a spiegare, non è che odiassi né l’idea della cena né la persona in mia presenza, semplicemente non erano entrambe cose stimolanti.
Durante la cena parlavamo di argomenti ancora non stimolanti. Non è una persona con cui possa toccare roba più succosa, per cui ero lì a parlare di cose trite e ritrite.
E a quel punto si innesca la Sbornia da noia.

Altre situazioni simili possono essere:
- una serata a casa di qualcuno dove tutti si mettono a fare attività che io reputo noiose.
- Una giratina in centro con qualcuno “così per fare qualcosa”
- Una festa a cui non vorresti essere
- Un cliente palloso che ti attacca bottone

Credo di avere reso l’idea. Gli elementi chiave sono:
- Ambiente pubblico/sociale
- Vincoli di presenza
- Assenza di stimoli

E cosa succede?

Ok, in quel momento il mio cervello attiva una sorta di trance.
Dico trance perché mi ricorda molto la descrizione che ne dette un testo sull’ipnosi che lessi anni fa, cioè non come una sorta di sonno stile numero da Giucas Casella, ma come una specie di…Pilota automatico? Quando sei dedito ad un’azione e abbassi alcune difese. Tipo guidare, guardare la tv, leggere ecc…
Insomma.
Nello stato di Sbornia da noia è come se mi si spegnesse il cervello, ma il vincolo sociale lascia attive certe parti per la sopravvivenza, quei rimasugli di attività per gestire una conversazione di convenevoli. Non è che pensi ad altro, proprio non penso, e gli unici impulsi che passano mandano fuori roba del livello di “cielo a pecorelle acqua a catinelle” e “si stava meglio quando si stava peggio”.

Ora, quello stato è piuttosto pericoloso, perché in questo “autopilot” a volte ho rischiato seriamente di andare a sbattere contro un lampione (metaforico), motivo per cui uso il termine “sbornia”.
Commenti a sproposito, segreti rivelati…Non c’è un filtro né un controllo, proprio come se fossi ubriaco.
Tipo in quella cena di cui vi dicevo sopra, è arrivato un mio amico, e ci teneva a presentarmi suo padre (è un ragazzo con molti problemi, e gli ho dato una mano, quindi per lui questa presentazione significava qualcosa di importante).
Io stavo andando avanti con aria di sufficienza, in pieno stato di sbornia, e solo quando suo padre mi ha porto la mano, sono riuscito a risvegliarmi in una sorta di sforzo titanico, e a risvegliare quel tanto che basta di emozioni per non sembrare un automa.

Questa è solo una situazione dove ho rischiato il disastro, ma in passato ho effettivamente “fatto danno”.
Da adolescenze ho rivelato la scopata clandestina di un mio amico, ho provocato una lite col mio migliore amico, e in generale, similmente a l’altra sera, rischiato di creare grossi casini per dimostrare scarso interesse di fronte a persone che invece ne avrebbero meritato abbastanza.
Tutta roba recuperata, per carità.
Ma non amo questo stato alterato e fuori controllo.
Che poi è assurdo, perché è al tempo stesso disinibito ma non euforico.
Sì…Sbornia da noia calza a pennello.

Ok, non so se ho fornito una spiegazione esaustiva, ma vi è mai capitato? Come vi comportate? Avete trucchi per uscire di lì?

2

Monday, April 15th 2019, 12:17pm

mi hai fatto ridere tantissimo
a me succede la stessa cosa

ma non ho consigli
talvolta mi violento e cerco di interessarmi
con scarsi risultati

la cosa peggiore per me è "il fare due passi" (in centro o peggio ancora centro commerciale) per far passare le ore
dopo cinque minuti entro in trance e poi reagisco più o meno così :minigun:

la migliore difesa è non scendere a compromessi
il proprio tempo libero va impiegato bene, è troppo prezioso
namasté

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads