Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


fogliame

Utente Attivo

  • "fogliame" started this thread

Posts: 23

Activitypoints: 97

Date of registration: Apr 28th 2016

  • Send private message

1

Thursday, July 14th 2016, 5:00pm

Conversazioni noiose

Una cosa a cui ho iniziato a prestare attenzione solo di recente è la frequenza con cui mi ritrovo a fingere di ascoltare qualcuno mentre parla di cose che non mi interessano per niente, e vorrei ridurre. Sto cercando un modo assertivo per comunicare all'altra persona appunto quanto non mi interessi ciò di cui si parla, e stavo pensando a qualcosa come "scusa, ma l'argomento non mi interessa molto. Possiamo parlare d'altro?", solo che spesso si tratta di conversazioni su temi personali come ad esempio cos'ha fatto quella persona ieri, com'è andato l'allenamento, ecc. Non posso fare a meno di immaginare una reazione delusa e vedere il rapporto che si sgretola.
A voi capita spesso di annoiarvi a sentire gli altri parlare? Come reagite? Se reagite, sapreste consigliare una modalità per esprimere la vostra volontà di non parlare di un determinato argomento? (possibilmente a causa della noia, dato che di solito la gente è sensibile quando non si vuole parlare di qualcosa poiché ci fa soffrire).

2

Thursday, July 14th 2016, 5:57pm

cancellato cancellato

This post has been edited 1 times, last edit by "Mercuriana" (Oct 26th 2017, 7:14pm)


dissolto

Utente Fedele

Posts: 361

Activitypoints: 1,209

Date of registration: Oct 5th 2013

  • Send private message

3

Thursday, July 14th 2016, 7:06pm

A me piace ascoltare , inoltre sono curioso , quindi non mi annoio se mi parlano di cose personali
Oltretutto sentire le esperienze altrui , un giorno , se mi trovassi in un contesto simile , potrebbe venirmi utili
Tuttavia parlo di "cose personali" e non di spiegazioni dettagliatissime di quello che uno ha mangiato al ristorante , o di come abbia fatto gol nell'ultima partita di calcetto.
In generale mi annoio quando , raramente , frequento gruppi numerosi , dove , per forza di cose , si deve parlare solo di argomenti superficiali e "commerciali" , prediligo decisamente frequentare un amico intimo , o al massimo due , in modo che gli argomenti possano essere più personali e "profondi"
Se in una amicizia posso parlare solo di "cavolate" per me non è vera amicizia
Assolutamente indispensabile , che il dialogo sia bilanciato , quindi ascolto ma voglio anche essere ascoltato , mentre a volte mi capita di trovare egocentrici totali che parlano ore dei fatti loro e ti ignorano completamente se accenni a fatti tuoi.. in quei casi vengo schiacciato , annichilito e mi annoio mortalmente!
Mi piacerebbe trovare più persone con cui condividere alcuni miei interessi abbastanza " di nicchia" ma non è facile

4

Thursday, July 14th 2016, 8:45pm

cancellato cancellato

This post has been edited 1 times, last edit by "Mercuriana" (Oct 26th 2017, 7:13pm)


Bwndy

Amico Inseparabile

  • "Bwndy" is male

Posts: 1,441

Activitypoints: 4,576

Date of registration: Mar 16th 2016

  • Send private message

5

Friday, July 15th 2016, 12:04am

Quoted

a volte mi capita di trovare egocentrici totali che parlano ore dei fatti loro e ti ignorano completamente se accenni a fatti tuoi.. in quei casi vengo schiacciato , annichilito e mi annoio mortalmente!


Credo sia proprio questo il punto: è normale e bello dire qualcosa di sè e condividerlo con un amico/a, fin tanto che non diventa una conversazione a senso unico. Una discussione tra due amici che si raccontano le proprie cose in cui uno ascolta l'altro è molto bella e rara secondo me. Ovviamente ogni tanto bisogna sforzarsi: anche l'altro lo deve fare probabilmente, non tutto ciò che ci dicono è interessante per noi, allo stesso modo non tutto ciò che diciamo è interessante per gli altri.

Comunque a me non dispiace quando un altro si apre con me, la cosa peggiore invece è finire a parlare di qualche cosa tanto per parlare, facendo discorsi che non interessano a nessuno dei due. Oppure,peggio ancora forse, parlare di calcio, discoteche alcool e donne. I miei coetanei trattano questi argomenti, sono passati da quando avevamo 14-15 anni in cui si giocava alla play, si giocava a calcio al campetto e si facevano i giri in centro in gruppi, a tentare di emulare in tutto e per tutto il discotecaro ignorante e mezzo alcolizzato, che pensa solo a fare e dire cazzate per intrattenere, è uno spettacolo che mi atterisce ogni volta e non c'è una soluzione soddisfacente: o fingi o te ne tiri fuori. Ho provato la prima per un po', ma non funzionava.

Quoted

A voi capita spesso di annoiarvi a sentire gli altri parlare? Come reagite? Se reagite, sapreste consigliare una modalità per esprimere la vostra volontà di non parlare di un determinato argomento? (possibilmente a causa della noia, dato che di solito la gente è sensibile quando non si vuole parlare di qualcosa poiché ci fa soffrire).


C'è una mia amica parecchio più grande di me che nella comunicazione è bravissima: riesce a dire quello che pensa spesso, ma raramente ferisce dicendolo. Ha un modo di esprimersi, sia nel tono sia per quel che riguarda l'espressione, che non risulta mai come un'offesa o un attacco diretto. Lei stessa ci tiene molto a questa cosa, quando si sente attaccata o presa in giro tira fuori gli artigli, coerentemente cerca di non farlo ad altri ma senza essere passiva. La cosa migliore è dire quello che pensi con tatto, scegliendo le parole e il tono giusti, altrimenti puoi tentare di cambiare argomento appena la conversazione cade un secondo.

6

Friday, July 15th 2016, 10:46am

cancellato cancellato

This post has been edited 1 times, last edit by "Mercuriana" (Oct 26th 2017, 7:13pm)


fogliame

Utente Attivo

  • "fogliame" started this thread

Posts: 23

Activitypoints: 97

Date of registration: Apr 28th 2016

  • Send private message

7

Friday, July 15th 2016, 6:42pm

Ecco perchè appena raggiungo il massimo limite di "sopportazione" mi isolo per qualche giorno per "depurarmi" di tutte queste scorie di "noia radioattiva"....



già! Infatti io sono proprio in uno di quei periodi in cui mi isolo. PS: trovo divertenti i nomignoli come "noia radioattiva" o "diarrea verbale" :D

Assolutamente indispensabile , che il dialogo sia bilanciato , quindi ascolto ma voglio anche essere ascoltato , mentre a volte mi capita di trovare egocentrici totali che parlano ore dei fatti loro e ti ignorano completamente se accenni a fatti tuoi.. in quei casi vengo schiacciato , annichilito e mi annoio mortalmente!
Credo sia proprio questo il punto: è normale e bello dire qualcosa di sè e condividerlo con un amico/a, fin tanto che non diventa una conversazione a senso unico. Una discussione tra due amici che si raccontano le proprie cose in cui uno ascolta l'altro è molto bella e rara secondo me. Ovviamente ogni tanto bisogna sforzarsi: anche l'altro lo deve fare probabilmente, non tutto ciò che ci dicono è interessante per noi, allo stesso modo non tutto ciò che diciamo è interessante per gli altri.




Sì, io tendo ad ascoltare, ed in generale mi fa piacere quando qualcuno si apre con me, però ho notato che in una particolare relazione che ho, quando il tizio mi parla, cerca spesso il contatto visivo e mi sento in dovere di stabilirlo anche se quello che dice non mi interessa, ma poi quando tocca a me raccontare lui guarda da tutt'altra parte e non risponde per niente, o al massimo aggiunge qualcosa come una battuta alla fine. Riesce a parlare per tantissimo tempo senza accorgersi che non lo sto ascoltando davvero, e appunto vorrei riuscire a fare in modo di non fingere/forzarmi troppo se l'argomento non mi interessa, anche perché poi lui non ricambia l'attenzione.

@Bwndy, la tua amica ha delle abilità interessanti! Ho intenzione di sviluppare qualcosa di simile anch'io; è molto utile nelle relazioni.

Similar threads

Used tags

Attenzione, noia, relazioni